Oltre il 50% della popolazione mondiale ha accesso a Internet, e si arriva quasi al 75% a livello italiano. Più di quattro miliardi di persone si connettono alla rete, con una crescita del 7% rispetto a gennaio 2017[1]. In un mondo sempre connesso, la propensione a navigare sfruttando le potenzialità del web non poteva non coinvolgere anche la medicina, intesa come rapporto tra medico e paziente.

Sono quattro i medici che, in Liguria, hanno attivato i servizi di telemedicina d’avanguardia recentemente introdotti da Top Doctors® (www.topdoctors.it), la piattaforma online che seleziona e mette a disposizione degli utenti dei medici specialisti di tutto il mondo.

Roberto Coppola (cardiochirurgia), Giuseppe Solari (dermatologia), Marco Estienne (radiologia) e Giorgio Bentivoglio (ginecologia e ostetricia), sono i medici “digital” cui, da alcune settimane, i pazienti possono rivolgersi virtualmente attraverso la piattaforma, scegliendo tra due modi d’interazione:la messaggistica privata, per dialogare con lo specialista in maniera rapida e immediata, e/o la videoconferenza, per parlare faccia a faccia con il professionista senza doversi recare nel suo studio.

In Italia la classifica delle regioni che utilizzano questo strumento tecnologico è guidata dal Lazio, con una percentuale del 31% dei medici che utilizzano i servizi di telemedicina. A seguire, con un bel distacco, la Lombardia (17%), e il Piemonte (14%). In coda, si difendono bene le regioni del sud come Sicilia (10%), Campania (8%) e Puglia (6%).

“Il nostro obiettivo -, afferma Alberto Porciani, CEO di Top Doctors – è far si che, grazie alle più avanzate tecnologie, ogni paziente possa facilmente individuare e contattare il miglior dottore per il proprio caso . Nei primi mesi dall’introduzione della telemedicina – prosegue Porciani – abbiamo visto una risposta positiva da parte dei nostri specialisti: per avvicinare alla sanità digitale persino i più scettici puntiamo, come facciamo da sempre, su sicurezza, professionalità e facilità d’uso”.