Perché in inverno non fare il cambio ruote?

Italiani in ritardo nella sostituzione dei cerchi insieme agli pneumatici.

Domani, 15 novembre, scatta l’obbligo di viaggiare su molte strade, anche dell’entroterra ligure, con pneumatici invernali o le vecchie catene da neve. L’obbligo è in vigore, anche se non sono in atto precipitazioni nevose.

Molti, per praticità punteranno al consueto cambio gomme stagionale

“Quanti italiani sostituiscono però l’intera ruota?”, è la domanda che si è posta MAK che,con la sua quasi trentennale esperienza, un fatturato di oltre 50 milioni di euro e una produzione di 600.000 ruote l’anno, promuove da sempre la cultura del cambio ruota per sensibilizzare l’automobilista all’utilizzo del secondo set completo,rispetto alla sostituzione dei soli pneumatici.

Per indagare e analizzare gli attuali comportamenti di acquisto dei consumatori e la loro conoscenza sull’argomento, l’azienda ha intervistato un campione di 1.352 persone di tutte le età (dai diciotto in su) nel nord e centro Italia, possessori di city car, auto sportive, station wagon, fuoristrada, berline o monovolume. È emerso che sono ancora pochi gli automobilisti attenti e informati sui vantaggi del cambio ruota, sui motivi per farlo e sulle effettive differenze rispetto alla sola sostituzione della gomma.

In Italia, quasi il 63% del campione preso in esame esegue abitualmente il cambio degli pneumatici, il 14% utilizza invece modelli quattro stagioni, mentre il rimanente 22% non provvedono in alcun modo alla sostituzione. Di questo 63%, alla domanda “hai mai acquistato un treno di cerchi nuovi per la tua auto?”, solo il 28% degli intervistati ha risposto in modo affermativo, contro una schiacciante maggioranza (72%) attenta solo alle gomme.

Dati negativi, ma in linea con la filosofia italiana. Basta spostarsi in altri Paesi europei per scoprire che d’inverno il cambio ruote complete sono quasi la normalità, in Germania, oltre il 70% degli automobilisti utilizza il secondo kit ruota-gomma (Fonte: Assoruote), in Italia siamo purtroppo lontani da questa percentuale, anche se negli ultimi anni la crescita è sensibile.

Questo perché nel Bel Paese sopravvive ancora il luogo comune che il cambio della ruota, più ancora di quello dello pneumatico, sia una spesa inutile, riservata esclusivamente a chi vive in zone di montagna.

Ma perché la maggior parte degli intervistati non ritiene utile cambiare l’intero kit cerchio-pneumatico? Quasi il 44% ha risposto che la spesa è troppo elevata, il 37% non ne comprende l’utilità, il 20% non reputa la propria auto abbastanza bella, nuova o potente per dedicarle tali cure e infine al 14% non interessa l’estetica della propria vettura. Dai dati emerge quindi un quadro di scarsa conoscenza da parte degli italiani per quanto riguarda il cambio cerchio: la sicurezza dell’automobile passa anche dalle ruote. Eppure si continua a non volerne sapere, a non comprenderne l’importanza, a viaggiare con misure di pneumatici – e di conseguenza di ruote – non ottimali per le condizioni stradali.

Dal sondaggio emerge che tra i criteri di scelta del cerchio, lo stile in linea con la propria vettura, design ed estetica sono fondamentali. Ragioni quindi più emozionali, per le quali anche il prezzo diventa una variabile secondaria. Importante come criterio di scelta per l’acquisto è anche il consiglio del gommista di fiducia, pronto a offrire al cliente un parere esperto e professionale. Su un totale di 381 consumatori, ben 220 si rivolgono infatti a figure specializzate, in grado di dare suggerimenti e informazioni obiettive.

Sulla base di questo scenario, MAK ha chiesto agli automobilisti quali potrebbero essere le motivazioni per eseguire il cambio ruota. Conquista la medaglia d’oro il minor costo di manodopera nel tempo, rispetto ai numerosi montaggi, smontaggi ed equilibrature dello pneumatico. Si aggiudica il secondo posto invece la sicurezza, che significa equipaggiare il veicolo con una dimensione di pneumatici e ruote più adatta per l’inverno. Il terzo gradino del podio va infine alla minore probabilità di danno in fase di cambio rispetto ai ripetuti montaggi e smontaggi stagionali degli pneumatici. Minore importanza è invece data al cambio rapido dal gommista, per un effettivo risparmio di tempo.

Perché quindi scegliere un secondo treno di ruote e gomme per la stagione invernale? La risposta oggettiva la offre MAK, azienda di riferimento nelle ruote in lega d’alluminio per l’aftermarket.

I motivi sono diversi, prima di tutto viene certamente la sicurezza: le ruote invernali devono, infatti, assicurare maggiore aderenza e tenuta di strada. Su fondi viscidi e con le temperature più fredde la soluzione migliore è quella di adottare cerchi con diametro inferiore, che consentono il montaggio di pneumatici più stretti, garantendo così un grip superiore su neve, pioggia e ghiaccio.