Oggi al Monza Rally Show la presentazione della Alpine A110 rally.

La storia di Alpine è fatta di grandi successi sportivi che ne hanno costruito un vero il mito delle macchine da corsa.

 1973-1978

In particolare sono due le date rimaste nel cuore degli appassionati di Rally. La prima è il 1973, un anno storico per Alpine che, due anni dopo la vittoria al Rally di Montecarlo, divenne il primo costruttore Campione del Mondo di rally arrivando davanti a case automobilistiche storiche come Porsche, Lancia e Ford. Anche negli anni seguenti, nonostante le politiche di austerità causate dalla crisi petrolifera, Alpine collezionò vittorie storiche: in particolare è rimasta negli annali la vittoria dell’Alpine- Renault A442 alla 24 Ore di Le Mans nel 1978.

 ALPINE, il ritorno della leggenda

A 65 anni dalla sua nascita, la rinascita di Alpine si completa con il ritorno ufficiale nel mondo dei Rally.

In sinergia con SIGNATECH, l’A110 si veste per i rally, non solo nel vestito ma anche nelle soluzioni tecnologiche che presenta, per debuttare nelle competizioni e nel Campionato del Mondo Rally, che la incoronò nel 1973, e che oggi è stata presentata in anteprima mondiale al MONZA RALLY SHOW.

Ripercorriamo le date del ritorno di Alpine.

 2017

Nel 2017 rinasce l’A110 e il lancio commerciale della Première Edition è un successo globale, venduta in soli 1955 esemplari in 5 giorni.

Il DNA sportivo di Alpine rinasce anche grazie alla partnership con Signatech, che nel 2017 sviluppa l’A110 CUP per il Campionato monomarca Europeo.

 2018 – 2019

Nel 2018 Alpine commercializza la Pure e la Légende, due versioni con profonde differenze.

La Pure è il modello dell’A110 più incentrata sulla leggerezza e sulla maneggevolezza, quella più vicina per suo spirito all’originale alla famosa A110 Berlinette che ha vinto il Rally di Montecarlo nel 1973.

Più elegante e con caratteristiche da vera granturismo la Légende, con interni in pelle, sedili regolabili e dettagli chic. Il cuore è il motore biturbo 1.8 litri a quattro cilindri, che eroga una potenza massima di 252 cavalli, capace di performance da brivido, grazie alle sospensioni a doppio triangolo che garantiscono ad ogni versione della A110 tutta l’aerodinamica e la reattività che si richiede a un’Alpine.

Nel 2018 Signatech, sviluppa inoltre la nuova auto da corsa GT4, la massima espressione della straordinaria agilità della A110 per una performance da circuito.

Insieme alla A110 CUP, si attesta come la seconda versione da corsa della A110. Con l’A110 GT4, che vanta una maggiore potenza del motore e migliore deportanza aerodinamica rispetto alla A110 CUP, Alpine è tornata in pista contro i più prestigiosi costruttori del mondo.

 Alpine A110 Rally

Nel 2019 entra a far parte della famiglia l’Alpine A110S. La sua sportività e il suo stile deciso la posizionano al top della gamma A110.

L’A110S si distingue dalle altre versioni per una potenza più elevata, i cavalli diventano 292 ed un peso di 1.114kg, con una configurazione specifica del suo telaio cup, oltre gli elementi di design specifici e raffinati.

Sempre nel 2019, grazie alle indicazioni ed all’esperienza avuta dalla progettazione e realizzazione della A110 GT4, il Team Signatech mette a punto, la versione rally dell’Alpine A110, riprendendo il telaio in alluminio leggero e agile delle Alpine derivato dal modello di serie.   Il telaio della Alpine A110 Rally è stato ulteriormente modificato per rispondere a tutte le specificità delle sue applicazioni. Tra queste, l’introduzione di sospensioni a tre vie con finecorsa idraulici, di un nuovo impianto frenante Brembo e di dispositivi di sicurezza tipici della disciplina come il roll-bar integrale omologata FIA e i sedili sportivi con cintura a sei punti.

Associato alla trasmissione sequenziale a sei rapporti (più retromarcia) e al differenziale a slittamento limitato, il motore 4 cilindri turbo da 1,8 litri proveniente dai modelli di serie è stato a sua volta soggetto a un trattamento apposito per renderlo adatto ai rally. Oltre all’intervento sulla curva della coppia, anche la potenza è stata portata a più di 300 CV.

L’Alpine A110 Rally ha subito un intenso programma di test, in particolare con Emmanuel Guigou, più volte Campione di Francia su due ruote motrici, e Laurent Pellier, Campione di Francia Junior nel 2015. È stata messa a punto per provare l’affidabilità del modello e stabilire i settaggi di base. In modo da sfruttare tutto il suo potenziale con efficacia e piacere di guida massimo.

Signatech e Alpine hanno ottenuto l’omologazione FIA R-GT, e ha dato il via alla commercializzazione e alla successiva consegna delle prime unità dell’Alpine A110 Rally che sarà ad inizio 2020, data programmata per il suo esordio nel mondo delle competizioni.

Il prezzo della A110 Rally è di 150.000 euro.

«Questo ritorno ai rally è molto atteso, visto che Alpine ha scritto la storia della disciplina diventando il primo costruttore Campione del Mondo nel 1973”. Ha dichiarato Régis Fricotté, Direttore Commerciale e Competizione d’Alpine.

«È un grande onore –  ha commentato, invece,  Philippe Sinault, Direttore di Signatech –  essere stati scelti per un progetto tanto esaltante come il ritorno di Alpine nelle prove speciali del rally. Tutto il nostro know-how è stato attivato e chiamato a rispondere al capitolato della marca e le prime prove si sono rivelate estremamente positive. L’Alpine A110 Rally dimostra vere qualità nei rally pur essendo un’auto nata per il “piacere” che offre prestazioni senza compromessi. L’esperienza di Manu Guigou e Laurent Pellier ci è preziosa in questa fase di sviluppo e ci teniamo a ringraziare Renault Sport Racing per la sua competenza e il Team FJ per il supporto sugli aspetti logistici associati alle prove. Ci resta ancora molto lavoro da fare prima di realizzare le prime auto, ma questa prima apparizione pubblica segna una nuova tappa di questa appassionante sfida».