Oltre 200 pagine di storia delle stazioni di servizio dal 1892 al 1990. Questo lo straordinario racconto racchiuso nelle pagine del libro “Museo Fisogni”, edito dall’omonimo museo.

Un viaggio nella storia attraverso le parole di Guido Fisogni, proprietario del museo, e le straordinarie immagini della sua collezione privata; 5.000 pezzi che nel 2000 gli hanno valso il certificato Guinness World Records per la collezione più estesa sul tema.

Fondato nel 1966 da Guido Fisogni, e riaperto dopo 15 anni di chiusura nell’aprile del 2015, il museo propone ai propri visitatori pompe di benzina, targhe, compressori, oliatori, grafiche pubblicitarie, gadget, giochi e progetti, tutti oggetti unici raccolti e restaurati fedelmente.

Un ensemble che la famiglia Fisogni nel tempo ha messo a disposizione di studenti per ricerche sull’evoluzione tecnologica e del design dei distributori, ma anche di produzioni cinematografiche, televisive e pubblicitarie che hanno utilizzato gli oggetti sui set. Alcuni pezzi sono ben visibili nella fiction RAI “Il Grande Fausto” e nello spot di TIM con Naomi Campbell, solo per citarne alcuni.

Grazie all’importanza della collezione, il Museo Fisogni è parte del network “ ”.

Il libro è in vendita a 20 Euro presso il Museo occasionalmente aperto tutti i giorni fino al 26 maggio, dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 18:00, oppure sul sito: http://www.museo-fisogni.org/negozio/libri/libro-museo-fisogni/