Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Mese

luglio 2018

Rally Lanterna: Iniziativa “Corri a donare”.

Al Rally della Lanterna che si disputerà nel prossimo fine settimana, lungo le strade tra la Val d’Aveto e la Val Trebbia, sulle autovetture della Scuderia Racing for Genova Team ci sarà anche l’adesivo che richiama l’importanza della donazione di sangue che, nel periodo estivo, si registra spesso mancanza.

L’iniziativa mira, inoltre, a far conoscere il progetto della Casa del Donatore di Sangue di Genova, promosso da Fidas e Avis di Genova.

Osservatorio Aci “Muoversi con Energia”:

Lo svecchiamento delle motorizzazioni circolanti con qualsiasi tecnologia disponibile sarà la vera leva di trazione per la riduzione dell’impatto ambientale da traffico veicolare e a legislatori e decisori politici spetterà agevolare il rinnovamento del parco, a prescindere dal tipo di alimentazione, nella consapevolezza che la neutralità tecnologica del mercato sarà una realtà di fatto che creerà le condizioni per non chiedere incentivi statali indirizzati verso l’una o l’altra tecnologia.

Sono queste le conclusioni alle quali è giunto il I Tavolo tecnico dell’Osservatorio ACI “Muoversi con energia”, che ha visto la Fondazione Caracciolo ACI riunire intorno a un tavolo i rappresentanti di tutte le principali realtà interessate al futuro della mobilità: Eni, Snam, Enel, Enea, IM-CNR, Confindustria Energia, Unione Petrolifera, Assopetroli, Assogasliquidi, Assogasmetano, Federmetano, Elettricità futura, Unrae, Anfia, FCA, General Motors, Nissan, FPT Industrial, RSE (Ricerca Sistema Energetico) e RIE (Ricerche Industriali Energetiche).

Le conclusioni di esperti e analisti dell’Osservatorio ACI, promosso dalla Fondazione Caracciolo, derivano dalla comune consapevolezza che:

L’evoluzione tecnologica ha praticamente annullato le emissioni d’inquinanti patogeni (NOx PM, ecc.) delle motorizzazioni tradizionali, concentrando gli sforzi prevalentemente verso la riduzione delle emissioni di CO2;

nel giro di pochi anni, tutti i motori subiranno altre evoluzioni, a partire dal progressivo incremento delle prestazioni dei BEV (Battery Electric Vehicle), che diventeranno competitivi anche da un punto di vista economico;

Il mercato offrirà un portafoglio sempre più ampio di soluzioni tecnologiche, dai motori tradizionali (anche alimentati a gas naturale) alle versioni ibride o tutto elettrico, per finire con propulsori a celle a combustibile, a prescindere dalla velocità di diffusione dell’infrastruttura di ricarica BEV o dell’idrogeno per le celle a combustibile.

Oggi 11 luglio, si riunirà a Roma il secondo Tavolo tecnico dell’Osservatorio – “Lo sviluppo tecnologico e infrastrutturale per la mobilità elettrica” – per approfondire lo scenario evolutivo della mobilità elettrica e valutare le possibili ricadute in termini di sostenibilità ambientale, tenuta del sistema elettro-energetico nazionale, evoluzione e impatto delle batterie veicolari nell’intero ciclo di vita, criticità e risposte rispetto alla ricarica e alla rete di distribuzione.

Manutenzione e riparazione auto: nel 2017 in Liguria spesi 742 milioni di euro

742 milioni di euro. È questa la spesa che gli automobilisti liguri hanno sostenuto nel 2017 per la manutenzione e le riparazioni delle loro autovetture, pari al 2,4% dei 30,9 miliardi spesi a livello nazionale. La provincia ligure che registra la spesa più alta per la manutenzione e le riparazioni di auto eseguite nel 2017 è Genova, con 414 milioni di euro. Più distanziate seguono le province di Savona con 133 milioni, La Spezia con 109 milioni e Imperia con 86 milioni. Queste stime emergono da uno studio dell’Osservatorio Autopromotec.

 

A livello nazionale nel 2017 gli italiani hanno speso 30,9 miliardi per la manutenzione e la riparazione delle autovetture. Rispetto al 2016, quando la spesa ammontava a 29,5 miliardi, vi è stata una crescita del 4,8%. Queste stime sono state elaborate tenendo conto di un modesto incremento del ricorso da parte degli italiani alle officine di autoriparazione (+2%), dell’aumento del parco circolante (+1,7%) e del fatto che i prezzi per la manutenzione e riparazione nel 2017 sono aumentati mediamente dell’1% (stima effettuata sulla base di una media ponderata degli indici Istat dei prezzi per la manutenzione e riparazione, per l’acquisto di pezzi di ricambio e accessori, per l’acquisto di pneumatici auto e per l’acquisto di lubrificanti).

 

Con il dato del 2017 la spesa per la manutenzione e le riparazioni di autovetture in Italia prosegue per il quarto anno consecutivo sulla strada della crescita dopo la contrazione avvenuta nel biennio 2012/2013. In particolare, nella prima fase della crisi iniziata nel 2008 la spesa per l’assistenza automobilistica aveva continuato ad aumentare in quanto la contrazione delle immatricolazioni aveva causato un invecchiamento del parco circolante e, di conseguenza, un aumento della domanda di autoriparazione. Il quadro è però mutato quando dalla seconda metà del 2011 si è interrotta la ripresa dell’economia e si è avviata la seconda fase della crisi che ha indotto gli italiani in maniera pesante a tagliare non solo gli acquisti di auto, ma anche il ricorso alle officine. Ciò ha causato la caduta per il settore dell’autoriparazione nel 2012 (-10,5%), caduta che ha avuto poi un piccolo seguito anche nel 2013 (-1,1%). Già nel 2014, tuttavia, la spesa è tornata a crescere (+1,9%) con un fatturato stimato in 27,1 miliardi, progressivamente salito poi fino ai 28,4 miliardi del 2015, ai 29,5 del 2016 e ai 30,9 del 2017.

Al di là di questi aspetti, è da sottolineare che l’attività di manutenzione e riparazione delle autovetture è diventata sempre più importante. In un mercato sempre più strutturato e tecnologico, l’attività e gli interventi di riparazione che si svolgono quotidianamente in officina sono ormai in costante trasformazione. Questa situazione comporta il costante aggiornamento degli autoriparatori che devono impegnarsi per continuare a garantire il miglior servizio possibile.

 

Fonte Osservatorio Autopromotec.

Vacanze on the road: su eBay.it picco vendite accessori per auto a luglio.

Gli italiani si sa, continuano a considerare due e quattro ruote valide compagne di viaggio e in vista delle vacanze estive in molti tengono da un lato a rendere sicuri i propri mezzi di trasporto e dall’altro a equipaggiarli adeguatamente. Tante ore in auto o in moto per raggiungere le località prescelte possono essere rese meno difficoltose e pesanti da piccoli accorgimenti a portata di click.

I dati di eBay.it confermano la tendenza a concentrare questa tipologia di acquisti prima della partenza. A luglio, infatti, si registrano i maggiori picchi di vendite per diversi prodotti: per quanto riguarda le auto, durante questo mese le vendite di Accessori viaggio raddoppiano rispetto alla media delle vendite dell’anno, mentre quelle di Condizionatori e riscaldamento e di Kit manutenzione auto incrementano rispettivamente del +76% e del +29%. Altre necessità per le moto invece, che registrano incrementi di vendite a luglio per Bagagli (+73%), Freni (+44%), e Aspirazione e iniezione (+32%). Non sono da meno altre due categorie che hanno in luglio il picco di vendite online: i Ricambi per moto d’epoca (+20%) e gli Accessori e ricambi per scooter (+41%), sintomo di come i mesi estivi siano perfetti per seguire le proprie passioni o per rimettere in sesto il proprio mezzo per girare la città.

Quali sono stati gli articoli più acquistati l’estate scorsa?  Fra gli accessori auto, dominano gli Antifurto, probabilmente per sfuggire a brutte sorprese che possano rovinare le vacanze. Molto apprezzati anche tutti gli escamotage per rendere piacevole il viaggio, come i miniventilatori per evitare l’aria condizionata senza soccombere al caldo torrido, i frigo portatili o i cuscini per zone lombari e collo, utili a preservare la schiena dopo molte ore in macchina.

Prendendo in considerazione le due ruote invece, Decalcomanie e Bagagli moto sono fra gli articoli più acquistati in estate, da non trascurare anche piccoli accorgimenti per viaggi in moto comodi e smart come gli appositi auricolari per comunicare quando si viaggia insieme.

Assicurazioni: crescono i prezzi dell’Rc Auto

Dopo anni di decrescita – che hanno favorito i consumatori e portato i prezzi dell’RC Auto Italiana sempre più in linea con quelli medi europei – il primo semestre del 2018 segna un’inversione di rotta, in particolare nei mesi di Maggio e Giugno.

Secondo l’Osservatorio Assicurativo di Segugio.it, che fotografa ogni mese i dati relativi a centinaia di migliaia di preventivi assicurativi effettuati dai clienti sul portale, l’RC Auto è passato da 579 € di fine 2012 ai 436 € di fine 2017, segnando un calo del 25% circa.

Nel primo semestre del 2018 l’importo è salito a 440 €, in aumento dell’1% rispetto a fine 2017.

L’entità dell’aumento potrebbe sembrare marginale, tuttavia si tratta di un dato medio relativo all’intero semestre. Analizzando i dati mensili, si nota una crescita in accelerazione dal mese di Aprile, che porta il dato a 455 € a Giugno.

Questi dati sembrano indicare l’inizio di una fase di graduale crescita dei prezzi, cui non si assisteva in Italia dal 2009-2010.

Quest’inversione di tendenza era attesa da tempo, e potrebbe configurare uno scenario sfavorevole per i consumatori italiani, che si troveranno molto probabilmente ad affrontare costi assicurativi in crescita, peraltro in una congiuntura economica fragile e caratterizzata dal concreto rischio di aumenti di spesa in altri ambiti.

“Se nei prossimi mesi si confermerà l’inizio di un ciclo di revisione al rialzo dei prezzi RC Auto – commenta Emanuele Anzaghi, Vice Presidente di Segugio.it – sarà importante che i consumatori assumano un ruolo attivo, confrontando i prezzi e rinegoziando con la propria Compagnia di assicurazione o cambiandola se necessario.

Negli anni recenti, anche per effetto del progressivo calo dei prezzi, gli italiani hanno ridotto il già basso tasso di cambio dell’assicurazione rispetto ad altri paesi europei. Oggi, grazie alla maggior concorrenza fra Compagnie di assicurazione e alla presenza dei comparatori di prezzi è possibile spuntare migliori condizioni anche in una fase di aumento generalizzato delle tariffe”.

 

Da Segugio.it

Auto storiche: 40 partecipanti alla quinta tappa di Ruote nella Storia.

Ha preso il via, davanti alla Sede dell’Automobile Club di Genova, la quinta tappa di Ruote nella Storia, manifestazione ideata e organizzata da ACI Storico in collaborazione con l’Automobile Club e il Veteran Car Club Ligure riservata alle vetture immatricolate entro il 31 dicembre 1997 e inserite nella lista di vetture d’interesse storico redatta da Aci Storico.

La carovana di Auto storiche partita da Genova, si è poi spostata verso la Val Polcevera toccando Campomorone e i Piani di Praglia per giungere a Campo Ligure comune di arrivo.

Secondo giorno di Meeting per le Fiat 500

Garlenda 7 luglio 2018: Vigilia del gran finale per il 35° Meeting riservato alla Fiat 500.

A oggi sono circa ottocento le vecchie vetture della Casa torinese giunte a Garlenda (nel Savonese). Diciassette le nazioni  europee rappresentate, oltre ai numerosi partecipanti da ogni regione italiana.

Nella seconda giornata del Meeting molti partecipanti hanno preso parte al Tour turistico dell’entroterra che ha toccato Cosio d’Arroscia, Pieve di Teco e Mendatica.  Altri, invece, hanno preferito una visita al parco Acquatico di Ceriale.

A Garlenda è presente il pullman Azzurro della Polizia Stradale che è porta in giro un messaggio riguardante la Sicurezza Stradale.

Il Meeting si concluderà domani all’Ippodromo dei Fiori di Villanova d’Albenga con tutte le mille auto che s’incontreranno per il carosello delle Nazioni e delle Regioni.

Meeting Internazionale Fiat 500 Storiche si scaldano i motori!

Garlenda (Sv) 06/07/2018: Inaugurato ufficialmente questa mattina il 35° Meeting Internazionale di Garlenda.

Sono attese, provenienti un po’ da ogni Paese dell’Europa, Mille Fiat 500 storiche.

Il Direttore del Meeting, Alessandro Scarpa, ha illustrato il fitto programma di eventi culturali, tecnici, folcloristici e artistici.  All’inaugurazione sono, inoltre, intervenuti il Senatore Paolo Ripamonti, il Consigliere della Regione Liguria Angelo Vaccarezza e la Vice Presidente della Provincia di Savona Luana Isella.

Sempre questa mattina è stata anche inaugurata la mostra “Una Tavolozza di 500” e presentata al pubblico l’opera “Vacanze al Mare” del noto artista francese Stéphan Cipre: una 500 in alluminio lucidato del peso di 7 kg, figura pop molto amata dallo scultore che, tra le altre cose, ha anche prodotto la nota “GoToSky”, una 500, sempre in alluminio, a grandezza naturale, carica di colorati sci.

Tra coloro che hanno percorso più chilometri per arrivare all’appuntamento annuale, Roberto Ruzic e Fabrizio Burlini.  Domenica sera erano a Stavangen in Norvegia: hanno preso il traghetto a Kristiansand e sono giunti in Danimarca. Lunedì, per riuscire ad arrivare in tempo, hanno fatto una tappa 864 km per raggiungere Berlino. Poi hanno guidato fino a Praga, Vienna e Trieste. Stamattina, sono partiti da Trieste e finalmente sono giunti a Garlenda.

35° Meeting Internazionale Fiat 500 Club Italia: gli arrivi dall’estero

Alla vigilia del 35° Meeting Internazionale Fiat 500 Club Italia, a Garlenda, sono arrivati appassionati della piccola utilitaria dalla Germania, dall’Olanda, dal Belgio, dalla Francia, dall’Inghilterra, dalla Repubblica Ceca ed anche dall’Ungheria, che sarà l’ospite d’onore dell’edizione di quest’anno.

Istvàn Kozma, presidente del Fiat 500 Club Hungary e la moglie Zsuzsanna Ripcse sono giunti a Garlenda, avendo percorso ben 1.350 km con la loro giardiniera bianca.

Tra i presenti anche i cinquecentisti Lorena e Roberto Riccardi, giunti da Zurigo, fiduciario di Salerno Alfredo Galderisi con sua moglie, il fiduciario di Piacenza Lorenzo Achilli e il socio Luciano Zunino.

Grazie a Collettivo Culturale Zerovolume, Baseco Srl e al Gruppo Cartapestai Disperati, questa è l’opera che accoglierà all’ingresso di Garlenda: i cinquecentisti in arrivo da tutto il mondo per il Meeting. L’enorme scritta “500” troneggia davanti alle dune del “Pop Park” ed è stata realizzata esclusivamente con materiali di recupero.

Blog su WordPress.com.

Su ↑