Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Autostoriche

“La Superba in 500” Raduno a Genova

Organizzato dal Fiat 500 Club Italia con il Patrocinio del Comune di Genova, della Regione Liguria e del Consorzio delle Pro Loco di Genova, nel fine settimane è in programma il raduno “La Superba in 500”.

Il rapporto che accomuna il Fiat 500 Club Italia e la Città della Lanterna è sempre stato costante e proficuo, basti pensare alla collaborazione con la “Band degli Orsi”, l’associazione di volontariato che si occupa di assistere i piccoli pazienti del Gaslini e delle loro famiglie, e che ogni 6 gennaio realizza una speciale festa della “Befana” con i cinquecentisti che portano doni ai ricoverati.

 La manifestazione è stata presentata oggi nel salone del Comune di Genova alla presenza di alcune autorità che hanno commentato con questi toni l’iniziativa:.

“Mi ha impressionato molto favorevolmente – ha dichiarato Domenico Romano, fondatore del Fiat 500 Club Italia – la disponibilità e l’entusiasmo dimostrato dal Comune di Genova e della Regione tramite gli assessori competenti per quanto riguarda l’idea di un Raduno a Genova merita molto: Garlenda ha dei solidi legami con questa città anche grazie all’amicizia che dura da ormai ventidue anni con La Band degli Orsi del Gaslini.”

“Ci sono molti aspetti positivi da sottolineare in quest’appuntamento del week end – dichiarano gli assessori al Turismo e alle Pro loco del Comune di Genova –. Il raduno ‘La Superba in 500’, organizzato con il Patrocinio del Comune, della Regione e del Consorzio delle Pro Loco, è un ulteriore segnale di ripartenza dopo un periodo difficile. Siamo orgogliose di ospitarlo a Genova, città dove il Fiat 500 Club Italia ha organizzato altre iniziative, in particolare con l’Ospedale Gaslini. Anche stavolta – e questo è il secondo elemento da segnalare – c’è uno speciale legame con la solidarietà, essendo prevista una collaborazione con la ‘Band degli Orsi’, l’associazione di volontariato che si occupa di assistere i piccoli pazienti del Gaslini. Ultimo (ma non ultimo) aspetto in termini d’importanza è la ricaduta d’immagine che eventi di questo tipo sono in grado di generare per la città”.

“La 500 non è solo un’automobile, ma come la Vespa è il simbolo di un’epoca e per tanti italiani è stato è il primo mezzo con il quale si è conquistata la libertà di movimento – afferma l’Assessore allo Sport di Regione Liguria che prosegue – i raduni di auto storiche rappresentano un’occasione per esaltare le bellezze del nostro territorio con percorsi e prove alla guida di vetture appartenenti a epoche dove la tecnologia e l’elettronica erano solo nei fumetti di fantascienza. E il fascino sta proprio qui, la riscoperta dell’antico rapporto tra il guidatore e la sua auto”.

“Questo evento unisce promozione del territorio, passione, storia ma anche solidarietà e amore verso i piccoli pazienti del Gaslini grazie all’impegno dell’associazione di volontariato Band degli Orsi” – conclude l’Assessore allo Sport che ha la delega anche alla Tutela dell’Infanzia di Regione Liguria – Questa amministrazione regionale ha investito molto in queste iniziative e anche per il futuro l’impegno è garantito”.

Il programma della due giorni della “Superba in 500” avrà inizio nel pomeriggio di sabato prossimo, dalle ore 14 alle 19, con l’accoglienza dei partecipanti in Piazza Caricamento e al Porto Antico; i partecipanti avranno la possibilità di visite al centro storico e ai musei: tra le proposte, la Cattedrale di San Lorenzo con le sue Torri e il Museo del Tesoro, il Museo della Curia, il Galata-Museo del Mare/sommergibile “Nazario Sauro”, il tour in pullman City. Il tutto in attesa della cena di beneficenza con intrattenimenti, prevista a Palazzo Ducale nel Salone del Maggior Consiglio alle 20,30.

Per domenica il programma prevede la sfilata delle vetture per le vie del centro cittadino da Piazza Fontane Marose, Piazza De Ferrari e Via XX Settembre, un tour in battello per i partecipanti prima della conclusione dell’evento.

Foto d’archivio

Il Gran Premio Nuvolari è di Aliverti – Valente su BMW 328.

Si è conclusa oggi la 32ª edizione del Gran Premio Nuvolari, con la vittoria dell’equipaggio formato dalla coppia Alberto Aliverti – Stefano Valente, alla guida di una BMW 328 Roadster del 1937.

I driver si sono distinti sin dalle prime prove, dimostrando particolare concentrazione, competenza tecnica e grande spirito, in quella che è stata una gara combattuta a fianco dei migliori regolaristi italiani e stranieri e caratterizzata da situazioni estreme a causa delle condizioni meteo avverse incontrate nel corso della seconda tappa in terra toscana.

 Per Aliverti – Valente si tratta del loro primo successo al Gran Premio Nuvolari, nell’anno in cui si festeggia l’importante ricorrenza del 130° anniversario della nascita del Mantovano Volante. 

“E’ stata una gara molto impegnativa, ma già dal primo giorno ci siamo sentiti a nostro agio e sicuri delle nostre capacità che sono state confermate poi dal risultato finale. Nella seconda giornata le difficoltà dal punto di vista atmosferico non ci hanno abbattuti, siamo partiti concentrati e siamo riusciti a mantenere il vantaggio guadagnato fino alle ultime battute” dichiara Alberto Aliverti. “Vincere il Gran Premio Nuvolari rappresenta per noi il coronamento di tanti sforzi e sacrifici e di un lavoro durato anni; la vittoria infatti non arriva per caso ma è sempre il risultato di un impegno costante – aggiunge Stefano Valente. La mia passione è nata quando avevo 14 anni ed ha a che fare con una vecchia Porsche di mio padre che stava inutilizzata in un garage e mi è stata poi regalata ufficialmente il giorno della mia laurea. Da quel giorno (la passione) non mi ha mai lasciato”. 

Secondo posto occupato dall’equipaggio composto da Andrea e Roberto Vesco, al volante di una BMW 328 del 1939 con cui avevano precedentemente trionfato nell’edizione del 2017.

Terzo classificato l’equipaggio a bordo di una Fiat 508 C del 1938 composto dalla coppia Guido Barcella – Ombretta Ghidotti.

Tutte le classifiche a questo link:

L’Automobile Club Genova ricorda Susanna Marotta

Si è tenuta oggi la cerimonia commemorativa di Susanna Marotta, “storica” direttrice dell’Automobile Club Genova, scomparsa il 25 maggio del 2021 dopo 18 anni di “guida sicura”.

Il Presidente Carlo Bagnasco e il Direttore Raffaele Ferriello hanno “scoperto” una targa nel salone dell’Automobile Club Genova, alla presenza del Questore Orazio D’Anna, degli Assessori comunali Lorenza Rosso, Paola Bordilli, Marta Brusoni e Matteo Campora, del consigliere regionale Stefano Anzalone, dell’Amministratore Delegato di Aciglobal, Francesco Mazzone, e del Presidente del Coni Liguria Antonio Micillo.

“Il mio percorso in Aci è iniziato grazie a Susanna”, ricorda Carlo Bagnasco. “L’amore viscerale che aveva per questo ente e la profonda abnegazione al lavoro sono stati per me il principiale stimolo per iniziare questa avventura alla presidenza dell’Automobil Club Genova. Susanna è stata il vero motore, per molto tempo di Ac Genova. Ci ha lasciato un’eredità importante fatta di professionisti uniti da un clima di affetto familiare che solo una grande donna come lei poteva creare, e che spero, nel suo vivo ricordo e con il mio costante impegno, di onorare. Quest’oggi è un giorno importante per tutti i presenti. Susanna è presente e vive nel cuore di ognuno di noi e in ogni angolo di questa sede e di questa famiglia che ha tanto amato e giorno dopo giorno costruito”.

A Susanna Marotta è stata dedicata anche la prima edizione del Raduno Storico Ac Genova e, nell’occasione, sono state illustrate due importanti attività promosse dall’Automobile club Genova. “Nel nome e in ricordo di Susanna Marotta – sottolinea il direttore Raffaele Ferriello – abbiamo realizzato due iniziative. Per prima cosa abbiamo donato due borse di studio che saranno destinate a ragazzi assistiti dalla Fondazione Ecoeridania Insuperabili e, in collaborazione con Lions Club Genova Sampierdarena, stiamo organizzando un concerto con la Fossati Project Band per il 30 ottobre prossimo all’Auditorium di Palazzo Rosso. Il ricavato sarà destinato all’acquisto di una apparecchiatura per il reparto di oncoematologia pediatrica dell’Istituto Gaslini di Genova a cui il nostro Automobile Club dedicherà anche altre iniziative di raccolta fondi”.

Al termine della Cerimonia presso la sede di Ac Genova, è stato dato il via ufficiale alla seconda tappa 2022 di “Ruote nella Storia”. Le auto storiche iscritte hanno attraversato le vie cittadine in direzione Pegli, Prà e Voltri con ritorno a Pegli dove si sono fatte ammirare sul lungomare. L’intenso programma della giornata ha previsto anche la celebrazione della S.S. Messa in Largo Calasetta in memoria di Susanna Marotta e a seguire un momento di convivialità con l’aperitivo di benvenuto presso il bar-ristorante Rombo Nord in piazza Porticciolo con, a seguire, il pranzo presso il ristorante “Cantine del Medi” all’hotel Mediterranee.

 Al via il Gran Premio Nuvolari

Con 312 equipaggi proventi dai cinque continenti oggi ha preso il via da Mantova  la 32ª edizione del Gran Premio Nuvolari, la manifestazione internazionale di regolarità per auto.

Dopo le classiche verifiche tecniche ante gara, nella serata di ieri giovedì 15 settembre si è tenuto il “Premio Mantova 2022 – Nuvolari 130 Anni”, un prologo notturno di 7,5 km che ha animato le strade del centro storico di Mantova, che ha visto come vincitori la coppia argentina composta dalla coppia Zerbin  Leonardo Angel padre e  il figlio Luis Angel su Triumph Tr2  del 1954 (che ha totalizzato solamente 7 centesimi di secondo di penalità in 5 prove cronometrate.

Primi tra gli equipaggi italiani Gianmarco Fontanella con  Annamaria Covelli su Lancia Aprilia del 1939 che ha tagliato il traguardo in seconda posizione.

Terza piazza per Andrea Luigi Belometti  affiancato da Doriano Vavassori  su  Luigi Lancia Lamda Spider del 1929.

La  quarta posizione è andata alla Fiat 1500 6C  del 1937 portata in gara dall’equipaggio Fabio Loperfido e Alessandro Moretti.

Oggi alle ore 10.45 c’è stata la partenza   del Gran Premio vero e proprio per affrontare un percorso di circa 1100 Km. tra le strade delle regioni Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Veneto.

 L’arrivo è previsto sempre a Mantova domenica 18 settembre.

La classifica provvisoria è disponibile al seguente link: https://www.gpnuvolari.it/it-ww/risultati.aspx

Si avvicina il Gran Premio Nuvolari

Si scaldano i motori per la 32ª edizione del Gran Premio Nuvolari, la manifestazione internazionale di regolarità per auto storiche, che dal 16 al 18 settembre riunirà a Mantova il gotha dei gentlemen drivers insieme a vetture dal fascino intramontabile per onorare il mito del “Grande Nivola”, sportivo leggendario, che più di ogni altro ha segnato la storia dell’automobilismo del XX secolo.

Nell’anno in cui si festeggia il 130° anniversario della nascita del Mantovano Volante, ricorrenza importante che verrà celebrata grazie all’impegno organizzativo di Mantova Corse, l’evento registra un numero di presenze record: sono infatti 312 gli equipaggi proventi dai cinque continenti e selezionati da un’apposita commissione che prenderanno parte alla competizione, a testimonianza del forte entusiasmo che circonda quella che è considerata una delle gare più belle al mondo.

Come da consolidata trentennale tradizione del Gran Premio Nuvolari, il numero 1 verrà riservato simbolicamente al più grande pilota di tutti tempi, il mitico Tazio Nuvolari. Il numero 2 verrà assegnato ad una vettura iscritta dal Museo Nazionale dell’Automobile e condotta dall’equipaggio De Angelis – Del Gaudio: la superba Cisitalia 202 SMM Nuvolari, la prima ed unica vettura mai intitolata a un pilota automobilistico.

Numerosi i paesi in rappresentanza di tutti i continenti, oltre che dall’Italia hanno aderito partecipanti provenienti dalla Germania, Svizzera, Olanda, Stati Uniti, Lituania, Gran Bretagna, Russia, Austria, Belgio, Uruguay, Argentina, Giappone, Colombia, Polonia, Libano, Montecarlo,a cui si aggiungono i conduttori provenienti da San Marino, Ben 48 le case automobilistiche in gara, dalle italiane Alfa Romeo, Maserati, Lancia, Ferrari e Fiat, alle inglesi Jaguar, Aston Martin, Bentley e Triumph, dalle tedesche Mercedes, BMW e Porsche fino alle pursang francesi firmate Ettore Bugatti. Quest’anno saranno più di 100 le vetture anteguerra (fabbricate dal 1932 al 1939) che prenderanno parte alla manifestazione.

Significativa anche la presenza di numerose auto degli anni ’50; saranno 150 i partecipanti che correranno il Gran Premio con vetture dei marchi Ferrari, Jaguar e Porsche.

È interessante anche notare che una parte importante delle prove a tempo del Gran Premio Nuvolari previste in Emilia Romagna, durante la prima e la terza tappa, si correranno proprio all’interno della Motor Valley, terra di motori e passione automobilistica, culla delle auto entrate nella leggenda. Grazie all’attenta collaborazione con le amministrazioni locali, alcune prove si svolgeranno proprio nel centro storico delle città, così da permettere agli appassionati di ammirare le straordinarie vetture durante i momenti cruciali delle prove.

Insieme alle vetture gioiello sarà possibile anche riconoscere i migliori top driver di categoria, da Lorenzo Turelli, vincitore della passata edizione, ad Andrea Vesco fino a Giovanni Moceri, solo per citarne alcuni.

Sensibili alle tematiche inerenti la salvaguardia dell’ambiente, verrà riproposta anche quest’anno l’iniziativa “Gran Premio Nuvolari Green”, un’importante azione di ecologizzazione realizzata con il patrocinio del Comune di Mantova.  L’impatto ambientale provocato dalla circolazione delle auto storiche partecipanti all’evento verrà compensato dalla piantumazione, in aree selezionate, di un numero tale di alberi ad alto fusto da bilanciare l’emissione totale di CO2.

 Il Gran Premio Nuvolari 2022  entrerà nel vivo Giovedì 15 settembre, dopo le classiche verifiche tecniche ante gara, una bella novità: il “Premio Mantova 2022 – Nuvolari 130 Anni” un prologo notturno di 7,5 km tra le strade del centro storico di Mantova. Sarà il saluto della Città riservato ai partecipanti provenienti dai cinque continenti.

Venerdì 16 settembre, la prima tappa. Le auto storiche partiranno da Piazza Sordello, il cuore della città lombarda. Attraverseranno le suggestive strade dell’Emilia, fino ad arrivare all’Autodromo di Modena: break per il pranzo e prove cronometrate. Si continuerà poi sugli Appennini fino ad Imola, nel celebre “Autodromo Enzo e Dino Ferrari” di Formula 1. Infine, sulle colline romagnole verso il Mare Adriatico con arrivo a Cesenatico. La suggestiva  location del Grand Hotel da Vinci aprirà le porte ai partecipanti per la serata.

 Sabato 17 settembre, la seconda tappa, vedrà un percorso nuovissimo: da Rimini verso Firenze, passando dal Passo dei Mandrioli, da Stia, fino al Passo della Consuma, poi la zona del Chianti. Nel pomeriggio gli equipaggi percorreranno le strade aretine con i controlli a timbro di Montevarchi e Pieve Santo Stefano, verso il passo di Viamaggio.

San Marino accoglierà il GP Nuvolari con l’ultimo gruppo di prove cronometrate della giornata     e il controllo a timbro in Piazza della Libertà, davanti al Palazzo del Governo della più antica Repubblica del mondo.

L’arrivo è previsto a Rimini, sulla promenade di Piazza Tre Martiri.

Foto credits ph. Stefano Molinari

Centenario Autodromo di Monza: FIAT premiata per la vittoria nel primo Gran Premio

L’Autodromo di Monza compie cento anni ed è il terzo circuito più antico al mondo ancora in uso, nonché il primo in Europa.
Per festeggiare questa ricorrenza è previsto un nutritissimo programma di eventi che attirerà oltre 300.000 visitatori nel prossimo weekend: inoltre il Comune di Monza promuove una serie di manifestazioni a carattere storico tra cui spicca la celebrazione dei marchi, auto e moto, che hanno partecipato al primo Gran Premio disputato sul circuito di Monza, proprio cento anni fa. Per le quattro ruote l’onore di conquistare il gradino più alto del podio toccò alla FIAT, con la 804 6 cilindri guidata dal pilota Pietro Bordino (10 settembre 1922).

Dotata di un motore 2.0 a sei cilindri in linea da 95 CV abbinato a un cambio manuale a quattro marce, la FIAT 804 poteva sfiorare i 170 km/h ed era molto difficile da guidare a causa del peso contenuto (650 kg). Bordino riuscì tuttavia a domare la potenza di questo bolide, che per la gara era stata oltretutto portata a 112 CV, aggiudicandosi un netto successo sugli altri concorrenti.
Questa vittoria verrà ricordata nella serata di venerdì 9 settembre, sulla piazza principale di Monza, con una cerimonia durante cui Pietro Maria Meda, Vice Presidente di ACI Milano e Presidente di EICMA, consegnerà una targa commemorativa ai rappresentanti di Heritage.

Per l’occasione è stato inoltre emesso da Poste Italiane un francobollo che riproduce un’opera del disegnatore inglese Michael Turner, raffigurante una fase della gara, con in primo piano la FIAT 804 che sfreccia sul rettilineo fiancheggiato dalle tribune.

Alfa Romeo celebra i 100 anni del Circuito di Monza con i Tribe Days

Con i Tribe Days Alfa Romeo celebra il centenario del Circuito di Monza: un raduno internazionale dedicato alla passione della “Tribe” Alfa Romeo e al suo indissolubile legame con il circuito.

Sabato 10 e domenica 11 settembre, 112 collezionisti provenienti da tutta Europa e 100 Giulia GTA (delle 500 prodotte dal marchio) saranno protagonisti del Tribe Day: vetture iconiche per raccontare la leggendaria storia del marchio italiano e per onorare i 100 anni di passione per il motorsport che legano Alfa Romeo al Circuito di Monza.

Culmine della manifestazione due spettacolari parate: sabato 10 sull’asfalto dello storico tracciato e domenica 11 con partenza da Arese e arrivo a Monza.

I Tribe Days si svolgeranno tra il Museo di Arese e il Proving Ground di Balocco, due luoghi iconici per Alfa Romeo. Ma non solo: la Città di Milano e il Circuito di Monza saranno i palcoscenici del tributo del marchio al circuito, luogo di memorabili vicende sportive.

A coronamento del week end di celebrazioni, tutti i partecipanti ai Tribe Days prenderanno posto in un’area dedicata ad Alfa Romeo nelle tribune Ascari e Biassono per supportare il Team Alfa Romeo F1 Team ORLEN.

Al Museo di Arese la passione prende vita

Quest’anno Il Gran Premio d’Italia rappresenta per Alfa Romeo l’opportunità di celebrare il legame indissolubile che lega il Marchio italiano al Circuito di Monza e alle appassionanti vicende sportive che hanno scritto pagine indelebili nel motorsport. Ricorre infatti il 100° anniversario dell’Autodromo di Monza, la pista sulla quale Alfa Romeo ha conquistato il primo titolo di Formula 1 della storia, il 3 settembre 1950, con la Alfetta 158 di Nino Farina.
Alfa Romeo onora questo importante anniversario con i Tribe Days, un raduno internazionale che coinvolge gli appassionati del marchio provenienti da tutta Europa. Alla manifestazione parteciperanno 112 collezionisti appartenenti a Club ufficiali del Marchio, con vetture iconiche capaci di raccontare i 112 anni di storia leggendaria che dal 1910 rappresenta la nobile sportività italiana. L’idea di coinvolgere gli appassionati è stata lanciata il 24 giugno scorso in occasione del Club Meeting Alfa Romeo, che ha riunito al Museo di Arese i rappresentanti dei Club di tutto il mondo. Come sempre, la risposta dei Club è stata entusiasmante.
100 invece saranno le Giulia GTA e i loro possessori che prenderanno parte al raduno. 100 come gli anni del circuito di Monza ai quali si legano successi indimenticabili del marchio nel motorsport. D’altronde, Giulia GTA rappresenta la massima espressione del marchio in termini di sportività, e porta il nome di uno tra i modelli più vincenti della storia del Marchio. Molti dei suoi successi sportivi furono celebrati proprio a Monza: dopo la presentazione al Salone di Amsterdam, il debutto in gara è proprio alla 1000 Km di Monza del 1965 con due vetture iscritte nella categoria prototipi, in attesa dell’omologazione nella classe turismo. Se questa prima esperienza poteva considerarsi un collaudo, il vero esordio fu alla 4 Ore di Monza – fra i più importanti eventi al mondo per le vetture Turismo – con la Giulia Sprint GTA di De Adamich-Zeccoli che dominarono la gara, seguiti da altre sei Giulia GTA gemelle. Alla 4 Ore di Monza si celebrarono quattro vittorie consecutive. Successivamente, molte altre furono le vittorie, dalla Coppa Piemonte alla Inter-Europa e i successi ottenuti dalle versioni Giulia Sprint GTA-SA e GTA 1300 Junior. 
La manifestazione si svolgerà in due luoghi che fanno parte della storia del marchio: Il Museo di Arese, la casa di Alfa Romeo dove i partecipanti si caleranno nella leggendaria storia del marchio tra i gioielli custoditi dalla collezione museale.

I momenti più iconici dei Tribe Days Alfa Romeo saranno due parate. La prima avrà luogo sabato pomeriggio all’interno del circuito di Monza dove le 112 vetture storiche coinvolte sfileranno nello stesso tracciato che nel week end vedrà le monoposto di F1 competere tra loro. La mattina successiva, la seconda parata vedrà le 112 Vetture storiche e le 100 Giulia GTA partire dal Museo di Arese per attraversare la città di Milano toccando alcuni tra i luoghi più rappresentativi. Lasciato il Museo di Arese, il corteo sfilerà attraverso Milano costeggiando l’Arco della Pace, La piazza del Castello Sforzesco, simbolo del quale si fregia il logo Alfa Romeo, toccando poi piazza Duomo, piazza Della Scala, via Montenapoleone, piazza Cavour, piazza della Repubblica e Stazione centrale. Non mancherà un passaggio nei luoghi dove ad inizio secolo sorgeva il Portello, primo sito produttivo Alfa Romeo ed oggi sede del primo Flagship store caratterizzato dalla nuova brand identity del marchio. Infine, la carovana si dirigerà verso l’autodromo di Monza dove tutti i partecipanti prenderanno parte da spettatori al gran premio sostenendo l’Alfa Romeo F1 Team ORLEN in un’area dedicata a loro nella tribuna Ascari e Biassono.

Come di consueto, in occasione del gran premio d’Italia la C42 scenderà in pista con una livrea realizzata specificamente per l’occasione dal Centro Stile Alfa Romeo. I designer Alfa Romeo reinterpretano gli elementi storici della scritta ad andamento diagonale e il biscione storico degli anni 50, già presenti nella livrea ufficiale.
A questi viene data maggior visibilità con una posizione centrale nell’engine cover, e ne viene aumentata la dimensione con un’inedita soluzione che differisce da fiancata destra a fiancata sinistra. Si offre così una lettura sempre diversa a seconda dei punti di vista. 
Il logo circolare storico per questa occasione trova spazio anche sul musetto della vettura.
I due loghi rendono così omaggio alla città e alla regione i luoghi natale del marchio: un legame indissolubile scritto nel nome: Anonima Lombarda Fabbrica Automobili.

Al Museo Alfa Romeo prendono vita i “Monza Days”

Come da tradizione, il GP d’Italia vedrà un calendario ricco di eventi e attività rivolto a tutti gli alfisti presso il Museo Alfa Romeo. Si inizia mercoledì 7 settembre con i piloti Valtteri Bottas e Zhou Guanyu che incontreranno tifosi e appassionati per una sessione di autografi dalle 19,30 alle 20,30. Il Museo rimarrà aperto fino alle 21.
Sul maxischermo di sala Giulia saranno trasmesse in diretta sia le sessioni di prove e qualifiche di sabato 10 settembre, sia la gara domenica 11. Sabato e domenica, alle ore 17, gli appassionati potranno sfilare in parata sulla pista interna del Museo con la propria Alfa Romeo, di qualsiasi anno e modello.
Info e prenotazioni: info@museoalfaromeo.com.

Al via le iscrizioni al 37° Rally Sanremo Storico.

Domani,martedì 6 settembre si apriranno le iscrizioni per il Rally Storico; mentre per gli altri due appuntamenti con i motori, la Coppa dei Fiori e il Rally delle Palme ci saranno altri dieci giorni di tempo.

 “Ci sono due momenti che accendono il motore delle gare” afferma Sergio Maiga, presidente del Comitato Organizzatore degli eventi. “Quando aprono le iscrizioni e quando riprende vita il sito Internet tornando a essere aggiornato con i moduli, le tabelle, i comunicati stampa e le novità. È allora che la gara diventa realtà” ribadisce Maiga.

 Il sito Internet www.rallyesanremo.it è operativo da alcune settimane e lì si possono trovare tutte le informazioni necessarie a concorrenti e spettatori; ma anche a semplici appassionati che magari non potranno essere presenti a bordo strada o in parco assistenza, ma vogliono conoscere tutto sull’evento. “Abbiamo realizzato un sito particolarmente snello e facilmente navigabile, suddiviso nelle tre gare che scalderanno il fine settimana di metà ottobre. Avvicinandoci all’evento il sito sarà costantemente arricchito con i comunicati stampa e le gallerie fotografiche dei protagonisti” chiarisce ancora Maiga, “mentre concorrenti e preparatori già trovano tutti i moduli e le informazioni necessarie per partecipare alle gare”.

Martedì 6 settembre scatta il momento dal quale i concorrenti potranno inviare le iscrizioni al 37° Rally Storico, valido il campionato Europeo e Italiano di specialità, oltre che per la Michelin Historic Rally Cup. Le iscrizioni resteranno aperte sino alle ore 24 di martedì 27 settembre per i concorrenti che parteciperanno alla gara continentale, mentre per tutti gli altri le iscrizioni chiuderanno mercoledì 5 ottobre. Tabella di avvicinamento leggermente diversa per la 36° Coppa dei Fiori di regolarità (valida per il Campionato Italiano di Regolarità a media) che lascia ai partecipanti qualche giorno di riflessione in più, concentrando il periodo utile per le iscrizioni da venerdì 16 settembre a venerdì 7 ottobre, così come per il Rally delle Palme che raccoglierà i suoi iscritti nello stesso periodo.

 Questi gli appuntamenti , con i vari programmi, delle gare del 13/15 ottobre a Sanremo e Bordighera

 37° Sanremo Rally Storico

Martedì 6 settembre: apertura iscrizioni

Martedì 27 settembre: chiusura iscrizioni (concorrenti FIA)

Mercoledì 5 ottobre: chiusura iscrizioni (concorrenti non FIA)

Giovedì 13 ottobre (ore 15.00-18.00). Shake Down – San Romolo

Venerdì 14 ottobre (ore 8.30). Partenza prima tappa. Corso Imperatrice – Sanremo

Venerdì 14 ottobre (ore 17.45). Termine prima tappa. Parco Chiuso Piazzale Adolfo Rava – Sanremo

Sabato 15 ottobre (ore 8.15). Partenza seconda tappa. Piazzale Adolfo Rava – Sanremo

Sabato 15 ottobre (ore 14.30). Palco arrivi e premiazioni Corso Imperatrice – Sanremo

 36° Coppa dei Fiori

Venerdì 16 settembre. Apertura iscrizioni

Venerdì 7 ottobre. Chiusura iscrizioni

Giovedì 13 ottobre (ore 15.00 – 18.00). Verifiche tecniche Piazzale Adolfo Rava – Sanremo

Venerdì 14 ottobre ore 10.05. Partenza Corso Imperatrice – Sanremo

Venerdì 14 ottobre ore 18.45. Arrivo prima tappa Vecchia Stazione – Sanremo

Sabato 15 ottobre ore 9.55. Partenza seconda tappa Vecchia Stazione – Sanremo

Sabato 15 ottobre ore 15.43. Palco arrivi Corso Imperatrice – Sanremo

 23° Rally delle Palme

Venerdì 16 settembre. Apertura iscrizioni

Venerdì 7 ottobre. Chiusura iscrizioni

Venerdì 14 ottobre ore 14.00-18.00. Verifiche tecniche Piazza Ex Mercato dei Fiori – Vallecrosia

Sabato 15 ottobre ore 8.30-12.30. Verifiche tecniche Piazza Ex Mercato dei Fiori – Vallecrosia

Sabato 15 ottobre ore 14.20. Partenza a Bordighera

Sabato 15 ottobre ore 20.30. Arrivo a Bordighera

 Per info: www.rallyesanremo.it

Auto storiche: Gran Premio Nuvolari

Mancano poche settimane alla partenza della 32ª edizione del Gran Premio Nuvolari, l’evento internazionale di regolarità per auto storiche più tecnico d’Italia che ogni anno vede convergere a Mantova  tantissimi piloti per onorare il mito di chi ha segnato la storia dell’automobilismo del XX secolo, il “Grande Tazio Nuvolari”.

 A soli quindici giorno dalla manifestazione, cresce il fermento da parte di partecipanti, appassionati e grande pubblico per quella che si prospetta un’edizione speciale ricca di novità. Proprio quest’anno infatti si festeggia il 130° anniversario della nascita del Mantovano Volante, una ricorrenza importante che verrà celebrata grazie all’importante sforzo organizzativo di Mantova Corse con l’intento di far rivivere con rinnovato entusiasmo la leggenda sportiva di Tazio Nuvolari.

 Dal 15 al 18 settembre 315 equipaggi provenienti da tutto il mondo e selezionati da un’apposita commissione, a testimonianza dell’affermata rilevanza internazionale dell’evento, percorreranno i 1.100 km del percorso con i “bolidi di ieri”, attraversando i suggestivi paesaggi di Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Veneto per dare vita ad una delle gare più belle e avvincenti al mondo.

Con una particolare sensibilità alle tematiche inerenti la salvaguardia dell’ambiente, verrà riproposta anche quest’anno l’iniziativa “Gran Premio Nuvolari Green”, un’importante azione di ecologizzazione realizzata con il patrocinio del Comune di Mantova. L’impatto ambientale provocato dalla circolazione delle auto storiche partecipanti all’evento verrà compensato dalla piantumazione, in aree selezionate, di un numero tale di alberi ad alto fusto da bilanciare l’emissione totale di CO2.

Questo il programma

Si inizia con una novità: giovedì 15 settembre, dopo le verifiche ante gara, si svolgerà il “Premio Mantova 2022 – Nuvolari 130 Anni” un prologo notturno di 7,5 km tra le strade del centro storico di Mantova. Sarà il saluto della Città riservato ai partecipanti provenienti dai cinque continenti.

 Venerdì 16 settembre, la prima tappa. Le auto storiche partiranno da Piazza Sordello, il cuore della città lombarda. Attraverseranno le suggestive strade dell’Emilia, fino ad arrivare all’Autodromo di Modena, per concludere la tappa a Cesenatico.

 Sabato 17 settembre, la seconda tappa, vedrà un percorso nuovissimo: da Rimini verso Firenze, passando dal Passo dei Mandrioli, da Stia, fino al Passo della Consuma, poi la zona del Chianti.

Nel pomeriggio gli equipaggi percorreranno le strade aretine con i controlli a timbro di Montevarchi e Pieve Santo Stefano, verso il passo di Viamaggio.

San Marino accoglierà il GP Nuvolari con l’ultimo gruppo di prove cronometrate della giornata     ed il controllo a timbro in Piazza della Libertà, innanzi al Palazzo del Governo della più antica Repubblica del mondo.

L’arrivo sarà a Rimini, sulla promenade di Piazza Tre Martiri. Il tradizionale Gala Dinner in onore di Tazio Nuvolari chiuderà la serata, nella meravigliosa cornice del Grand Hotel di Rimini.

Domenica 18 settembre, terza ed ultima tappa. Gli equipaggi faranno ritorno a Mantova. Il percorso riserverà loro le ultime sfide, le decisive per decretare il vincitore. Partendo da Rimini, si confronteranno con le temutissime prove cronometrate di  Meldola, poi a Faenza, ospiti della Scuderia di Formula 1 Alpha Tauri, davanti all’esperto pubblico di Piazza del Popolo. Sarà poi la volta del rientro in terra mantovana, attraverso i controlli a timbro di Bondeno Poggio Rusco e Revere. Infine  l’arrivo a Mantova dopo 4 giorni e 1.100 km di gara.

 La manifestazione, ideata e organizzata dal 1991 da Mantova Corse, si svolgerà sotto l’egida delle federazioni internazionali F.I.A. e F.I.V.A., con A.C.I. Sport ed Aci Storico.

Il Gran Premio Nuvolari è la quarta prova del “Campionato Italiano Grandi Eventi di ACI Sport”, del quale fanno parte anche la Coppa delle Alpi, la Coppa Milano Sanremo, la Coppa d’Oro delle Dolomiti e la Targa Florio Classica.

 Al Gran Premio Nuvolari sono ammesse vetture fabbricate dal 1919 al 1976 munite di passaporto F.I.V.A., o fiche F.I.A. Heritage, o omologazione A.S.I., o fiche ACI Sport /ACI Storico, o certificato d’iscrizione al registro storico A.A.V.S.

Blog su WordPress.com.

Su ↑