Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Automobilismo

Lancia 037 presente al Rally Storico di Montecarlo.

Dal 25 al 26 gennaio ritorna a Torino la rievocazione storica del rally su strada più antico del mondo.

Il marchio Lancia sarà presente alla partenza della gara in Piazza San Carlo con la Rally 037, che proprio quest’anno festeggia il quarantesimo anniversario della vittoria al Rally di Montecarlo.

La Lancia Rally 037 racchiude lo spirito sportivo di Lancia e i suoi dettagli stilistici hanno ispirato Lancia Pu+Ra Zero, il manifesto tridimensionale presentato il 28 Novembre durante il Lancia Design Day.
 

“Siamo orgogliosi di prendere parte a questa rievocazione storica famosa in tutto il mondo, esponendo la nostra Lancia Rally 037, una vettura da gara straordinaria che, insieme alla Stratos e alla Delta, ha fatto di Lancia il marchio più vincente nella storia del Rally. Queste vetture da gara, efficienti, rientrano nell’immaginario collettivo poiché hanno fatto sognare tantissimi appassionati e ci hanno ispirato per definire il linguaggio di design del futuro di Lancia”, dichiara Luca Napolitano, CEO del marchio Lancia.

Dopo un’attesa durata sette anni, torna a Torino il Rally Storico di Montecarlo, la rievocazione storica del rally su strada più antico del mondo, riservata alle vetture d’epoca che hanno partecipato ad almeno un Rally Automobile Montecarlo entro il 1983. La competizione, giunta alla sua venticinquesima edizione, prevede anche quest’anno partenze da città diverse – Oslo, Londra, Bad Homburg, Reims e Torino – per raggiungere il Principato di Monaco, dove si svolge la vera e propria gara dal 27 gennaio al 1° febbraio, a cui partecipano ben 19 vetture Lancia d’epoca appartenenti a clienti privati.
La sontuosa Piazza San Carlo di Torino, cuore del capoluogo piemontese, fa da cornice all’evento.
Da qui gli equipaggi partono alla volta di Montecarlo e il grande pubblico ha la possibilità di ammirare le vetture che hanno fatto la storia del Motorsport. L’evento è organizzato dall’Automobile Club Torino, in collaborazione con l’Automobile Club di Monaco, e vanta il patrocinio del Comune di Torino e della Regione Piemonte.

Per l’occasione, presso lo stand Lancia, è presente l’iconica Lancia Rally 037, appartenente alla collezione storica di Stellantis esposta presso l’Heritage HUB di Torino e che proprio 40 anni fa vinceva sia il Rally di Montecarlo che il Mondiale Rally.
Nata sulla base della Beta Montecarlo, la Lancia Rally 037 non fu pensata per essere prodotta in numeri elevati, essendo la produzione della vettura stradale unicamente propedeutica all’entrata nel mondo del Rally. L’esordio ufficiale avviene al Salone di Torino del 1982 con la versione stradale e l’anno successivo la Rally 037 domina il Campionato Mondiale sin dalla prima gara, proprio il Rally di Montecarlo, vinto da Walter Röhrl. Alla fine della stagione, nonostante l’agguerrita concorrenza delle nuove Audi Quattro a trazione integrale, la Lancia conquista il titolo Mondiale Costruttori, il secondo posto nel Mondiale Piloti e il Campionato Europeo ed Italiano.

Caratterizzata da forme “funzionali” e spigolose, sia nel frontale che nel posteriore, la Lancia Rally 037, meglio conosciuta con la sigla di progetto “037”, è una sportiva pura che incarna la famosa vittoria di Davide contro Golia. La Lancia Rally 037 è infatti l’ultima vettura a due ruote motrici a vincere il Mondiale di Rally, nel 1983, battendo avversari più potenti e, soprattutto, dotati di trazione integrale. La sua originale struttura mista, monoscocca e tubolare, viene “vestita” dall’atelier Pininfarina che sviluppa una carrozzeria aggressiva ed elegante al contempo, in grado di conferire un importante carico aerodinamico verso il suolo. Per raggiungere la massima efficienza, viene realizzata in poliestere con rinforzi in vetroresina, mentre i due leggerissimi cofani, motore e baule, possono essere smontati integralmente.
Gli interni, minimalisti e razionali, sono la quintessenza della competizione, così come alcune “appendici” aerodinamiche sul montante e sulla coda, tra cui un vistoso spoiler posteriore, la rendono ancora più performante.

Il Rallye di Montecarlo Historique della genovese Scuderia del Grifone.

Giornata di vigilia per la 25^ edizione del Rallye Montecarlo Historique che prenderà, per numerosi equipaggi Italiani, il via da Piazza San Carlo a Torino, alle 19 di domani, giovedì 26 gennaio. La classica competizione monegasca, alla quale la Scuderia del Grifone parteciperà con un importante impiego di uomini, si snoda su un percorso di poco meno di 2500 km, di cui 450 di prove speciali. Si inizierà con gli oltre 500 km della lunga tappa di avvicinamento che, da Torino porterà sino a Gap e da li, sino allo start di Monaco, previsto per le ore 7 del mattino di sabato 28 gennaio. Nei giorni successivi le auto transiteranno per i luoghi che hanno contribuito a fare la storia del rallismo. Tra questi: il Burzet, Sain t- Agrève, La Remise, Saint Bonnet Le Froid, Col de Braus, Col de l’Horme e tanti altri. Una gara tanto leggendaria quanto impegnativa, che si concluderà nella notte del 31 gennaio prossimo sul porto di Montecarlo, dopo la “magica notte del col de Turini” che tanta fortuna portò ai i colori italiani.

Saranno 12 gli equipaggi con i colori della Scuderia genovese del Grifone, tra questi piloti e navigatori esperti, alcuni addirittura titolati e con un passato in squadre ufficiali, tutti comunque accomunati dalla grande passione per il motorismo e le auto d’epoca.

Lo schieramento delle vetture sarà particolarmente eterogeneo: dalle più datate Alfa Romeo Giulia Ti di Gianni Chiesa con la sorella Tiziana; alla Giulia1900 Super di Francesco Liberatore affiancato da Paolo Calabresi. Si passa poi alla potentissima Renault 5 Turbo portata in gara dall’equipaggio Tony Rossi – Massimo Liverani, alla performante X 1/9 condotta in gara da Maurizio Verini accompagnato alle note da Enrico Merenda, alle due Audi-Quattro di Marco Corbetta con Alessandro Moretti ed Ermanno Keller affiancato da Roberto Ricci. Angelo Campedelli e Andrea Farmakakis saranno, invece, in gara con una Ford Escort Rs 2000. Angelo Pasino con Patrizia Italiano sarà alla guida di un’Opel Kadett GTE.  Due le Lancia Beta Coupé, la Gruppo 4, affidata all’equipaggio Bonamini – Ambrogi e la versione Gruppo 3 per Maurizio Aiolfi e Carlo Merenda che dopo la terza piazza dell’edizione scorsa andrà alla ricerca del primo gradino del podio. Su Saab 96 V4 ci sarà l’equipaggio formato da Marco Gandino e Danilo Scarcella. Infine al via, dopo la notevole prestazione dell’edizione 2022 (quarti assoluti). Ella compagnia ci saranno anche Massimo Canella e Vittorio Berzero su Renault 12 Gordini.

Una grande squadra, ricca di storia e tradizione con un dispiegamento di forze senza eguali per garantire agli equipaggi il massimo di assistenza e comfort, durante tutta la gara. Oltre 70 persone che compongono il team ci saranno una decina di furgoni d’assistenza, un camper, 2 navette piloti/bagagli e 2 mezzi di assistenza veloce per essere sempre dove è necessario.

Prorogate al 30 gennaio le iscrizioni alla 9^ Ronde della Val Merula.

Lunedì prossimo, 30 gennaio, sarà l’ultimo giorno per inviare l’iscrizione alla nona edizione della Ronde della Val Merula, in calendario il 4 e 5 del prossimo mese di febbraio.

A causa dell’entrata in vigore delle nuove norme che riguardano i serbatoi di sicurezza sulle vetture da gara, e per facilitare e le sessioni di rilascio, rinnovo e aggiornamento dei passaporti tecnici, i vertici dell’Associazione Sportiva Sport Infinity, sodalizio organizzatore della prima competizione della stagione 2023, hanno chiesto e ottenuto da AciSport la proroga delle adesioni.

Proprio per quanto riguardano le problematiche riguardanti i passaporti tecnici, ad Andora il venerdì precedente la gara, ossia il 3 febbraio sarà fatta una sessione speciale grazie alla collaborazione di alcuni Commissari Tecnici Nazionali.

La nona edizione della Ronde della Val Merula ricalcherà l’apprezzato formato delle precedenti edizioni: partenza ed arrivo ad Andora, con un tracciato di poco oltre 205 chilometri, 44 dei quali relativi alla nuova prova cronometrata, che sarà ripetuta quattro volte, denominata “Madonna della Guardia”, sul percorso che collega la località Caso a Villalunga.

La gara assegnerà il 1° “Memorial Davide Elena”, istituito per ricordare un giovane componente del gruppo di lavoro recentemente scomparso.

L’emittente televisiva Primocanale seguirà l’evento con alcuni servizi.

Tutte le informazioni sulla 9^ Ronde della Val Merula sono reperibili sul portale dell’organizzazione all’indirizzo https://www.sportinfinity.it.

Alla Toyota Gazoo Racing la prima vittoria del 2023 al Montecarlo

Toyota Gazoo Racing World Rally Team ha iniziato il FIA World Rally Championship 2023 con una doppietta al Rallye MonteCarlo, con Sébastien Ogier che ha conquistato una nona vittoria da record al leggendario evento davanti al compagno di squadra Kalle Rovanperä.

Il clima prevalentemente asciutto ha reso il rally di quest’anno più un test di prestazioni assolute del solito, e Ogier ha dettato il ritmo fin dall’inizio con cinque vittorie di tappa consecutive aprendo un vantaggio di mezzo minuto all’ora di pranzo di venerdì.

La GR Yaris Rally1 Hybrid è stata la più veloce nelle prime 11 tappe della stagione, la sua striscia si è conclusa solo sabato pomeriggio, quando Ogier era concentrato sulla gestione del suo vantaggio. Ha portato un vantaggio di 16 secondi su Rovanperä nell’ultimo giorno, quando ha continuato a rivendicare le sue vittorie di ottava e nona tappa del fine settimana e ha concluso con un margine vincente di 18,8 secondi.

La cinquantaseiesima vittoria di Ogier nel WRC è anche la prima per il suo co-pilota Vincent Landais, nel secondo evento da quando ha iniziato a lavorare con il navigatore francese emergente alla fine della scorsa stagione. È anche la quinta vittoria a Montecarlo di Toyota con un quinto modello diverso: la GR Yaris Rally1 Hybrid ha tutte le tappe del fine settimana tranne due.

Con Ogier che ancora una volta parteciperà ad una selezione di eventi in questa stagione, il secondo posto e la vittoria nella Power Stage rappresentano un inizio ideale per Rovanperä e il copilota Jonne Halttunen per la difesa dei loro primi titoli di campionato. Rovanperä è cresciuto in fiducia e velocità durante il rally, conquistando sei vittorie di tappa in totale sulla strada per un primo podio al Rallye Monte-Carlo.

Elfyn Evans ha mostrato un ritmo altrettanto forte rispetto ai suoi compagni di squadra per tutto il fine settimana ed è stato secondo dietro Ogier prima di perdere circa 40 secondi con una gomma danneggiata nella SS5 venerdì mattina. Lui e il co-pilota Scott Martin hanno combattuto per finire quarti, a 27,8 secondi dal podio nonostante un breve testacoda domenica mattina. È stato anche terzo nella Power Stage per rivendicare tre punti bonus aggiuntivi.

Il forte inizio di stagione per TGR è stato completato da Takamoto Katsuta nel suo WRC Challenge Program. Ha prodotto la sua migliore prestazione al Rallye Montecarlo fino ad oggi insieme al copilota Aaron Johnston, unendosi spesso ai suoi compagni di squadra nei primi quattro tempi di tappa e finendo sesto assoluto.


Queste le dichiarazioni di fine gara:

Akio Toyoda (Presidente TGR-WRT)

“Congratulazioni per la nona vittoria di Seb e la prima vittoria di Vincent a Montecarlo! È stato l’inizio della seconda stagione per la nostra GR YARIS Rally1 HYBRID. Il team ha iniziato la preparazione per questa stagione subito dopo il Rally del Giappone dello scorso anno, ha apportato molti aggiornamenti alla vettura in un breve periodo di tempo e l’ha resa pronta per questo primo round. Apprezzo molto tutti i membri del team che lavorano sempre così duramente senza avere molto tempo libero anche durante le festività natalizie. In risposta ai loro sforzi, Seb e Vincent hanno vinto il rally e gli altri equipaggi hanno completato tutte le prove speciali. È stato un grande inizio di stagione come squadra. Grazie mille a tutti!

C’è stato un altro grande cambiamento nella off-season: il team è diventato una nuova società, “Toyota Gazoo Racing World Rally Team”. Con la nuova società, non punteremo solo alla vittoria nel WRC, ma affronteremo anche varie sfide, tra cui lo sviluppo del prodotto per rendere lo sport del rally più ampio e sostenibile. Jari-Matti, Chief Rally Sporting Officer (CRSO), Tom Fowler, Chief Technical Officer (CTO), e tutti i dipendenti qui amano i rally e le auto. Continueremo le nostre sfide insieme per portare più sorrisi sui volti delle persone attraverso rally e auto.


Jari-Matti Latvala (Team Principal)

“Siamo molto contenti di questo risultato, è un modo fantastico di iniziare la stagione. Ci aspettavamo una competizione dura quest’anno e non eravamo sicuri di come sarebbe andato questo rally, ma tutto il lavoro che tutti nel team hanno fatto ha davvero pagato. Venendo qui a Montecarlo sapevo che Sébastien era molto motivato dopo essere arrivato così vicino alla vittoria l’anno scorso. Si poteva vedere quella fame nei suoi occhi fin dall’inizio giovedì sera e dopo ha guidato in maniera perfetta. Allo stesso tempo sono anche molto felice di vedere il grande ritmo di Kalle, di Elfyn e di Takamoto. Kalle è migliorato passo dopo passo per il suo primo podio a Monte e sono sicuro che l’anno prossimo sarà pronto per vincere qui. Possiamo vedere che la macchina si sta comportando molto bene, ma sappiamo che dobbiamo continuare a lavorare”.

Kalle Rovanperä (Pilota vettura 69)

“Devo dire che siamo davvero contenti di questo fine settimana. C’era un po’ più di pulizia della strada da fare all’inizio del rally di quanto mi aspettassi, quindi abbiamo perso molto tempo lì, ma dopo il ritmo era davvero buono. Quando avevamo una strada pulita avevamo lo stesso ritmo di tutti gli altri, stavamo lottando per i migliori tempi e finalmente potevamo anche prendere punti pieni sul Power Stage, quindi abbiamo davvero buoni punti per iniziare la nostra stagione. Il team ha fatto un ottimo lavoro con la vettura; Penso che tutti noi fossimo veloci e abbastanza fiduciosi in macchina. Congratulazioni a Seb: è il padrone di Montecarlo”.

Elfyn Evans (Pilota vettura 33)

“Nel complesso il weekend è stato positivo per noi. È stato abbastanza buono in termini di ritmo e probabilmente avevamo il potenziale per ottenere un po ‘di più. Un po’ di frustrazione venerdì ci ha messo fuori dalla contesa per il podio, ma questo è il rally e il modo in cui va a volte. Dopo di che, il quarto posto è stato probabilmente il massimo che avremmo potuto ottenere e il distacco dal terzo era un po’ troppo grande. Sono comunque ottimi punti per iniziare la stagione e una prestazione decente. La macchina funzionava davvero bene; La squadra ha lavorato sodo e questo si vede nel risultato complessivo qui”.  

Sébastien Ogier (Pilota vettura 17)

“È stato un weekend perfetto. Questo rally significa molto per me e vincerlo è sempre qualcosa di molto speciale, quindi mi divertirò molto. Penso di poter essere orgoglioso di me stesso e orgoglioso della mia squadra. È stato un weekend abbastanza dominante per la squadra. Toyota ancora una volta ci ha fornito strumenti fantastici, quindi grazie a loro. È un modo fantastico per iniziare la stagione con una doppietta ed è stata una grande prestazione anche da parte di Kalle. Ieri è stata dura per i miei nervi; Sapevo di poter andare più veloce, ma non volevo correre rischi. Oggi sapevo che si trattava più di guida pura e potevo godermi la fine del rally. Sono così felice anche per Vincent. È la sua prima vittoria nel WRC e se la merita tanto; Ha fatto un lavoro perfetto sul mio lato destro solo nel nostro secondo rally insieme”.  

Classifica Finale, Rallye Montecarlo

1 Sébastien Ogier/Vincent Landais (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) 3h12h02m.0s

2 Kalle Rovanperä/Jonne Halttunen (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +18.8s

3 Thierry Neuville/Martijn Wydaeghe (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +44.6s

4 Elfyn Evans/Scott Martin (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +1m12.4s

5 Ott Tänak/Martin Järveoja (Ford Puma Rally1 HYBRID) +2m34.9s

6 Takamoto Katsuta/Aaron Johnston (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +3m32.6s

7 Dani Sordo/Cándido Carrera (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +3m47.5s

8 Esapekka Lappi/Janne Ferm (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +3m51.3s

9 Nikolay Gryazin/Konstantin Aleksandrov (Škoda Fabia RS Rally2) +10m03.4s

10 Yohan Rossel/Arnaud Dunand (Citroën C3 Rally2) +10m07.9s

Il prossimo appuntamento è con il  Rally di Svezia (9-12 febbraio), l’unico evento invernale della stagione che si svolge su neve e ghiaccio. 

Per il rally storico delle Valli Cuneesi bisognerà attendere la fine di luglio

Il rally delle Valli Cuneesi 2023 sarà di nuovo in format storico. La gara, organizzata da Sport Rally Team di Carmagnola, si svolgerà il 29 e 30 luglio a Saluzzo e dintorni.

Inizialmente era inserito a calendario nel weekend di metà luglio, ma proprio in questi giorni è stato posticipato nell’unica data libera del mese, e quindi sabato 29 e domenica 30. Sei prove speciali in tutto, di cui quattro nel pomeriggio di sabato (in diurno), due la domenica mattina. Arrivo e premiazione verso le 14.30 della domenica nel centro storico di Saluzzo. Verifiche tecniche e sportive dalle 9 alle 13 di sabato 29 luglio.

Lo spostamento di data del 14° Rally Storico e Regolarità Sport delle Valli Cuneesi è dovuto a cause non dipendenti dalla volontà del comitato organizzatore: “Un evento dalla forte connotazione religiosa che attira migliaia di persone – racconta il patron Piero Capello – si svolgerà nella settimana dal 13 al 16 luglio.

Coinvolgerà per una settimana tutte le strutture ricettive del territorio in un raggio di 30 km. Nonostante l’amministrazione comunale di Saluzzo avesse già concesso alla nostra gara il patrocinio e il benestare all’utilizzo di strade, piazze e strutture della città, la totale indisponibilità di posti letto ci ha indotto a chiedere il cambio di data”.

L’evento, esclusivamente rivolto alle vetture storiche, ha ottenuto da Aci Sport la titolazione per il TRZ Trofeo di 1° zona e si arricchirà con diversi trofei molto blasonati.

Nel 2022 la gara era stata vinta dal saluzzese Enrico Brazzoli (nella foto) che, in coppia con Nicolò Barla, proprio in casa aveva dato il meglio della loro 911 Sc (Movisport), aggiudicandosi 4 delle 6 prove speciali ricavate nella Granda.

E’ tempo d’iscrizioni per la 9^ Ronde della Val Merula

La stagione rallystica nazionale, anche per il 2023, prenderà il via dalla Liguria.

Ad aprirla sarà la Ronde della Val Merula, in programma ad Andora il 4 e 5 febbraio prossimi. La gara savonese, giunta alla nona edizione con la collaudata organizzazione della Associazione Sportiva Dilettantistica Sport Infinity, aprirà domani, 5 gennaio, le iscrizioni, adesioni che potranno essere effettuate sino al 25 gennaio seguendo la procedura online sul sito della Federazione.

La 9^ Ronde della Val Merula si riproporrà nella sua usuale veste e ricalcherà l’apprezzato format delle edizioni precedenti: partenza ed arrivo ad Andora, percorso di 205,23  km, 44 dei quali relativi alla nuova prova cronometrata “Madonna della Guardia”, da Caso a Villalunga, che verrà percorsa quattro volte. La gara assegnerà il 1° “Memorial Davide Elena”, in ricordo di un giovane componente del gruppo di lavoro scomparso di recente, mentre la cittadina di Andora sarà ancora il fulcro della manifestazione e tutto il rally costituirà una nuova opportunità di integrazione e valorizzazione con l’intero territorio interessato dalla gara.

Dopo averci pensato a lungo – sottolinea Domenico Salati, Presidente della Asd Sport Infinity – abbiamo deciso di cambiare la prova speciale  riproponendo il tratto già percorso nella seconda edizione della gara, una prova che aveva riscosso  consensi unanimi da parte dei concorrenti. Come sempre, siamo pronti ad accogliere i partecipanti e a contraccambiare il loro gradimento al nostro rally con la miglior organizzazione possibile, che dia loro modo sia di ritrovare il feeling al volante, dopo la breve pausa invernale, che di collaudare le vetture in vista della nuova stagione agonistica“.

Lo scorso anno, sul gradino più alto del podio salirono i francesi Mathieu Franceschi e Florian Haut-Labourdette su Volkswagen Polo R5 seguiti , dalla Skoda Fabia di Simone Miele e Nicolò Gonella. Terza piazza per Andrea Gonella affiancato da  Fabio Grimaldi sempre su Skoda.

Automobilismo: seconda frazione alla Dakar Classic 2023

La Squadra Corse Angelo Caffi, rappresentata dall’imperiese Luciano Carcheri e Giovanni Bernacchini, ha disputato una giornata concreta con ottime performance sulle dune ed in navigazione in una delle tappe più lunghe della maratona

Seconda tappa alla Dakar Classic 2023 e in casa Squadra Corse Angelo Caffi c’è la giusta dose di soddisfazione dopo che Luciano Carcheri e Giovanni Bernacchini hanno raggiunto il bivacco di Alula forti di una performance nel complesso positiva in una tappa confermatasi durissima.

Il pilota ligure, che ieri aveva avuto qualche difficoltà di elettronica sulla Isuzu Vehicross, oggi ha disputato una tappa costante che gli ha permesso di scalare qualche posizione nella classifica assoluta e di categoria H2. Come tipico delle gare di questa portata, le classifiche di giornata sono ancora in fase di definizione, dato che molti concorrenti hanno concluso la frazione fuori tempo massimo.

La giornata si componeva di sei settori competitivi: due di regolarità, due di dune e due di navigazione. Le medie abbastanza elevate della categoria H2 sono state uno dei fattori di maggiore difficoltà per Carcheri e Bernacchini, che nelle due prove di regolarità hanno accusato qualche penalità di distacco rispetto ai diretti avversari. Molto meglio invece sulle dune, dove l’esperienza di Carcheri è servita a piazzare ottimi punteggi e altrettanto positiva la progressione in navigazione, con un ultimo settore davvero brillante e con l’ottava prestazione assoluta.

La tappa di domani | 3 gennaio 2023
Lunghezza totale: 618km
Lunghezza prove: 307km
Partenza: Alula
Arrivo: Ha’il
Descrizione: Si tratta della terza tappa per lunghezza complessiva, e della seconda per la lunghezza della parte competitiva. Secondo gli organizzatori i primi 50 chilometri sono i più belli dell’intera gara, ci sono passaggi in alcuni canyon e tutti gli ingredienti per ribaltare la classifica Classica.

Automobilismo: le gare 2023 in provincia di Genova

Cinque slalom e un Rally. Queste sono le gare automobilistiche, in provincia di Genova, che sono state iscritte nel Calendario 2023 di Aci Sport.

Aprirà la stagione il 41° Slalom Mignanego Giovi, che è programmato per la classica data del primo maggio. Domenica 4 giugno sarà la volta del 4° Slalom Busalla Crocefieschi, mentre l’undici dello stesso mese di giugno tornerà il Rally della Lanterna giunto alla 39^ edizione. La gara è valida come prova di Coppa di Zona. Il 16 luglio si disputerà il 15° Slalom Favale Castello, gara valida come prova del Campionato Italiano della Specialità e del Trofeo Italia del Nord. Nell’ultima domenica di agosto, il ventisette, ci sarà il debutto dello slalom Piccarello Sant’Olcese.

A ottobre, il ventinove, chiuderà la stagione lo slalom Chiavari Leivi giunto alla dodicesima edizione.

Il 23° Prealpi Master Show, ha aperto lo Challenge Raceday Rally Terra 2022/2023

Una giornata gelida ma soleggiata ha accolto i 135 partenti del 23° Prealpi Master Show, dei quali 51 iscritti a Raceday.

La prova cronometrata allestita tra i vigneti veneti dal Motoring Club, era stata modificata rispetto allo scorso anno e i piloti l’hanno trovata molto tecnica e in alcuni tratti scivolosa a causa della pioggia caduta copiosa prima della gara.

Sul tracciato del  Master Show di poco più di nove km si sono avvicendati al vertice il corso Jean Philippe Quilichini, navigato da Buresi su Skoda Fabia EVO e lo sloveno Bostial Avbelj, affiancato da Andrejka anche loro su Skoda Fabia.

Tra loro si è inserito Jader Vagnini, con Musiari alle note  su un’altra Skoda Fabia, che ha migliorato i suoi tempi in ogni passaggio.

Alla fine ha avuto la meglio lo sloveno  Avbelj, che vincendo tre passaggi si è piazzato sul primo gradino del podio, alla sua prima gara su  terra, seguito dal sammarinese Vagnini che ha preceduto di poco il corso Quilichini, terzo assoluto che ha fatto qualche piccolo errore di troppo e che nell’ultima prova ha avuto dei problemi con i freni. A fine gara si è comunque dichiarato soddisfatto di questo risultato in ottica del campionato Raceday.

Il rientrante Andrea Dalmazzini in coppia con Albertini su Hyundai i20, ha pagato il fatto di essere partito con il numero uno e dovendo nel primo passaggio aprire la strada e al motivo che era lontano dalle gare da parecchi mesi.

Comunque si è mantenuto sempre nella parte alta della classifica, concludendo, quarto assoluto con una ottima prestazione nell’ultima prova.

A completare la cinquina finale un ottimo Edoardo Bresolin, affiancato da Pollet anche loro su Skoda Fabia.

Una gara il 23° Prealpi Master Show che ha aperto in bellezza il Challenge Raceday Rally Terra, disputato in una bella atmosfera di festa, una caratteristica che contraddistingue questa competizione veneta di fine anno.

I prossimi appuntamenti del Challenge Raceday Rally Terra saranno: il Rally Terra Valle del Tevere in programma il 12 febbraio 2023; il Rally di Foligno 5 marzo  e il Rally Valtiberina 15  del prossimo aprile 2023.

Blog su WordPress.com.

Su ↑