Il weekend del 5-6 settembre si disputerà la trentaseiesima edizione del Rally della Lanterna e la 4^ del Rally Val Aveto.

Ancora una volta Santo Stefano d’Aveto e le zone limitrofe saranno il palcoscenico della più importante manifestazione automobilistica della provincia di Genova.

Il comitato organizzatore Lanternarally ha lavorato per adattare le nuove norme federali a una gara dalla logistica molto particolare e di conseguenza complessa.

Sarà una competizione ovviamente diversa rispetto alle scorse stagioni proprio alle norme dovute al Covid.

Il parco assistenza, distribuito in diverse zone come di consueto, sarà suddiviso in aree chiuse al pubblico e controllate dai commissari di percorso, mentre le prove cronometrate saranno a “porte chiuse”, come in tutte le altre gare svolte fino ad oggi.

Intanto sul fronte sportivo iniziano ad arrivare i primi nomi dei protagonisti, con una sfida al vertice tra tante vetture R5 che si preannuncia entusiasmante.

Nel secondo atto del Campionato Rally Liguria Primocanale Motori si potranno vedere in azione tanti specialisti come Arzà, Mezzogori, Bigazzi, Guastavino e il piemontese Araldo con le R5, Maurizio Rossi con la Super 2000, Aragno, Barberis e Peruccio con vetture Super 1.6 e molti altri che saranno poi resi noti a giorni in attesa della pubblicazione dell’elenco iscritti ufficiale.

L’edizione 2019 fu vinta da Alessandro Gino su Ford Fiesta WRC, ma dominata da Simone Miele con la Citroen DS3, che proprio sull’ultima prova consegnò la vittoria al rivale in seguito ad una toccata che gli fece forare una gomma.

Sabato 5 settembre sarà la giornata dedicata alle operazioni preliminari e allo shakedown (test con vetture da gara), con le verifiche che quest’anno saranno svolte interamente online, mentre le sei prove – due da ripetere tre volte (Pievetta di 4Km e 10 e Monte Penna di 14 Km) – saranno tutte nella giornata di domenica 6 settembre, con partenza da Santo Stefano d’Aveto alle ore 9 e arrivo alle 16:30.