Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Auto elettriche

Mercato di aprile: i SUV Jeep 4xe in Italia un veicolo su cinque tra quelli a basse emissioni.

Continua il successo della tecnologia 4xe: i SUV Jeep® Plug-In Hybrid dominano anche ad aprile il mercato dei Low Emission Vehicle, LEV, ottenendo una quota record superiore al 20% nel mercato “alla spina”, ossia quello che comprende Battery Electric Vehicle e Plug-In Hybrid. Ciò significa dunque che in Italia più di un veicolo a basse emissioni su cinque è un SUV Jeep.
L’evoluzione del cliente Jeep non tende soltanto a una tecnologia più moderna e sostenibile, ma anche verso innovative soluzioni d’acquisto: il mese di aprile ha sottolineato la centralità delle vendite on line, secondo un processo intuitivo e flessibile. Circa 600 clienti hanno scelto di acquistare il proprio nuovo SUV Jeep sulla piattaforma digitale che condensa il meglio dell’esperienza virtuale e di quella tradizionale. In questo nuovo processo che consente di intercettare e soddisfare le nuove esigenze di mobilità è cruciale il contributo della rete dei concessionari, sempre al centro del processo di acquisto e consegna e dell’assistenza durante l’esperienza d’utilizzo.

 “Questa quota record porta la firma dei SUV Made in Italy Renegade – la vettura ricaricabile più venduta nel suo segmento – e Compass 4xe – il modello LEV più venduto in assoluto – e della nostra icona Wrangler 4xe – Il commento di Alessandro Grosso, Country Manager Jeep® Italy -.

Ma soprattutto questo successo è importante in quanto sottolinea ancora una volta l’impegno del brand a costruire un futuro a zero emissioni, una missione denominata “Zero Emission Freedom”, che è partita ormai due anni fa col lancio di Renegade e Compass 4xe, è proseguita recentemente con Wrangler 4xe e a breve potrà contare anche sulla quinta generazione di Grand Cherokee, la nostra ammiraglia per la prima volta in versione elettrificata – prosegue Alessandro Grosso -. Ognuno di questi lanci rappresenta un momento importante nel processo di evoluzione del marchio, che vira verso l’elettrificazione dell’intera gamma proprio per sottolineare la propria vocazione a superare i limiti e a muoversi su ogni terreno, in modo sempre più sostenibile. 4xe è ormai un brand nel brand, riconosciuto come sinonimo di massimo comfort, totale sicurezza, efficienza e fun-to-drive”.

La famiglia 4xe: Renegade, Compass e Wrangler, ed è imminente l’arrivo di Grand Cherokee
Grazie alla tecnologia Plug-In Hybrid, i modelli Jeep 4xe sono i SUV Jeep più performanti e divertenti da guidare di sempre, letteralmente capaci di “andare ovunque e di fare qualsiasi cosa”, in ossequio al noto claim “Go Anywhere, Do Anything”. Allo stesso tempo sono vetture ideali per la guida quotidiana in città, per merito della tecnologia ibrida plug-in che consente di viaggiare a zero emissioni di CO2 e con un’autonomia urbana di circa 50 km in modalità full-electric. A bordo di Jeep Renegade, Jeep Compass e Jeep Wrangler, dunque, il divertimento diventa efficiente e la proverbiale capability off road Jeep esprime equilibrio tra piacere di guida e una maggiore attenzione per l’ambiente.

Al 4xe Plug-In Hybrid si affianca la tecnologia e-Hybrid
Parallelamente al successo dei modelli 4xe, prosegue la strategia del marchio verso lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile con il lancio delle nuove versioni ibride e-Hybrid di Jeep Compass e Renegade che si aggiungono all’offerta 4xe Plug-In Hybrid. Con l’introduzione dei nuovi modelli e-Hybrid, infatti, il marchio Jeep offre ai clienti un’ulteriore possibilità di avvicinarsi alla gamma elettrificata e compie un altro passo nel processo di elettrificazione.

La “Dolcevita” di FIAT si vive con 500 e 500X.

Debutta la nuova serie speciale “Dolcevita Special Edition” su Fiat 500 e 500X, la massima espressione della dolce vita italiana che unisce l’elettrificazione delle motorizzazioni ibride con la guida open air per viaggiare completamente immersi nella natura. Del resto, la gioia di vivere e la libertà di viaggiare accompagnano sempre l’inizio della bella stagione e accentuano il desiderio di trascorrere momenti di pura evasione, nel segno dell’eleganza e del gusto italiano.

Oggi, lo stesso spirito allegro e glamour anima la nuova serie speciale “Dolcevita” di 500 e 500X, la combinazione perfetta tra il design iconico della Fiat 500, la propulsione elettrificata e lo spensierato stile di vita italiano ben espresso dalle versioni cabrio e open air dei due modelli. Da qui nasce il manifesto della Nuova Dolcevita italiana secondo FIAT, un’esperienza di vita e di guida unica al mondo.

Si amplia così la collezione di serie speciali che si sono succedute nel corso degli ultimi anni, vetture uniche nate dalla collaborazione con brand importanti- dalla moda alla nautica di lusso, dalla tecnologia all’heritage – con cui FIAT ha esplorato territori inusuali per una city-car. Del resto, le edizioni speciali sono una delle chiavi del successo del gioiello più prezioso del marchio, un’autentica icona della dolce vita italiana che evolve nel tempo, conservando sempre la sua identità e rilevanza anche nella mobilità urbana del futuro.

Inno alla spensieratezza e alla guida a cielo aperto, la serie speciale “Dolcevita” non poteva che essere 100% elettrificata, come dimostrano le motorizzazioni ibride 48 volt T4 1.5 130 CV DCT per la 500X e 1.0 70 CV MT destinata alla 500. Entrambe sono dotate della tecnologia ibrida avanzata che non solo è sostenibile per l’ambiente e accessibile per i bassi costi di gestione, ma soprattutto è semplice e incentrata sull’uomo.

La serie speciale 500X “Dolcevita Special Edition”

Si distingue per la preziosa livrea esterna in tinta Bianco Gelato abbinata esclusivamente alla capote soft-top nella tinta Avorio. Progettato per mantenere immutata la capacità di carico del bagagliaio, l’elegante soft-top si apre con un solo tocco in pochi secondi. Completano il raffinato “abito” alcuni preziosi dettagli cromati e satinati – su baffo anteriore, fendinebbia e calotte degli specchietti –, cerchi in lega da 18” con dettagli grigi e il logo “Dolcevita” scritto in un corsivo elegante.
All’interno spiccano i nuovi sedili Soft Touch di colore Avorio, con cuciture e logo “500” bianchi.
Il sedile del guidatore dispone di comandi elettrici. Esclusivi sono anche l’elegante cruscotto bianco, i dettagli cromati sul pomello del cambio e i tappeti specifici. Tra le dotazioni di serie i sensori di pioggia e crepuscolare, la telecamera posteriore e il sistema Infotainment Uconnect da 7” completo di navigatore, radio DAB, Apple CarPlayTM e Android AutoTM.

La serie speciale 500X “Dolcevita” è disponibile con il sistema 48V T4 130 CV DCT che unisce il motore di nuova generazione FireFly – un turbo benzina a 4 cilindri da 1.5 litri in grado di erogare fino a 130 CV con una coppia di 240Nm – e l’e-motor da 48 Volt e 15 KW, alloggiato nel nuovo cambio automatico a doppia frizione a 7 velocità, che migliora l’efficienza e la dinamica del veicolo, permettendo anche di viaggiare a motore termico spento.

La serie speciale 500 “Dolcevita Special Edition”

Disponibile solo nella versione Cabrio, la nuova vettura si presenta nella livrea Bianco Gelato abbinata alla capote Beige. Le calotte degli specchietti sono cromate mentre i cerchi in lega da 16” sono impreziositi da finiture diamantate nere. A siglarne l’eleganza il logo “Dolcevita” scritto in corsivo.

Nell’abitacolo debuttano i nuovi sedili rivestiti in Pelle Frau di colore Avorio, su cui risaltano inserti e logo 500 bianchi. L’eleganza è accentuata dalla fascia della plancia in legno, dalla cuffia del cambio in pelle, dal sedile posteriore sdoppiato 50/50 e dai tappetini specifici con bordi bianchi.

Tra le dotazioni di serie si segnalano il sistema Infotainment TFT da 7” completo di navigatore satellitare.  La serie speciale 500 “Dolcevita” offre esclusivamente la motorizzazione Hybrid 70 CV MT, che regala un’esperienza di guida divertente e confortevole, oltre a ridurre consumi ed emissioni. Il segreto è nell’abbinamento sinergico tra l’innovativo motore da 1 litro a 3 cilindri della famiglia FireFly, che eroga 70 CV (51,5 kW), ad un motore elettrico BSG (Belt Integrated Starter Generator) da 12 volt ed una batteria al litio. Si tratta quindi di un’unità di potenza ibrida efficiente, compatta e leggera.

Nuova BMW Serie 7 elettrica

La nuova BMW Serie 7 apre strade rivoluzionarie al piacere di guidare, grazie al comfort insuperabile sulle lunghe distanze e ad un’esperienza digitale di alto livello. Centrale in questa reinterpretazione della mobilità individuale di alto lusso è la BMW i7. La berlina ammiraglia completamente elettrica è un membro integrato della famiglia di modelli BMW e, in questa veste, riflette la mentalità premium orientata alla sostenibilità alla base del portfolio di modelli BMW.

Il design del frontale della nuova vettura presenta le caratteristiche tipiche del marchio, ma mantiene chiara la distinzione tra il nuovo modello di lusso ed il resto della gamma BMW. Caratteristiche di equipaggiamento uniche, come il BMW Theatre Screen, l’esperienza multisensoriale del BMW iDrive con BMW Curved Display, il Manoeuvre Assistant per il parcheggio e le manovre automatizzate elevano il modello a simbolo della forza innovativa del BMW Group.

La nuova BMW Serie 7 viene proposta in tutto il mondo esclusivamente in una nuova versione a passo lungo che massimizza la spaziosità del vano posteriore. Qui, materiali nuovi e particolarmente pregiati, l’innovativo sistema di intrattenimento in auto e l’opzione Executive Lounge aggiornata si combinano per fornire un imbattibile senso di benessere all’interno di un ambiente esclusivo. Nel corso del 2023 un high-security vehicle basato sulla nuova BMW Serie 7 si unirà alla line-up. 

Produzione sostenibile e flessibile nello stabilimento BMW di Dingolfing

Il lancio sul mercato mondiale della nuova BMW Serie 7 avverrà a novembre 2022. La settima generazione del modello debutta 45 anni dopo l’esordio della prima Serie 7, ed è anch’essa costruita nello stabilimento del Group di Dingolfing. Qui le versioni del modello alimentate da un sistema di propulsione completamente elettrico, un motore a combustione e un sistema ibrido plug-in vengono assemblate su un’unica linea di montaggio. Anche i motori elettrici e le batterie ad alto voltaggio per la BMW i7 sono prodotti a Dingolfing.

Citroën Ë-C4 Elettrica : per i tragitti quotidiani e per lunghi viaggi

Citroën ë-C4 Elettrica offre il compromesso tecnologico ideale per fornire una soluzione di mobilità 100% elettrica, accessibile e adatta a soddisfare le esigenze dei clienti. Citroën ë-C4 Elettrica è equipaggiata con una batteria da 50kWh, economica e dal peso contenuto, con potenza di ricarica in corrente continua da 100kW, offrendo una velocità di ricarica superiore rispetto alla maggior parte dei suoi concorrenti.

Con un’autonomia di 357 Km (ciclo WLTP), Citroën ë-C4 permette così di gestire nel corso di tutto l’anno i propri spostamenti quotidiani e di affrontare i lunghi viaggi in tutta tranquillità.

Inoltre, la ricarica di Citroën ë-C4 è semplice e può essere immediata o differita. Si può impostare dal TouchPad da 10” nell’abitacolo oppure direttamente dal proprio smartphone attraverso la app MyCitroën, che, tramite il sistema ë-remote control, funziona come un vero e proprio “telecomando virtuale”.

Nel primo trimestre del 2022, Citroën ë-C4 è leader del segmento delle compatte elettriche in Francia e in Spagna, occupa il secondo posto nei Paesi Bassi e la terza posizione in Italia. Complessivamente, in Europa, rappresenta già il 35% delle vendite totali di C4.                         

La transizione verso i veicoli elettrici ci porta a cambiare il nostro modo di pensare e adottare comportamenti differenti: scegliere una batteria di dimensioni ridotte, meno costosa e con un’elevata capacità di ricarica e ricaricarla rapidamente e più spesso permette di evitare di essere penalizzati da una batteria pesante e costosa, la cui autonomia totale raramente viene sfruttata del tutto.

La soluzione ottimale per viaggiare

Citroën ë-C4 è stata progettata per facilitare gli spostamenti quotidiani ma anche i lunghi viaggi: oltre a rendere più confortevoli, in modalità ë-comfort, i brevi tragitti e quelli quotidiani, Citroën ë-C4 possiede tutte le caratteristiche necessarie per permettere ai suoi clienti di viaggiare in totale serenità anche sulle lunghe distanze:

Una batteria dalle dimensioni ridotte significa un minor peso, con il risultato di un consumo ragionevole

Tempi di ricarica ottimizzati grazie alla capacità di ricarica in corrente continua con ricarica rapida da 100 kW

Un consumo elettrico ottimizzato grazie alle evoluzioni alla pompa di calore, all’aggiunta di un nuovo sensore di umidità e al perfezionamento del sistema di trasmissione.

La vettura consente di affrontare al meglio il passaggio all’elettrico. Anziché dover sempre trasportare una batteria pesante e costosa, è preferibile avere una batteria ottimizzata che si ricarica rapidamente. Ciò implica un ripensamento totale del modo di viaggiare. Per quanto possa sembrare sorprendente, è più efficace fermarsi più frequentemente e per periodi più brevi anziché guidare per maggiori distanze ma poi doversi fermare più a lungo per ricaricare la batteria. Questo perché la curva di ricarica di un’auto elettrica decresce all’aumentare del livello della batteria. Per ottimizzare i tempi di ricarica durante il viaggio e beneficiare della massima potenza di carica della batteria, è consigliabile iniziare a caricare la batteria quando il suo livello di carica è basso e quando ha raggiunto la sua temperatura di funzionamento ottimale (dopo un viaggio in autostrada, per esempio). Infatti, come quando si riempie un bicchiere d’acqua, la velocità di ricarica è più rapida all’inizio della ricarica anziché alla fine: ci vuole più tempo per caricare la batteria dall’80% al 100% che dallo 0 all’80%. L’utente non beneficia solo di tempi di ricarica più rapidi, ma trae anche un vantaggio economico poiché i costi di ricarica ai terminali sono calcolati in minuti sulla maggior parte della rete di ricarica rapida.

Nel caso di un lungo viaggio, è più efficiente fare diverse ma brevi fermate di ricarica per beneficiare la massima potenza di carica e risparmiare così sui costi di ricarica. Questo cambiamento nel modo di viaggiare non costituisce un problema poiché ci sono già dei servizi disponibili per facilitare il viaggio. Per trarre il massimo vantaggio dal comfort dell’elettrico nei viaggi più lunghi, i conducenti devono adottare un approccio diverso e pianificare il loro percorso in modo da ottimizzare le pause e il tempo di ricarica.

Il miglior compromesso per tutto l’anno

La Citroën ë-C4 offre una soluzione ideale per gli spostamenti quotidiani. Il comfort di utilizzo piace a un gran numero di clienti per i brevi tragitti verso l’ufficio, la scuola o per il tempo libero grazie alla sua guida silenziosa, fluida, senza scatti, dinamica e senza emissioni di CO2. Per i viaggi quotidiani, la batteria può essere ricaricata da una presa standard o da una Wall Box all’arrivo in ufficio al mattino, oppure al rientro a casa la sera. I tempi di ricarica e l’autonomia sono molto soddisfacenti e garantiscono tranquillità. Con un’autonomia di 357 km omologata nel ciclo WLTP, non è necessario ricaricare la batteria tutti i giorni.

Con una batteria da 50 kWh, è particolarmente adatta a facilitare il passaggio ai veicoli elettrici: le sue dimensioni compatte e il peso ragionevole non penalizzano l’abitabilità e il consumo nell’uso quotidiano, offre un piacere di guida con una coppia di 260 Nm e un consumo ridotto grazie al suo peso ottimizzato.

La vettura rappresenta la soluzione ideale per viaggiare in modalità 100% elettrica e godersi i viaggi quotidiani in tutta serenità, tutto l’anno.

Ricaricare la batteria è semplice

La ricarica della batteria di Citroën ë-C4 Elettrica è semplice grazie al design ergonomico dello sportellino e dei cavi di ricarica riposti in un vano sotto il fondo del bagagliaio e può essere immediata o differita. L’equipaggiamento di serie di Citroën ë-C4 Elettrica, in aggiunta al cavo di ricarica T2 per presa domestica, offre anche il cavo di ricarica T3 trifase da 22 kW con custodia dedicata.

Il processo di ricarica può essere monitorato grazie ai comodi indicatori a LED colorati, integrati nello sportellino di ricarica, che aiutano a seguirne visivamente l’avanzamento: il LED di colore bianco indica che lo sportellino è aperto; il LED di colore blu indica che la ricarica differita è attivata; il LED verde lampeggiante indica che la ricarica è in corso mentre quando diventa verde fisso significa che la ricarica è completata.

La ricarica si può programmare, sia dal TouchPad 10” presente nell’abitacolo sia da remoto, utilizzando l’applicazione MyCitroën.

La applicazione MyCitroën è uno strumento molto utile a disposizione dei Clienti che offre diverse funzioni per facilitare l’utilizzo della propria vettura: consente di monitorare a distanza diverse informazioni sulla propria auto e, tramite il sistema ë-remote control, diventa un “telecomando virtuale”, dal quale è possibile gestire direttamente dal proprio smartphone diverse funzioni dell’auto, tra cui il pre-condizionamento dell’abitacolo e la ricarica.

Prima di intraprendere un viaggio, grazie alla App MyCitroën è possibile verificare l’autonomia della propria Citroën ë-C4 Elettrica in modo da poter eventualmente pianificare una ricarica. 

Compatibile con gli smartphone iOS e Android, la App MyCitroën permette di programmare la ricarica di Citroën ë-C4 Elettrica, ad esempio, nelle fasce orarie con le tariffe più vantaggiose. Inoltre, mostra dati in tempo reale sulla velocità di ricarica e sul tempo rimanente per completarla. Invia un avviso quando la batteria ha raggiunto il 100% oppure se si verifica un’interruzione imprevista della ricarica.

Per poter attivare la ricarica a distanza utilizzando la App MyCitroën, come prima cosa è necessario collegare la app alla vettura con il proprio smartphone e poi è necessario che la vettura sia già collegata alla rete elettrica attraverso il cavo di ricarica. Sul proprio smartphone, dalla app MyCitroën si seleziona la scheda “RICARICA” e si possono visualizzare immediatamente diverse informazioni: il livello di ricarica della batteria indicato in percentuale, l’autonomia rimanente espressa in chilometri, la velocità di ricarica (ovvero i km recuperati ogni ora), il tempo rimanente per il completamento della ricarica.

Si può selezionare la ricarica immediata oppure differita. In questo secondo caso, verrà richiesto di impostare l’orario di inizio del processo di ricarica. Per beneficiare di tariffe più vantaggiose è possibile impostare l’inizio del processo di ricarica nelle ore notturne.

La Nuova 500 affascina il Paese del Sol Levante

Dopo Israele e Brasile, Nuova 500 arriva ufficialmente in Giappone proseguendo il suo cammino globale.

Presentata la Nuova 500 alla stampa e alla rete distributiva giapponese.

All’evento è intervenuto Olivier Francois, Fiat Ceo e Global Cmo Stellantis, attraverso un video messaggio da Casa 500, il museo che racconta passato e futuro, cultura e iconicità del gioiello più prezioso del marchio.

Ad oggi metà delle Fiat 500 vendute sono ibride e l’altra metà elettriche: è un chiaro segno di quanto il modello sia al passo con i tempi e in linea con una mobilità sempre più sostenibile e rispettosa dell’ambiente.

«Dopo i debutti in Israele e Brasile, ora tocca al Paese del Sol Levante accogliere la Nuova 500 nel suo cammino globale al di fuori dell’Europa – ha osservato Olivier Francois -. In Europa Nuova 500 è la city car elettrica più venduta, in Italia è l’elettrica più venduta in assoluto, mentre in Germania è l’elettrica più venduta dopo la Tesla. E ora sono entusiasta di scoprire come sarà accolta in Giappone. Il mercato nipponico conta già oltre sessantamila, tra proprietari e appassionati, dell’iconica 500, anche nella versione Abarth. Una community in continua crescita che di certo apprezzerà l’evoluzione 100% elettrica e saprà valorizzarla anche nella casa dei colossi dell’ibrido».

Progettata e costruita a Torino, Nuova 500 è bella, connessa, tecnologicamente avanzata, spiccatamente italiana e divertente da guidare. In più, unisce una propulsione 100% elettrica, che assicura sostenibilità ed efficienza, a uno stile italiano senza tempo, nato nel 1957, che continua ad affascinare milioni di fan nel mondo. Il suo successo è confermato dai 29 premi europei finora assegnati dal grande pubblico e dagli esperti dei media automobilistici, di design e del lifestyle.

In Giappone, la Nuova 500 è proposta con un motore elettrico da 87 kW (118 CV) e una batteria Lithium-Ion con capacità di 42kWh. La gamma si compone di due allestimenti: Entry, nella versione berlina, e Icon sia per la cabrio sia per la berlina con interni premium. Cinque le livree disponibili: Celestial Blue, Ocean Green, Mineral Grey, Rose Gold e Ice White. La Nuova 500 è l’unica cabrio elettrica del mercato nipponico.

Anche Nissan e.dams è pronta per la doppia gara di Formula E a Roma.

Nissan e.dams torna a Roma in questo fine settimana  ( 9 e 10 aprile) per Gara 4^ e 5^ della stagione 2021/22 del Campionato del Mondo di Formula E ABB FIA. Sullo stesso circuito, nella scorsa stagione, il team ha segnato un totale di 12 punti, con il miglio piazzamento al quinto posto.

Nell’ultima gara a Città del Messico, il team ha ottenuto un doppio piazzamento nella top 10 e ha guadagnato 6 punti, grazie alle prestazioni migliorate del propulsore Nissan Formula E Gen2.

La Formula E è per la quarta volta a Roma, sul Circuito Cittadino dell’EUR, a pochi chilometri dal Colosseo. Creato per l’E-Prix di Roma 2017/18, il tracciato è stato modificato e ampliato a partire dalla scorsa stagione.

Prima tappa europea e primo circuito cittadino della Stagione, il tracciato romano con le sue curve insidiose, i fondi irregolari e diversi livelli di aderenza, è particolarmente impegnativo per ingegneri e piloti.

“Non vediamo l’ora di gareggiare a Roma, abbiamo dei bei ricordi legati alla scorsa stagione”, ha dichiarato Tommaso Volpe, General Manager Nissan Formula E. “A Roma gioco in casa. Sono italiano e, quando vivevo qui, guidavo sulle stesse strade su cui gareggeremo, ma non così velocemente.”

“Cercheremo di sfruttare al meglio le prestazioni del propulsore Nissan Formula E Gen2, che ci ha permesso il doppio piazzamento nella top 10 in Messico. Il team ha lavorato molto durante la pausa e puntiamo a migliorare i nostri risultai.”

I responsabili del team Nissan e.dams, Grégory e Olivier Driot, hanno commentato: “È sempre emozionante tornare nella città eterna. Le condizioni meteo possono riservare sorprese, come lo scorso anno quando ci siamo trovati con pista fredda e umida a dispetto delle previsioni. Questa volta abbiamo preparato diverse opzioni di pneumatici. Il team ha mostrato un ottimo ritmo in Messico e proveremo a fare ancora meglio a Roma”.

Sébastien Buemi, pilota di Formula E Nissan e.dams, correrà ancora una volta con la sua Nissan Ariya #23 mentre il compagno di squadra Maximilian Günther correrà sulla Nissan LEAF #22.

Nissan gareggia in Formula E per portare l’emozione e il divertimento dei veicoli elettrici a zero emissioni al grande pubblico. La partecipazione al campionato consente anche di sviluppare e migliorare le tecnologie EV per poi applicarle nelle auto destinate ai clienti.

 “Sono entusiasta di gareggiare nuovamente a Roma, un circuito molto impegnativo – ha dichiarato Sébastien Buemi -. Nell’ultima stagione siamo stati abbastanza competitivi, io sono arrivato quinto nella prima gara, ma potevamo fare di meglio. In Messico abbiamo mantenuto un ottimo ritmo sia nelle prove libere che in gara. Le qualifiche non sono andate come speravo, ma la macchina va bene e Roma potrebbe essere una buona occasione per noi. Conosco bene la pista, mi piace e so dove poter effettuare i sorpassi. Ce la metterò tutta per portare a casa un buon risultato.”

 “Non vedo l’ora che arrivino le due gare di Roma, dopo la pausa piuttosto lunga che abbiamo avuto  – è, invece, la dichiarazione di Maximilian  Günther -. Il team ha fatto un buon lavoro dall’ultima gara in Messico per sviluppare e migliorare la vettura e renderla più competitiva. La pista di Roma è fantastica, una delle mie preferite in assoluto, con molti dossi, alcuni punti stretti e altri più aperti che offrono buone opportunità di sorpasso.  Guidare è divertente, ma c’è anche molta strategia e bisogna pensare bene a come gestire la gara. L’intero team è molto motivato e pronto a tornare in azione.” 

Il 9 e 10 aprile: la Formula E sbarca a Roma.

L’E-Prix di Roma torna il 9 e 10 aprile .

Con i suoi 3,83 chilometri la pista cittadina – ricavata lungo i viali dell’Eur – manda in scena uno dei tracciati

più lunghi di tutto il Campionato di Formula E. Il circuito è infatti composto da 19 curve a velocità variabile con molteplici possibilità di sorpasso; per questo, i piloti e gli ingegneri dovranno assicurare alle auto in gara un set-up assolutamente perfetto per poter ottenere le migliori performance possibili.

E il team Jaguar TCS Racing punta in alto: la settima stagione è stata quella di maggior successo, con i piloti della nuova I-TYPE 5 che si sono aggiudicati otto podi, due vittorie, una pole position e 177 punti in classifica.

 “All’interno del team – commenta James Barclay, Team Principal Jaguar TCS Racing – c’è molto fermento per questo ritorno sulle strade di Roma. È un circuito che in passato ci ha dato sempre grandi soddisfazioni e ottimi risultati, perciò stiamo lavorando in modo molto rigoroso per arrivare in piena forma in Italia. Nelle ultime sei settimane, tutto il team Jaguar TCS Racing ha concentrato i propri sforzi per ottenere le migliori prestazioni possibili dalla nostra I-TYPE 5. Questa pausa stagionale è stata l’occasione per resettare alcune situazioni e per rimetterci in carreggiata in modo da lottare fino alla fine per il Campionato. Nelle fasi di avvicinamento alla prima gara europea, abbiamo analizzato e lavorato sugli aspetti da migliorare e siamo assolutamente determinati nel voler conquistare nuovi podi e nuovi punti.”

 “Per me – spiega Mitch Evans, pilota Jaguar TCS Racing #9 – l’E-prix di Roma rappresenta sempre una gara speciale, che riporta alla memoria la mia prima vittoria in Jaguar TCS Racing nel 2019 e il podio conquistato lo scorso anno. Grazie alla nostra Jaguar I-TYPE 5 siamo consapevoli di avere un grande potenziale di gara, per questo non vedo l’ora di tornare in pista e spero di ottenere un altro grande risultato insieme a tutto il gruppo.”

 “Sono davvero entusiasta di ritornare al volante della Jaguar I-TYPE 5 in questo weekend – il commento di Sam Bird, pilota Jaguar TCS Racing -. La pausa di metà stagione è stata molto utile per riunirsi con il team e capire in cosa migliorare per ottenere prestazioni soddisfacenti. Ora si tratta di metterlo in pratica nella prossima gara. Sarà molto importante qualificarsi al meglio; sappiamo di poter raggiungere grandi risultati a Roma, perciò spero di offrire un’altra grande performance in pista”.

Infine, Phil Charles, Technical Manager Jaguar TCS Racing, ha detto: “Quello di Roma è un circuito fantastico, sicuramente uno dei favoriti dai piloti e dai team. Come layout è estremamente impegnativo, per via delle curvature e dei dislivelli disseminati ovunque. Per gli ingegneri sarà fondamentale poter garantire il migliore assetto possibile, mentre per i piloti sarà importante trovare il giusto feeling con la pista e con la vettura per tutta la gara.”

Il quarto e il quinto round dell’ABB FIA Formula E World Championship 2022 prenderanno il via alle  ore 15  del 9 e 10 aprile 2022.

Le auto elettriche in Italia: apprezzate ma….ancora irraggiungibili

Nel nostro Paese cresce l’interesse per le vetture elettriche, ma il loro costo continua a essere fuori dalla portata degli italiani, che per acquistarle sono disposti a spendere intorno al 30% in meno del costo medio degli e-vehicles oggi sul mercato. Una quota che gli incentivi messi in campo dal Governo non riusciranno a colmare completamente.
Sono queste le principali evidenze che emergono dalla nuova instant survey “Auto elettriche, tu che pensi?”, condotta da Areté (azienda leader nella consulenza strategica).
Dalla survey, promossa a 3 mesi di distanza da un precedente simile studio sul tema, emerge un’attenzione crescente da parte degli italiani per le vetture elettrificate, frenato però dal fattore economico.

Auto ancora centrale per la mobilità degli italiani. Cresce la mobilità condivisa
Lo studio parte dall’analisi delle modalità di spostamento degli italiani: ben il 64% si serve dell’auto privata per i propri trasferimenti abituali, solo il 6% usa i mezzi pubblici, che dalla pandemia sembrano non essersi ancora ripresi. Quasi il 20%, e il trend è in decisa crescita, si affida ai servizi di mobilità condivisa (sharing o pooling), formule che consentono di abbattere i costi del viaggio, le emissioni inquinanti e contribuiscono a decongestionare le città.

Un italiano su due si dichiara pronto ad acquistare l’ibrido. Aumenta l’appeal dell’elettrico.
L’analisi evidenzia come 4 italiani su 10 hanno già guidato, anche occasionalmente, una vettura elettrica. Chi lo ha fatto ne ha apprezzato la silenziosità (indicata dal 43% del campione), il relax di guida (19%) e i consumi ridotti (19%); le stesse caratteristiche che si aspetta dalla vettura alla spina anche chi non ha ancora avuto occasione di salirci a bordo.

Continua a crescere quindi la propensione verso le vetture elettrificate nel nostro Paese, anche grazie ai cospicui investimenti in comunicazione promossi dalle Case automobilistiche negli ultimi anni. Alla domanda “Se dovessi acquistare un’auto nuova quale alimentazione sceglieresti?”, ormai 1 italiano su 2 indica una vettura ibrida e ben il 38% (era il 23% solo 3 mesi fa nella precedente survey) si dichiara pronto per l’elettrico. Trai i principali motivi che guidano questa transizione figura in primis la ragione ambientale (“per non inquinare”, indicata dal 50% del campione), seguita dalle opportunità di risparmio su consumi e costi di manutenzione (42%).

Per acquistarla tre su quattro sono pronti a servirsi di finanziamenti, noleggio a lungo termine e leasing, mentre il restante 25% intende farlo con pagamento in contanti. Tra i fattori che potranno migliorare il feeling con questa motorizzazione vengono indicati in primis il pricing (ancora troppo alto e indicato da un italiano su due come ostacolo all’acquisto) e quelli collegati all’autonomia del veicolo: il 25% sarebbe spinto ad acquistare una vettura elettrica da punti di ricarica più veloci, servizi di ricarica a domicilio, minori costi di ricarica.

Eco Rallye Sanremo al via la 4^ edizione

Dopo tre anni di assenza, torna la gara ecologica di regolarità, che percorrerà le stesse prove speciali del rally valido per il tricolore. Due tappe, con partenza venerdì pomeriggio 8 aprile alle 15.30 dalla Vecchia Stazione e arrivo sabato 9 aprile alle 16.25 all’ombra del Casinò dopo 198 km di gara. Al via vetture esclusivamente elettriche con parco assistenza e colonnine di ricarica Free2move eSolutions in lungomare Italo Calvino.

Mancava da tre anni, ma ora è tornato. Si tratta della quarta edizione dell’ECO Rallye Sanremo, che torna a disputarsi sulle strade dell’entroterra del Ponente Ligure, accompagnando le vetture che si contengono il successo nel 69° Rallye Sanremo valido per il Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco.

“Rispetto alle precedenti edizioni, svoltesi dal 2016 al 2018, il cambiamento più importante è che saranno ammesse alla gara vetture esclusivamente elettriche, visto l’indirizzo ecologico scelto dalla FIA e guardando l’evolversi del mercato green” afferma Sergio Maiga, che guida la macchina organizzativa della gara in programma dal 7 al 9 aprile a Sanremo e dintorni.

Il programma della gara ecologica prevede l’arrivo dei concorrenti nella mattinata di venerdì 8 aprile per sottoporsi alle verifiche tecniche nei piazzali della Vecchia Stazione di Sanremo, controlli che si svolgeranno dalle ore 10.00 alle ore 12.30. Rapidamente, per essere pronti a scattare con la partenza dalla Vecchia Stazione alle ore 15.30 per salire nell’entroterra e affrontare le due prove di precisione di Vignai (14,23 km; ore 16.09) e Bignone (10,51 km: ore 16.43) precedendo sulla strada gli equipaggi del rallye tricolore. Effettuate queste due prime prove i partecipanti torneranno alle ore 17.30 al parco assistenza della Vecchia Stazione di Sanremo per il riposo notturno, durante il quale potranno ricaricare le batterie delle vetture alle colline appositamente installate nell’ occasione della gara in lungomare Italo Calvino dalla Ditta Free2move eSolutions.

Sabato 9 aprile le ECO vetture affronteranno la seconda tappa uscendo alle ore 12.40 dal parco assistenza della Vecchia Stazione e percorrendo le prove di precisione del Teglia (9,17 km; ore 14.00), Langan (19,00 km; ore 14,22) e Semoigo (km 7,36; ore 15.16) prima di scendere nuovamente a Sanremo e festeggiare alle ore 16.25 in Corso Imperatrice davanti al Casinò tutti quelli che avranno completato il percorso di 198 km divisi in due tappe. Le iscrizioni chiuderanno alle ore 24.00 di lunedì 4 aprile.

Il 4° ECO Rallye Sanremo è valido per il Trofeo eRally Nazionale e potranno partecipare alla gara tutti i concorrenti a bordo di normali vetture alimentate elettricamente, regolarmente targate senza nessun particolare allestimento tecnico. I guidatori dovranno unicamente essere dotati di patente di guida, licenza di conduttore per la regolarità rilasciabile in loco dal locale Ufficio ACI con un certificato di sana e robusta costituzione per attività sportiva normalmente rilasciato dal medico curante.

“Il ritorno della gara eco risponde a una duplice valenza” sottolinea Sergio Maiga. “Innanzi tutto permette ai possessori di vetture elettriche di calcare le stesse prove speciali che hanno fatto la storia dei rally, come il Langan e il Teglia che sono nella memoria di tutti gli appassionati di rally. Inoltre” prosegue Maiga “sarà la dimostrazione che queste vetture possono affrontare percorsi impegnativi come quelli offerti dal Rallye Sanremo, con due tappe importanti. La seconda misura oltre 130 km, salendo fino ai 1127 di altitudine della Colla di Langan. Insomma, l’Eco Rallye Sanremo sarà una vetrina delle prestazioni di queste vetture del futuro che possono essere già usate nel presente”.

Negli anni scorsi andò così

1° ECO RALLYE SANREMO (2016): 1. Massimo Liverani-Valeria Strada (ITA); Fulvio Maria Ballabio (MC)-Fulvio Cervo (ITA); 3. Massimiliano Sorghi-Desa Fogel (ITA)

2° ECO RALLYE SANREMO (2017): 1. Nicola Ventura-Guido Guerrini (ITA); 2. Frédéric Mlynarczyk (F)-Artur Prusak (MC); 3 Fuzzy Kofler-Franco Gaioni (ITA).

3° ECO RALLYE SANREMO (2018): 1. Frédéric Mlynarczyk (F)-Christophe Marques (F); 2. Didier Malga (F)-Anne Valérie Bonnel (F); 3. Fuzzy Kofler-Franco Gaioni (ITA).

Tutte le informazioni su tutte le gare del Rallye Sanremo sono reperibili sul sito www.rallyesanremo.com; ; in particolare quelle riguardanti il 4° ECO Rallye Sanremo sono alla pagina: https://rallyesanremo.com/4-eco-rallye-sanremo/

Blog su WordPress.com.

Su ↑