Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Raduno auto storiche: Sulle strade del promontorio

Domenica scorsa, 14 ottobre, organizzato dall’Automobile Club di Genova in collaborazione con il Veteran Car Club Ligure, si è disputata la terza edizione del raduno, riservato alle auto storiche, “Sulle strade del promontorio” da Genova a Santa Margherita Ligure.

L’iniziativa ha visto al via cinquantotto equipaggi su importanti e belle vetture. Partiti davanti alla sede dell’Automobile Club di Genova, nel quartiere della Foce, gli equipaggi hanno, affrontato un percorso suggestivo che gli ha portati lungo la panoramica strada del Monte Fasce per proseguire toccando Uscio, Recco, Camogli, Ruta, San Lorenzo della Costa per arrivare alla località Punta Pedale lungo la strada provinciale 227 che collega Santa Margherita Ligure a Portofino dove il raduno è terminato.

Euro NCAP mette alla prova la tecnologia di guida automatizzata.

Oltre il 70% dei conducenti, secondo un sondaggio, numerosi consumatori ritengono che sia già possibile acquistare un’auto in grado di guidare autonomamente. Purtroppo è ancora notevole la confusione che esiste tra i consumatori automobilistici quando si tratta della realtà della guida automatizzata o autonoma.

Euro NCAP, ha messo alla prova la tecnologia di guida automatizzata

Le conclusioni dei test effettuati, in sintesi sono:

  • Nessuna auto sul mercato offre oggi piena automazione o autonomia.
  • Le auto oggi sul mercato possono fornire assistenza all’autista, ma ciò non deve essere confuso con la guida automatica. L’autista rimane pienamente responsabile della guida sicura.
  • Utilizzata correttamente, questa tecnologia può aiutare il conducente a mantenere una distanza di sicurezza, velocità e rimanere all’interno della corsia.
  • Questi sistemi non dovrebbero essere utilizzati in situazioni per cui non sono progettati e non dovrebbero essere considerati come alternativa alla guida sicura e controllata.

Michiel van Ratingen, segretario generale dell’Euro NCAP, ha dichiarato:

“Il messaggio di Euro NCAP di questi test è chiaro: le automobili, anche quelle con sistemi avanzati di assistenza alla guida, hanno bisogno di un conducente vigile e attento al volante in ogni momento. È fondamentale che i sistemi di sicurezza attiva e passiva allo stato dell’arte rimangano disponibili in background come backup di sicurezza”.

 

Europa brusco rallentamento vendita auto (-23,4%).

Con il mese di settembre si archivia il terzo trimestre 2018 che si conclude con un fortissimo calo nelle vendite di autovetture nuove nel mercato dell’Europa dei 28+EFTA. Secondo i dati diffusi oggi dall’ACEA, l’Associazione dei Costruttori Europei, le immatricolazioni di autovetture nuove nel mese di settembre 2018 sono state 1.123.184, il 23,4% in meno rispetto alle 1.466.243 archiviate nello stesso mese dello scorso anno. Decisiva in tutti i mercati l’entrata in vigore il 1° settembre delle nuove norme di omologazione dei veicoli che ha portato ad un anticipo delle vendite nel mese di agosto e un conseguente calo a settembre, causato anche dall’indisponibilità, da parte di alcuni marchi, di nuovi prodotti rispondenti a tali norme.

Proprio per questo, nell’intera Unione Europea dei 28+EFTA, ad eccezione di Bulgaria e Croazia che hanno registrato rispettivamente un +8,5% e un +3,3%, tutti i Paesi segnano un risultato negativo per il mese di settembre. Tra i 5 Major Markets, in particolare, da segnalare per tutti un crollo a doppia cifra: la Germania perde oltre il 30%, il Regno Unito oltre il 20%, la Spagna il 17% e la Francia quasi il 13%. Da segnalare anche il -73,4% della Romania e il -42% dell’Austria.

Nonostante il risultato di settembre, resta positivo il consuntivo dei primi nove mesi 2018, che fa segnare 12.304.711 unità, in aumento del 2,3% rispetto alle 12.024.753 registrate nel periodo gennaio-settembre 2017.

Anche in Italia si è registrato un crollo delle vendite, perdendo il 25,4% dei volumi anche per il clima di incertezza che si sta determinando sulla clientela alla luce dei blocchi della circolazione per le vetture più anziane, più inquinanti e meno sicure.

“La posizione di UNRAE – ha commentato Romano Valente, Direttore Generale – è di sostegno all’introduzione di questi provvedimenti che però andrebbero accompagnati con messaggi chiari e concreti, in questa fase di transizione verso motorizzazioni a impatto zero, ispirati al principio della neutralità tecnologica e, quindi, riferiti alla possibilità di sostituire detti veicoli anziani con mezzi più moderni e innovativi, compresi i diesel Euro 6, considerati i virtuosi livelli di emissione raggiunti”.

 

Fonte UNRAE

Opel, dieselgate: Codacons pronto a battaglia legale se confermate emissioni falsificate

Il Codacons pronto a nuove iniziative legali in merito allo scandalo “Dieselgate”, dopo l’indagine che vede coinvolta la casa automobilistica Opel e il richiamo di 100.000 vetture per ordine della motorizzazione federale tedesca.

“Chiediamo alle istituzioni italiane – dichiara il presidente Carlo Rienzi – di avviare subito verifiche volte ad accertare se il presunto scandalo riguardi anche il nostro paese, e se circolino in Italia automobili Opel con motori diesel modificati sul fronte delle emissioni”.

Proprio il Codacons fu la prima associazione dei consumatori italiana ad attivarsi sullo scandalo Dieselgate scoppiato nel 2015 e che coinvolse il gruppo Volkswagen, presentando una class action dinanzi al Tribunale di Venezia per conto degli automobilisti danneggiati e partecipando con i propri periti al procedimento penale contro gli amministratori di Volkswagen Italia.

“Siamo pronti ad avviare una battaglia legale a tutela dei proprietari di vetture Opel se sarà accertata l’eventuale falsificazione delle emissioni sulle vetture circolanti in Italia, e invitiamo il Ministero dei Trasporti ad attivarsi con urgenza per compiere tutte le verifiche del caso” – conclude Rienzi.

 

Secondo dati della Motorizzazione tedesca sarebbero 95.000 le auto coinvolte nella manipolazione dolosa del software che regola l’emissione dei gas di scarico in tutta Europa nei modelli euro 6: Zafira, Cascada e Insignia. Già in luglio era stato aperto un procedimento contro i tre modelli Opel. “Indaghiamo per il reato di frode nell’immissione sul mercato di auto diesel con software che manipola i valori sull’emissione dei gas di scarico” ha confermato il procuratore, Nadja Niesen, al quotidiano tedesco che si occupa di economia e finanza, Handelsblatt.

Genova auto storiche: Sulle strade del Promontorio

Domenica 14 ottobre, organizzato dall’Automobile Club di Genova in collaborazione con il Veteran Car Club Ligure, è in programma la terza edizione del raduno riservato alle auto storiche “Sulle strade del promontorio” da Genova a Santa Margherita Ligure.

 I partecipanti, su vetture che devono essere state costruite prima del 1988 o di particolare interesse storico, si raduneranno alle ore 9 davanti alla sede dell’ACI genovese in Viale Brigate Partigiane per le verifiche preliminari. Alle ore 10.30 sarà data la partenza per il percorso turistiche che porterà gli iscritti sulle strade del levante genovese sino alla località Punta Pedale lungo la strada provinciale 227 che collega Santa Margherita Ligure a Portofino con arrivo attorno alle ore 12.

 

La manifestazione si terminerà alle ore 15,30.

La Spezia: 53 equipaggi sono pronti per il 12° Rally Golfo Dei Poeti.

Alla chiusura delle iscrizioni sono cinquantatré gli equipaggi che si sfideranno al Rally Golfo dei Poeti in programma tra sabato 13 e domenica 14 ottobre.

La gara, giunta alla dodicesima edizione, è organizzata dalla BB Competition in collaborazione con la LanternaRally. 

Un elenco iscritti di qualità con diversi pretendenti al gradino più alto del podio.

Nove le autovetture della classe Super 1.6 e i nomi dei partenti promettono grande spettacolo: Sgadò, i genovesi Biggi e Casera, Forieri, Guastavino, Gaddini, D’Arcio, Catanzano, tutti su Renault Clio e Iacomini su Peugeot 206 sono i piloti che porteranno in gara le piccole e potenti “due ruote motrici”.

Due vetture della classe N4, guidate da Pessina e Sangermani.
Sei i partenti in classe R3C, tutti su Renault Clio, che potrebbero certamente inserirsi tra le zone alte della classifica, con i riflettori che saranno certamente puntati sul genovese Paolo Benvenuti, specialista delle strade liguri e ora uno dei migliori interpreti della vettura francese.
Cinque le vetture al via con i colori della Lanterna Corse Rally Team, capitanate dalla Renault Clio Super 1.6 di Gianluca Caserza ed Erika Badinelli. Per il pilota genovese si tratta dell’esordio sulla potente vettura francese, testata per qualche chilometro nei giorni scorsi: “Il test è andato molto bene, ma tengo i piedi ben saldi per terra e non mi aspetto alcun risultato da questa gara. L’obiettivo è quello di percorrere dei chilometri per conoscere la vettura e di raggiungere il traguardo senza intoppi. La concorrenza sarà agguerrita e ci sarà sicuramente da divertirsi” – ha dichiarato Caserza poco dopo la prima presa di contatto con la Clio.
Maurizio Pessina ed Ettore di Tullio saranno invece al via a bordo di una Subaru Impreza in classe N4, mentre Paolo Saredi e Giuliano Baixin, su Honda Integra, partiranno in classe A7.
Mario Tabacco, affiancato da Alessandro Cervi, darà l’assalto alla classe N3 con una Renault Clio, mentre Francesco Bigotti e Edoardo Crocco saranno della partita a bordo di una Peugeot 106 A5.

 Stesso numero di vetture per la scuderia Racing For Genova dove gli occhi saranno puntati su Michele Guastavino in coppia con Mirella Siri (Renault Clio), a fargli compagnia ci saranno Massimiliano Melara con Stefano Comando, Luca Basso e Simone Cuneo (tutti su Peugeot 106). Della compagnia ci saranno anche Gian Luca Incontrera con Nicolò Minetti (Fiat Seicento) e Fabrizio Carabetta e Federico Capilli su Peugeot 106.

A rappresentare la Sport Favale 07 ci saranno Lorenzo Mottola con Romina Mazzino; Michele Solari affiancato da Leonardo Muzzioli (tutti su Renault Clio) infine, Elio Canepa con Giorgia Lecca saranno al via su Citroen C2.

Il 12° Rally Golfo dei Poeti entrerà nel vivo già dalle 8 di sabato 13 ottobre, con la consegna dei road book e le ricognizioni del percorso, mentre alle 14 scatteranno le verifiche sportive e tecniche. Lo shakedown, il test con le auto da gara, si terrà dalle 16.30 alle 19.30 e chiuderà la giornata. Domenica 14 ottobre, per i concorrenti che lo richiederanno, sarà possibile effettuare le verifiche su prenotazione tra le 6.30 e le 8, mentre la gara scatterà alle ore 10.01. Gli equipaggi percorreranno sei prove a tempo, per un totale di trentotto chilometri cronometrati. Faranno ritorno a La Spezia dalle 18.05 per l’arrivo, presso il Museo delle Ferrovie.

 

L’ELENCO ISCRITTI E’ DISPONIBILE A QUESTO LINK

Chiusa l’edizione 2018 della Targa Florio Classica

È terminata oggi, domenica 7 ottobre, la Targa Florio Classica 2018.

La vittoria, è andata all’equipaggio Giovanni Moceri – Valeria Dicembre, alla guida di una Fiat 508C.

Secondi assoluti Francesco Di Pietra, e il figlio Giuseppe su Fiat 508C del 1938.  Di Pietra con questo risultato si aggiudica il Campionato Italiano Grandi Eventi.

Al terzo scalino del podio è salito Mario Passanante tra i più grandi regolaristi del Campionato, navigato da Himara Bottini, su Fiat 508C del 1937.

L’equipaggio Prisca Taruffi – Mariella Tomasello su Giulietta Spider del 1961, vince il premio speciale riservato al primo equipaggio interamente femminile della classifica generale Coppa delle Dame, quest’anno titolato a Maria Antonietta Avanzo, straordinaria donna pilota che partecipò alla Targa Florio del 1920 e del 1922 e che lasciò un segno nella storia dell’automobilismo e dell’Italia dell’epoca.

Nella gara di regolarità Targa Florio, agli equipaggi giunti dai cinque continenti e da diciannove nazioni, con auto storiche che vanno dal 1927 al 1976, la Sicilia ha mostrato i suoi tesori più preziosi, che rispecchiano lo spirito della Targa, tramandando le testimonianze di secoli di storia.

Targa Florio Classica 2018: si chiude la seconda tappa.

Al termine della prima tappa della Targa Florio Classica disputatasi ieri, la Classifica Generale provvisoria vede in testa tre equipaggi italiani con tre driver siciliani: primi Giovanni Moceri – Valeria Dicembre, alla guida di una Fiat 508C del 1939, seguiti da Francesco e Giuseppe di Pietra, su Fiat 508C del 1938; al terzo posto, Mario Passanante, navigato da Himara Bottini, con la Fiat 508C del 1937.

L’equipaggio di Prisca Taruffi- Mariella Tomasello su Giulietta Spider del 1961 conduce, al momento, la Classifica provvisoria della Coppa delle Dame.

Oggi si è svolta la seconda tappa della Targa Florio Classica, che delinea sempre più la classifica di gara. Dopo aver scaldato i motori con partenza dal piazzale antistante al Museo dei Motori e dei Meccanismi dell’Università di Palermo, la tappa odierna della Targa Florio Classica ha ripercorso le “Strade del Mito”, affrontando lo storico Circuito delle Madonie, che fu nelle tre configurazione Grande, Medio e Piccolo.

L’esclusiva carovana, con i suoi tempi imposti per la gara di regolarità, si è addentrata nel cuore delle Madonie verso Caltavuturo, a seguire le Petralie e Geraci Siculo per poi scendere verso Castelbuono, tutti luoghi affascinanti di una Sicilia da scoprire. Nel pomeriggio alla volta dei tesori UNESCO di Cefalù, ”la perla del Tirreno”, le auto hanno sfilato dinanzi la Cattedrale Normanna e poi sul famoso lungomare, prima di rientrare a Palermo.

Domani, domenica 7 ottobre, la terza e ultima tappa della Targa Florio Classica si dirigerà verso la splendida Monreale, per poi scendere da San Martino delle Scale, tornare sul Circuito della Favorita, sede della storica gara dal 1937 al 1940, fino al rientro nel cuore di Palermo.

Alle 12.30, in Piazza Verdi, si conoscerà il nome dell’equipaggio vincitore della gara di Regolarità valida per il Campionato Italiano Grandi Eventi, cui seguirà la premiazione alle ore 15.30 al teatro “Massimo”.

Targa Florio Classica: finita la prima tappa

Si attendono gli ultimi arrivi per stilare le classifiche.

Prima tappa con impegni cronometrici per i 150 concorrenti che hanno preso il via nella serata di ieri da Piazza Massimo a Palermo. I driver della regolarità con le prestigiose auto hanno percorso la strada di Garibaldi in senso inverso dirigendosi verso Calatafimi, Segesta, la Valle del Belice, attraversando Gibellina, quindi, a metà giornata nella bella Mazara del Vallo, all’estremo sud del nostro paese, con la sua affascinante sintesi di culture e tradizioni. La risalita verso Palermo lungo la costa, dove gli equipaggi e il pubblico di Sicilia attendono numeroso il passaggio della Targa Florio, con vista delle Saline di Marsala e la fantastica cornice delle Isole Egadi sullo sfondo. Costeggiando Trapani i concorrenti sono saliti fino a Erice, per un altro tuffo nell’emozione della caratteristica cittadina medievale, famosa anche nel mondo della scienza per il Centro Studi Internazionale Ettore Maiorana. L’azzurro del mare a fare da sfondo alla discesa da Erice e ancora le affascinanti coste, Castellammare del Golfo e traguardo di tappa, davanti al Museo dei Motori e dei Meccanismi dell’Università di Palermo. La più anziana delle vetture iscritte è una Lancia Lambda del 1927 con scocca portante che, in quegli anni, rappresentò una vera rivoluzione del comparto: è la settima di nove serie del modello di alta gamma considerato uno dei due capolavori di Vincenzo Lancia, a dimostrazione che il tempo per alcune icone non passa mai.

 

Domani la Targa Florio Classica farà tappa sulle Madonie, sulle “Strade del Mito”, la prestigiosa carovana ripercorrerà lo storico Circuito che fu nelle tre configurazioni: Grande, Medio e Piccolo. Le Tribune di Floriopoli, vero tempio per i cultori della storia dell’automobilismo e non soltanto, i box e le tribune che sono situati nei pressi del famoso Bivio Cerda. L’esclusiva carovana, con i suoi tempi imposti per la gara di regolarità, si addentrerà nel cuore delle Madonie verso Caltavuturo, le Petralie per dirigersi verso Geraci Siculo e scendere verso Castelbuono dove vi sarà la pausa pranzo, tutti luoghi suggestivi di una Sicilia montana da scoprire e carichi di storia, arte, bellezze naturali e tradizione. Nel pomeriggio alla volta dei tesori UNESCO di Cefalù, le auto sfileranno dinanzi la Cattedrale Normanna e poi sul famoso lungomare prima del rientro a Palermo.

Blog su WordPress.com.

Su ↑