Dopo dieci anni Claudio Vallino torna sulle classiche prove del Rally Città di Torino, e lo fa al volante della Toyota Yaris GR, curata dalla Autotech dei fratelli Morcia di Castelvetro Piacentino.

“Con i fratelli Morcia abbiamo deciso di testare la Yaris in una gara, così da avere uno raffronto cronometrico diretto, e soprattutto lavorare su assetti e regolazioni in vista di un possibile impegno con la vettura nel trofeo nipponico. “La scelta è caduta sul Rally Città di Torino, gara non lontana dalla sede di Autotech e vicino a casa mia quindi facile e da raggiungere per tutti”.

Senza ambizioni di risultato Vallino e il suo inossidabile navigatore Maurizio Vitali, alla loro ventiseiesima gara insieme, si sono presentati al via. “Ben consci del lavoro da svolgere che andava al di là del risultato in classifica, anche perché dovevamo misurarci con 23 equipaggi al via con le potentissime WRC e Rally2, sicuramente superiori alla nostra Yaris. L’auto giapponese è una vettura di serie convertita per correre in un trofeo monomarca, in cui le vetture sono tutte uguali. La Yaris GR è un’auto quattro ruote motrici molto potente già nella versione stradale, ma sviluppata tenendo conto del giusto equilibrio fra prestazioni e affidabilità” puntualizza il portacolori di Meteco Corse.

“La gara è stata perfetta o quasi. Siamo partiti con un assetto che abbiamo completamente stravolto all’assistenza di metà giornata proprio per verificare quale avrebbe dato i migliori responsi.” racconta il pilota della Val Pellice che a fine giornata ha concluso in trentesima posizione assoluta, vincendo la Classe R1T 4×4 Nazionale. “Solo il risultato mi sta un po’ stretto. Dopo il primo giro di prove eravamo 28esimi assoluti, ed ero convinto che l’assetto adottato nella seconda parte di gara ci avrebbe fatto scalare parecchie posizioni”. Purtroppo il secondo passaggio sul Lys (la prova totem del rally e la più lunga di giornata con i suoi 15,00 km) è stata annullata, ma i portacolori di Meteco Corse e i tecnici al parco assistenza, hanno la conferma di aver imboccato la strada giusta quando nella successiva prova del Colle della Dieta, Vallino – Vitali migliorano il loro tempo di quasi 6” in soli 7,5 km staccando il 22esimo tempo assoluto. “Peccato che nella successiva Monastero abbiamo patito un afflosciamento di pneumatico che ci ha fatto perdere parecchio tempo nella seconda parte della prova speciale. All’intermedio abbiamo registrato un miglioramento delle nostre performance di quasi dieci secondi, poi abbiamo perso tutto nella seconda parte di speciale”.

“Debbo ammettere, comunque, che nella seconda parte di gara mi sono divertito moltissimo e la Yaris stava andando veramente forte permettendoci di intrufolarci in classifica fra le performantissime Rally2”.

Per Claudio Vallino e Maurizio Vitali, prima di fine stagione, è prevista ancora un’uscita per affinare ulteriormente la Toyota Yaris GR, “Ma sarà una gara a sorpresa!”

foto di Elio Magnano