Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Fuoristrada

Aperta  oggi la seconda edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada

Il taglio del nastro dell’Aerea Expo di Viareggio a cura delle Autorità apre le porte ufficialmente al lungo fine settimana dedicato alla passione integrale e all’outdoor fortemente voluta dalla Federazione Italiana Fuoristrada con una partecipazione molto significativa di Espositori, anteprime nazionali di accessori e nuovi modelli, booked out registrato ai Tour ed occasioni di aggregazione a 360 gradi. Da oggi venerdì 31 settembre  a domenica 2 ottobre ingresso gratuito per tutti gli appassionati di off-road, ad ogni livello, e di outdoor. (nella foto allegata da sinistra: Simona Barsotti, Sindaca di Massarosa, Alessandro Russo, Comandante della capitaneria di Porto di Viareggio, Alessandro Meciani Assessore al Turismo di Viareggio, Marco Pacini, Presidente della F.I.F., Massimo Capozza, Vice Comandante del VI reparto mobile).

Grande soddisfazione espressa da Marco Pacini che, coadiuvato da circa 80 tra Istruttori e Assistenti volontari della Federazione Italiana Fuoristrada, nell’anno in cui la Scuola Federale compie 40 anni di attività, è riuscito a far crescere la manifestazione che si conferma punto di riferimento del mondo del fuoristrada a tutto tondo con oltre 70 espositori ospitati in un’area EXPO raddoppiata rispetti all’anno scorso (quasi un Km di lunghezza) tra  cui Accessoristi di altissimo livello e tutto il meglio del Mondo del 4×4 e del Mondo outdoor, in costante crescita innovativa.

Boom di iscrizioni anche ai Tour alla scoperta delle Cave del Corchia durante tutto il fine settimana e grande interesse dimostrato per i Tour Bio in 4×4 alla scoperta dei gusti, sapori, colori ed eccellenze toscane, senza dimenticare l’importanza del settore storico che culminerà, domenica 2 ottobre, con la seconda edizione del Tour Storico dedicato ai veicoli 4×4 con almeno 25 anni di età. 

L’assessore al Turismo e alle attività produttive del Comune di Viareggio Alessandro Meciani ha commentato “Una manifestazione completa, dinamica, in crescita con espositori che credono in questo evento che mette il territorio al centro del mondo del 4×4 che i Comuni della Versilia accolgono con entusiasmo e che, grazie alla Federazione Italiana Fuoristrada può scoprire ed apprezzare anche il nostro territorio”.

Una seconda edizione, cresciuta in numeri ed importanza, che grazie alla collaborazione dei comuni limitrofi permetto di far conoscere i valori ambientali, sportivi e culturali del nostro territorio – chiosa Simona Barsotti, Sindaca di Massarosa. Massarosa ha individuato un’area specifica adatta ad ospitare la passione del fuoristrada consapevole e nel rispetto della natura, non più da demonizzare ma al contrario da valorizzare come momento di aggregazione per intraprendenti fuoristardisti e famiglie intere, invitati alla scoperta delle ricchezze paesaggistiche e delle tradizioni enogastronomiche e culturali della Toscana”.

Curiosando tra gli stands della prima giornata di manifestazione oltre alle anteprime delle Case Auto, Moto e Quad scopriamo delle chicche che meritano una menzione particolare.

Nel settore Outdoor, per una camperizzazione accessibile a tutti CampUp ha ideato una piattaforma semplice e leggera, di solo 30 kg, che si installa sulle barre porta-tutto di qualsiasi auto o van e funge sia da portapacchi che da porta-tenda, proponendo una camera da letto mignon con vista dal tetto.

In fiera un esempio di Panda camperizzata, dotata anche di minuziosa personalizzazione interna.

Lato off-road duro e puro, invece, 4Tecnnique espone un modello assolutamente unico ed introvabile, giunto direttamente dagli USA: l’unico esemplare attualmente presente sul suolo italiano di FORD BRONCO, che sta spopolando negli stati Uniti. Un’esclusiva per il pubblico della manifestazione che ha l’occasione di ammirare, in anteprima, una vera rarità.

Questi gli orari di domani, sabato 1 ottobre 2022

Ore 09.00 apertura di tutte le Aree

Ore 18.00 chiusura delle Aree Experience 1 e 2

Ore 19.00 chiusura dell’Area Expo

A fine mese la Fiera Internazionale del Fuoristrada a Viareggio.

La Fiera Internazionale Fuoristrada, in calendario dal 30 settembre al 2 ottobre sul lungomare di Viareggio, nel cuore della Versilia, è la manifestazione ideale per tutti gli appassionati italiani ed internazionali di off-road che avranno l’opportunità di ritrovarsi e partecipare ad un evento unico nel suo genere in un territorio naturale ed esclusivo. L’edizione 2022 introduce alcune importanti novità legate alle Aree Experience che si riconfermano due. L’ EXP 1, nell’Off -Road Park Versilia, è il parco divertimenti del fuoristrada, tarato su più livelli di difficoltà, ma la novità della seconda edizione prevede, accanto alle prove a bordo dei modelli proposti della Case Automobilistiche anche la possibilità di realizzare i test drive a bordo dei mezzi super performanti realizzati dai preparatori più rinomati del settore. L’area EXP 2, invece, proietta i SUV 4×4 nell’inedita area test drive realizzata a Viareggio ed è riservata alle novità proposte in prova dalle Case Automobilistiche, partner della manifestazione. Rispondendo alle richieste del pubblico intervenuto alla prima edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada, quest’anno la prova dei mezzi è molto più vicina all’Area Espositiva e consente di accedervi a piedi rapidamente, direttamente dall’Area Expo.

L’area Experience, dunque, incarna il genuino spirito dinamico della manifestazione progettata dalla F.I.F. in un contesto totalmente naturale, sfruttando le pendenze del terreno ospitante, dove i visitatori oltre a testare le novità messe a disposizione dalla Case Auto con istruttore FIF potranno assistere alle dimostrazioni pratiche di preparatori e salire a bordo delle vetture allestite per una live experience davvero emozionale.

Per chi desidera conoscere tutte le novità del settore accessori, a Viareggio GARMIN propone tutto il meglio della sua “linea off-road” con prodotti che si confermano alleati ideali per tracciare i percorsi ed i Tour ideati dalla Federazione. Alla manifestazione versiliese GARMIN propone alcuni tra i suoi più robusti navigatori a partire dal famoso Overlander, adatto a tutti i terreni con navigazione sia su strada che fuoristrada e mappatura topografica di tutta Europa per viaggiare ovunque, in totale sicurezza. Tra i navigatori GPS Touchscreen presentati in Fiera, la versione portatile Montana ® 700 offre funzioni evolute dedicate all’outdoor all’interno di un dispositivo da soli 5”, ideale per i percorsi a piedi, in bici, in moto o ATV, grazie alle mappe stradali e sentieri precaricati. È possibile rimanere sempre connessi grazie alla tecnologia inReach Mini 2 che è inserita in un comunicatore satellitare compatto, un utile e leggero compagno di viaggio che permette, all’occorrenza, di lanciare un messaggio S.O.S e di rimanere connessi anche quando i telefoni cellulari non lo consentono o di ritrovare la strada, qualora uno si perdesse. E ancora Tread Powersport Navigator, il robusto GPS per gli sport motoristici, consente di rimanere in contatto e non perdere le tracce del proprio gruppo durante le escursioni attraversando, ad esempio, una zona di boscaglia, grazie alla funzione group tracking che permette di condividere la posizione fino a 20 Rider. Un altro “must have” dallo stile accattivante e adatto ad ogni attività all’aria aperta è lo smart swatch Instinct 2, impermeabile fino a 100 metri e resistente a urti e shock termici.

Midland da cinquant’anni sviluppa soluzioni per la radio comunicazione che rispondano a ogni tipo di esigenza, dalla mobilità a bordo di camion e automezzi in tutto il mondo ai Walkie Talkie per il lavoro, per il tempo libero e per il turismo, senza dimenticare le radio marine e le radio amatoriali. Alla Fiera Internazionale Fuoristrada presenzierà all’interno dello stand di AF  4×4 con i suoi prodotti più innovativi dedicati al mondo outdoor e off-road tra cui il CB Hands Free Kit, il nuovo kit Midland che permette di parlare via CB mentre si guida senza staccare le mani dal volant. Midland M5, dalle dimensioni compatte e una particolare configurazione, permette di inserire il corpo radio nel vano porta oggetti o persino nel baule: il CB nel microfono consente di avere sempre tutto a portata di mano grazie ai comandi posizionati direttamente sul microfono e al display LCD per visionare canali, bande e settaggi. Alan 42 DS, infine, è il ricetrasmettitore CB portatile per eccellenza rivisto nell’elettronica per rendere l’esperienza audio unica: l’apparato multi-standard permette di selezionare qualsiasi banda europea e operare in tutti i paesi EU e il Noise Blanker, inoltre, elimina i disturbi causati da fonti esterne o dall’automezzo per un’esperienza in totale comfort acustico. 

Per affrontare la guida in 4×4 è necessaria una perfetta visibilità per identificare facilmente gli ostacoli, affrontare ogni percorso e terreno in sicurezza e gestire anche le condizioni più estreme. La gamma di prodotti OSRAM si distingue per l’eccellente luminosità e l’elevata temperatura di colore in qualsiasi ambiente: migliorando la visibilità da vicino e da lontano, ottimizzano, al contempo le prestazioni di guida.

Alla seconda edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada, OSRAM propone la tecnologia LED più innovativa e all’ avanguardia con una gamma completa di lampade retrofit LED adatte all’illuminazione automobilistica in ogni condizione. Ai visitatori della manifestazione di Viareggio verranno illustrate nel dettaglio le tre famiglie di prodotti di lampade retrofit LED di ultima generazione: LEDriving HL Easy dall’eccezionale luminosità che garantisce le stesse dimensioni delle lampade standard, seppure ultracompatta e dotata di pratico sistema plug&play oltre a non necessitare di adattatori o cappucci. LEDriving HL BRIGHT che offre fino a +300% di luminosità per viaggiare sempre in massima sicurezza, anche grazie all’effetto luce diurna e LEDriving HL INTENSE, specificatamente ideata per uso off-road, che si conferma la lampada LED più performante di sempre con una luminosità fino al +350%.

Dal 30 settembre Fiera Internazionale Fuoristrada 

 A beneficio di tutti gli appassionati del settore, la seconda edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada, in calendario dal 30 settembre al 2 ottobre prossimi nel cuore della Versilia, propone la partecipazione a Tour adatti ad ogni esigenza, capacità e gusto.

Per chi sceglie di trascorrere qualche ora a bordo di mezzi off-road duri e puri, il Tour alla scoperta della Cave del Corchia fa al caso suo. Organizzato e con il supporto degli Istruttori della Federazione Italiana Fuoristrada, il tour è riservato a tutti i veicoli fuoristrada dotati di 4 ruote motrici e ridotte, con  ritrovo alle ore 09.00 e alle ore 11.00 di sabato 1 ottobre e domenica 2 ottobre e partenza dalla Piazza Del Mercato di Massarosa in Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 114 , Massarosa – Lucca.

L’itinerario di circa 100 Km di percorrenza e quasi 4 ore di guida si snoda tra asfalto e off-road alla volta del Monte Corchia, il rilievo montuoso del Parco regionale delle Alpi Apuane, sito a ben 1677 metri sul livello del mare che riveste un notevole interesse soprattutto speleologico, ma anche alpinistico, paesaggistico e naturalistico.

A partire da Massarosa, il percorso prevede un passaggio dalla Città Nobile di Pietrasanta e una sosta al Palazzo Mediceo di Seravezza, storica residenza estiva della famiglia Medici, prima di avventurarsi sui sentieri in direzione di Levigliani, porta di accesso alle Cave.

Oltre a godere del paesaggio estremamente suggestivo del più vasto complesso carsico delle Cave del Corchia, il Tour offre la possibilità di accedere alle Cave di marmo Tavolini e Piastraio: quest’ultima propone una sezione ‘a cielo aperto’ ed una ‘in galleria’, per un’indimenticabile esperienza all’interno di una marmorea cattedrale naturale con ampie finestre che lasciano intravedere l’esterno. La vista mozzafiato da queste alture, nelle giornate particolarmente terse, consente di spaziare oltre l’orizzonte, fino ad individuare la Corsica.

Per chi desidera vivere un’avventura speciale, magari in compagnia dei proprio cari e a bordo del proprio mezzo alla scoperta culturale ed enogastronomica del territorio, il Tour Bio in 4×4 è la sua scelta ideale. Riservato sia ai veicoli a trazione integrale che ai Suv,  propone nei tre giorni di manifestazione diversi slot di orari a partire dalle ore 14.30 di venerdì 30 settembre, e  per tutta la giornata di  sabato 1 e domenica 2 Ottobre.  Con ritrovo e  partenza dalla Piazza Del Mercato di Massarosa, Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 114, Massarosa – Lucca, il percorso di circa 4 ore, sotto la guida degli Istruttori della Federazione Italiana Fuoristrada, si snoda tra aziende bio esclusive e l’Oasi di Lipu del lago di Massaciuccoli.

Le soste includono l’Azienda agricola Oligea, la prima filiera italiana dell’eucalipto biologico responsabile della coltivazione, estrazione e produzione di olii essenziali bio e naturali garantiti Made in Tuscany; la Tenuta Mariani Azienda Agricola certificata bio e produttrice di olio e di vini i cui vigneti in costa conferiscono al prodotto finale un gusto unico e naturale; una tappa alla Piaggetta, splendida residenza d’epoca, sulle rive del lago di Massaciuccoli, all’interno del Parco di Migliarino-San Rossore. Nota soprattutto per la permanenza di Giacomo Puccini che – narra la leggenda – fosse  solito accedere direttamente al lago per comporre le sue opere a bordo della sua imbarcazione, la villa offre accogliente ospitalità a tutti i visitatori.  Il Podere Lovolio è un agriturismo che inaspettatamente offre al pubblico la visita a opere d’arte straordinarie e a due templi, fuori dal tempo. Per concludere in bellezza il Tour, l’imperdibile visita all’Area archeologica e alla Riserva Naturale del lago di Massaciuccoli conquisterà il cuore di gruppi di amici e famiglie esploratrici.

Infine, per tutti gli amanti delle leggende automobilistiche, anche il Settore Storico F.I.F, prezioso strumento per la salvaguardia e la conservazione dei fuoristrada classici, sarà presente alla Fiera Internazionale Fuoristrada con uno spazio espositivo sul lungomare di Viareggio: i protagonisti della storia del fuoristradismo mondiale, insieme ai responsabili del settore, saranno a disposizione degli appassionati.

Domenica 2 ottobre, inoltre, è in programma la seconda edizione del Tour Storico, dedicato ai veicoli 4×4 con almeno 25 anni di età, alla scoperta delle zone più belle d’Italia, coniugando l’aspetto escursionistico con quelli culturale e gastronomico. Con partenza dalla Piazza del Mercato di Massarosa, dopo un percorso in fuoristrada “leggero”, idoneo anche ai veicoli più datati in direzione di Torre del Lago, i mezzi raggiungeranno Viareggio e il loro parcheggio riservato alla manifestazione. Durante il Tour verranno visitate alcune aziende agro-alimentari della zona ed è prevista la traversata del Lago di Massaciuccoli a bordo della Motonave Airone, con partenza dall’Oasi LIPU e arrivo all’approdo Puccini di Torre del Lago.

La partecipazione è riservata a tutti gli iscritti del Settore storico della Federazione Italiana Fuoristrada, ma anche i non iscritti potranno partecipare contribuendo con una quota assicurativa giornaliera calmierata (per info e iscrizioni: https://www.fiera.fif4x4.it/)

Con la tecnologia 4xe il brand Jeep® evolve verso la “libertà a zero emissioni”

Il marchio Jeep® è da sempre pioniere di nuovi segmenti e nuove tecnologie: nel 1941 inizia la leggenda con la Willys-Overland, la prima 4×4 della storia, e nel 1946, con il modello Willys Wagon, Jeep inventa il concetto di Sport Utility Vehicle. Il primato in termini di capability off road dura da allora, e nel corso del tempo, parallelamente alle performance in fuoristrada, sono cresciuti il comfort, l’handling, la connettività. Oggi il marchio Jeep procede verso la realizzazione della vision “Zero Emission Freedom”, attraverso un percorso di elettrificazione senza compromessi, che si integra con l’impareggiabile layout tecnico di ogni SUV Jeep, e che rende ogni modello un veicolo di libertà totale capace di portare a un livello superiore le proprie doti attraverso una delle tecnologie a basso impatto ambientale più avanzate.

Jeep® Renegade e Compass 4xe: i SUV leader nel comparto LEV

Dopo oltre 80 anni di storia, l’imperativo del brand Jeep è realizzare un percorso di mobilità sostenibile rafforzando i valori storici del marchio, quelle inimitabili capacità di andare ovunque e fare qualsiasi cosa. Il percorso di elettrificazione di Jeep è iniziato nel 2020, con l’introduzione di Renegade e Compass 4xe Plug-In Hybrid, i SUV Made in Italy che per primi hanno introdotto la tecnologia Plug-In Hybrid. La sigla “4xe” è diventata in pochissimo tempo un marchio nel marchio: oggi rappresenta il nuovo 4xe secondo Jeep ed è sinonimo di massimo comfort e totale sicurezza, in qualunque condizione ambientale, zero emissioni e circa 50 km di autonomia in elettrico con la stessa capacità off-road di sempre, quella che ha reso famosa Jeep nel mondo. Renegade e Compass 4xe sono equipaggiate entrambe con una motorizzazione Plug-In Hybrid che associa un propulsore 1.3 turbobenzina da 130 o 180 CV a un’unità elettrica con differenziale integrato, da 60 CV e 250 Nm, per una potenza complessiva di 190 o 240 CV. Grazie all’elettrificazione, Renegade e Compass migliorano ulteriormente le proprie qualità in fuoristrada, per merito dell’elevata coppia motrice assicurata dal motore elettrico e della possibilità di regolarla con estrema precisione nelle fasi di spunto e nella guida off road più impegnativa, quando è necessario un rapporto di trasmissione molto ridotto. Con la nuova tecnologia di trazione elettrica integrale la trazione all’assale posteriore non viene fornita tramite albero di trasmissione ma con motore elettrico dedicato. Questo permette di svincolare i due assi e gestire la coppia erogata in maniera indipendente e migliore rispetto ad un sistema meccanico.

Jeep Wrangler 4xe: mai così potente, mai così silenzioso

A metà 2021 è seguito il lancio dell’icona del brand, Wrangler, con tecnologia 4xe Plug-In Hybrid. Inarrestabile come vuole la tradizione Jeep e con caratteristiche uniche, Wrangler 4xe è la Wrangler più sostenibile e con le migliori capacità off-road di sempre. Anche le prestazioni sono state ottimizzate: questo modello accelera da 0 a 100 km/h in soli 6,4 secondi ed eroga sino a 380 CV di potenza massima combinata e una coppia massima di 637 Nm. Inoltre, vanta una trazione 4×4, in modalità “pure electric”, con un controllo ai bassi regimi mai visto prima e un’autonomia che può superare i 50 km (nel ciclo urbano WLTP) nella guida a zero emissioni. Il sistema di propulsione combina due motori elettrici, un motore I-4 turbo da 2,0 litri e un cambio automatico a otto velocità per assicurare una propulsione silenziosa, una maggiore capacità off-road nel 4×4 senza preoccupazione per l’autonomia elettrica. Questa configurazione consente di mantenere inalterata la meccanica della Jeep Wrangler con certificazione Trail Rated che include, a seconda dell’allestimento, due avanzati sistemi di trazione integrale full time active on demand – Selec-Trac o Rock-Trac, assali Dana next – generation, bloccaggi elettrici dei differenziali anteriore e posteriore Tru-Lock, differenziale a slittamento limitato Trac – Lok e barra stabilizzatrice anteriore a scollegamento elettrico. Inoltre, la disponibilità istantanea della coppia e le prestazioni migliorate garantite dalla combinazione tra le propulsioni turbo benzina ed elettrica rendono l’indiscussa “regina dell’off-road” ancora più performante e inarrestabile sullo sterrato. Ed è proprio qui che, grazie alla tecnologia 4xe, la Wrangler plug-in hybrid può viaggiare a quattro ruote motrici in modalità 100% elettrica, garantendo prestazioni di riferimento in totale sicurezza e il piacere di ascoltare la “voce” della natura. Le modalità E Selec consentono al conducente di adattare la propulsione della Jeep Wrangler 4xe al tipo di viaggio: Hybrid, Electric ed eSave, che conserva la carica del pacco batteria per un utilizzo successivo.

Sicurezza in ogni condizione: uno dei segreti del successo dei SUV Jeep 4xe

Il Crossodromo di Ciglione della Malpensa “Vincenzo Agusta”, pista di carattere internazionale che ospita il Mondiale Motocross, è stato un ulteriore banco di prova per le qualità in fuoristrada della gamma di SUV Jeep® 4xe Plug-In Hybrid, che hanno affrontato rampe di oltre 30° di inclinazione, passaggi concepiti per il trial e si sono disimpegnate su fondo in argilla. Ma per apprezzarne le doti non è necessario cimentarsi nell’off road: un temporale improvviso, una nevicata abbondante o, più semplicemente, un manto stradale accidentato possono essere avventure urbane quotidiane capaci di rendere impegnativo un normale trasferimento. Per affrontare con serenità qualunque stagione o condizione meteo, tanto nelle grandi metropoli quanto nei piccoli borghi, è sufficiente affidarsi ai SUV Jeep 4xe, gli unici capaci di assicurare viaggi confortevoli e sicuri su asfalto e strade bianche poiché dotati di serie della stessa tecnologia affinata nei luoghi più impervi e ostili. Se infatti le imprese più estreme sono “normali” per chi è stato pioniere della guida off-road, esiste un’altra normalità per cui i SUV Jeep sono perfetti nella vita di tutti giorni, magari accompagnando i propri figli a scuola o recandosi al lavoro su una superstrada affollata. Mettersi al volante di un SUV Jeep, dunque, consente sempre di fuggire dalla routine quotidiana, in piena tranquillità, assaporando un’idea di libertà meno “estrema” ma non per questo meno coinvolgente. Poter contare su capacità off road leggendarie e dotazioni di sicurezza all’avanguardia anche in contesti “normali” che a volte, in modo inaspettato, possono richiedere l’intervento della tecnologia più sofisticata per superare ostacoli imprevisti: proprio qui risiede uno dei segreti del successo dei SUV Jeep, e non a caso, i SUV Jeep 4xe Plug-In Hybrid dominano nel primo semestre 2022 il mercato domestico dei veicoli a basse emissioni, comparto in cui rappresentano la scelta di circa un italiano su cinque, in continuità con leadership nel full year 2021, e grazie alle versioni e-Hybrid oggi il 70% dei SUV Jeep venduti è elettrificato.

Dal 30 settembre al 2 ottobre la seconda edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada.

Lavori in corso per la  seconda edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada che, dal 30 settembre al 2 ottobre prossimi, radunerà, nuovamente in Versilia, gli appassionati del mondo 4×4, dei SUV, dei mezzi a due e quattro ruote.

L’evento dinamico nato l’anno scorso dalla Federazione Italiana Fuoristrada (F.I.F.), con l’intento di
promuovere l’uso del fuoristrada sia a livello amatoriale che professionale, nel totale rispetto della natura e
dell’ambiente, in partnership con la Città di Viareggio e il Comune di Massarosa coniuga, alla perfezione,
le due anime del progetto.

Da un lato l’esposizione statica dei prodotti a Viareggio, lungo il Viale Europa in un contesto paesaggistico di grande rilievo, a due passi dal lungomare.

Dall’altro lato l’esperienza, la possibilità di fare pratica e guida esclusivamente su territorio naturale, nel comune di Massarosa, con percorsi indipendenti, di differente difficoltà, studiati per qualsiasi veicolo off-road e per ogni conducente, dal fuoristradista duro e puro a quello soft. In un contesto ambientalistico di grande impatto emotivo, il valore aggiunto di guidare dei mezzi fuoristrada a contatto e nel rispetto del verde del territorio superando ostacoli naturali non ha prezzo e per rendere questa experience ancor più indimenticabile gli organizzatori la offrono gratuitamente a tutto il pubblico di appassionati, previo accredito agli stand F.I.F nelle diverse Aree, quest’anno ancora più facilmente accessibili.

Le Aree Experience saranno due: EXP 1, nell’Off -Road Park Versilia, è il parco divertimenti
del fuoristrada, tarato su più livelli di difficoltà , sulle esigenze e aspettative di ciascun conducente. La novità di questa seconda edizione prevede, accanto alle prove a bordo dei modelli proposti della Case Automobilistiche anche la possibilità di realizzare i test drive a bordo dei mezzi realizzati dai preparatori più rinomati del settore.

L’area EXP 2, invece, proietta i SUV 4×4 nell’ineditaarea test drive realizzata a Viareggio e riservata alle novità proposte in prova dalle Case Automobilistiche, partner della manifestazione. Rispondendo alle richieste del pubblico intervenuto alla prima edizione della Fiera Internazionale Fuoristrada, quest’anno la prova dei mezzi è molto più vicina all’Area Espositiva e consente di accedervi a piedi rapidamente, direttamente dall’Area Expo.
Partiranno invece ancora da Massarosa i Tour culturali ed enogastronomici alla scoperta dei colori e dei
sapori del territorio, differenti per tipologia di mezzi e per paesaggi da incontrare, organizzati dalla Federazione in collaborazione con le associazioni del territorio.
Il servizio di accredito, che l’anno scorso si è rivelato vincente nel rispetto delle normative e dei protocolli di distanziamento imposti, quest’anno verrà ulteriormente migliorato: a breve verrà condivisa la nuova modalità di accredito ai test drive ed ai Tour, appositamente studiata per facilitare la procedura e rendere più semplice e rapido l’accesso.

Vittoria Suzuki all’Italian Baja

Suzuki vince nella selettiva e dura gara friulana, quarto round del Campionato Italiano Cross Country e mondiale FIA per fuoristrada, dove si è imposto il catanese Alfio Bordonaro sulla Gran Vitara T1, già pluridecorata vettura ufficiale del marchio giapponese. Tutte a traguardo all’Interporto di Pordenone le 7 vetture schierate dalla casa di Hamamatsu, che hanno dato prova concreta di affidabilità sul duro e selettivo percorso dell’Italian Baja.

Una Tre giorni intensa in Friuli, dove equipaggi e auto si sono misurati sui greti dei fiumi Meduna e Tagliamento, con ben 354,35 Km di settori selettivi e su un percorso totale di 619,48 Km. La gara del Tricolore è stata dunque vinta dall’esperto driver etneo Alfio Bordonaro, navigato da Roberto Briani, in gruppo T1 con la Suzuki Gran Vitara 3.6, la vettura che tanti scudetti ha regalato a Lorenzo Codecà. Con questo successo, Bordonaro scala la classifica del Challenge, oggi secondo con 98 punti.

“Siamo ovviamente felicissimi di questo risultato – ha dichiarato Bordonaro – abbiamo cercato di guidare evitando rischi superflui, gestendo la macchina su un fondo molto particolare quale è quello dei greti friulani. Voglio ringraziare il mio navigatore per avermi praticamente cucito addosso questa vettura e avermi dato la carica e il preparatore di Maranello Richard Test. L’esordio con vittoria era il massimo che si potesse sperare e ci siamo riusciti”.

Allungano con 118 punti nel prestigioso Suzuki Challenge, Mauro Cantarello e Federico Lezi su Suzuki Gran Vitara, secondi nella classifica delle vetture più vicine alla serie, ovvero le T2 e soprattutto ottimi quarti assoluti, in una gara che ha regalato colpi di scena di prova in prova. Basti pensare che sui tre Settori Selettivi, tre diversi sono stati i vincitori.

Bene, anzi benissimo, il pluricampione Lorenzo Codecà che si è presentato a Pordenone con un nuovo navigatore che ha ben figurato, ovvero Stefano Lovisa. I due hanno condotto magistralmente l’interessantissima Suzuki Jimmy arrivando sesti assoluti del tricolore e terzi di T2. Con questo risultato, Codecà è terzo del Challenge con 79 punti.

“Si tratta di una vettura molto divertente – ha detto Codecà – affidabile e ben curata. Siamo alla quarta prova del campionato e non ho ancora stretto un bullone a questa Jimmy che ha una resistenza meccanica e dei componenti impressionante. Ciò che ancora manca per annullare il gap dalle vetture di vertice è certamente colmato da una vettura praticamente indistruttibile, divertente e con dei costi assolutamente abbordabili”. Ottavi assoluti e secondi della classifica TH, quella cioè riservata alle vetture di più longeva carriera, sono il siciliano Giuseppe Ananasso con Roberto Ibba su Suzuki Gran Vitara, di diritto nella top ten del tricolore nonostante una penalità. Stessa sorte per il toscano Andrea Luchini con Piero Bosco alle note, anche loro su Gran Vitara, vincitori proprio in Friuli dell’Artugna Race lo scorso marzo. Penalità anche per loro ma a traguardo undicesimi assoluti e in risalita nel Challenge Suzuki, quarti con 74 punti. A punti anche Emilio Ferroni e Daniele Fiorini, quattordicesimi sulla Gran Vitara T1 e settimi nel Suzuki Challenge, chiuso anche da Samuele Lelli e Gilberto Menetti su Suzuki Gran Vitara T2, dodicesimi assoluti all’Italian Baja ed oggi noni nel Challenge con 18 punti. 

Il prossimo appuntamento del Suzuki Challenge è in programma il 17 e 18 settembre in occasione del Baja Vermentino Terre di Gallura.

Classifica Suzuki Challenge dopo 4 gare:
1. Cantarello, pt.118; 2. Bordonaro, pt. 98, 3. Codecà, pt. 79; 4. Luchini, pt. 74; 5. Farina, pt.31

Presentato a Roma, nella sede dell’Automobile Club d’Italia, l’Island X Prix. 

La sede dell’Automobile Club d’Italia, in via Marsala a Roma, ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dell’Island X Prix, unica data italiana ed europea della serie Off road Extreme E, riconosciuta dalla Fia.
Dopo aver ospitato la quarta prova della stagione inaugurale, a ottobre 2021, stavolta la Sardegna sarà teatro di ben due round del campionato mondiale 2022.
Si correrà di nuovo nel Sulcis Iglesiente, nell’Area Addestrativa dell’Esercito di Capo Teulada, con l’Island X Prix 1 in programma il 6-7 luglio e l’Island X Prix 2 in calendario il 9-10 luglio. La manifestazione, che nell’ambito del progetto “Isola degli Sport” gode della partnership con l’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, è co – organizzata dall’Automobile Club d’Italia, che si affida in loco alla professionalità dello strutturato Automobile Club Sassari e all’esperienza di Tiziano Siviero, ex navigatore due volte campione del mondo rally che anche stavolta ha disegnato, in collaborazione col team di Extreme E, il tracciato della gara. Si tratta di un anello di circa 7 km, che sfrutterà appieno dislivelli e asperità naturali del compatto e insidioso terreno, reso ancora più ostico dalle alte temperature previste per la settimana della gara.
I piloti, dieci equipaggi formati da un uomo e una donna che nel rispetto della politica di promozione della presenza femminile nel motorsport si alterneranno equamente alla guida dei rinnovati e più solidi Odyssey21, troveranno ad attenderli uno scenario diverso da quello autunnale e a tratti bagnato dalla pioggia che li aveva accolti lo scorso autunno.
Tra i dieci team in gara spicca la new entry McLaren, oltre ai confermati Andretti, X44 di Lewis Hamilton, JBxe di Jenson Button, Acciona di Carlos Sainz, Abt Cupra, Chip Ganassi, Veloce, Xite e i campioni in carica del Rosberg x Racing.


Il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha sottolineato il forte legame tra la terra sarda e il motorsport “Sardegna: l’isola dei motori. È così che possiamo definire l’impegno e la costanza della Regione Sardegna verso il motorsport a livello internazionale. Dopo il Ris, appuntamento del Mondiale Rally, la Sardegna, ospiterà nuovamente la tappa italiana della serie Extreme E. L’Automobile Club d’Italia e l’Automobile Club di Sassari hanno appoggiato questa disciplina dedicata ai suv elettrici sin dalla sua prima edizione e continuano a sostenerla. La sensibilizzazione all’impatto ambientale si esprime anche attraverso questo campionato che anche quest’anno vedrà protagonisti prototipi di fuoristrada 100% elettrici. È motivo di orgoglio far parte del calendario Extreme E, ancora una volta, evidenziando l’importanza di una location straordinaria come quella dell’isola sarda.

L’Automobile Club d’Italia continua ad essere il promotore del mondo dell’auto in Italia in tutte le sue declinazioni anche sportive. L’Aci continuerà quindi ad appoggiare con entusiasmo l’organizzazione della tappa italiana della serie Extreme E, che ha ottenuto consensi in tutto il mondo. Le gare sono il vero banco di prova delle tecnologie automobilistiche e l’Aci deve far sì che tutte le innovazioni vadano valutate e testate affinché si chiariscano tutti i dubbi in maniera ineccepibile per cui si possa scegliere una strada sapendo a cosa si va incontro, Aci offre un servizio agli italiani”.
A Roma anche il numero 2 di Extreme E, James Taylor, Chief Championship Officer: “C’è grande attesa per il primo doppio appuntamento nella storia di Extreme E. È meraviglioso tornare in Sardegna anche nel 2022. L’organizzazione, i team e tutto il nostro paddock sono entusiasti di correre di nuovo qui. Ringraziamo l’Automobile Club d’Italia e la Regione Sardegna per la loro ospitalità e la loro eccellenza organizzativa. Ci aspettiamo davvero un evento di successo”.
La serie internazionale, dopo il debutto a Neom (Arabia Saudita) il 19-20 febbraio, ripartirà dunque dalla Sardegna (Teulada, 6-7 e 9-10 luglio), prima di salpare alla volta di Antofagasta (Cile, 24-25 settembre) e Punta del Este (Uruguay, 26-27 novembre). Prima però, come di consueto, Extreme E realizzerà un Legacy Programme in terra sarda.
Come nel 2021, l’attenzione si concentrerà sulle aree dell’Oristanese colpite dai devastanti incendi della scorsa estate, e sulla riforestazione della posidonia marina, nel Sud Sardegna. Anche quest’anno, proseguirà la partnership con MedSea Foundation, con la quale Extreme E valuterà gli sviluppi del Legacy 2021 e realizzerà il secondo step, coinvolgendo ulteriori aree marine e terrestri.

Sull’indotto diretto generato dall’evento in occasione dell’ Island X Prix 2021, e su quello che avverrà con la doppia data del 2022, si è soffermato il Presidente dell’Ac Sassari, Giulio Pes di San Vittorio: “Un’altra grande opportunità per la Sardegna grazie alla collaborazione tra l’Automobile Club d’Italia, la Regione ed Extreme E. Grazie a questa manifestazione si è generato un indotto di 15 milioni di euro circa in un territorio, quello del Sulcis Iglesiente, che merita maggiore visibilità. E siamo certi, quest’anno, di generare un indotto maggiore grazie al doppio evento. Un
grazie anche all’Esercito Italiano per la fattiva collaborazione”.
“Ospiteremo per la seconda volta l’Extreme, stavolta con una doppia data che sarà l’unica europea e lo faremo nel Poligono di Teulada. Questo, come gli altri eventi Aci, garantisce alla Sardegna grande visibilità e se già a giugno abbiamo fatto un “boom” di presenze, lo dobbiamo anche agli eventi sportivi che abbiamo ospitato”, ha commentato l’Assessore Regionale del Turismo, Gianni Chessa. “L’Extreme parla del futuro, di ambiente e tecnologia, e ringrazio Esercito, Aci e Aci Sassari per questa opportunità. La nostra terra è un patrimonio di tutti e l’Island X Prix sarà ancora una boccata d’ossigeno per il territorio e farà conoscere una Sardegna diversa”.
“Non esiste federazione che si sia portata così avanti anche nel mondo delle energie alternative più dell’Aci. Extreme E è una grande sfida tecnologica e dà un messaggio giusto. C’è la possibilità di utilizzare l’energia alternativa ovunque e il motorsport lo testimonia. La doppia tappa di Extreme E è un premio per il grande lavoro svolto da Aci e Ac Sassari”, ha aggiunto Raffaele Pelillo, presidente della Commissione Energie Alternative Aci e vice presidente dell’omologa commissione Fia. Dopo essere stata pilota dell’organizzazione nel 2021, anno in cui ha svolto i test e sostituito le colleghe dei team in caso di forfait, per l’italiana Tamara Molinaro è arrivato il momento di compiere il salto di qualità.
La pilota e navigatrice di rally nostrana, da oggi è ufficialmente in forze nel Team Xite Energy Racing, in coppia col tedesco Timo Scheider, che come lei era pilota dell’organizzazione e collaudatore.
Tamara, che già aveva corso a Neom con Xite per sostituire la collega indisponibile, debutterà da “ufficiale” in Sardegna. “Sono davvero felice di tornare in Sardegna con Extreme E, anche perché per me è la gara di casa. Gli altri hanno più esperienza in gara di noi, ma io e Timo abbiamo un bel feeling, abbiamo sognato tanto questo momento è adesso tocca a noi!”, ha commentato Tamara Molinaro.

Aperte le iscrizioni per l’11° Raduno Suzuki 4X4 in Piemonte.

– Al via le iscrizioni dell’edizione 2022 del raduno dedicato a tutte le 4×4 firmate Suzuki 

– L’11° raduno si terrà il prossimo 24 settembre in Piemonte, nella zona del Monviso e prevede percorsi spettacolari, con varianti di diverse difficoltà 

– L’evento è aperto a tutti i possessori di modelli Suzuki 4×4 

Sarà una delle zone più suggestive del Piemonte a fare da cornice all’11° Raduno 4×4 Suzuki. La Casa di Hamamatsu ha scelto l’area a ridosso delle Alpi del Monviso per il tradizionale incontro annuale dedicato a tutte le Suzuki 4×4, fissato per sabato 24 settembre.
La natura con i suoi paesaggi e percorsi mozzafiato, non sarà l’unica protagonista della giornata che verrà resa unica grazie anche alla passione per la guida in offroad, per l’avventura e alle delizie dei prodotti tipici che si potranno gustare durante la sosta del pranzo. 

Tutti possono partecipare al Raduno 4×4 Suzuki a bordo di una vettura di Hamamatsu a trazione integrale, senza alcuna limitazione legata al modello o all’anno di produzione. Anche chi possiede vetture con una più spiccata vocazione stradale può unirsi all’evento e vivere appieno la sua atmosfera coinvolgente. Inoltre non è nemmeno necessario avere esperienza di guida off-road: l’organizzazione sceglie percorsi che soddisfano ogni genere di appassionato. L’evento prevede un tracciato base diviso in due tipologie di percorso: uno dedicato ai veicoli con marce ridotte e uno dedicato alle vetture AllGrip Auto o Select. I percorsi alterneranno tratti asfaltati a semplici sterrati fino ad affrontare varianti più tecniche, dedicate alle vetture dotate di marce ridotte.
L’itinerario sarà ben segnalato, con assistenza continua e garantita. Il personale dello staff aprirà la carovana e supporterà i partecipanti nei punti strategici, in modo che tutti possano affrontare il percorso in sicurezza.
Dopo la pausa pranzo, nel pomeriggio, i più intraprendenti potranno divertirsi mettendosi alla prova in un parco giochi off-road allestito in modo professionale con ostacoli artificiali all’interno di un ambiente circoscritto e sicuro.

Anno dopo anno, il Raduno Ufficiale Suzuki 4×4 si è affermato l’evento più atteso dagli appassionati dei modelli 4×4 e richiama ogni anno un pubblico sempre più numeroso.
Tanti personaggi famosi, specie del mondo dello sport, si annunciano tra i partecipanti a questa 11a edizione. Saranno presenti all’evento la campionessa del mondo di pattinaggio artistico Carolina Kostner, una habitué dell’adventure meeting e il samurai della cucina Hirohiko Shoda, meglio noto come Chef Hiro. Ospite speciale anche Lorenzo Codecà, plurititolato alfiere Suzuki nel Campionato Italiano Cross Country Rally che sarà accompagnato dalla Suzuki JIMNY in configurazione T2.

Il programma del raduno
Sabato 24 settembre: ore 8.00 – 9.15 Ritrovo dei partecipanti e registrazioni; ore 8.15 Briefing per illustrazione del percorso e del programma della giornata; ore 9.30 Partenza del Raduno; ore 13.00 – 13.30 Arrivo e sosta per il pranzo; ore 15.00 Parco giochi off-road; ore 16.30 Saluti finali e chiusura evento.

Ulteriori dettagli saranno forniti in seguito all’interno del sito ufficiale del Raduno Suzuki 4×4.

Da oggi, giovedì 19 maggio, è possibile iscriversi all’11° Raduno 4×4 Suzuki attraverso il sito dedicato all’evento https://auto.suzuki.it/raduno4x4/
All’interno del sito verranno fornite tutte le informazioni relative al Raduno 4×4 Suzuki.
È possibile contattare direttamente anche l’agenzia DrivEvent Adventure, che collabora con Suzuki nell’organizzazione della manifestazione, scrivendo alla mail info@tour4x4.it oppure chiamando i numeri 05831531720 e 3338303079.
DrivEvent Adventure è in grado di indicare strutture convenzionate per soggiornare in loco nei giorni del Raduno. 

Campionato Italiano Velocità Fuoristrada: Esposto vince la seconda tappa

La carovana del Campionato Italiano Velocità Fuoristrada ACI Sport by FIF CIVF, sabato 7 e domenica 8 maggio, è scesa in pista a Cadrezzate, in provincia di Varese, per il secondo appuntamento stagionale.
Un tracciato nuovo che si è subito rivelato molto tecnico, pieno di curve, controcurve e salti molto spettacolari. Un tracciato che ha messo a dura prova i piloti che, tra l’altro, hanno dovuto lottare anche con pioggia e fango.  

La gara di sabato è partita sotto una fitta pioggia. Naturalmente occhi puntati su Duilio Lonardi, campione in carica e fresco vincitore della gara di esordio 2022 disputata sul crossodromo della Malpensa. Ma se nella prima prova cronometrata un ribaltamento ha in pratica bloccato tutti i piloti del gruppo TM, nella prova successiva Lonardi (Can Am X3 gruppo TM) ha messo tutti in riga, precedendo nell’ordine Vittorio Gonnella, Claudio Esposto, Stefano Foroni. 

La domenica inizia con un giro di ricognizione di tutti i concorrenti per verificare le condizioni della pista ormai allagata dalle forti piogge. Nella terza Prova Speciale ha avuto la meglio Giudici (Suzuki gruppo B) seguito da Fioroni e Reggiani (rispettivamente Suzuki e Mini gruppo B) che hanno preceduto la pattuglia dei TM con Claudio Esposto davanti a tutti.  Ed è proprio Esposto ad aggiudicarsi la 4a prova davanti a Giudici e Pagani mentre, nell’ultima manche, su un terreno ormai fangoso, hanno la meglio i leggeri veicoli del gruppo TM, che hanno occupato le prime sei posizioni della classifica.
Sul podio finale salgono così Claudio Esposto, Enrico Giudici e Ivan Martorelli.

Il prossimo appuntamento con il Campionato Italiano Velocità Fuoristrada ACI Sport by FIF è in programma per l’11 e 12 giugno a Rubbiano di Solignano, in provincia di Parma.

Classifica finale 2a prova CIVF – Trofeo FIF Città di Cadrezzate

1°Claudio Esposto (Polaris RS1 – Gruppo TM) ; 2° Enrico Giudici (Suzuki SL3 – Gruppo B) ; 3° Ivan Martorelli (Polaris RS1 – Gruppo TM) ; 4° Vittorio Gonnella (Polaris RZR- Gruppo TM) ; 5°  Massimo Reggiani (MINI Cooper S – Gruppo B) ; 6°  Bertolani – Fontanini (Can Am X3 – Gruppo TM); 7° Luca Righelli (Suzuki Samurai – Gruppo A) ; 8°  Zironi – B. Zironi (Suzuki S4 – Gruppo B) ; 9°  Renato Moscati (Jeep – Gruppo B) ; 10°Francesco Moscati (MINI Proto – Gruppo B) .

Blog su WordPress.com.

Su ↑