Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Mese

novembre 2021

Panda “Miglior auto da flotta a GPL”

Nell’ambito dell’edizione 2021 di Mission Fleet Awards, alla presenza di fleet manager, AD e player di mercato dell’automotive legato alle flotte, Fiat Panda si è aggiudicata il titolo di “Miglior auto da flotta a GPL”

Si è tenuta a Milano la consegna dei Mission Fleet Awards 2021, un progetto nato dalla voglia di approfondire le principali tematiche del mondo delle flotte aziendali e metterne in luce i rappresentanti più virtuosi, premiandoli. Mai come quest’anno uno dei principali punti d’interesse è rappresentato dalla sostenibilità, e in uno scenario di mercato che va virando verso l’elettrificazione le alimentazioni alternative continuano a rappresentare una scelta virtuosa ed ecocompatibile.

Per questo, il premio conferito a Fiat Panda 1.2 Fire 69 CV Easypower da qualificati referenti super partes rappresenta un’ulteriore conferma del successo di un modello che da 41 anni raccoglie il favore del pubblico e degli addetti ai lavori. Non a caso, la versione a GPL rappresenta quasi il 10% del totale delle Panda vendute nel 2021 a noleggiatori, piccole e medie imprese e liberi professionisti.
E inoltre Fiat Panda può fregiarsi del titolo più prestigioso, quello assegnatole dal mercato: è l’auto preferita dagli Italiani, la più venduta nel nostro Paese.

Anima urbana, sportiva e off road e la più completa offerta di propulsori e trazioni

Come per il resto della gamma, anche la Panda 1.2 Fire 69 CV Easypower adotta un propulsore omologato Euro6D-Final, e rappresenta un tassello fondamentale per la gamma dell’unica city car del segmento che può vantare un’offerta completa in termini di trazioni – 4×2 e 4×4 – e propulsori – benzina 4×4, mild hybrid, metano e, appunto GPL -. Questa motorizzazione è disponibile su un completo ventaglio di allestimenti, in una gamma che è stata di recente rinnovata anche dal punto di vista tecnologico con l’introduzione della radio touchscreen da 7” con funzionalità Apple CarPlayTM / Android AutoTM.
“Panda” è la porta di accesso al mondo di questa icona targata FIAT, una vettura accessibile ma ricca di soluzioni intelligenti che le consentono di soddisfare qualunque tipologia di viaggio o trasferimento.
“City Life” è la versione centrale della gamma che soddisfa coloro che ricercano in una city-car il miglior rapporto tra prezzo e sostanza di prodotto, senza per questo rinunciare a uno stile accattivante e distintivo.
“Sport” è l’allestimento destinato a un cliente giovane, dinamico e attratto da uno stile sportivo con forte personalità, mentre la terza anima di Panda quella “Cross”, declinata negli allestimenti City Cross e Cross che propongono un carattere distintivo e off-road.
Tra i numerosi contenuti della Panda Cross spiccano l’innovativa plancia “woody” realizzata con scarti di legno riprocessati e i nuovi sedili in speciale tessuto eco-friendly, ottenuto con almeno il 37% di plastica riciclata, a conferma della vocazione ecologica del modello.

Dal 1980 e in ogni sua declinazione, Panda è sempre stata sinonimo di simpatia, semplicità d’uso e versatilità, oltre a essere un brand nel brand ricco di valenze razionali ed emotive e simbolo della libertà di viaggiare. Ma è anche un prodotto entrato nella memoria collettiva come pochi altri oggetti nati dalla creatività italiana, capace di coniugare piacere estetico e praticità.

EICMA 2021, oggi, 25 novembre, l’apertura al pubblico

Ha aperto questa mattina al grande pubblico la 78^ Edizione dell’Esposizione internazionale delle due ruote ospitata nel quartiere espositivo di Fiera Milano a Rho. Dopo il successo dei primi due giorni dedicati esclusivamente alla stampa e agli operatori del settore, si alza nuovamente il sipario sull’evento espositivo più importante al mondo per l’industria di riferimento.

Grande e ordinata l’affluenza già dalle prime ore del mattino all’area espositiva, che ospita quest’anno in cinque padiglioni oltre 820 marchi provenienti da 36 Paesi. Una risposta molto significativa da parte degli appassionati anche per la presenza dell’evento speciale One More Lap organizzato da Yamaha in collaborazione con EICMA per celebrare la carriera di Valentino Rossi con il costruttore giapponese, che vedrà nel pomeriggio la partecipazione eccezionale del pilota di Tavullia. L’appuntamento, già sold out, sarà ospitato all’esterno nell’arena MotoLive di EICMA.

Ma la festa per gli amanti delle due ruote prosegue fino a domenica 28 novembre, tutti i giorni dalle 9.30 alle 18.30, con la proposta di unica di EICMA: per loro novità, anteprime, le gare, le esibizioni acrobatiche e lo spettacolo offerto nelle aree esterne, dove non mancheranno inoltre le occasioni di test ride moto sviluppate dagli espositori. Un’opportunità rivolta anche agli amanti delle eBike, che potranno testare gli ultimi prodotti dall’universo delle bici a pedalata assistita all’interno di un tracciato tecnico realizzato al padiglione 24. Torna anche il Temporary Bikers Shop, lo spazio commerciale dedicato ai motociclisti, dove è possibile vedere e acquistare accessori, abbigliamento, caschi, componenti e attrezzatura di ogni tipo per la moto.

Spazio, infine, anche alle start up e al futuro della mobilità su due ruote nell’area speciale a esse dedicata, che quest’anno accoglie 15 realtà innovative internazionali pronte a proporre idee, soluzioni e prototipi. Milano torna capitale mondiale delle due ruote.

L’acquisto dei biglietti d’ingresso avviene direttamente sul sito ufficiale dell’Esposizione http://www.eicma.it. Il costo del biglietto intero è di 19 euro (più 1,50 di spese fisse di gestione), mentre per i minori dai 4 ai 13 anni è prevista una tariffa ridotta di 12 euro (più 1,50 di spese fisse di gestione). Confermata inoltre l’agevolazione per i tesserati FMI. Infine, in accordo con Fiera Milano, è eccezionalmente aperto anche un numero minimo di casse fisiche a servizio ridotto. Il prezzo del biglietto fisico è di 23 euro. È una modalità d’acquisto che comunque si sconsiglia per ridurre la pressione sui desk di vendita, le attese e le occasioni di assembramento.

In ordine alle disposizioni attualmente in vigore, che determinano la capienza e regolano l’accesso alle manifestazioni, durante la fase di acquisto online dei biglietti è necessario selezionare in anticipo il giorno d’ingresso tra oggi, giovedì 25, e domenica 28 novembre. A EICMA si accede con mascherina e Green Pass in corso di validità oppure presentando la certificazione dell’esito negativo del tampone molecolare o rapido effettuato nelle 48 ore precedenti. Saranno inoltre previste dall’organizzazione istallazioni presso gli ingressi al quartiere fieristico di Porta Est, Porta Ovest, Porta Sud, dove effettuare un test rapido a pagamento prima di entrare alla manifestazione.

I  nuovi test di Euro NCAP

Nuovi test sui sistemi di assistenza in autostrada

Euro NCAP 2021 ha testato, per la prima volta, i sistemi di assistenza in autostrada (Highway Assist) che aiutano il conducente a mantenere una velocità costante, una corretta distanza di sicurezza ed il veicolo al centro della corsia facendo agire contemporaneamente il sistema Adaptive Cruise Control (ACC) con il Lane Centering (LC).

La migliore prestazione complessiva è stata raggiunta dalla BMW iX3, i cui sistemi di assistenza sono stati classificati come “Molto Buono”, seguono la Ford Mustang Mach-E e la Cupra Formentor, con la valutazione “Buono”, Polestar 2 e Hyundai IONIQ 5 con “Medio”, mentre la Toyota Yaris e l’Opel Mokka-e offrono sistemi ad un livello “Base”.

Questi sistemi di assistenza alla guida non sono in grado di prendere il controllo del veicolo. Il conducente, quindi, deve essere sempre vigile e attento, mantenendo le mani sul volante e gli occhi sulla strada. Per effettuare queste valutazioni Euro NCAP analizza sia la capacità dell’auto di assistenza ad una guida sicura, che il grado di coinvolgimento del conducente. In caso di imprevisto, anche il supporto di sicurezza offerto dal veicolo (Safety Backup).

La tecnologia, inizialmente presente solo sulle autovetture di alta gamma, oggi è disponibile in tutte le categorie, anche se con livelli di prestazioni e costi diversi. Nei precedenti test dedicati alla guida assistita (2018 e 2020), Euro NCAP ha messo in evidenza che alcuni modelli promettevano più di quanto effettivamente offrissero.

Tutte le autovetture valutate in questa serie di test hanno mostrato un buon equilibrio tra Assistance Competence, (il grado con cui il sistema aiuta il guidatore), e Driver Engagement, (la misura in cui il conducente deve mantenere il controllo del veicolo). I sette modelli hanno evidenziato un buon livello di assistenza alla guida. I sistemi di assistenza valutati “entry level”, pur offrendo meno funzionalità rispetto a quelli più performanti, offrono, comunque, un’assistenza che alza il livello di sicurezza.

La BMW iX3, variante completamente elettrica della gamma X3, ha nuovi e più performanti  sistemi di assistenza alla guida, non ancora disponibili per i modelli a combustione tradizionale. La valutazione, pertanto, si applica soltanto alla versione completamente elettrica.

In un quadro di riferimento che vede la tecnologia in continua evoluzione, i test di Euro NCAP sulla guida assistita vogliono offrire una chiave di lettura ed un supporto ad un contesto normativo che necessita di rapidi adeguamenti.

“L’equilibrio tra assistenza e impegno è cruciale – ha dichiarato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia. Oggi le auto non sono ancora in grado di procedere con una guida automatizzata. Alcune notizie provenienti dagli USA hanno evidenziato criticità serie quando il conducente ritiene che i sistemi di assistenza alla guida siano di livello autonomo. Siamo molto soddisfatti che i costruttori hanno chiarito il reale livello di assistenza offerti da questi sistemi”.

Auto: la Scuderia spezzina BB Competition al  Rally di Chiusdino 

È stato un weekend dalle tonalità contrastanti, quello archiviato da BB Competition. La scuderia spezzina, impegnata sulle strade del Rally di Chiusdino – in provincia di Siena – con  due equipaggi.

Undicesima posizione assoluta e terza piazza nel “Renault Rally Event” dedicato alle vetture Super 1600 per Carlo Alberto Senigagliesi, affiancato da Marco Lupi sulla Renault Clio S1600. Una partecipazione “last minute”, quella del pilota di Pomarance, coinvolto in un evento che lo ha visto tornare al volante di una vettura a due ruote motrici pagando in termini prestazionali un debito di feeling con la vettura.

Secondo gradino del podio di classe N3 per Efisio Gamba , affiancato da Maurizio Olla sulla Renault Clio RS, si è reso protagonista di una condotta portata avanti senza timori reverenziali che lo ha visto concludere in terza posizione di Gruppo N. Un confronto acceso e rivolto al vertice della categoria, quello che ha coinvolto Gamba, in lotta fino alle ultime fasi di gara per le posizioni più ambite dedicate agli esemplari derivati dalla serie.

L’Automobile Club Genova ha premiato i suoi i campioni sociali 2019 e 2020.

Presso i saloni adiacenti alla propria sede, l’Automobile Club di Genova ha premiato i propri soci sportivi che si sono particolarmente distinti nelle stagioni agonistiche 2019 e 2020.

E’ stato il primo ritorno in ritorno in presenza con tanti piloti e co-piloti riuniti anche da un sentito ricordo per Susanna Marotta, storico direttore dell’Automobile Club Genova che è immaturamente scomparsa che è stata sempre particolarmente vicina al mondo dell’automobilismo genovese.

Il presidente Carlo Bagnasco e il nuovo Consiglio Direttivo dell’Automobile Club genovese si sono congratulati con i rappresentati di Organizzatori e Scuderie per i brillanti risultati raggiunti.

A rappresentare le istituzioni, oltre il numero uno del Coni Liguria, Antonio Micillo erano presenti Stefano Anzalone (consigliere regionale e comunale) e Alberto Campanella (consigliere comunale delegato dal Sindaco Bucci).

“Una serata importante – ha sottolineato il presidente, Carlo Bagnasco – in un momento difficile ma ricco di entusiasmo. Per noi gli sportivi rappresentano il motore del nostro Automobile Club. E in questa bella cerimonia abbiamo ribadito la nostra voglia di portare avanti iniziative storiche ma anche organizzare nuovi eventi. Domenica scorsa – prosegue Bagnasco – abbiamo lanciato una campagna significativa per riflettere sulle vittime della strada. Dobbiamo trasmettere cultura della sicurezza, ogni giorno. E soprattutto dobbiamo promuovere con forza il rispetto delle regole. Con poche regole si può cambiare il percorso della vita”.

Un riconoscimento per l’attività svolta a favore dell’automobilismo è andato alle Scuderie Lanterna Corse Rally Team, Racing for Genova, Sport Favale 07 e alla Scuderia del Grifone, tra l’altro vincitrice del Campionato Italiano Regolarità a Media Autostoriche 2020.

Festeggiate gli Organizzatori: LanternaRally (il Rally della Lanterna 2019 è stato premiato come migliore gara di Zona), Sport Favale 07 e Valpolcevera Organizzazioni. Quest’ultima si appresta a celebrare la prossima stazione agonistica 2022 con un’edizione particolare dello slalom Mignanego Giovi essendo il centenario della prima edizione della storica gara di velocità in salita quando si chiamava Pontedecimo Giovi.

Applausi sono andati per tutti i campioni sociali: da Andrea Mezzogori (Campione sociale Rally nell’anno 2019) a Nicola Arena (Rally secondi conduttori) passando per Paolo Bordo (slalom), Luigi Mimmo Cevasco (velocità), Mario Passanante (regolarità primi conduttori), Danilo Scarcella (regolarità secondi conduttori), Fabrizio Pardi (rally Storici primi conduttori), ancora Nicola Arena (rally Storici secondi conduttori), Franco Sivori (velocità Autostoriche) e Alessandro Polini (formula Challenge).

Per la stagione agonistica 2020 questi i campioni sociali: Alberto Verardo (rally primi conduttori), Nicola Arena (rally secondi conduttori), Gianluca Ticci (slalom), Andrea Drago (velocità), Massimo Dell’Acqua (regolarità primi conduttori), Mary Vicari (regolarità secondi conduttori), Paolo Raviglione (rally storici primi conduttori), Nicola Arena (rally storici secondi conduttori), Danilo Scarcella (velocità autostoriche) e Roberto Malvasio (formula challenge).

L’Automobile Club Genova ha voluto pubblicamente ringraziare anche l’Associazione Ufficiali di Gara Genova consegnando un riconoscimento a Emanuele Zizza, l’Associazione Italiana Radioamatori Sezione di Genova rappresentata dal proprio Presidente Carlo Paroldi e la Federazione Cronometristi Sezione di Genova per il supporto fornito in occasione di tutte le manifestazioni.  

I 100 anni dell’Autodromo di Monza:

L’Autodromo di Monza compie 100 anni nel 2022 e comincia le celebrazioni, presentando – in anteprima assoluta da Dubai – una nuova icona del Made in Italy: il logo del centenario del “Tempio della Velocità” nel corso della Bellezza dello Sport, Italian Sports Day, la giornata dedicata allo sport italiano, organizzata dal CONI al Padiglione Italia dell’EXPO 2020 di Dubai, alla presenza del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio.

Il 2022 sarà un anno speciale per la F1 in Italia: oltre il centenario del circuito di Monza, Imola ospiterà il secondo gran premio d’Italia della Formula 1, come annunciato da Stefano Domenicali, AD di Formula One Group, con il presidente del CONI Giovanni Malagò.

“Nei prossimi anni, ci sono molti progetti in grado di portare l’Autodromo di Monza in una nuova epoca per la mobilità e gli sport automobilistici; rivivere la sua storia gloriosa, come nell’occasione a Dubai, è un grande stimolo per il futuro” ha dichiarato il presidente dell’Autodromo di Monza Giuseppe Radaelli.

“L’Autodromo di Monza e il motorsport italiano sono sempre più protagonisti nel mondo, con due tappe di campionato di Formula 1 e due tappe del World Rally Championship. Monza continuerà a essere una pista protagonista per tante discipline del motorsport del futuro”, commenta il presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani

“In tutto il mondo, quando si pensa alla Formula 1 non si può non ricordare il grande contributo che l’Italia ha dato a questo sport, ed i primi 100 anni del circuito di Monza ne sono un’importante testimonianza. Monza è speciale, Monza è casa per la Formula 1, ha da sempre scritto tra le pagine più importanti di questo sport che da 71 anni regala emozioni, passione e sorriso. Ci prepariamo ad entrare in una nuova era per F1, con nuovi regolamenti e nuove macchine che creeranno gare ancora più avvincenti e siamo entusiasti di avere nel calendario ufficiale del 2022, ancora una volta l’Italia grande protagonista con due tappe a Imola e Monza”, interviene Stefano Domenicali, amministratore delegato di Formula One Group.

Da Juan Manuel Fangio e Alberto Ascari a Michael Schumacher, da Enzo Ferrari, Niki Lauda e Ayrton Senna, fino a Lewis Hamilton, c’è il pubblico, i meccanici, le persone, in cento anni a Monza è cambiata la pista, la tecnologia, le regole, ma le emozioni sono immutate. Il presidente dell’Autodromo Giuseppe Radaelli e il presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani hanno ricordato le storie e le passioni degli uomini del motorismo sportivo, i grandi protagonisti di questi cento anni a Monza, presentando l’identità visiva del centenario, in un dialogo con Stefano Domenicali rivolto al futuro del motorsport italiano e alle sfide imminenti di Monza, a cominciare dalla riduzione dell’impatto ambientale della pista centenaria.

“È il Tempio della Velocità, la pista il vero protagonista del logo del centenario, assumendo la forma maestosa di un “tempio” tricolore, un nastro sinuoso che attraversa caratteri di Monza e il numero 100. Abbiamo voluto dare una interpretazione grafica al circuito, facendo diventare la pista una icona tridimensionale. La pista verde, il suo esterno rosso insieme al bianco del suo interno creano la sensazione del tricolore” commenta Ludovico Fois, consigliere per le relazioni esterne e responsabile della comunicazione di ACI, Automobile Club d’Italia. 

Gagliasso – Beltramo vincono la 24^ Ronde Colli del Monferrato e del Moscato

Patrick Gagliasso e Dario Beltramo su Skoda Fabia R5 è l’equipaggio vincitore  della 24^  edizione  della Ronde Colli del Monferrato e del Moscato.

La coppia torinese con un finale da brivido ha prevalso per un solo decimo di secondo sulla vettura gemella di Gianluca Verna e Fabio Ceschino, portacolori del VM Motor Team.

Gagliasso ha iniziato la gara all’attacco, vincendo le prime due prove cronometrate facendo subito capire agli avversari che sarebbe stato lui oggi l’uomo da battere. Verna ha però reagito alla grande, avvicinandosi nella fase centrale, per poi tentare un ultimo attacco sulla quarta prova, che però non è bastato per bissare il successo del 2019.

Bobo Benazzo e Gianpaolo Francalanci hanno portato all’ottavo posto assoluto la Toyota Yaris N5, un’auto molto osservata oggi e decisamente concreta, capace di inserirsi in mezzo al gruppo delle R5.

Nona posizione per i migliori tra le due ruote motrici, ovvero Matteo Giordano e Manuela Siragusa su Renault Clio R3C, mentre Daniel Minerdo e Stefano Sandrigo chiudono la top ten con una Ford Fiesta R5.

Gara  caratterizzata dalla nebbia nella prima frazione e dal fondo molto insidioso, che ha messo a dura prova uomini e mezzi.

Giornata Mondiale in memoria delle vittime della strada 2021

Aci lancia sui social la campagna “Mi impegno” Salvare migliaia di vite si può: dipende da noi.

Saranno Massimiliano Rosolino, Antonella Palmisano, Ettore Bassi, Gianni Ippoliti, Linus, Maria Leitner, Gigi Miseferi Antonio Giovinazzi e Vicky Piria i testimonial della campagna “Mi impegno”, che l’ACI lancia sui social in occasione della “Giornata Mondiale in memoria delle vittime della strada”.

Salvare migliaia di vite ogni anno, si può: dipende solo da noi. Basta impegnarsi a non guardare il telefono mentre si guida, a non correre, anche se abbiamo fretta, a non guidare se abbiamo bevuto, ad allacciare sempre cinture e seggiolini e a fare sempre attenzione a ciclisti e pedoni.

“La Giornata Mondiale in memoria delle vittime della strada – ha dichiarato il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani – deve farci riflettere sul fatto che una semplice distrazione può farci perdere il bene più grande e prezioso che abbiamo: la vita”.

“Non è assurdo – ha sottolineato – perdere o togliere la vita per un messaggino, una foto o un filmato? Rischiare di non arrivare mai, solo per non tardare qualche minuto? Voler guidare a tutti i costi, anche se abbiamo bevuto? Non perdere pochi secondi ad allacciare cinture e seggiolini? Non fare attenzione a utenti fragili come ciclisti e pedoni?”.

“La soluzione c’è: siamo noi”, ha concluso Sticchi Damiani. “Basta una parola: rispetto. Rispetto per noi stessi, per gli altri e per le regole. Io “Mi impegno”. Fatelo anche voi. Una mobilità più sicura, rende più sicura la nostra vita”.

L’anno scorso, in Italia, si sono verificati 118.298 incidenti stradali: 2.395 persone hanno perso la vita e 159.249 sono rimaste ferite. Parliamo di 324 incidenti, 436 feriti e 6,5 morti al giorno. I più colpiti sono i più piccoli tra 5 e 9 anni: 10 morti, il 150% in più rispetto al 2019. Ma c’è un dato altrettanto inquietante: i morti tra i 10 e i 14 anni sono aumentati di oltre il 35%. Un bilancio drammatico e inaccettabile, con costi sociali che superano gli 11,6 miliardi di euro l’anno, pari allo 0,7 per cento del PIL.  

Scendendo nei particolari

L’anno scorso, a Genova, si sono verificati 2840 incidenti stradali: 24 persone hanno perso la vita e 3327 sono rimaste ferite. Nell’intera provincia di Genova il numero di incidenti sale a 3492 con 32 morti e 4135 feriti per un totale di 5753 veicoli coinvolti (2851 autovetture, 2296 mezzi a due ruote, 298 autobus e 188 biciclette).

Mobilità. Dekra presenta il progetto “Compagni In Sicurezza”

L’iniziativa per promuovere la sicurezza stradale ha coinvolto studenti e docenti degli istituti scolastici secondari di I e II grado in Italia.

Si è tenuta presso il Centro Studi Americani a Palazzo Mattei a Roma, la presentazione dell’iniziativa “Compagni in sicurezza”, promossa da Dekra Italia, branch italiana del gruppo tedesco leader mondiale nel testing e certificazione, con la partecipazione della Polizia Stradale. Il progetto si rivolge agli studenti e ai docenti italiani, in un percorso di apprendimento, cultura e prevenzione per promuovere la sicurezza stradale sulle due ruote, attraverso la piattaforma “Civicamente”, che raggiunge settemila docenti degli istituti secondari di I e II grado in Italia. 

Il progetto, patrocinato dal Cnel, ha visto il coinvolgimento di due licei, il “G.F. Porporato” di Torino e l’IIS “Gaetano De Sanctis” di Roma. Complessivamente 60 studenti, che hanno partecipato via Zoom insieme ai loro professori e dirigenti scolastici. Inoltre, attraverso la piattaforma “Educazione digitale” riservata agli insegnanti e accessibile al link https://www.educazionedigitale.it/compagninsicurezza, ogni scuola può prendere parte all’iniziativa e scaricare gratuitamente i materiali didattici. 

“La sicurezza delle strade è un fenomeno complesso, dove comunicazione e cultura giocano un ruolo fondamentale – ha spiegato Toni Purcaro, Chairman Dekra Italia e Executive Vice President Dekra Group – per questo l’iniziativa ‘Compagni in sicurezza’ assume grande rilevanza e siamo orgogliosi di proporla in un contesto dinamico e vitale come quello scolastico. In particolare, la presenza dei docenti offre opportunità interessanti, vista la loro funzione di educatori, fondamentale per trasmettere ai ragazzi i principi cardine del rispetto e della tolleranza sulla strada in ogni circostanza, alla guida di un mezzo e a piedi”. 

“Compagni in sicurezza” ha permesso ai giovani che sono intervenuti, di condividere un valido percorso di approfondimento e sensibilizzazione, acquisendo consapevolezza dei rischi che presentano i mezzi di trasporto e una conoscenza più articolata delle norme in materia.  Dekra Italia ha messo a disposizione dei docenti un kit composto da un volume, dei gadget e una guida didattica con spunti laboratoriali, dati e analisi tecniche, per riflettere sulla sicurezza nella circolazione su mezzi a due ruote, come bici e monopattini. 

Nel corso della presentazione, inoltre, è stato proiettato un video in storytelling sul corretto utilizzo dei mezzi di trasporto, che ha coinvolto i giovani studenti con messaggi semplici e diretti. 

“È un progetto realizzato grazie alla sensibilità e alla responsabilità sociale, destinato ai giovani delle scuole superiori e finalizzato ad attivare nei ragazzi la consapevolezza del rispetto delle regole”. Lo dichiara Roberto Sgalla, prefetto e direttore del Centro Studi Americani. “L’obiettivo della campagna è quello di stimolare l’elemento emozionale dei giovani alla piena tutela della propria vita”. E sulla riforma del nuovo codice della strada il prefetto riconosce dei passi in avanti, ma conclude che “ci sarebbe bisogno di una riforma strutturale, soprattutto su tre elementi ancora non risolti come l’identificazione dei monopattini, l’uso del casco obbligatorio e l’elemento assicurativo”.

Blog su WordPress.com.

Su ↑