Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Automobilismo: Sta arrivando il Prealpi Master Show

Si sta avvicinando la grande festa del Prealpi Master Show, seconda gara del Challenge Raceday Rally Terra 2021-2022.

Sono 158 gli iscritti totali alla gara dei quali 47 sono i piloti Raceday.

Tra questi spiccano i nomi di Paolo Andreucci (Skoda Fabia R5), Mauro Trentin Hyundai i20 WRC) in questa gara correrà anche il padre Angelo con una Peugeot 206 Prod E 7) , Nicolò Marchioro anche lui con una Skoda Fabia R5 (vincitore della scorsa edizione di Raceday), Giacomo Scattolon in coppia con Giovanni Bernacchini (Skoda Fabia R5, Jacopo Trevisani (Skoda Fabia Rally2 Evo R5) attuale leader del Raggruppamento B , il corso Jean-Philippe Quilichini (Skoda Fabia R5) , Andrea Maselli (Hyundai i20 R5) questi ultimi secondi a pari punti nel Raggruppamento B, Gianmarco Donetto anche lui con Skoda Fabia R5, gli immancabili Simone Romagna e Luciano Cobbe entrambi con Skoda Fabia R5, ritorna Alessandro Bettega (Skoda Fabia R5), Jader Vagnini Skoda Fabia R5), il giovanissimo Geronimo Nerobutto in coppia con la sorella Francesca ( Peugeot 208 R2C) attualmente leader del Raggruppamento D che dovrà vedersela con il suo diretto rivale in Raggruppamento Fabio Battilani con stessa vettura, Davide Rosini (Renault Clio Prod S3) leader del Raggruppamento E, un altro giovane pilota Roberto Daprà (Ford Fiesta R2B) attualmente in testa al Raggruppamento F.

Tante saranno le sfide per raccogliere punti importanti per il campionato Raceday.

Molti i  piloti veneti che non potevano mancare alla loro gara di casa.

La gara veneta che si correrà tra i vigneti e nel fango riserverà sicuramente diverse sorprese.

Alberto Pirelli, ideatore di Raceday che ha partecipato come pilota diverse volte a questa gara, commenta:

” Siamo alla seconda delle quattro gare, siamo al “campionato del mondo nei campi” gara che ho fatto tantissime volte e che rimane nel cuore per l’ambiente festoso, caloroso e appassionato che lo circonda.  – ha dichiarato Alberto Pirelli, ideatore di Raceday  – Lo scorso anno lo dovemmo saltare per il COVID, quindi in questa edizione mi auguro si divertano il doppio!”

Nella giornata di Sabato 11 dicembre si concluderà la distribuzione della documentazione di gara (che inizierà il venerdì 10), le verifiche tecniche e sportive, le ricognizioni del percorso e lo Shakedown.

La prova di domenica 12 dicembre, PS “Master Show”, sarà lunga 8,5 km e il primo passaggio partirà alle ore 8.00: la gara prevede 34 km di prove speciali per una lunghezza totale di 100,82 km. E’ stato profondamente rinnovato il tratto finale della prova speciale, in gran parte diverso dalla conformazione 2019. La partenza sarà dal Parco Assistenza e l’arrivo finale sarà davanti al Municipio di Sernaglia della Battaglia con premiazione sul palco. Sul sito ufficiale della gara (https://www.prealpimastershow.net/) tutte le informazioni dettagliate e l’elenco iscritti.

Continua l’iniziativa proposta da Raceday e supportata da ACI Sport e da tutti gli organizzatori delle gare Raceday, di piantare ad ogni gara del Challenge, alcuni alberi.

Il Motoring Club sta facendo piantare dall’amministrazione comunale alcune piante Carpino, alte circa 2,5 metri. Sabato 11 dicembre alle ore 10.30 vicino al Parco Assistenza nella zona industriale di Soligo, ci sarà una breve cerimonia con la messa a dimora di una pianta, alla quale parteciperanno il Sindaco di Farra di Soligo, il pilota Raceday Alessandro Bettega e altre autorità delle amministrazioni locali.

Nella giornata di domenica 12 dicembre la gara potrà essere seguita in diretta sui canali social del Prealpi Master Show e su quelli Raceday.

Maurizio Giraldi è il nuovo presidente del Fiat 500 Club Italia

Si è svolta, l’Assemblea dei Soci del Fiat 500 Club Italia, nuovamente in presenza – seppur nel pieno rispetto delle norme anti-Covid19 – dopo la riunione in modalità solo virtuale del dicembre 2020. Grande partecipazione di cinquecentisti da tutta Italia per poter procedere alle votazioni per il rinnovo delle cariche sociali.

Dalle urne è emersa una riconferma delle figure già attive nel biennio 2020-2021 – periodo difficile, ma dal quale il Club è uscito rafforzato sfiorando i 22.000 iscritti – ma con alcuni nuovi ingressi che vanno ad arricchire la squadra.

Il presidente uscente, Stelio Yannoulis, ha deciso di lasciare dopo 12 anni alla guida del sodalizio, soddisfatto dell’importante lavoro di squadra svolto in questo periodo e soprattutto del grande impegno del Club sul fronte della cultura e della solidarietà, che si va ad affiancare ai raduni, alla partecipazione alle fiere di settore e ad importanti eventi che hanno dato ulteriore visibilità alla storica vetturetta.

Il nuovo presidente è Maurizio Giraldi di Roma, già vicepresidente e conservatore del Forum attivo sul sito http://www.500clubitalia.it, la “piazza virtuale” in cui sono registrati oltre 22.300 iscritti e dove quotidianamente vengono scambiati pareri, consigli tecnici e racconti di esperienze e passione per la piccola bicilindrica. Maurizio è socio dal 2000 ed è soprattutto un “figlio d’arte”: il papà Luigi “Giggetto” era il famoso preparatore di auto da corsa degli anni ’70.

«Ringrazio innanzitutto Stelio per l’eccellente lavoro svolto sino ad ora per il Club. – ha dichiarato Maurizio Giraldi –  Essere stato suo vice per alcuni anni è stato non solo un onore, ma il miglior modo per imparare quanto siano importanti gentilezza, impegno e determinazione. La mia esperienza come conservatore del Forum – che è un autentico biglietto da visita per il Club e spesso la porta d’ingresso per gli appassionati nel nostro mondo – mi ha insegnato che la vita associativa è fatta di condivisione di conoscenze. Nessuno monta in cattedra con la pretesa di saperne di più e tutti meritano attenzione. Porterò avanti al meglio delle mie possibilità il compito affidatomi, tenendo sempre in considerazione i bisogni dei nostri soci e lavorando con un’ottima squadra per diffondere la cultura del motorismo storico e la passione per la mitica 500.»

Completano l’elenco dei consiglieri Antonio Erario (Torino), Carlo Giuliani (Savona), Cesare Grignani (Pavia), Massimo Lissa (Pistoia) e Romeo Massimiliano Testa (Foggia) a cui si aggiungono i membri di diritto, il presidente fondatore Domenico Romano e i presidenti onorari Marco Maglietti, Marino Ribet, Alessandro Scarpa ed il presidente della Pro Loco Garlenda Francesco Cappato. Una squadra ben rappresentativa delle varie componenti regionali e anagraficamente ancora giovane. E l’attenzione alle nuove generazioni di appassionati è tra gli obiettivi del nuovo Direttivo, che pensa già ad un “Gruppo Giovani” che prende le mosse dall’impegno di alcuni ragazzi cresciuti letteralmente a “pane e 500”.

Non manca neppure la componente femminile, con quattro donne che vanno ad arricchire probiviri e revisori dei conti. Il Collegio dei Probiviri sarà composto da: Carlo Perino (Torino), Emiliano Tiseo (Nepi), Francesco Leonardo D’Albero (Salerno), Domenico Facchini (Bari), Adalgisa Banzi (Grosseto). I revisori dei conti saranno: Laura Patrizia Realdini (Torino), Lorenzo Achilli (Piacenza), Tanja Di Meglio (Ischia), Federica Gabba (Reggio Emilia) e Flavio Austa (Torino).

La Yaris versione Gr Sport in Europa dal secondo trimestre del 2022

Toyota ha presentato la nuova Yaris GR SPORT, che entra a far parte della pluripremiata famiglia Yaris che include la nuova Yaris, lanciata nel 2020 e Auto dell’Anno 2021 in Europa, e che comprende anche il modello sportivo GR Yaris, che, tra una lunga lista di premi, ha recentemente ottenuto in Germania l’ambito Volante d’Oro 2021.

La nuova Yaris GR SPORT può essere ordinata con una nuova e attraente tonalità Dynamic Grey con tetto nero che è disponibile esclusivamente sulla versione GR SPORT. Sono inoltre presenti nuovi cerchi da 18 pollici dedicati con dettagli rossi che ricordano i colori del GAZOO Racing e griglia anteriore che vanta ora un nuovo design a rete con motivo a “G”. Infine, un nuovo diffusore a forma di T dona un look ancora più aggressivo alla Yaris GR SPORT.

Il tema GAZOO Racing continua all’interno con i loghi specifici sul volante, sul poggiatesta del sedile, sul pulsante di accensione e sul display della strumentazione principale. I sedili presentano ora un nuovo rivestimento con cuciture rosse che sono estese anche al volante in pelle traforata e al cambio.

I rivestimenti delle portiere, la console e il volante hanno rifiniture in grigio canna di fucile esclusive per GR SPORT.

Sia le sospensioni anteriori che quelle posteriori sono state ritarate per offrire prestazioni migliori. Gli ammortizzatori sono stati ottimizzati in modo che alle basse velocità reagiscano più rapidamente per offrire un feedback migliore dello sterzo e un maggiore comfort di guida. Inoltre, nella parte posteriore, le molle sono state ottimizzate per diminuire il rollio o il sollevamento delle ruote durante l’accelerazione e la frenata, per garantire un’esperienza di guida fluida e divertente.

Il servosterzo elettronico della Yaris GR SPORT è stato aggiornato per ridurre il ritardo dell’input del guidatore, il che si traduce in una maggiore precisione della traiettoria impostata e un feeling di guida migliore.

I supporti sottoscocca aggiuntivi su entrambi i lati della Yaris GR SPORT migliorano la rigidità, la maneggevolezza e la stabilità del corpo vettura, mentre le prestazioni aerodinamiche sono state migliorate con rivestimenti aggiuntivi all’interno dei passaruota anteriori e posteriori per ridurre la resistenza all’aria.

La nuova Yaris GR SPORT sarà disponibile esclusivamente con la motorizzazione Full Hybrid Electric da 1,5 litri e 116 cavalli di potenza, e verrà commercializzata in Europa dal secondo trimestre del 2022.

ACI: a novembre il mercato dell’auto usata torna in positivo

Torna in terreno positivo a novembre il mercato dell’usato. I passaggi di proprietà delle autovetture al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) hanno chiuso il bilancio mensile con un incremento del 4,4% rispetto a novembre 2020, pur tuttavia evidenziando un calo del 5,3% in termini di media giornaliera rispetto all’analogo mese pre-Covid 2019.

Per ogni 100 autovetture nuove a novembre ne sono state vendute 232 di seconda mano – per il quinto mese consecutivo oltre il doppio di quelle iscritte per la prima volta al PRA – e 196 nel periodo gennaio-novembre 2021. Ancora in flessione ad ogni modo le minivolture, che hanno archiviato a novembre una variazione mensile negativa del 14,8%.

In tema di alimentazioni, sempre sugli scudi le autovetture nuove ibride a benzina, che con una quota di mercato del 31,9% si confermano al primo posto anche nel mese di novembre, superando ancora una volta le vendite di auto diesel e a benzina (incidenza rispettivamente del 18,5% e del 28,3%), che accusano pesanti contrazioni mensili rispetto a novembre 2020 (rispettivamente -53,5% e -38,7%).

Trend positivo in crescita, al contrario, per le nuove auto elettriche, che a novembre hanno raggiunto una quota di mercato del 6,5%.

 Nel mercato dell’usato, come si verifica ormai da tempo, prevalgono invece le alimentazioni tradizionali (diesel e benzina), ma la quota di mercato dell’ibrido a benzina continua a crescere di consistenza (incidenza del 3,2% a novembre). Per quanto riguarda infine le minivolture primeggiano sempre le auto diesel (incidenza del 54,8% a novembre, seppure in calo del 16,8% rispetto all’analogo mese del 2020), mentre le ibride a benzina si attestano al 3,7%.

Bilancio pienamente positivo a novembre per i passaggi di proprietà dei motocicli che, al netto delle minivolture, hanno fatto registrare un incremento del 10,4% rispetto al mese di novembre 2020. 

Nel periodo gennaio-novembre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 si evidenziano per i trasferimenti di proprietà incrementi del 14,1% per le autovetture, del 21,9% per i motocicli e del 15,6% per tutti i veicoli.

I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it .

Profondo rosso a novembre per le radiazioni di autovetture, che hanno chiuso il bilancio mensile con un calo del 22% rispetto all’analogo mese 2020 (-8,7% in termini di media giornaliera rispetto a novembre 2019). Per il quinto mese consecutivo, tuttavia, le radiazioni di autovetture hanno superato le prime iscrizioni: per ogni 100 auto nuove ne sono state infatti radiate 102 nel mese di novembre (96 nei primi undici mesi dell’anno). Risultati positivi, al contrario, per le radiazioni di motocicli che a novembre hanno messo a bilancio un incremento mensile del 6,2% (+6,5% in termini di media giornaliera rispetto a novembre 2019).

Nel periodo gennaio-novembre 2021 rispetto allo stesso periodo del 2020 si evidenziano per le radiazioni incrementi del 16,3% per le autovetture, del 25,5% per i motocicli e del 16,9% per tutti i veicoli.

Una Domenica tra sport e solidarietà per la spezzina BB Competition

Nell’intera giornata di domenica 5 dicembre la BB Competition lascerà da parte l’agonismo per tuffarsi nello svolgimento di un evento di grande significato.

Borghetto di Vara, in provincia di La Spezia, sarà teatro della “Mototerapia per Cesare”, iniziativa promossa dall’associazione “Cesare e i suoi amici” a sostegno della ricerca e dedicata alla memoria di Cesare Delvigo, scomparso prematuramente e grande appassionato di motorsport.

La Scuderia spezzina sarà parte attiva dell’evento, dedicato a ragazzi che stanno affrontando un percorso particolare della loro vita e che vivranno esperienze spettacolari al fianco dei protagonisti del freestyle e dei rally.

Le due ruote vedranno come protagonista, il campione della specialità Vanni Oddera che ha già annunciato la propria presenza sull’asfalto spezzino, tra l’area sportiva e il centro storico di Borghetto di Vara.

Sarà presente anche il campione Samuele Zuccali, finalista a “Tu si que vales”, uno dei valori aggiunti di una giornata dedicata a tutti i bambini diversamente abili e che garantirà loro la possibilità di viaggiare su auto da rally e fuoristrada al fianco dei piloti della BB Competition.

Dalla solidarietà alla gara vera e propria: il Rally di Castiglione Torinese, dove a rappresentare BB Competition sarà il genovese Nicolò Minetti, giovane interprete che siederà al volante della Citroen Saxo condivisa con Debora Casazza e curata in campo gara dallo staff tecnico della scuderia spezzina.

Il Rally di Castiglione Torinese si svilupperà su due prove cronometrate ripetute per tre volte.

La partenza della gara, che è in programma domenica 5 dicembre, è fissata alle ore 8.01, a Castiglione Torinese. L’arrivo, nella stessa località, è previsto dalle ore 16.28.

Nissan svela il concept della monoposto Ariya

Nissan ha rivelato il suo nuovo Nissan Ariya Monoposto Concept, un progetto di esplorazione, sviluppo e dimostrazione ad alte prestazioni di come il  propulsore completamente elettrico per  auto da strada Nissan Ariya potrebbe essere utilizzato in un telaio su misura per auto da corsa monoposto.

Il concept è stato presentato all’evento  Nissan Futures  da Alfonso Albaisa, vicepresidente senior Nissan per il design globale, e Juan Manuel Hoyos, direttore generale della divisione marketing globale Nissan per il marchio e l’impegno.

“Siamo lieti di presentare il Nissan Ariya Monoposto Concept dal nostro evento Nissan Futures”, ha affermato Hoyos. “In Nissan osiamo fare ciò che gli altri non fanno. Con questo concetto vogliamo mostrare il potenziale ad alte prestazioni del propulsore di Ariya in un pacchetto ispirato agli sport motoristici che non solo suggerisce il design e lo stile dell’auto da strada che l’ha ispirato, ma che dimostra anche un nuovo ed efficiente linguaggio delle prestazioni EV . Agendo come banco di prova per l’evoluzione tecnologica futura, questo progetto può aiutare a portare entusiasmo dalla strada alla pista e dimostrare anche l’esperienza di Nissan nel trasferire conoscenza e tecnologia dalla pista alla strada”.

L’Ariya Single Seater Concept esplora come potrebbe essere il futuro stile di prestazioni elettrificate per Nissan.

Albaisa ha dichiarato: “Quando abbiamo iniziato a dare forma alla nostra   visione a lungo termine Nissan Ambition 2030 , abbiamo continuato a costruire sul nostro   linguaggio di design Timeless Japanese Futurism . Ora stiamo traendo ispirazione dalle parole giapponesi shun, che significa correre veloce e senza sforzo, e sho, che significa librarsi con potenza e grazia. L’Ariya Monoposto Concept è la perfetta espressione di questo nuovo linguaggio. Sfruttare il propulsore EV di Ariya in un pacchetto ispirato agli sport motoristici ha permesso al nostro team internazionale di catturare questo nuovo senso di velocità, tecnologia e abilità artistica”.

Gli spunti di design del nuovissimo SUV Nissan Ariya completamente elettrico possono essere visti attraverso l’Ariya Single Seater Concept. Nella parte anteriore del veicolo si trova il movimento a “V” elettrificato e illuminato, familiare all’attuale linguaggio di design delle auto stradali Nissan. Nella vista laterale, l’ispirazione è stata presa dalle superfici fluide ed efficienti di Ariya, esagerate al massimo in fibra di carbonio. Nel complesso, la Nissan Ariya Single Seater Concept descrive una forma che, come con l’Ariya, sembra essere stata modellata dall’aria stessa.

Anche la partecipazione di Nissan all’ABB FIA Formula E World Championship ha giocato un ruolo chiave nell’ispirare il Nissan Ariya Single Seater Concept. Nissan gareggia nel campionato mondiale completamente elettrico per portare l’eccitazione e il divertimento dei veicoli elettrici a emissioni zero a un pubblico globale e per essere all’avanguardia nella ricerca e nel design dei veicoli elettrici.

“Nissan gareggia in Formula E non solo per correre in pista, ma anche per supportare lo sviluppo di veicoli elettrici avvincenti per i clienti”, ha affermato Tommaso Volpe, direttore globale del motorsport Nissan. “I nostri programmi EV informano il nostro programma di Formula E e viceversa, consentendo il trasferimento di tecnologia da strada a pista e da pista a strada. Il Nissan Ariya Single Seater Concept esplora la combinazione del propulsore completamente elettrico, dei doppi motori e del rivoluzionario sistema di trazione integrale dell’Ariya con un telaio da corsa monoposto puro: una potente dimostrazione di quanto possano essere performanti i veicoli elettrici.

Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022: aperte le iscrizioni.

Con la sua esposizione di auto storiche rare davanti allo scenario del lago di Como a Cernobbio, il Concorso d’Eleganza Villa d’Este è sempre un evento spettacolare. L’edizione 2021 dell’evento più prestigioso al mondo dedicato ai veicoli storici, che ha avuto eccezionalmente luogo a ottobre, è stata davvero unica, poiché dopo una lunga pausa forzata, tutti i partecipanti hanno finalmente potuto provare unanimemente l’energia e la gioia corroboranti che scaturiscono dagli incontri reali. A causa del rinvio in autunno del concorso di quest’anno, i tempi di preparazione della prossima edizione del Concorso d’Eleganza Villa d’Este, che si svolgerà dal 20 al 22 maggio 2022, saranno straordinariamente brevi. Per questa ragione i proprietari dei veicoli storici sono stati invitati a effettuare già a partire da ora per il prossimo concorso.

Il prestigioso comitato di selezione ha dunque avviato da subito la selezione dei veicoli partecipanti e si augura di ricevere a breve le candidature dettagliate. Nel contempo, le prime sei categorie di veicoli per il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022 sono già state definite. Saranno inoltre accettate candidature al concorso anche nella categoria Concept Cars e Prototipi.

Il tradizionale concorso d’eleganza è organizzato congiuntamente dal BMW Group Classic e dal Grand Hotel Villa d’Este. 50 automobili d’epoca con una storia particolare si contenderanno anche per il 2022, la vittoria nella propria classe di valutazione e gli ambiti Coppa d’Oro Villa d’Este e Trofeo BMW Group “Best of Show”.

Il primo concorso destinato ad auto particolarmente belle ed eleganti si è svolto nei giardini del Grand Hotel Villa d’Este nel 1929. Tuttavia, la tradizione della location del concorso è ancora più antica. L’iconico Villa d’Este, situata sulle rive del Lago di Como, fu costruita come residenza cardinalizia nel XVI secolo. Dal 1873 l’imponente villa, circondata da un meraviglioso parco di 10 ettari, è un hotel di lusso celebrato in tutto il mondo.

Nel 2022 il Grand Hotel Villa d’Este celebrerà la sua 150a stagione. In occasione di questo speciale anniversario il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022 festeggerà l’evento con una classe di veicoli dedicata. All’insegna del motto “E il vincitore fu…: la Celebrazione del 150 Anniversario di Villa d’Este” verranno esposte le vetture che hanno vinto la prestigiosa e storica Coppa d’Oro Villa d’Este o l’ambito “Best of Show” a partire dalla prima edizione del Concorso avvenuta nel 1929.

La classe “La Carrozza si Trasforma in Automobile: Grande Eleganza, 1900 –1929” è dedicata all’emozionante trasformazione avvenuta nella fase della nascita dell’automobile circa 120 anni fa. I primi veicoli a motore, infatti, non avevano predecessori, ad eccezione della carrozza e degli altri mezzi di trasporto trainati da cavalli utilizzati fino ad allora. Nelle prime tre decadi, i progettisti responsabili raggiunsero nuovi traguardi e nuove prestazioni in una sequenza sempre più rapida, conferendo un design più sofisticato.

Alla fine degli anni ’20, l’automobile arrivò a svolgere un numero crescente di funzioni, diventando un oggetto di design impressionante che segnò la sua epoca. L’analisi retrospettiva di questo sviluppo promette già ora di essere illuminante e di grande effetto.

Avendo gettato con successo le basi tecnologiche, i progettisti dei decenni successivi si sono potuti specializzare nel proprio lavoro e concentrare su nuovi dettagli. La classe “La Velocità plasma la Forma, 1930 –1940” pone invece, al centro dell’attenzione soprattutto i concetti di carrozzeria ben congegnati e ottimizzati dal punto di vista aerodinamico dal 1930 al 1940.

Le linee erano sempre più orientate alla velocità e all’aerodinamica, fortemente influenzate dall’era dell’aviazione iniziata in quel periodo. In virtù dello stile futuristico di questi veicoli, il Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022 potrà anche vantare un decennio di brillanti conquiste ingegneristiche.

Con un occhio di riguardo al marchio Ferrari, in occasione del Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022, si festeggerà anche un altro anniversario. La casa automobilistica italiana compie infatti 75 anni. La straordinaria storia di questo marchio sarà ripercorsa attraverso una categoria di concorso dedicata: “Il Cavallino compie 75 Anni: alla otto Decadi di Ferrari rappresentate da otto Icone“. Ogni vettura rappresenterà le visioni di un decennio e la corrispondente eccellenza tecnologica. Per la prima volta saranno esposti anche modelli singolari del passato più recente, che riportano il mitico logo del marchio del “Cavallino rampante”.

Il terzo anniversario, che verrà celebrato al Concorso d’Eleganza Villa d’Este, riguarderà un marchio esclusivo e un’azienda legata in modo particolare agli sport motoristici. La BMW Motorsport GmbH è stata infatti fondata 50 anni fa. Oggi la società controllata di BMW Group è nota con la denominazione di BMW M GmbH. Tra le pietre miliari della sua storia si annovera la prima vettura sviluppata in proprio, denominata in modo breve e conciso BMW M1, che fu presentata nel 1978. La successiva progettazione di motori per la Formula 1 e lo sviluppo della vettura da turismo di maggior successo della storia del Motorsport, la BMW M3, hanno dato seguito alla storia impressionante di BMW M GmbH documentata al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022 con la categoria “Eccellenza meccanica: i 50 Anni di BMW M”.

La velocità ha sempre esercitato un effetto magico sugli appassionati di automobili. Dall’invenzione dell’auto, l’aumento delle velocità massime si è rivelato un segno di progresso tecnologico e un fattore chiave per il successo.

Dopo aver oltrepassato relativamente in fretta il limite dei 150 chilometri orari, fu indispensabile una notevole abilità ingegneristica prima che il limite di velocità dei 300 chilometri orari potesse essere raggiunto e superato.

Con una propria classe di valutazione intitolata “Oltre la Barriera della Velocità! Le prime Macchine a infrangere la Soglia dei 300 km/h”, al Concorso d’Eleganza Villa d’Este 2022 verranno premiate le prime automobili che raggiunsero la soglia dei 300 chilometri orari.

Con l’apertura delle iscrizioni, inizia la fase di candidatura in cui i proprietari di vetture storiche di particolare pregio sono invitati a iscriversi al concorso con i propri veicoli. Questo vale non solo per quelle auto storiche che possono competere in una delle sei categorie già definite, ma anche per altre eccezionali rarità.

Le iscrizioni online possono essere effettuate sul sito web del Concorso d’Eleganza Villa d’Este all’indirizzo https://www.concorsodeleganzavilladeste.com/it/iscrizione/.

Aci: la mappa degli incidenti stradali 2020

Lungo l’Aurelia nei centri abitati di Vado Ligure e Ceriale in provincia di Savona il maggior numero di investimenti a pedoni.

73 incidenti su 100 nei centri abitati, 22 su strade extraurbane e 5 in autostrada; nel 2020 incidentalità in forte calo a causa della pandemia che ha costretto ad una notevole riduzione della mobilità. Autostrade: -39,9% incidenti, -37,1% morti; strade extraurbane: -27,5% incidenti, -25,7% morti; centri abitati, nel complesso, -31,7% incidenti, -20,3% morti. In tutti gli ambiti stradali, la mortalità diminuisce meno del numero di incidenti.

La “Localizzazione degli incidenti stradali 2020”, lo studio ACI sull’incidentalità analizza puntualmente quanto accaduto nei circa 55mila chilometri di strade della rete viaria principale del Belpaese, dove, nel 2020, si sono registrati 24.205 incidenti (830 mortali), con 911 decessi (il 38% del totale) e 36.518 feriti.

L’indice di mortalità medio, è stato pari a 3,8 morti ogni 100 incidenti, in crescita rispetto al 2019 (era 3,4). Sulla rete autostradale, le diminuzioni sono state più consistenti sia in termini di incidenti (-40%) che di morti (-37%).

La pandemia ha notevolmente influenzato la distribuzione temporale dell’incidentalità: le diminuzioni più accentuate nel numero di incidenti si sono, infatti, verificate nei mesi di marzo (-73%) e aprile (-86%), in corrispondenza con le chiusure totali. Diminuzioni più contenute – tra 8 e 15% – a luglio, agosto e settembre. L’indice di mortalità più elevato nel mese di marzo (5,4 decessi ogni 100 incidenti); luglio il mese in cui si sono verificati più morti (113).

Prendendo come riferimento l’anno 2010, gli incidenti sulla rete primaria sono diminuiti del 48,3% (media Italia -44,5%), i morti del 45,2%, (media Italia -41,8%).

Le autostrade urbane si confermano quelle con la maggiore densità di incidenti, a causa degli elevati flussi di traffico e della pluralità di mezzi diversi. Tra le strade sulle quali si verificano più incidenti, troviamo, infatti, le Tangenziali di Milano, la Tangenziale Nord di Torino, la Diramazione di Catania A 18 dir, il Raccordo di Reggio Calabria, il Grande Raccordo Anulare e la Penetrazione Urbana della A24 a Roma.

Per le strade extraurbane, frequenza elevata di incidenti per la Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga nel tratto in provincia di Monza Brianza, la SS 207 Nettunense in provincia di Latina, la SP 227 di Portofino in provincia di Genova e l’Asse interurbano di Bergamo.

Nel 2020 sulle strade extraurbane, la quota – già molto elevata – di decessi è aumentata: due ruote a motore (239), pedoni (82) e ciclisti (39) rappresentano, complessivamente, il 40% delle vittime.

I motociclisti sono coinvolti nel 20,8% degli incidenti stradali.
Particolarmente elevato, l’indice di mortalità delle due ruote a motore: 5,2 morti ogni 100 mezzi coinvolti rispetto all’1,4 delle auto.

Al vertice delle tratte con più incidenti per le due ruote a motore, la SS 001 Aurelia nelle province di Savona, Massa e Lucca, la SS 016 Adriatica in provincia di Rimini, la SS 018 Tirrena-Inferiore in provincia di Salerno, la SS 270 dell’Ischia Verde e la SS 145 Sorrentina in provincia di Napoli, la SS 006 Casilina, la SS 002 Cassia e la SS 008 bis Ostiense in provincia di Roma, la Tangenziale Est-Ovest di Napoli, la SS 035 dei Giovi in provincia di Milano.

Aumenta il ‘peso’ dei ciclisti, coinvolti nel 4,7% degli incidenti sulla rete viaria principale (era il 3,9 lo scorso anno).

Le strade più interessate da incidenti con ciclisti: Aurelia (SV), Emilia (FC), Padana Superiore (PD), Abetone e del Brennero e Gardesana (VR), Codognese (PV), Dei Giovi (MI), Sarzanese Valdera (LU).

Il 3,4% degli incidenti sulla rete viaria principale è un investimento di pedone.

Tra le strade dove si è registrato un numero elevato di investimenti: Aurelia nei centri abitati di Vado Ligure e Ceriale in provincia di Savona, la Tosco Romagnola nel centro abitato di Pontassieve (FI), la statale Dello Stelvio presso il centro abitato di Tirano (SO), la statale Amalfitana nei pressi di Minori.

Mercato moto, Ancma: novembre chiude a + 16% sul 2019

Il presidente Magri: “Già raggiunti e superati i volumi d’immatricolazione pre-pandemia”

Prosegue la tendenza positiva del mercato delle due ruote a motore. Dopo la prima battuta d’arresto dell’anno registrata il mese scorso, i dati delle immatricolazioni di ciclomotori, scooter e moto del mese di novembre, diffusi in serata da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori), descrivono nuovamente un incremento complessivo del 16% su un più indicativo e opportuno confronto con il 2019.

Negativa, ma meno significativa invece la comparazione con il 2020 (- 2,4%), anno contraddistinto da instabilità e forti rimbalzi nelle vendite legate alle restrizioni Covid-19, specialmente nel mese di novembre, quando si registrava un + 18,73% totale, con le sole moto a + 40,86%.

Per il presidente dall’associazione Paolo Magri “il grande interesse per le due ruote che abbiamo registrato in questi giorni con il successo di EICMA, l’evento espositivo di riferimento per il settore, trova una corrispondenza concreta sul mercato, sia sul fronte della domanda di mobilità che su quello della passione. Malgrado le incertezze e le sfide globali imposte al settore dalla pandemia, abbiamo già raggiunto e superato i volumi di immatricolazione pre-pandemia e il trend non arresta la propria crescita, confermando il ruolo centrale di moto, scooter e ciclomotori nella mobilità post Covid”.

Passando all’analisi dei dati, il mercato del mese di novembre ha registrato complessivamente (ciclomotori + immatricolato) 12.176 veicoli, pari a un decremento del 2,4% rispetto allo stesso mese del 2020. La flessione più consistente è quella dei ciclomotori che, con 1.196 mezzi venduti, perdono il 17,97%. Crescono gli scooter (+1,4%), che immatricolano 6.097 veicoli, passo falso invece per le moto, che registrano un calo del 2,5%, targando 4.883 mezzi.  Come anticipato, il confronto con novembre 2019 evidenzia una crescita complessiva del +16%.

Nei primi undici mesi del 2021, ciclomotori, scooter e moto segnano un aumento complessivo del 22,2% pari a 280.248 mezzi targati. Nel dettaglio, i ciclomotori immettono sul mercato 17.675 veicoli, con una flessione del 3,1% sul 2020, mentre dopo lo stop del mese di ottobre, il mercato degli scooter recupera terreno, targando 147.131 veicoli (+21,6%). Rimane robusta la crescita delle moto (+28,1%), che immatricolano 115.442 veicoli. Nel complesso, rispetto ai primi undici mesi del 2019, il mercato cresce del 14,8%.

L’elettrico chiude il mese di novembre con 816 veicoli venduti, facendo registrare una significativa flessione del – 38,8%, riconducibile agli effetti di commesse dello scorso anno. Il risultato negativo del mese riporta il mercato degli elettrici in pari con novembre 2020: +0,1% e 10.011 mezzi immatricolati. Rispetto ai primi undici mesi del 2019 la crescita del settore si attesta al 122,1%.

Blog su WordPress.com.

Su ↑