La 58° edizione del Salone Nautico di Genova vedrà ancora una volta la presenza del rinato cantiere Arkos che torna in fiera con la sua flotta di gommoni e barche a motore di piccola e media dimensione.

Due anni d’intenso lavoro di creazione, affinamento di prestazioni, dettagli e design, collaborazioni importanti e soprattutto feedback positivi da parte di clienti e appassionati. Questo il recente bagaglio del cantiere vercellese che arriva a Genova con la sua flotta di battelli e barche pronte a suscitare ancora una volta la curiosità e gli apprezzamenti del pubblico e degli addetti ai lavori.

A catalogo Arkos presenta ora undici modelli.

Il Salone di Genova sarà il primo palcoscenico internazionale sia per l’Arkos 23 Jaws, per quanto riguarda la categoria rib, sia per il 647 Sundeck, per quanto concerne invece le imbarcazioni.

I materiali performanti e di alta qualità, la massima stabilità, un design curato e una forte attenzione alle richieste di customizzazione del cliente, sono le caratteristiche alla base delle scelte di produzione del cantiere.

La già nota poppa dei gommoni, unica per design e prestazioni, mantiene l’imbarcazione sempre in assetto grazie alla sua forma particolare ‘a rondine’. Questi gommoni tagliano l’acqua come un coltello e riducono al minimo l’attrito, garantendo sicurezza e comfort in tutte le fasi della navigazione, con un occhio di riguardo all’ecologia, limitando anche il consumo di carburante. Fiore all’occhiello di questi gommoni made in Italy sono quindi le prestazioni, capaci di lasciare a bocca aperta anche i più navigati gommonauti. Caratterizzati da uno scafo spazioso e sicuro, un deck molto personalizzabile, dai colori alle rifiniture e ai materiali infallibili, come l’Hypalon e la fibra di carbonio – i gommoni Arkos coniugano tecnologia, stile e prestazioni in un look accattivante e riconoscibile.

Barche e gommoni sono studiati sia per chi sceglie comode e tranquille uscite in mare con la famiglia o, gli amici, sia per chi si dedica alla pesca o agli sport acquatici, grazie a una progettazione attenta ai materiali e alle qualità costruttive, che strizza l’occhio alla comodità, ma anche alla performance.