Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Mercato Auto

UNRAE: Immatricolazioni auto: a giugno mercato in calo (-15%)

Nel primo semestre, “buco” di 200 mila vetture

Prosegue il calo delle immatricolazioni di auto in Italia: nel mese di giugno il mercato ha registrato 127.209 nuove immatricolazioni, con una flessione del 15,0% rispetto a giugno 2021. Il primo semestre 2022 chiude con 684.228 nuove auto immatricolate, pari a un calo del 22,7% con circa 200.000 unità in meno sul corrispondente periodo 2021.

L’apertura della piattaforma per la prenotazione degli incentivi, il 25 maggio scorso, non ha generato una vera inversione di tendenza, né d’altronde avrebbe potuto in così poco tempo, agendo esclusivamente sulle pronte consegne, una porzione minimale del mercato. 

L’UNRAE ha già espresso soddisfazione – a seguito delle pressanti e reiterate richieste al Governo – per il prolungamento dei termini di conferma delle prenotazioni degli incentivi, portati da 180 a 270 giorni, scadenza valida per gli incentivi 2022 ma per quelli del 2021 applicabile solo ai veicoli prenotati dall’1 ottobre 2021. 

“Il nuovo termine risulta senz’altro più adeguato alla reale situazione, e fa uscire operatori e consumatori da una estrema incertezza riguardo all’effettiva possibilità di fruire degli incentivi”, ha commentato il Presidente dell’UNRAE Michele Crisci.

Dopo il rapido esaurimento del fondo per gli incentivi destinati alla fascia 61-135 g/Km, si segnala invece un tiraggio che va a rilento per le vetture 0-20 g/Km e 21-60 g/Km: un utilizzo molto ridotto da parte dei clienti privati, gli unici ammessi a beneficiare del sostegno. Lo stesso vale per la minuscola quota riservata al car sharing, che normalmente si approvvigiona dai noleggiatori, esclusi dagli incentivi. 

Con questo ritmo, a poco più di un mese dall’avvio degli incentivi, la proiezione per fine anno indica un mancato utilizzo dei fondi pari al 60% per la fascia 0-20 g/Km e all’80% per la fascia 21-60 g/Km.

Prescindendo dall’andamento delle prenotazioni di incentivi, risulta stagnante anche quello delle immatricolazioni di auto “alla spina”: a giugno le PHEV scendono a quota 5,5% del mercato (a maggio erano al 6,1%) e le BEV nonostante il recupero della quota (4,8%) sono ancora sotto al livello del 2021.

“Le deludenti performance di mercato delle auto elettriche – sottolinea Michele Crisci – sono prova evidente, come da tempo segnaliamo, della necessità di includere le persone giuridiche tra i soggetti beneficiari degli incentivi. Alla luce dei dati di giugno, è auspicabile che – senza generare avanzi di fine anno né tantomeno dirottarli altrove – i fondi vengano impiegati da subito per allargare la platea dei beneficiari a categorie che sarebbero pronte ad utilizzarli. Enti, aziende e noleggi rappresentano infatti, nel loro insieme, il 52% del mercato di auto con la spina, e ad oggi risultano escluse dai contributi per motivi puramente di budget”.

“In particolare – conclude il Presidente dell’UNRAE – andrebbero incluse le società di noleggio a lungo termine (NLT), che a loro volta servono non solo aziende, ma anche consumatori: una quota, quest’ultima, sempre crescente negli ultimi anni, fin quando non è intervenuta questa ingiustificabile discriminazione rispetto ad altre modalità di acquisizione”. 

La struttura del mercato di giugno evidenzia una flessione per tutti gli utilizzatori: i privati registrano una diminuzione in linea con il mercato totale, recuperando un decimo di punto di quota nel mese, al 57,1% (59,8% nei 6 mesi). Le autoimmatricolazioni crollano del 41% a una quota di mercato del 7,7% (8,5% nel cumulato). Nel mese il noleggio a lungo termine vira in negativo con un -1,7% guadagnando comunque 3 punti di quota al 22,9% (21,2% nel semestre), con andamenti opposti per principali società (Top, in aumento) e Captive (in calo). Il noleggio a breve termine fa appena meglio del mercato complessivo: -13,6%, con un marginale aumento di quota al 6,8% (4,5% nei 6 mesi). Le società, con un andamento in flessione del 12,4%, aumentano di un decimo la loro quota al 5,5% (6,0% nel cumulato).

L’analisi per alimentazione conferma la caduta delle motorizzazioni tradizionali: benzina e diesel perdono rispettivamente il 18% e 21% dei volumi, fermandosi al 29,2% e 20,7% di quota nel mese (27,6% e 20,6% nel cumulato). E’ ancora (leggermente) positivo l’andamento del Gpl (+1,3%), con una quota in salita al 9,7% (8,6% da gennaio a giugno) mentre l’ennesimo tracollo (-62%) porta il metano all’1,1% delle preferenze (esattamente in linea con il cumulato). Nonostante l’arrivo degli incentivi, diminuiscono del 12% le immatricolazioni di BEV nel mese, con una quota in crescita di un decimo di punto rispetto a giugno 2021 al 4,8% (3,6% nel semestre). D’altra parte, è stabile a giugno il volume delle PHEV (-1,2%), con una quota in aumento dal 4,7% di 12 mesi prima al 5,5% (5,4% nel cumulato). Le ibride fanno meno peggio del mercato complessivo (-9,4%) con una quota al 29,1% (33,0% nel primo semestre del 2022), composta per l’8,7% di “full” hybrid e per il 24,3% di “mild” hybrid.

Tra i segmenti del mercato, sono in pesante calo nel mese le piccole (seg. A) e medie superiori (seg. D), che perdono rispettivamente 3,3 punti (al 14,1%) e 0,9 punti (al 11,4%) di quota. Registrano andamenti negativi utilitarie (seg. B) e medie (seg. C), rispettivamente in linea e meno peggio del mercato totale, con quote quindi stabile al 38,0% (utilitarie) e in miglioramento al 34,1% (medie). Crescono le immatricolazioni di superiori (seg. E, +6,3%) e alto di gamma (seg. F, +7,4%), con quote in rialzo al 2,2% e 0,4%, rispettivamente.

Fra le carrozzerie, i SUV coprono oltre la metà del mercato di giugno, con i crossover al 43,4% e i fuoristrada al 10,5% (52,9% nei 6 mesi), in seconda posizione le berline al 39,0%.

Tutte in calo le aree geografiche, con la sola Italia centrale (-6,8% il volume) che aumenta la propria quota (di 2 punti, al 22,5%). Con cali tra il 15% e 22%, diminuiscono di alcuni decimi di punto le quote di tutte le altre aree, mentre perde quasi un punto intero l’Italia Nord Orientale (al 31,7%) grazie alla brutta performance del noleggio nell’area.

Unrae: l’anno grigio dell’auto fra pandemia e crisi microchip.

Se il 2020 è stato uno dei più neri degli ultimi trenta anni per l’auto, il 2021 è proseguito nella stessa scia sommando ai danni postumi della pandemia la crisi dei microchip. Il risultato finale vede1.458.000 autovetture immatricolate con una perdita di ulteriori 460.000 unità (-24%) rispetto al periodo pre-pandemia, che si aggiungono alle 535.000 del 2020.  Per il comparto, questo si è tradotto in un deficit di fatturato di altri 6,3 miliardi rispetto al 2019, e per l’Erario in oltre un miliardo di mancato gettito IVA.  Il quadro – ancora fosco – relativo al 2021, è contenuto nella Sintesi Statistica del mercato dell’auto negli ultimi dieci anni, pubblicata dall’UNRAE e giunta quest’anno alla venticinquesima edizione. Meno pesante è stato il risultato 2021 per i veicoli commerciali, che hanno limitato a un -2% la flessione sul 2019, mentre ha ritrovato il segno positivo, il comparto dei veicoli industriali (+6,8%) e dei rimorchi e semirimorchi (+3,8%). Male invece per gli autobus (-27%) che hanno continuato a soffrire la crisi del turismo e dei trasporti locali.

Da rilevare il continuo arretramento delle auto alimentate a benzina e gasolio, che in tre anni hanno più che dimezzato le immatricolazioni (fermandosi a 436 mila le auto a benzina e a 323 mila i diesel), ma rappresentano ancora il 90% del parco circolante con oltre 34,5 milioni di unità. Di converso cresce il numero delle auto elettriche “con la spina” (ECV), salite a quasi 137mila nel 2021, raggiungendo quota 9,4% del totale: molto lontana dal 26% della Germania, dal 18,6% del Regno Unito e dal18,3% della Francia.

Nel 2021 è continuato a crescere anche il canale delle auto aziendali, che raggiunge quota 37% nonostante il trattamento fiscale penalizzante rispetto agli altri quattro maggiori mercati europei, dove, infatti, la quota è maggioritaria rispetto alle vendite ai privati: la Germania è in testa con il 65,4%. In crescita anche il noleggio a lungo termine, salito al 17,4% di quota nel 2021 e sempre più gradito come scelta all’acquisto anche da parte degli utenti privati. Il 2021 è l’anno del sorpasso dei SUV (crossover + fuoristrada) che toccano quota 48,2% e superano le berline (44,6%) come modello di carrozzeria preferita. Il colore più gradito dagli automobilisti resta il grigio (36,2%) seguito dal bianco (23,4%) e dal nero (15,8%).  Torna a crescere il mercato delle auto usate, che conta oltre 2,9 milioni di trasferimenti netti di proprietà (ma è ancora sotto del 4,5% rispetto al 2019) ed evidenzia una contrazione delle vendite da operatore a privati e molto forte da km 0 a privati. L’età media delle 38.808.000 vetture che circolano sulle strade italiane è salita a 12,2 anni, quella dei veicoli industriali con ptt oltre 3,5 t è di quattordici anni, quella dei veicoli commerciali supera i dodici anni ed è pari a dodici anni l’età dei bus.

 “Di fronte a questo quadro – commenta Andrea Cardinali, Direttore Generale dell’UNRAE – per rispettare gli obiettivi di abbattimento delle emissioni del programma FitFor55 entro il 2035, come deciso dall’Europarlamento, sarà necessario uno sforzo epocale per tutti gli attori coinvolti, non solo per le Case auto, che hanno investito centinaia di miliardi per produrre 170 nuovi modelli elettrici e ibridi plug-in, ma per tutta la filiera a monte e a valle”. Insomma, conclude Cardinali, “di strada da fare ce n’è ancora molta, i successi ottenuti da UNRAE in quest’ultimo anno nel confronto con le Istituzioni ci spingono a continuare a lavorare per dare il nostro contributo di stimolo”.

La nuova Honda Civic protagonista al Fuori Salone di Milano durante la Design Week

La nuova Honda Civic in anteprima nazionale al Fuori Salone di Milano in collaborazione con Vanity Fair

Civic adotta un approccio incentrato sull’uomo per il design interno ed esterno

Il passo più lungo, la carreggiata più larga e la linea del tetto ribassata creano uno stile da coupé sportiva

Linee pulite e filanti abbinate al look sportivo danno vita ad una silhouette familiare e originale

Il packaging intelligente amplia lo spazio all’interno dell’abitacolo

Per celebrare il debutto europeo, la nuova Honda Civic e:HEV domina la scena del Social Garden di Vanity Fair, in svolgimento al Fuori Salone di Milano durante la Design Week.

«Vanity Fair cerca di guardare sempre un passo avanti, con curiosità e spirito rivoluzionario: in occasione di questa Design Week siamo felici di ospitare nel nostro VF Social Garden menti creative e dinamiche che con il loro contributo migliorano la qualità della nostra vita e la semplificano, attente a non trascurare l’impatto ambientale di quello che realizzano», spiega la Codirettrice di Vanity Fair Cristina Lucchini.

“Siamo lieti di poter presentare in anteprima la nuova Civic Full Hybrid al pubblico italiano. L’auto ha ricevuto una risposta straordinaria e ospitarla alla Design Week è per noi un’opportunità unica per coinvolgere un’audience ampia e trasversale, in un ambiente che riflette in pieno la proiezione futura di Honda”, spiega il Direttore Generale della Divisione Auto di Honda Motor Europe Italia Simone Mattogno.

L’undicesima generazione di Honda Civic è stata progettata con un approccio unico sia al design che al piacere di guida, mantenendo sempre la centralità dell’uomo nello sviluppo. Seguendo il principio di sviluppo di una “Civic esaltante”, gli ingegneri Honda si sono concentrati sulla sinergia tra interni ed esterni, per creare un’esperienza più confortevole e originale, capace di migliorare la vita quotidiana dei clienti.

Prodotta per la prima volta nel 1972 come “auto per le persone del mondo”, Civic è diventata il punto di riferimento del principio “Man-Maximum, Machine-Minimum” (M/M) di Honda. Ora applicato su tutta la gamma di prodotti Honda, questo principio deriva dall’idea di far convivere tecnologia e design con l’unico scopo di soddisfare guidatori e passeggeri. La nuova versione di Civic ha un abitacolo capace di offrire livelli di comfort, visibilità e spaziosità senza precedenti, oltre a tecnologie per la sicurezza migliorate e ad un incredibile coinvolgimento del guidatore.

Design da coupé sportiva

L’approccio Honda allo sviluppo “esaltante” si è tradotto in un’evoluzione moderna del design di Civic, che fa eco alla direzione sportiva ed elegante dei più recenti modelli della Casa. La nuova Civic presenta una linea del tetto filante e una linea di cintura posizionata più in basso, che va a migliorare sensibilmente la visibilità verso l’esterno e ricreare lo stesso senso di spazio del modello originale.

Le caratteristiche sono quelle di una vera coupé sportiva. Il passo risulta allungato di 35 mm rispetto alla generazione precedente, mentre lo sbalzo posteriore è diminuito di 20 mm, così come l’altezza complessiva che risulta complessivamente ridotta. Il punto più alto della linea del tetto è spostato in avanti, con una delicata pendenza verso il portellone posteriore che enfatizza l’eleganza dell’auto.

“L’elemento chiave di questo progetto è il design del tetto posteriore. Abbiamo valutato e preso in considerazione diversi modelli”, spiega Hitomaro Asano, Civic Exterior Designer . “Abbiamo valutato un finestrino supplementare con due pannelli di vetro e il cosiddetto stile hatchback. Il design avrebbe dovuto far sentire le persone positive o entusiaste nel momento in cui avessero visto l’auto. Il design non sarebbe dovuto essere un punto debole, ma sembrare realizzato con un solo tratto”.

Il portellone in resina, sviluppato con la nuova tecnologia di produzione, pesa il 20% in meno rispetto al modello precedente ed è un elemento essenziale per esprimere l’eleganza del design. Il nuovo approccio al design è evidente anche all’anteriore, dove rispetto alla generazione precedente sia il cofano che i parafanghi risultano più bassi di 25 mm, e i montanti arretrati di 50 mm, per offrire al guidatore una visibilità impressionante.

Questo processo di snellimento ha anche l’effetto di far apparire più grandi le ruote che, insieme alla carreggiata posteriore più larga e alla bordatura dei passaruota, crea un assetto più basso e deciso aumentando il senso dinamico della vettura.

“Abbiamo voluto dare alla nuova Civic un look giovane e sportivo, che è alla base del modello”, spiega Asano. “Abbiamo quindi cercato di creare un aspetto molto deciso, mantenendo la parte superiore il più sottile possibile”, aggiunge. “Questa è anche una storia che coinvolge diverse generazioni, e poiché il volto della Civic è cambiato nel tempo, ho ricercato e trovato un elemento comune. Tutti i modelli avevano un profilo con la calandra superiore leggermente abbassata e i gruppi ottici leggermente sollevati. Così abbiamo provato a integrarli sulla stessa linea, come nelle primissime generazioni”.

Grande comfort e praticità degli interni

All’interno dell’abitacolo, il principio di sviluppo M/M di Honda è espresso da forme create su misura per la persona, volte a garantire elevati livelli di raffinatezza e spaziosità. Visibilità e ariosità sono migliorati grazie alla plancia bassa e orizzontale, alla posizione degli specchietti laterali e all’ampia finestratura.

“Una volta stabilito che la parola chiave alla base del concept di design doveva essere “esaltante”, abbiamo pensato a come applicarla agli interni e a cosa sarebbe successo se, ad esempio, avessimo considerato una prospettiva temporale”, spiega Yasunori Ogawa, Civic Interior Designer. “Quando la mattina ci svegliamo con un senso di benessere e piacere, si sta bene tutto il giorno. Certo è difficile mantenere questo senso di benessere fino a fine giornata, ma se ci si concentra sulla mattina, si è sulla strada giusta. Seguendo questo pensiero, dalla nostra ricerca sono emersi tre concetti chiave: pulizia delle linee, armonia e intuitività e coinvolgimento”.

Ciò si traduce in un design interno che incarna la stessa filosofia di design moderno e pulito degli esterni, con un layout ordinato e incentrato sull’uomo, caratterizzato da materiali di alta qualità e punti di contatto che migliorano l’esperienza di guidatori e passeggeri.

Nonostante la linea del tetto ribassata, la spaziosità dell’abitacolo rimane la medesima del modello precedente, grazie ad un posizionamento intelligente dei componenti ibridi nel telaio e nel vano motore. Il generoso vano di carico della nuova Civic ha la stessa capacità di carico di prima, una delle più grandi del suo segmento, ma con un’apertura del portellone posteriore più ampia per una fruibilità migliore. Il risultato è un’auto dallo spazio e dalle funzionalità che le consentono di essere una valida alternativa a veicoli più grandi come i SUV.

“Le cerniere del portellone si trovano dietro la testa dei passeggeri posteriori, creando inevitabilmente un problema ad abbassare la linea del tetto”, aggiunge Asano. “Esistono ovviamente dei modi per far funzionare il design a scapito del packaging, ma né Civic né Honda intendevano sacrificare questo aspetto. Abbiamo fatto in modo che questo concetto fosse condiviso da tutti gli addetti al design degli interni, degli esterni e del packaging, per poi iniziare a studiare una soluzione.

Abbiamo innanzitutto spostato le cerniere fuori dal montante. Per quanto riguarda la linea di taglio, se l’avessimo messa per esempio al centro del montante posteriore, avrebbe rovinato tutto. Non volevamo spezzare la linea che dall’anteriore si slancia verso il posteriore, così abbiamo pensato di arrivare sopra il vetro triangolare, un’idea che è piaciuta a tutti, designer inclusi”.

La stessa attenzione ai dettagli si riflette sempre all’interno con le innovative bocchette posizionate intorno all’abitacolo, in modo da offrire un flusso d’aria più consistente ma meno invadente. L’estetica è invece sublimata da una griglia a nido d’ape a tutta ampiezza sulla plancia.

“Uno dei concetti chiave del design interno di Civic è riferito alla pulizia delle linee”. È una mia preferenza personale… ma da quando sono designer auto, non metto mai le bocchette dell’aria condizionata al centro della console”, spiega Ogawa. “Un tempo, in Giappone, sui treni c’erano i convettori e per me le bocchette sono un po’ la stessa cosa. Ma se si guarda agli interni delle abitazioni, ad esempio, si nota come queste cose siano nascoste. Sulla base di queste considerazioni, ho aggiunto una griglia a nido d’ape lungo la plancia per avere una finitura di qualità, mantenendo la pulizia delle linee”.

Abbiamo rivolto grande attenzione nel creare un ambiente che riducesse al minimo il bisogno di muoversi. Il sistema di Infotainment è posizionato nella vista perimetrale del conducente e per controllare le informazioni non serve muovere la testa. Questo riduce le distrazioni, i momenti in cui lo sguardo si allontana dalla strada, migliorando la sicurezza.

“Abbiamo adottato un interessante approccio allo sviluppo verificando in maniera dinamica e con diverse tecniche, il volume e l’altezza dell’HMI, testando la disposizione e la facilità di interazione con i comandi, oltre a cercare di capire quale visibilità sarebbe stata quella ottimale”, spiega Ogawa.

Civic ha stabilito nuovi parametri di riferimento fin dal suo primo debutto 50 anni fa, vendendo più di 27,5 milioni di unità in 170 Paesi. La nuova versione sarà disponibile in Europa a partire dall’autunno 2022.

Per scoprire di più sulla nuova Civic e:HEV Full Hybrid, è possibile visitare il sito Honda.it.

FIAT presenta il Nuovo Doblò ed E-Doblò.

Fiat e Fiat Professional presentano il nuovo Doblò ed E-Doblò, la quinta generazione del modello.

Grazie a soluzioni ingegnose e innovative, che rendono la guida in città meno stressante e più sicura, il nuovo Doblò è infatti il partner ideale per le famiglie nella versione autovettura e il veicolo adatto a tutte le occorrenze dei professionisti nella versione van.
Con il lancio del nuovo E-Doblò  il Marchio prosegue i processi di elettrificazione avviati negli ultimi anni: FIAT entro il 2024 punta a diventare completamente elettrico su ogni nuovo modello in Europa e a offrire dal 2027 una gamma completamente elettrica. Inoltre, Nuovo E-Doblò conquista un doppio traguardo: è il terzo modello elettrificato per FIAT, dopo il debutto di Nuova 500 e E-Ulysse, ed è il terzo veicolo elettrico per FIAT PROFESSIONAL, dopo E-Ducato e E-Scudo.
I due nuovi modelli ampliano le rispettive gamme per soddisfare le esigenze di tutti, professionisti del trasporto o famiglie dinamiche, con quel tocco di ingegnosità italiana che tutti i prodotti FIAT possiedono.
Ultima generazione di un modello vincente nel segmento C-VAN, il nuovo Doblò è il top level in termini di versatilità, capacità di carico e sicurezza. Flessibile, spazioso e progettato per andare incontro ai bisogni di una clientela variegata, Doblò è il tool perfetto per la città. Doblò VAN è disponibile sia con motore elettrico sia con propulsore a combustione termica.

Il nuovo Doblò è disponibile in due lunghezze e tre diverse configurazioni (VAN, Furgone Crew Cab, Combi) e offre un’ampia gamma di motorizzazioni in grado di soddisfare tutte le esigenze.
L’ampia gamma tiene conto delle esigenze dei professionisti che utilizzano il proprio veicolo anche otto o più ore al giorno ed è per questo che il comfort è un altro aspetto tenuto in grande considerazione in fase di progettazione. L’obiettivo è offrire un’esperienza di lavoro senza stress, grazie a soluzioni come un’insonorizzazione di alto livello e sospensioni progettate per ridurre al minimo gli sbalzi e le vibrazioni.
Le “Magic Features” di Doblò conferiscono al veicolo il massimo in termini di modularità, sostenibilità e sicurezza, rendendolo un compagno di lavoro ancora più affidabile, versatile e flessibile.

L’opzione “Magic Cargo” consente un aumento della capacità di carico di 0,5 m3 e la possibilità di caricare oggetti lunghi come tubi o scale, grazie ad una capacità di carico in lunghezza di 3,4 m. Lato passeggero, inoltre, è possibile sollevare il sedile e utilizzare il vano sottostante per inserirvi scatole o oggetti fragili, rendendo la cabina ancora più spaziosa. Disponibile anche un tavolino girevole centrale, per trasformare il Doblò in un ufficio mobile a seconda delle esigenze.

Magic Mirror è invece uno specchio retrovisore digitale da 5” che permette tre differenti visualizzazioni: specchio retrovisore, una visione completa della blind spot area e telecamera posteriore, assicurando una maggiore visibilità e sicurezza.

Infine, grazie alla tecnologia Magic Plug, disponibile solo sull’E-Doblò, è possibile utilizzare l’energia elettrica prodotta dalla batteria per esigenze specifiche come il cargo frigo o il banco di lavoro per elettroutensili.

E-Doblò offre, anche nella versione full electric, il carico utile di prim’ordine – fino a 800 kg su entrambi i passi –, consentendo di caricare fino a 2 euro-pallet; mentre nella versione a motore termico, Doblò raggiunge fino a una tonnellata di portata. Disponibile sia nella versione a passo lungo, che a passo breve, Doblò è pronto ad ogni evenienza: la versione a passo lungo raggiunge, grazie a Magic Cargo, la volumetria massima di 4.4 m3. La versione Furgone Crew Cab su passo lungo permette una modularità unica e diverse configurazioni possibili tra lo spazio di seduta e quello di carico, grazie ad una paratia scorrevole che permette di modulare lo spazio di carico o le sedute passeggeri in base alle necessità.
Insieme alla versione elettrica, sono disponibili anche due motorizzazioni Diesel: 1.5 litri in versione da 100 CV con cambio manuale; 1.5 litri da 130 CV, disponibile sia con trasmissione automatica a 8 marce, sia manuale. Completa l’offerta il motore a benzina 1.2 litri da 110 CV.

Nella versione autovettura, il nuovo E-Doblò sarà in grado di soddisfare le occorrenze di tutta la famiglia (“amici pelosi” inclusi), grazie alla sua spaziosità, versatilità e alla sua capacità di traino di 750 kg. Un luogo magico da cui osservare la città: E-Doblò può essere equipaggiato, su richiesta, con un lunotto posteriore apribile (Magic Window).
Le sue dimensioni, 4.4 metri di lunghezza, garantiscono l’agilità necessaria per affrontare l’ambiente urbano, mentre la configurazione interna – fino a 3 sedili singoli nella seconda fila, che possono essere ripiegati per aumentare la capacità di carico – assicurano la massima versatilità e spaziosità per accompagnare i clienti nelle diverse sfide quotidiane. Per assicurare il massimo in termini di sicurezza, è disponibile di serie su tutti e tre i sedili posteriori il sistema Isofix, il sistema standardizzato di fissaggio all’auto del seggiolino per bambini.
Un veicolo funzionale e versatile che si rivolge a chiunque voglia esprimere tutta la sua personalità. In occasione di un trasloco, un viaggio tra amici o famigliari verso una meta avventurosa o una trasferta sportiva, Doblò si adatta perfettamente alle necessità di tutti i passeggeri.

Per migliorarne ulteriormente la versatilità, sarà inoltre disponibile il Magic Top, un tetto in vetro panoramico che offre maggiore spazio nei vani portaoggetti grazie ad una mensola trasparente e un roof case posteriore, accessibile sia dall’interno sia dall’esterno del veicolo. Inoltre, la funzione opzionale Magic View che facilita le manovre di parcheggio grazie alla telecamera a 180°, che offre una visione completa di cosa c’è direttamente dietro il veicolo. Disponibile come contenuto standard, la radio 8” DAB compatibile con Apple Carplay / Android Auto per migliorare l’esperienza multimediale.
Il nuovo E-Doblò debutta in Italia con un’edizione speciale ricca di contenuti : la LAUNCH EDITION, di colore Blu Mediterraneo, che include il Launch Pack ( barre sul tetto, Magic Window, cerchi in lega da 16” neri, specchietti ripiegabili elettricamente, alzacristalli posteriori elettrici ed oscurati) volante soft touch, quadro strumenti digitale 10” e Magic Top . La gamma completa sarà disponibile nei prossimi mesi.

Il nuovo E-Doblò è dotato di motore elettrico con potenza di 100 kW, pacco batterie da 50kWh, e oltre 280 km di autonomia nel ciclo WLTP. Grazie alla nuova motorizzazione, il nuovo E-Doblò raggiunge la velocità massima di 130 km/h e fino a 260 Nm di coppia massima. La versione a zero emissioni vanta inoltre una flessibilità unica dal punto di vista della missione del cliente e una capacità di ricarica best in class, grazie alla modalità “Quick Charge” fino a 100 kW, che permette di ricaricare in corrente continua l’80% della batteria in soli 30 minuti.
Il conducente può scegliere tra diverse modalità: Normal, Eco e Power. Ciascuna modalità modifica la risposta alla guida del veicolo, migliorandone e ottimizzandone le prestazioni: “Normal” è consigliata per la guida nel traffico di tutti i giorni; “Eco” migliora il risparmio di energia e “Power” migliora la potenza di picco del veicolo.
L’introduzione del pacco batteria non ha portato a modifiche strutturali: E-Doblò è disponibile nelle stesse dimensioni, caratteristiche e configurazioni dei VAN con motorizzazioni a combustione termica.

Il Nuovo Doblò è dotato di sistemi di sicurezza attiva che assistono il cliente durante la guida, consentendogli di godersi il viaggio in tutta sicurezza. Il veicolo offre un pacchetto completo di funzioni di sicurezza, 17 in totale, e ADAS (Advanced Driver Assistance Systems), che ne assicura il posizionamento al vertice del segmento.

Immatricolazioni auto: a maggio calo del 15,1%. In 5 mesi persi oltre 178 mila veicoli

Nel mese di maggio il mercato delle autovetture ha registrato un calo del 15,1% il più modesto da inizio anno dopo quattro mesi di perdite comprese tra -19,6% e -33%.

Il dato dei primi cinque mesi rimane infatti pesante, con sole 556.974 auto immatricolate e un tracollo del mercato del 24,3%, pari a oltre 178.000 vetture in meno rispetto allo stesso periodo 2021 (735.420 unità).

L’apertura, il 25 maggio, della piattaforma per la prenotazione degli incentivi ha probabilmente giocato a favore del modesto recupero del mercato. E, come era lecito attendersi, già nel primo giorno di apertura il fondo di 170 milioni a disposizione della fascia 61-135 g/Km di CO2 risultava dimezzato, e dopo 6 giorni residuano solo 34 milioni.

Per quanto riguarda le altre categorie, dei 209 milioni di euro destinati alla fascia di emissioni 0-20 g/Km ne sono stati prenotati circa 19 milioni, mentre per la fascia 21-60 g/Km le prenotazioni hanno raggiunto quota 10 milioni su 214 milioni assegnati.

 Le immatricolazioni di auto elettriche (BEV) a maggio rimangono però ancora stagnanti con una quota del 3,7%, mentre salgono al 6,1% le ibride plug-in (PHEV).

“L’impianto dei sostegni contiene ancora alcune debolezze che l’UNRAE ha più volte indicato, a cominciare dalla richiesta – avanzata dall’intero comparto – di allungare da 180 a 300 giorni dalla firma del contratto il termine per usufruire dell’incentivo”, sottolinea il Presidente dell’UNRAE Michele Crisci.

“Resta inoltre ancora irrisolto – aggiunge Crisci – il problema dell’esclusione dal beneficio delle persone giuridiche (aziende e società di noleggio), omissione che di fatto riduce l’apporto dell’automotive al percorso di decarbonizzazione del Paese”. Il Presidente dell’UNRAE ribadisce quindi la richiesta di elevare la percentuale di detraibilità dell’IVA per le auto aziendali in uso promiscuo sui motori a zero o a basse emissioni, per avvicinarsi almeno parzialmente alla vigente normativa europea: 100% per la fascia 0-20 g/Km, 80% per la fascia 21-60 g/Km, 50% per la fascia 61-135 g/Km.

Commentando infine i contenuti dell’allegato al DEF dedicato a infrastrutture, mobilità e logistica, presentato lo scorso 23 maggio, Crisci evidenzia “l’assenza, in un documento di ben 240 pagine, di qualsiasi accenno a un piano di sviluppo delle infrastrutture di ricarica per le auto elettriche, nonostante i continui auspici di tutti per una mobilità stradale a zero o bassissime emissioni”.

La struttura del mercato di maggio evidenzia una flessione per quasi tutti gli utilizzatori: i privati segnano un calo in linea con il mercato complessivo, recuperando mezzo punto di quota nel mese, al 59,2% (60,5% nei 5 mesi). Le auto-immatricolazioni cedono il 43% dei volumi e si fermano in maggio appena al 5,9% (8,7% in gennaio-maggio). Il noleggio a lungo termine, unico canale in crescita, segna nel mese un +5,3% (grazie alle principali società Top), salendo di 4,4 punti, al 22,9% del totale mercato (20,7% nei 5 mesi). Il breve termine archivia un’ulteriore tracollo: -37,3%, scendendo al 6,4% di share (4% nel cumulato). Le società, con un andamento di flessione leggermente inferiore al mercato, chiudono maggio al 5,6% e i 5 mesi al 6,1%.

L’analisi per alimentazione conferma il crollo delle motorizzazioni tradizionali: benzina e diesel perdono rispettivamente il 22% e 29,5% dei volumi, fermandosi al 28,4% e 19,5% di quota nel mese (27,3% e 20,6% nel cumulato). Torna in territorio positivo il Gpl, al 7,8% di quota in maggio (8,4% in gennaio-maggio), mentre l’ennesimo tracollo porta il metano all’1% delle preferenze (in linea con il cumulato). L’attesa degli incentivi – come anticipato – conferma una quota sotto tono per le BEV, al 3,7% (3,3% nei 5 mesi), mentre le PHEV riescono a recuperare qualche decimale, portandosi al 6,1% del totale mercato (5,4% in gennaio-maggio). Le ibride segnano una leggera positività in volume, salendo al 33,5% (33,9% nel cumulato), con le “full” hybrid all’8% e le “mild” al 25,5%.

In forte calo a doppia cifra tutti i segmenti del mercato, ad eccezione dell’alto di gamma (seg. F): con una flessione inferiore al totale, le city car e le medie (seg. C) recuperano circa 1 punto, al 18,5% e 31,4% di quota. In flessione la quota di utilitarie (al 35,7%) e dei segmenti D ed E.

La nuova BMW X1 e la prima BMW iX1

Nella sua terza generazione, la nuova BMW X1 vanta un design di carattere, una maggiore abitabilità, una digitalizzazione avanzata e, per la prima volta, un sistema di trazione completamente elettrico. Nella nuova BMW iX1, infatti, piacere di guidare e versatilità si uniscono alla mobilità senza emissioni.

Un nuovo sistema operativo con BMW Operating System 8 e BMW Curved Display, oltre a una scelta molto più ampia di sistemi di guida e di parcheggio automatizzati, contribuiscono a definire l’indole orientata verso il futuro di questo Sports Activity Vehicle (SAV) per il segmento delle compatte premium.

Con il suo aspetto robusto e la sua versatilità, guidare la nuova BMW X1 è un’autentica esperienza di libertà e indipendenza, nel quotidiano e nei viaggi più lunghi. Il design all’avanguardia degli interni, l’ambiente sofisticato e la selezione molto più ampia di equipaggiamenti di serie rispetto al modello precedente valorizzano il suo carattere premium.

Al momento del lancio, nell’ottobre 2022, sarà possibile scegliere tra due motori a benzina e due motori diesel. Questi saranno abbinati a un cambio Steptronic a sette rapporti con doppia frizione di serie e, a seconda del modello, la trazione sarà anteriore o tramite il sistema di trazione integrale intelligente BMW xDrive. Questo quartetto iniziale sarà immediatamente seguito dalla BMW iX1 xDrive30 pura elettrica (consumo di energia elettrica, combinato nel ciclo WLTP: 18,4 – 17,3 kWh/100 km; emissioni di CO2: 0 g/km; valori nel ciclo NEDC: -; stime basate sull’attuale fase di sviluppo della vettura), nonché da una coppia di modelli ibridi plug-in e da altre due varianti a propulsione tradizionale con tecnologia mild hybrid a 48V.

La nuova BMW X1 sarà costruita nello stabilimento del BMW Group di Regensburg, dove per la prima volta usciranno da un’unica catena di montaggio modelli con motori a combustione, sistemi ibridi plug-in e a trazione completamente elettrica.

La BMW iX1 porterà il piacere di guidare senza emissioni in un segmento di veicoli in crescita a livello mondiale, rendendolo accessibile a un pubblico molto ampio. Il SAV compatto alimentato dalla più recente tecnologia BMW eDrive darà quindi un forte impulso all’accelerazione della mobilità elettrica. I miglioramenti in termini di sostenibilità rispetto al modello precedente possono essere in parte attribuiti non solo alle ampie misure di elettrificazione, ma anche al maggiore utilizzo di energia verde, sia per la produzione che nella catena di fornitura, e alle maggiori quantità di materie prime secondarie e materiali naturali utilizzati.

Nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe Plug-In Hybrid

Proposta in Europa esclusivamente in versione 4xe Plug-In Hybrid, da oggi in Italia è possibile ordinare la Nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe scegliendo tra i modelli Limited, Trailhawk, Overland e Summit Reserve. Ciascuna con caratteristiche specifiche, per assecondare qualunque gusto estetico ed esigenza di mobilità, le diverse declinazioni della Nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe condividono un elevato livello di raffinatezza premium, tecnologia innovativa, avanzata capability 4×4 ed elettrificazione. Prosegue così il cammino della nuova ammiraglia Jeep iniziato con il successo della Grand Cherokee 4xe Exclusive Launch Edition, andata sold out in poche settimane. Di certo, l’arrivo della gamma completa consentirà al nuovo SUV Jeep di consolidare il grande apprezzamento riscosso dai modelli “4xe” del marchio, un autentico “brand nel brand” che identifica l’evoluzione del concetto capability aggiungendo sostenibilità, efficienza e ancora più sicurezza e divertimento di guida.

Dal momento in cui il marchio Jeep ha introdotto la prima generazione della Grand Cherokee nel 1992, arrampicandosi sulla scalinata della Cobo Hall e sfondando la vetrata d’ingresso, non ci sono stati dubbi sul carattere dirompente del nuovo modello, che ha definito il nuovo punto di riferimento nella categoria diventando rapidamente sinonimo di design ricercato e capacità senza compromessi.

Questa quinta generazione della Jeep Grand Cherokee, il SUV più premiato di sempre, presenta una nuova architettura, un nuovo sistema di propulsione ibrido plug-in, un nuovo design degli esterni, nuovi interni realizzati con qualità artigianale e tecnologie all’avanguardia che rappresentano un’anteprima nel segmento dei SUV full-size a livello globale. Mentre il marchio di SUV leader in termini di prestazioni off-road prosegue il suo viaggio verso un futuro all’insegna del “Zero Emission Freedom” (“Libertà a zero emissioni”), il nuovo modello si presenta come la Jeep Grand Cherokee più tecnologicamente avanzata e dalle prestazioni 4×4 migliori di sempre.

«La nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe è la nostra ammiraglia a livello mondiale e porterà il marchio Jeep in una nuova era fatta di raffinatezza premium, tecnologia innovativa, avanzata capability 4×4 ed elettrificazione -, ha dichiarato Christian Meunier, Jeep Brand Chief Executive Officer -. Grazie al perfetto equilibrio tra dinamica su strada, performance 4×4 e prestazioni 4xe, la nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe si presenta in assoluto come il modello Grand Cherokee più lussuoso e tecnologicamente avanzato di sempre, con prestazioni 4×4 di riferimento».

«L’arrivo in Europa della nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe segna un tassello aggiuntivo del percorso di elettrificazione del marchio Jeep – dichiara Antonella Bruno, Head of Jeep Brand in Europa -. Abbiamo iniziato questo viaggio nel quarto trimestre 2020 con il lancio di Renegade e Compass 4xe e poi l’anno successivo è arrivata la Wrangler 4xe. E i risultati non si sono fatti attendere, tanto che nel primo trimestre del 2022 più di una Jeep su 3 venduta in Europa è una 4xe e in Italia siamo leader nel segmento LEV che include i plug- in hybrid e i BEV. Ora tocca alla nuova Jeep® Grand Cherokee 4xe proseguire il cammino».

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford ha annunciato l’apertura degli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione, dando ai clienti la possibilità di prenotare il pick-up più performante di sempre. Presentato all’inizio di quest’anno, con consegne ai clienti che inizieranno alla fine dell’estate, il Ranger Raptor di nuova generazione è disponibile, in Italia, in un’unica versione con un prezzo di €62.500 (IVA esclusa). Costruito per i veri appassionati e sviluppato da Ford Performance, la versione ad alte prestazioni del pick-up più venduto in Europa è disponibile con un motore EcoBoost V6 biturbo da 3,0 litri, 1 ammortizzatori FOX® Live Valve e sette modalità di guida selezionabili, per offrire prestazioni ottimizzate su una grande varietà di terreni. Un sistema di scarico attivo, esclusivo per la categoria, offre un sound del motore regolabile con quattro modalità differenti, per adattarsi ai diversi scenari di guida. Il quadro strumenti interamente digitale da 12,4’’ e il touchscreen da 12’’ supportano il sistema di connettività e intrattenimento Ford SYNC 4A® 2 di nuova generazione. Da oggi i clienti possono scegliere il Ranger Raptor dei loro sogni utilizzando anche il configuratore online sul sito ford.it, scegliendo tra opzioni di colore come Arctic White, Blue Lightning e Code Orange, e accessori come l’Exterior Dress-Up pack 3 con roller shutter elettrico e sports hoop o il Raptor Pack Design con un kit di decalcomanie personalizzate.

Video

Peugeot 208 e il suo spirito innovativo.

Peugeot 208 continua ad essere al centro dell’attenzione anche in Italia dove ha conquistato finora 60 mila italiani che la guidano apprezzandone le indiscusse doti in fatto di personalità, qualità, tecnologia e piacere di guida. Un modello che ha saputo conquistare anche i giurati che eleggono l’auto dell’anno (nel 2020) e che oggi si evolve e si presenta con l’allestimento Like di ingresso alla gamma ancor più ricco di contenuti che aggiungono ulteriore valore all’offerta.

Un modello che ha portato al debutto il Power of Choice, un concetto centrato sul momento storico che tutti noi stiamo vivendo e che permette ai clienti di scegliere 208 senza sottostare a condizionamenti derivanti dall’alimentazione del motore che si va a scegliere per l’auto destinata ai propri spostamenti: benzina, Diesel o 100% elettrica, in ogni caso 208 è sempre una 208, senza differenze nello stile, nel comfort, nella tecnologia, sicurezza e piacere di guida. Una strategia vincente che offre davvero grande libertà di scelta. Libertà di scelta che passa anche attraverso formule di utilizzo che spaziano dall’acquisto al noleggio a lungo termine, in Concessionaria o totalmente online.

Un’offerta finanziaria i-Move Avantage che oggi, grazie anche agli incentivi statali, permette di mettersi al volante di Peugeot 208 PureTech 75 Like con una rata mensile di 129 euro ed un anticipo inferiore a 2.500 euro (in caso di rottamazione).

L’allure (seduzione) da sempre fa parte del carattere di Peugeot 208, un modello che continua a conquistare clienti grazie al suo design dalla forte personalità, con una identità che il pubblico italiano insiste nel gradire. Sono infatti 60 mila gli italiani che la guidano ogni giorno e che ne apprezzano le doti indiscusse. Lo stile, poi, è sempre affiancato da contenuti tecnologici di alto livello, ad iniziare dal Peugeot i-Cockpit® che conferisce un’esperienza di guida unica nel panorama automobilistico, ma anche la qualità e la sicurezza che è in grado di offrire agli occupanti, grazie alla disponibilità di un livello di guida autonoma di tipo 2.

Un successo che si estende dall’ambito commerciale a quello sportivo, grazie all’impegno nel mondo dei rally, territorio in cui sta raccogliendo premi e vittorie; ma è anche la critica che l’ha apprezzata, come testimoniato dall’elezione ad Auto dell’Anno avvenuta nel 2020.

Un modello che, forte di questi successi, oggi si rinnova nella dotazione dell’allestimento di ingresso in gamma, il Like, più ricco di contenuti che aggiungono ulteriore valore all’offerta.

Peugeot 208 Like si arricchisce infatti di contenuti che aggiungono sostanza alla sua posizione di ingresso nel mondo 208:

gli specchietti retrovisori guadagnano la regolazione elettrica

il guscio che avvolge i retrovisori esterni diventa nero lucido

i vetri elettrici anteriori sono ora sequenziali e comprendono la funzione anti-pizzicamento

sui montanti posteriori troviamo un inedito badge “Like”

Completa il quadro delle novità il motore PureTech 75 S&S Euro 6.d con cui viene proposto questo allestimento con un prezzo di listino di 17.120 euro.

Ma acquistarla in contanti non è l’unico modo per mettersi al volante di Peugeot 208, perché il concetto di “Power of Choice” presentato dal brand in occasione del lancio di questo modello ha fatto breccia anche in altri ambiti.

Power of Choice è un concetto centrato sul momento storico che tutti noi stiamo vivendo e che permette ai clienti di scegliere 208 senza sottostare a condizionamenti derivanti dall’alimentazione del motore che si va a scegliere per l’auto destinata ai propri spostamenti: benzina, Diesel o 100% elettrica, in ogni caso 208 è sempre una 208, senza differenze nello stile, nel comfort, nella tecnologia, sicurezza e piacere di guida. Una strategia vincente che offre davvero grande libertà di scelta. Libertà di scelta che oggi passa anche attraverso formule di utilizzo che spaziano dall’acquisto al noleggio a lungo termine, in Concessionaria o totalmente online.

Un’offerta finanziaria che, nel caso del prodotto finanziario i-Move Avantage, permette di godere anche degli incentivi statali grazie ai quali, in caso di rottamazione, ci si può mettere al volante di Peugeot 208 PureTech 75 Like con una rata mensile di 129 euro ed un anticipo inferiore a 2.500 euro.

Blog su WordPress.com.

Su ↑