Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Automobilismo

Domenica 23 giugno una giornata per raccontare il 109° anniversario del marchio Alfa Romeo.

Il 23 giugno sarà un intero giorno di festa. Al Museo Storico di Arese il 23 giugno andrà in scena lo speciale AlfaRomeoDay: durante l’intera giornata sono in programma appuntamenti, incontri, eventi che spaziano dalla storia all’attualità. Una festa dedicata agli appassionati, che si aprirà con una parata di auto sulla pista interna. Sono ammessi tutti i modelli, sia attuali sia storici, purché contrassegnati dal Biscione: l’appuntamento è alle 10 nel parcheggio del Museo, per poi inanellare qualche giro di pista e scattare una foto ricordo. A guidare il corteo sarà l’Alfa Romeo 4C Safety Car del FIA World Touring Car Championship (WTCC).

Il ricco programma proseguirà sempre all’insegna della 4C, protagonista alle 10.30 dell’incontro con il Centro Stile e dell”inaugurazione della mostra 4C Concept / The Story dedicata al prototipo della supercar compatta. Alle ore 12, in sala Giulia, saranno proiettati video storici e contemporanei. Alle 14 è prevista una nuova puntata del ciclo d’incontri “Backstage”, alla scoperta di pezzi della collezione storica normalmente conservati nei depositi e non visibili al pubblico. Alla vigilia dell’anniversario di fondazione si racconta la Darraq 8/10 HP da cui ha avuto origine la storia dell’A.L.F.A.

Dalla storia al presente: alle 15.10 si accendono i motori del FrenchGP, trasmesso in diretta dalla sala Giulia, che diventa una vera e propria “tribuna Alfa Romeo” in occasione della gara di Formula 1 del team Alfa Romeo Racing. Sempre in tema di competizione, alle 16.30 s’inaugura la mostra Racing Line, dedicata alla livrea della monoposto di Formula 1 Alfa Romeo Racing: il percorso, il logo, le diverse proposte e soluzioni creative sono raccontate attraverso le tavole del Centro Stile Alfa Romeo. Per i visitatori che vogliono approfondire la storia del marchio, alle 16 è in programma la visita guidata gratuita. Sarà infine la parata delle Alfa Romeo dei visitatori, alle 17.30, a chiudere l’emozionante #AlfaRomeoDay. Tutte le attività sono gratuite e comprese nel biglietto d’ingresso e il programma dettagliato della giornata su museoalfaromeo.com.

Il Rally d’Italia per altri tre anni in terra di Sardegna

L’Automobile Club d’Italia ha trovato l’accordo con la società Wrc Promoter Gmbh per la conferma del Rally Italia Sardegna nel calendario del Campionato del Mondo Rally per altri tre anni. L’annuncio è stato dato dal Presidente di Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani, presente ad Alghero in occasione dell’edizione 2019 della gara sarda, ottavo round del Campionato del Mondo.

“Non sono state poche le difficoltà che abbiamo dovuto superare per riaffermare la presenza del Rally Italia in Sardegna – ha affermato il Presidente di Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani – anche perché è in atto una profonda rivisitazione del calendario del mondiale. Ma ora posso annunciare con soddisfazione che il lavoro fatto ha dato i suo frutti e che siamo riusciti a trovare un accordo per la disputa della prova italiana della serie iridata rally in Sardegna per altri tre anni”.

“Questo accordo è molto importante anche e soprattutto per il territorio – ha concluso Sticchi Damiani – che potrà ora organizzarsi e lavorare sull’evento con una visione di più ampio respiro”.

Automobilismo: Pasquale Bentivoglio vince la Susa – Moncensio.

Pasquale Bentivoglio, su Tatuus Ninja, si è aggiudicato la Susa – Moncenisio e, per la prima volta in carriera, scrive il suo nome sul “Libro d’Oro” della corsa in salita più antica del mondo.

Il pilota comasco, nonostante la pioggia a complicare le cose, ha ottenuto la vittoria grazie al miglior tempo in ognuna delle tre manche regolarmente disputate.

Una pioggia mai battente ma sicuramente fastidiosa ha caratterizzato la gara obbligando i piloti a scelte di gomme e di strategie più difficili del previsto.

Seconda piazza, e vincitore di Gruppo E2SS, Andrea Grammatico, il mattatore delle ultime due edizioni della competizione organizzata dalla Supergara, al via su una Radical SR4 Suzuki con i colori della Scuderia Winners Rally Team. Il giovane pilota torinese è bravo a tenere il passo di Bentivoglio nelle prime due manche ma nella terza e decisiva salita commette uno dei suoi rari errori di guida che lo costringe a rimandare a data da destinare il tris a Susa.

Gradino più basso del podio per Luca Veldorale, portacolori della Scuderia Alta Valle Motor Sport, vincitore tra le vetture Gruppo E2 Silhouette con un’A112 Kawasaki.

Per i genovesi in gara da evidenziare la prova di Stefano Repetto (Fiat cinquecento motorizzata Suzuki) che ha ottenuto la quarta piazza assoluta. Ottava posizione assoluta per Giacomo Giovanni Gozzi (Radical SR4) con i colori della Scuderia Racing for Genova. Per la Scuderia Sport Favale 07, il miglior piazzamento (11° assoluto) è arrivato da Paolo Bordo su Renault Clio. I suoi compagni di Team Franco Vigo (Renault R5 GT T); Enrico Franzero (A112 Abarth) hanno tagliato il traguardo rispettivamente in ventesima e ventunesima posizione.

Campionato Italiano Velocità Fuoristrada Ivano Nicoletta si impone al Sassello

Ivano Nicoletta è il vincitore della prova di Campionato Italiano che si è disputato sulla pista del Sassello nell’entroterra Savonese.

Il pilota di Ivrea, a bordo del Suzuki Proto motorizzato Volkswagen 2000 TD, nella personalissima versione “Volumetrico”, si conferma fuoriclasse della specialità velocità fuoristrada imponendosi nella sterza tappa del campionato al Crossdromo “Giardinetti” del Sassello.

Sui mille e seicento metri del tracciato, Nicoletta è stato il più veloce, lasciando la vittoria nella quinta prova a Emanuele Lagrotteria, l’ovadese per tutto il weekend lo ha inseguito, patendo però alcune noie all’idroguida del suo fuoristrada.

Dopo cinque prove speciali, la classifica finale indica quindi vincitore Ivano Nicoletta, primo anche di Gruppo B2, con 32″6 di vantaggio su Emanuele Lagrotteria, vincitore del Gruppo M, e 1’35″28 sul terzo gradino del podio è salito l’emiliano Stefano Fioroni a bordo del Suzuki W4.

Quarto assoluto è Alberto Bonino, secondo di B2 con il Suzuki Samurai, a precedere Alberto Gazzetta e Enrico Candelone, quinto assoluto e primo di B1 con Ford Fiesta.

Marco Tonella si impone tra i giovani piloti della A1, precedendo la Beatrice Mascioli, seconda.

In Gruppo N è primo Andrea Pizzato, con Paolo Gazzetta, in Gruppo TM il vincente  è Ivan Martorelli con problemi di alimentazione nelle tornate finali e in Gruppo F sono primi Paolo Magagnato e Sergio Callegari.

Traditi dai propri fuoristrada, con rotture meccaniche, sono fuori dai punti Renato Moscati, fermo nella prima prova per rottura delle sospensioni posteriori del suo Maserati, rallentato nel finale è Silvio Peretto gran protagonista delle prime frazioni cronometrate.

La Susa – Moncenisio accende i motori.

Tutto pronto per la Susa – Moncenisio, la competizione, organizzata dalla Supergara, che nella fine settimana richiamerà a Susa piloti e appassionati per una gara che in 117 anni – nel 1902 si corse la prima edizione – hanno scritto pagine memorabili della storia dell’automobilismo sportivo.

Sono oltre sessanta i piloti che hanno inviato la loro adesione a questo slalom.

Dopo aver vinto le ultime due edizioni al volante di una Kalikart Formula, Andrea Grammatico si presenta al via con una Radical SR4 motorizzata Suzuki, pronto a difendere il titolo e a cercare uno storico tris. Tra le sue legittime ambizioni e la realtà, un folto drappello di concorrenti in Gruppo E2SC dove, tra le tante, brilla la stella di Davide Piotti, per cinque volte in carriera sul gradino più alto del podio a Susa con la sua Osella PA 8/9. Tre gli iscritti tra le monoposto dove Erick Campagna, su Formula Arcobaleno, farà il possibile e l’impossibile per migliorare la seconda posizione conquistata nel 2018.

Scorrendo l’elenco iscritti, il gruppo numericamente più numeroso è il Gruppo Speciale Slalom con quindici piloti a giocarsi la vittoria. Seguono, in ordine numerico, i dieci in Gruppo A e gli otto in Gruppo N e in Gruppo E2SH. Quattro le storiche attese al via della competizione con la bella sfida in classe tra le Porsche 911 di Gerardo Macchi del Sette e di Giorgio Tessore che qui ha vinto nel 2017.

Tre le manche di gara in programma; tre tentativi per provare a vincere siglando il miglior tempo e scrivere il proprio nome nell’Albo d’Oro della corsa inaugurato nel 1902 da Vincenzo Lancia su Fiat HP 24.

Il fine settimana motoristico avrà il consueto prologo nella giornata di domani, sabato 8 giugno, con le verifiche tecniche e sportive.

Domenica, una cinquantina di Lancia Delta Integrali – tra queste alcune splendide ex ufficiali Martini Racing – faranno passerella lungo il tracciato di gara per rendere omaggio alla storica gara.

Per i genovesi da evidenziare la presenza della Scuderia Sport Favale ’07 che schiererà cinque piloti. Da sottolineare la presenza di Paolo Bordo plurivincitore di titoli nazionali su Renault Clio RS. Della compagnia faranno parte anche Danilo Mosca (Peugeot 205 Gti); Gianfranco Vigo (Renault 5 GTt) Enrico Frazero (A112) ed Emanuel Traina su prototipo Alba Sp 02. L’altra scuderia: la Racing for Genova sarà rappresentata da Giacomo Gozzi su Radical SR4. Infine, Stefano Repetto sarà al via con una Fiat cinquecento.

Programma di gara

Sabato 8 giugno
dalle ore 16.30 alle ore 19.30
verifiche sportive presso Ufficio Turistico, C.so Inghilterra, 39 – Susa
e tecniche presso piazza Scuole Elementari, C.so L. Couvert – Susa

Domenica 9 giugno

dalle ore 7.30 alle ore 09.30
verifiche sportive presso Ufficio Turistico, C.so Inghilterra, 39 – Susa
e tecniche presso piazza Scuole Elementari, C.so L. Couvert – Susa

dalle ore 11.30 ricognizione ufficiale del percorso
ore 13.30 partenza della prima manche. A seguire le altre salite.

ore 18.00 premiazione

Fuoristrada sulla pista del Sassello il terzo round

L’appuntamento con i spettacolari protagonisti della serie tricolore ACI Sport, promossa da FIF Federazione Italiana Fuoristrada, è per questo fine settimana al crossodromo del Sassello nell’entroterra savonese.

L’attesa per il terzo round del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada targato FIF è alta tra gli appassionati. Le prime due spettacolari gare, corse sulla pista toscana di Polcanto e sull’emiliana di Palagano, hanno dato segnali di crescita dell’interesse da parte dei fuoristradisti provenienti da diverse zone d’Italia.

Un trend positivo che sta caratterizzando quest’inizio di stagione.

Punti di forza della serie Tricolore risiedono anche nella facilità d’approccio alle singole gare e la possibilità di correrle con affascinanti veicoli fuoristrada, costruiti su telai tubolari dalle elevate prestazioni, ma anche con mezzi derivati dalla produzione, adatti ai giovani ed esordienti piloti, ed i Side by Side.

Le prime due prove disputate, dominate dal maltempo, hanno messo in evidenza assoluta due piloti: l’ovadese Emanuele Lagrotteria con la navigatrice Monia Mainfredi vincitori a Polcanto e il biellese Ivano Nicoletta a trionfare a Palagano.

Al Sassello si prevedono i rientri di Renato Moscati, che s’annuncia in gara con una Maserati di classe B1, rientrano anche Alberto Bonino in classe B2, William Niati in B1 ed altri piloti nuovamente attratti dalla specialità, tra questi gli esordienti provenienti dalla categoria SSV che si esibiranno in cinque Prove Speciali, partendo in coda alla gara.

Automobilismo: fine settimana con la Susa – Moncenisio

Organizzata dalla Supergara, domenica è in programma la 52^ edizione della Susa – Moncenisio.

La competizione che dal 1902, anno della sua prima edizione, accende la passione per l’automobilismo sportivo.

Tre le manches di gara in programma; ognuna l’occasione per provare a vincere siglando il miglior tempo e scrivere il proprio nome nel “Libro d’Oro” della corsa. Il primo a farlo è stato Vincenzo Lancia su Fiat HP 24; l’ultimo, in una calda domenica di giugno, Andrea Grammatico primo, al volante di una Kalikart Formula, davanti a Erick Campagna su Formula Arcobaleno. Solo terzo Davide Piotti, per cinque volte in carriera il più veloce di tutti alla Susa – Moncenisio, su Osella PA 8/9. Tra le storiche, vittoria per Federico Fracasso in gara con una splendida Fiat 500 Giannini.
La competizione avrà il suo prologo alle ore 11.30 con la consueta ricognizione ufficiale del percorso. La gara vera e propria partirà alle ore 13 con la prima delle tre salite.

 

Nella foto il vincitore della scorsa edizione.

Rally: a Novembre la 1^ edizione del “Giro Dei Monti Savonesi Storico”

Il rally ritrova casa ad Albenga. Il 16 e 17 Novembre i motori delle auto da rally torneranno a rombare nella città delle torri in occasione del “Giro dei Monti Savonesi Storico”. La gara, alla sua prima edizione, sarà riservata alle auto storiche per una manifestazione che si preannuncia dal grande fascino. L’iniziativa è partita da Sport Infinity, l’associazione sportiva che ad Andora organizza da alcuni anni la “Ronde della Val Merula” e che annovera tra le sue fila anche alcuni ingauni e savonesi.

La manifestazione, con una formula però legata alle auto storiche, riprende la tradizione del “Giro dei Monti Savonesi” che nel 1978, in occasione della sua 16° edizione,  ebbe per la prima volta sede di partenza e di arrivo proprio ad Albenga. Negli anni successivi la gara aveva elevato il proprio livello, richiamando un numero importante di partecipanti grazie a prove speciali impegnative, tecniche e divertenti.

Dopo questo Rally che aveva entusiasmato tantissimi appassionati, il 16 e 17 Novembre 2019 tornerà quindi ad essere organizzata una manifestazione rallistica sui monti savonesi.

L’intenzione dello staff è infatti ora quella di rinverdire i ricordi, allestendo un percorso con alcune delle vecchie prove speciali del “Giro” rese ancora più famose perché scelte dal Rally di Sanremo dell’epoca, valido per il Campionato del Mondo.

L’organizzazione è già a lavoro e prossimamente saranno svelati maggiori dettagli su questa prima edizione. La manifestazione si pone l’obiettivo di richiamare forte interesse nei confronti del territorio, con soluzioni che coinvolgeranno la città tutta con le sue molteplici attività e aree di interesse.

Per informazioni, in attesa dei dettagli che saranno resi noti prossimamente, è possibile scrivere una mail all’indirizzo info@sportinfinity.it

Lo slalom dei Giovi dei team genovesi

Racing for Genova Team prima scuderia

Il sodalizio diretto da Raffaele Caliro ha conquistato la graduatoria riservata alle scuderie portando al traguardo finale, in una gara caratterizzata per due terzi del suo svolgimento da avverse condizioni climatiche, otto delle nove vetture ammesse alla partenza.

Ottima prestazione per Alessandro Polini (Polini 01 Bmw), ottavo assoluto, che è risultato il migliore tra i portacolori della Racing for Genova Team. Giuliano Semino (Fiat 126 Honda) ha terminato dodicesimo dimostrando di essere sempre temibile sulle strade di casa; rilevante anche la prestazione di Giacomo Gozzi, al debutto al volante dell’impegnativa Radical SR4 1400, giunto alle spalle del compagno di squadra e primo di Gruppo E2 SC.

Buone indicazioni sono venute anche dal neo acquisto Damiano Furnari (Fiat 126 Honda), che ha chiuso venticinquesimo, dal regolare Fabrizio Carabetta (Peugeot 106 1600), trentesimo, e dai rientranti Simone Bugatto (Fiat 127) e Federico Figari (Peugeot 106 1400), ai quali l’impegno è servito soprattutto per ritrovare il feeling con l’abitacolo.  Le avverse condizioni meteo hanno influito in negativo sull’impegno di Roberto Risso (L.R. 01), trentunesimo, ed hanno consigliato a Marcello Caruso (Elia Avrio ST 09) di non prendere neppure il via.

 

Lanterna Corse Rally Team: ritorno da leader per Caserza
Gianluca Caserza, pilota della Lanterna Corse Rally Team, una volta calatosi nuovamente nell’abitacolo di un’auto da corsa, ha confermato di essere tornato in splendida forma ed il risultato dello slalom Mignanego – Giovi lo testimonia.

Caserza, dopo qualche mese di stop forzato,  ha affrontato la gara di casa al volante di una Peugeot 208 con la grinta di sempre, chiudendo con un ottimo undicesimo posto assoluto, al comando tra le vetture della classe A1600 ed al secondo posto in Gruppo A.

“E’ stata una giornata perfetta – ha dichiarato Caserza -, avevamo tutti paura della pioggia, ma alla fine il meteo ci ha permesso di fare una bella gara. Dispiace solo per i ragazzi della Scuderia Valpolcevera, che prima o poi meriterebbero una bella giornata di sole per ripagare il loro notevole sforzo organizzativo. Sono contento di aver ritrovato subito ottime sensazioni ed il mio ritmo gara, è stato emozionante e divertente, anche grazie ad una macchina davvero al top”.
Soddisfazione anche per gli altri due portacolori del team genovese, con Francesco Bigotti al quarto posto della classe N1600 su Peugeot 106 e Mario Tabacco al top della N2000 con una Peugeot 205.

Blog su WordPress.com.

Su ↑