Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Varie

Fiat 500: Ritorno a Garlenda – Inaugurata la 39^ edizione con i mezzi della Polizia Stradale

Iniziata con grande entusiasmo la 39ª edizione del Meeting Internazionale Fiat 500 di Garlenda. La cerimonia inaugurale che ha animato la piazza di Borgata Ponte già gremita di vecchie Fiat 500 giunte a Garlenda da tutta Italia e da varie parti d’Europa.

Due gli “ospiti d’onore”: la mitica Lamborghini e la 500 D della Polizia, quest’ultima in arrivo direttamente dal Museo dei mezzi storici della Polizia di Roma.

Presenti sul palco numerose autorità in rappresentanza dei vari enti patrocinanti l’evento, i Comuni toccati dalla manifestazione e gli sponsor, per dare il via all’evento con la soddisfazione di questo “ritorno a Garlenda”. L’emozione del ritrovarsi fisicamente nel luogo considerato la capitale mondiale della 500 storica è infatti tantissima e la piccola vettura che fu pioniera della mobilità di massa negli anni ‘60 si ritrova a fare da apripista ad un territorio che vuole vivere un’intensa estate di turismo, cultura ed eventi dopo il biennio della pandemia.

Subito dopo la cerimonia inaugurale, che ha visto anche la consegna della tessera del Fiat 500 Club Italia a Nicolò Noberasco (nipote di Pierluigi, cavaliere del lavoro e primo sponsor del Raduno Internazionale di Garlenda con la sua celebre azienda, e figlio di Gabriele, famoso pilota di Rally noto con il soprannome “Odeon”), si è passati al Museo “Dante Giacosa” per l’inaugurazione della “Mostra delle mostre”.

Il Museo della 500 di Garlenda compie 15 anni e li festeggia con un primo bilancio della propria attività, intensissima nonostante lo stop forzato dell’ultimo biennio, in particolare con ben 12 mostre all’attivo, raccontate nell’esposizione di quest’anno attraverso 13 pannelli (con testi in italiano e in inglese), storiche copie della rivista 4PiccoleRuote, porta numeri, calendari, magliette, dipinti e disegni.

La manifestazione è proseguita con il tour a Ceriale, che ha dato ai cinquecentisti la possibilità di scoprire le bellezze del borgo, dalla centralissima Piazza della Vittoria con il suo caratteristico bastione alla frazione Peagna, con l’interessantissimo Museo Paleontologico “Silvio Lai”.

L’imperdibile “Alassio by night”, il giro serale nella Città del Muretto, ormai un momento imperdibile per assaggiare la movida estiva della celeberrima località turistica, ha concluso la prima giornata del Meeting.

Domani, sabato 2 luglio, la mattinata sarà caratterizzata dal talk show a Parco Villafranca, con gli approfondimenti sui 50 anni della 500 R e la presentazione dei libri “L’utilitaria della libertà” e “500 modellini di 500”; nel pomeriggio, Grand Tour con destinazione Stellanello e, in serata, spettacolo sul tema “Ritorno al futuro”.

 Nota sulla 500 D della Polizia: nel 1964-1965 il Ministero dell’Interno assegnò gli unici due esemplari di colore grigio verde alla Questura di Napoli per essere impiegati a svolgere servizio d’istituto nelle isole dell’arcipelago campano e nei vicoli del centro storico di Napoli fino al 1976. La vettura resterà in esposizione nei luoghi del Meeting fino a domenica 3 luglio, quando entrerà nel Museo “Dante Giacosa” dove sarà ospitata fino a metà settembre.

In vista della Settimana Europea della Mobilità di settembre.

In previsione di un importante evento, dedicato alla Sicurezza Stradale a 360 gradi, dal nome provvisorio “la Strada, la Vita”, rivolto all’intera cittadinanza, che auspichiamo possa realizzarsi a Genova nel mese di maggio 2023 e che, rimandato causa Covid, sta nuovamente prendendo forma. Infatti, come sezione Motorsport&RoadSafety Cral Amt Genova, stiamo organizzando, un’occasione ludica di ritrovo per dar modo, ai principali “attori” della Sicurezza Stradale, di incontrarsi, conoscersi, unire le proprie competenze, sensibilizzare sull’argomento e offrire il proprio prezioso contributo alla buona riuscita dell’evento primaverile.

Quest’anno la Settimana Europea della Mobilità avrà luogo dal 16 al 22 settembre 2022. All’interno di questa settimana, mercoledì 21 settembre 2022, sarà la “giornata europea senza morti sulle strade”.

Proprio nel pomeriggio del 21 settembre, stiamo organizzando una gara di durata, a squadre, presso il circuito go kart di Ronco Scrivia, occasione per ribadire un messaggio sempre attuale quanto importante: “Corri in pista, non in strada!”.

Per partecipare, organizzare, sostenere il progetto o per qualsiasi informazione è possibile contattare Alessandro Schena (3337687106 – schenaalessandro@gmail.com).

Presentato a Roma, nella sede dell’Automobile Club d’Italia, l’Island X Prix. 

La sede dell’Automobile Club d’Italia, in via Marsala a Roma, ha ospitato la conferenza stampa di presentazione dell’Island X Prix, unica data italiana ed europea della serie Off road Extreme E, riconosciuta dalla Fia.
Dopo aver ospitato la quarta prova della stagione inaugurale, a ottobre 2021, stavolta la Sardegna sarà teatro di ben due round del campionato mondiale 2022.
Si correrà di nuovo nel Sulcis Iglesiente, nell’Area Addestrativa dell’Esercito di Capo Teulada, con l’Island X Prix 1 in programma il 6-7 luglio e l’Island X Prix 2 in calendario il 9-10 luglio. La manifestazione, che nell’ambito del progetto “Isola degli Sport” gode della partnership con l’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, è co – organizzata dall’Automobile Club d’Italia, che si affida in loco alla professionalità dello strutturato Automobile Club Sassari e all’esperienza di Tiziano Siviero, ex navigatore due volte campione del mondo rally che anche stavolta ha disegnato, in collaborazione col team di Extreme E, il tracciato della gara. Si tratta di un anello di circa 7 km, che sfrutterà appieno dislivelli e asperità naturali del compatto e insidioso terreno, reso ancora più ostico dalle alte temperature previste per la settimana della gara.
I piloti, dieci equipaggi formati da un uomo e una donna che nel rispetto della politica di promozione della presenza femminile nel motorsport si alterneranno equamente alla guida dei rinnovati e più solidi Odyssey21, troveranno ad attenderli uno scenario diverso da quello autunnale e a tratti bagnato dalla pioggia che li aveva accolti lo scorso autunno.
Tra i dieci team in gara spicca la new entry McLaren, oltre ai confermati Andretti, X44 di Lewis Hamilton, JBxe di Jenson Button, Acciona di Carlos Sainz, Abt Cupra, Chip Ganassi, Veloce, Xite e i campioni in carica del Rosberg x Racing.


Il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha sottolineato il forte legame tra la terra sarda e il motorsport “Sardegna: l’isola dei motori. È così che possiamo definire l’impegno e la costanza della Regione Sardegna verso il motorsport a livello internazionale. Dopo il Ris, appuntamento del Mondiale Rally, la Sardegna, ospiterà nuovamente la tappa italiana della serie Extreme E. L’Automobile Club d’Italia e l’Automobile Club di Sassari hanno appoggiato questa disciplina dedicata ai suv elettrici sin dalla sua prima edizione e continuano a sostenerla. La sensibilizzazione all’impatto ambientale si esprime anche attraverso questo campionato che anche quest’anno vedrà protagonisti prototipi di fuoristrada 100% elettrici. È motivo di orgoglio far parte del calendario Extreme E, ancora una volta, evidenziando l’importanza di una location straordinaria come quella dell’isola sarda.

L’Automobile Club d’Italia continua ad essere il promotore del mondo dell’auto in Italia in tutte le sue declinazioni anche sportive. L’Aci continuerà quindi ad appoggiare con entusiasmo l’organizzazione della tappa italiana della serie Extreme E, che ha ottenuto consensi in tutto il mondo. Le gare sono il vero banco di prova delle tecnologie automobilistiche e l’Aci deve far sì che tutte le innovazioni vadano valutate e testate affinché si chiariscano tutti i dubbi in maniera ineccepibile per cui si possa scegliere una strada sapendo a cosa si va incontro, Aci offre un servizio agli italiani”.
A Roma anche il numero 2 di Extreme E, James Taylor, Chief Championship Officer: “C’è grande attesa per il primo doppio appuntamento nella storia di Extreme E. È meraviglioso tornare in Sardegna anche nel 2022. L’organizzazione, i team e tutto il nostro paddock sono entusiasti di correre di nuovo qui. Ringraziamo l’Automobile Club d’Italia e la Regione Sardegna per la loro ospitalità e la loro eccellenza organizzativa. Ci aspettiamo davvero un evento di successo”.
La serie internazionale, dopo il debutto a Neom (Arabia Saudita) il 19-20 febbraio, ripartirà dunque dalla Sardegna (Teulada, 6-7 e 9-10 luglio), prima di salpare alla volta di Antofagasta (Cile, 24-25 settembre) e Punta del Este (Uruguay, 26-27 novembre). Prima però, come di consueto, Extreme E realizzerà un Legacy Programme in terra sarda.
Come nel 2021, l’attenzione si concentrerà sulle aree dell’Oristanese colpite dai devastanti incendi della scorsa estate, e sulla riforestazione della posidonia marina, nel Sud Sardegna. Anche quest’anno, proseguirà la partnership con MedSea Foundation, con la quale Extreme E valuterà gli sviluppi del Legacy 2021 e realizzerà il secondo step, coinvolgendo ulteriori aree marine e terrestri.

Sull’indotto diretto generato dall’evento in occasione dell’ Island X Prix 2021, e su quello che avverrà con la doppia data del 2022, si è soffermato il Presidente dell’Ac Sassari, Giulio Pes di San Vittorio: “Un’altra grande opportunità per la Sardegna grazie alla collaborazione tra l’Automobile Club d’Italia, la Regione ed Extreme E. Grazie a questa manifestazione si è generato un indotto di 15 milioni di euro circa in un territorio, quello del Sulcis Iglesiente, che merita maggiore visibilità. E siamo certi, quest’anno, di generare un indotto maggiore grazie al doppio evento. Un
grazie anche all’Esercito Italiano per la fattiva collaborazione”.
“Ospiteremo per la seconda volta l’Extreme, stavolta con una doppia data che sarà l’unica europea e lo faremo nel Poligono di Teulada. Questo, come gli altri eventi Aci, garantisce alla Sardegna grande visibilità e se già a giugno abbiamo fatto un “boom” di presenze, lo dobbiamo anche agli eventi sportivi che abbiamo ospitato”, ha commentato l’Assessore Regionale del Turismo, Gianni Chessa. “L’Extreme parla del futuro, di ambiente e tecnologia, e ringrazio Esercito, Aci e Aci Sassari per questa opportunità. La nostra terra è un patrimonio di tutti e l’Island X Prix sarà ancora una boccata d’ossigeno per il territorio e farà conoscere una Sardegna diversa”.
“Non esiste federazione che si sia portata così avanti anche nel mondo delle energie alternative più dell’Aci. Extreme E è una grande sfida tecnologica e dà un messaggio giusto. C’è la possibilità di utilizzare l’energia alternativa ovunque e il motorsport lo testimonia. La doppia tappa di Extreme E è un premio per il grande lavoro svolto da Aci e Ac Sassari”, ha aggiunto Raffaele Pelillo, presidente della Commissione Energie Alternative Aci e vice presidente dell’omologa commissione Fia. Dopo essere stata pilota dell’organizzazione nel 2021, anno in cui ha svolto i test e sostituito le colleghe dei team in caso di forfait, per l’italiana Tamara Molinaro è arrivato il momento di compiere il salto di qualità.
La pilota e navigatrice di rally nostrana, da oggi è ufficialmente in forze nel Team Xite Energy Racing, in coppia col tedesco Timo Scheider, che come lei era pilota dell’organizzazione e collaudatore.
Tamara, che già aveva corso a Neom con Xite per sostituire la collega indisponibile, debutterà da “ufficiale” in Sardegna. “Sono davvero felice di tornare in Sardegna con Extreme E, anche perché per me è la gara di casa. Gli altri hanno più esperienza in gara di noi, ma io e Timo abbiamo un bel feeling, abbiamo sognato tanto questo momento è adesso tocca a noi!”, ha commentato Tamara Molinaro.

Ritorno a Garlenda – Domani l’inaugurazione del 39° Meeting dedicato alla storica 500

Ormai ci siamo: con il prologo di oggi, giovedì 30 giugno, è partito il 39° Meeting Internazionale delle Fiat 500 storiche. Al grido di “ritorno a Garlenda”, i cinquecentisti da tutta Italia e da svariate nazioni estere stanno giungendo a destinazione con grande entusiasmo.

Lo staff è pronto, così come i tanti volontari, spesso giovanissimi, che hanno deciso di impegnarsi per quest’evento che rappresenta molto per il territorio garlendese e comprensoriale.

I cinquecentisti si ritroveranno poi  questa sera, giovedì 30 giugno) alle 21,30 in Borgata Ponte a Garlenda per assistere ad uno speciale “Cinema in piazza”: sarà infatti proiettato “Ritorno al futuro”, il celebre film che costituisce il tema portante dell’edizione 2022.

L’inaugurazione ufficiale del Meeting si terrà invece domani mattina, venerdì 1 luglio alle ore 11. A seguire avverrà anche il taglio del nastro della “Mostra delle Mostre” ospitata presso il Museo della 500 “Dante Giacosa”.  15 anni di Museo (2007-2022) e 12 mostre che hanno caratterizzato le estati del “Dante Giacosa”. La “casa” della Fiat 500 storica si racconta ripercorrendo le esposizioni di foto, opere d’arte, disegni di bambini, fumetti e persino magliette che si sono svolte dal 2008 al 2019.Tanti gli appuntamenti nel corso di questo lungo weekend motoristico, tra tour (Ceriale, Alassio, Stellanello) e intrattenimenti musicali, enogastronomia e presentazione di libri, nonché esperienze a diretto contatto con le bellezze delle nostre colline. Tra le novità di quest’anno, infatti, c’è un suggestivo giro in e-bike alla scoperta della Val Lerrone oltre alla riconferma del trekking del sabato mattina a Borgata Castelli.
Insomma, ce n’è per tutti i gusti questo “ritorno a Garlenda” sarà, senza dubbio, ancora una volta, davvero emozionante.

Manutenzione e riparazioni auto in Liguria: nel 2021 spesi 651,7 milioni

Nel 2021 gli automobilisti della Liguria hanno speso 651,7 milioni di euro per provvedere alla manutenzione e alla riparazione delle proprie autovetture. È una somma in aumento del 5,4% rispetto al 2020. La provincia di Imperia è quella che nel 2021 ha fatto registrare il maggiore aumento della spesa (+6,0%), seguita da Savona e La Spezia (+5,4% per entrambe) e Genova (+5,2%). Questi dati derivano da uno studio dell’Osservatorio Autopromotec, la struttura di ricerca di Autopromotec, la più specializzata rassegna espositiva internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico.

A livello nazionale nel 2021 la spesa per la manutenzione e la riparazione delle autovetture è stata di 28,6 miliardi. Si tratta di una cifra in aumento del 5,8% rispetto alla spesa corrispondente relativa al 2020.

La spesa è tornata a salire al confronto con il 2020, ma è ancora lontana rispetto ai livelli fatti registrare negli anni immediatamente precedenti. L’Osservatorio Autopromotec ricorda che la spesa per la manutenzione e la riparazione è influenzata dalla variazione dei prezzi per i servizi di assistenza alle auto, dalla variazione del parco circolante di autovetture e dalla variazione del numero di interventi di officina. Nel 2021 i prezzi dei servizi di assistenza alle auto sono cresciuti dell’1,4% su base annua, a fronte di un leggerissimo aumento del parco circolante di autovetture (+0,3%) e di un incremento delle attività di officina che, in base alle stime dell’Osservatorio Autopromotec, è stato del 4%. L’esborso complessivo nel 2021 stimato dall’Osservatorio Autopromotec, pari a 28,6 miliardi di euro, fa crollare la spesa per la manutenzione e la riparazione auto ai livelli del 2015, riportando l’intero settore indietro di quasi sette anni.

Rally della Lanterna 2022

RECORD CON 104 ISCRITTI

Sarà un’edizione da record la numero 38 per il Rally della Lanterna, sesta per il Rally Val D’AvetoSono infatti ben 104 gli equipaggi che hanno confermato la loro presenza a Santo Stefano d’Aveto nel weekend del 2-3 luglio, un vero e proprio sold out per gli organizzatori della Lanternarally, che hanno ottimizzato al massimo gli spazi a disposizione per poter arrivare ad accogliere tutte le domande di iscrizione, dato che il limite massimo era stato fissato a quota 100. Occhi puntati sull’unica WRC al via, la Citroen DS3 di Simone Miele ed Erika Badinelli, pronti a riscattare la gara sfortunata del 2019, ma impossibile non citare anche i tanti protagonisti della classe R5, tutti su Skoda Fabia ad eccezione della Hyundai di Maurizio Rossi e della VW Polo di BiggiAragno, Caserza, Gonella, Federici, Raffo, Bigazzi e tanti altri sono pronti a deliziare il pubblico.

Un lavoro di organizzazione lungo mesi, con la preziosa collaborazione del Gruppo Sportivo Allegrezze e con l’appoggio delle amministrazioni locali,  di ACI Genova e di un’intera vallata, entusiasta di poter ospitare nuovamente una manifestazione che genera un indotto turistico-economico di vitale importanza per l’entroterra. Proprio questo è uno dei temi chiave della marcia di avvicinamento al Rally, con diversi partecipanti in arrivo da tutte le zone d’Italia che si concederanno anche qualche giorno di vacanza nella perla del turismo montano ligure.

Due giorni di festa, in cui un’intera comunità abbraccerà calorosamente il popolo del rally; sono molte le iniziative di contorno in programma, a cominciare dalla serata di venerdì 1 luglio con la cena a base di focaccia al formaggio preparata dall’Hosteria della Luna Piena, con tanto di Dj set proprio nella zona della partenza.

Tre giorni all’insegna del divertimento anche al Bar Pasticceria Marrè, nel cuore del parco assistenza: venerdì 1 luglio hamburger e dj set, sabato 2 luglio Spritz party a ritmo di musica e domenica 3 luglio, al termine della gara, spaghettata con una bottiglia di Prosecco in omaggio a tutti i vincitori di classe. A Santo Stefano si respirerà nuovamente l’atmosfera delle corse nella sua forma più genuina, all’insegna della sana competizione sportiva, dell’amicizia e del divertimento.

Sarà inoltre possibile seguire le fasi salienti del 38° Rally della Lanterna – 6° Rally Val d’Aveto grazie all’impegno produttivo di Primocanale Motori, che trasmetterà immagini in diretta dalle prove speciali, dal parco assistenza e dal riordino durante il weekend

Ford sperimenta la tecnologia Geofencing per gestire automaticamente la velocità delle auto

La tecnologia Geofencing crea un’area virtuale in cui i veicoli rallentano da soli, aiutando i conducenti soprattutto quando si trovano su strade sconosciute o su percorsi in cui i cartelli stradali sono coperti dalla vegetazione  

La velocità è una delle cause principali degli incidenti stradali. Le zone georeferenziate con limite di velocità a 30 km/h nei pressi di scuole, ospedali e aree commerciali potrebbero limitare notevolmente i rischi per tutti gli utenti della strada  

La tecnologia connessa sarà in grado di rendere la guida più semplice, sicura e rilassante, aiutando gli automobilisti a non incappare in costose multe per eccesso di velocità e riducendo la necessità di consultare i cartelli stradali dei limiti di velocità   

I test a Colonia, in Germania, utilizzano il Ford E-Transit All-Electric.

Molte città e paesi limitano la velocità dei veicoli in transito in prossimità di scuole, ospedali e aree commerciali. Individuare i segnali stradali, tuttavia, non è sempre semplice: spesso dipende da quanto essi siano visibili, soprattutto quando sono coperti dai rami degli alberi o si confondono tra altri segnali.  

Ford sta sperimentando il Geofencing, una tecnolgia che sfrutta la connettività creando un “confine” geografico virtuale, che potrebbe eliminare completamente la presenza dei cartelli dei limiti di velocità sulle strade.  Oltre ad aumentare la sicurezza per tutti gli utenti della strada, compresi i pedoni, il sistema potrebbe evitare ai conducenti di incorrere in multe per eccesso di velocità migliorando, allo stesso tempo, l’estetica delle città.   

“La tecnologia connessa per i veicoli contribuisce fortemente a rendere la guida di tutti i giorni più facile e sicura, a beneficio non solo di chi è al volante ma di tutti”, ha dichiarato Michael Huynh, Manager City Engagement Germany, Ford Europa. “Il Geofencing può garantire la riduzione della velocità dove e quando necessario, per migliorare la sicurezza e creare un ambiente circostante più gradevole”.

In Europa oltre il 29% delle vittime della strada è costituito da pedoni e ciclisti.  Le zone con limite di velocità a 30 km/h rappresentano una misura fondamentale per diminuire notevolmente i rischi per i pedoni nelle aree urbane, garantendo i giusti tempi di reazione per ridurre la velocità in caso d’impatto. 

Attualmente tecnologie Ford di assistenza alla guida come l’Intelligent Speed Assist e l’Adaptive Cruise Control con Stop & Go garantiscono già il controllo dei limiti di velocità. Il sistema Geofencing è, comunque, potenzialmente più flessibile ed efficace dei sistemi di bordo e potrebbe essere applicato in futuro ai veicoli commerciali e alle vetture Ford.  

I ricercatori stanno utilizzando due veicoli Ford Pro per analizzare come la limitazione della velocità possa migliorare il traffico urbano e ridurre il rischio di incidenti. I test con gli E-Transit All Electric sono condotti nelle zone del centro di Colonia dove vige il limite di velocità a 30 km/h e in alcune aree urbane dove i limiti sono rispettivamente fissati a 50 km/h e 30 km/h.  

La sperimentazione, della durata di 12 mesi, si basa su progetti di ricerca sviluppati recentemente da Ford per contribuire a migliorare la sicurezza in strada, tra cui la Connected Traffic Light Technology, che testa l’uso di semafori intelligenti che agevolano il passaggio dei mezzi di soccorso, e gli altoparlanti con avvisi direzionali, per indicare al conducente la provenienza di persone e oggetti in avvicinamento.   

Anche il Local Hazard Information, introdotto su Ford Puma nel 2020, contribuisce a rendere le strade più sicure: la tecnologia connessa, ora presente su 500.000 veicoli Ford in Europa, ha mandato avvisi per oltre 35.000 casi di veicoli in panne, sia Ford sia di altri marchi, e nel 2021 ha segnalato mensilmente ai conducenti più di 100.000 pericoli presenti sulle strade in tutta Europa. 

La sperimentazione è il risultato di una collaborazione tra il team Ford City Engagement, con i funzionari locali di Colonia e Aachen, e gli esperti software Ford di Palo Alto, negli Stati Uniti. Gli ingegneri americani, insieme ai colleghi di Aachen, hanno messo a punto una tecnologia che collega il veicolo al sistema di Geofencing per la localizzazione GPS e lo scambio di dati.   

Il conducente riceve le informazioni attraverso il display del cruscotto, con il limite di velocità della strada che lampeggia sotto la velocità corrente. In base alla zona georeferenziata il sistema, che può essere disattivato in qualsiasi momento, agisce sulla velocità del veicolo riducendola automaticamente.   

In futuro, il sistema sperimentato da Ford potrebbe consentire ai conducenti di impostare le proprie zone Geofencing, anche presso depositi e strutture private, a velocità fino a 20 km/h. Questa tecnologia è, inoltre, in grado di selezionare i limiti di velocità dinamicamente, a seconda delle necessità, in caso di imprevisti, lavori stradali temporanei e in base all’orario.  

Il Codice della Strada tedesco prevede oltre 1.000 tipi di segnali stradali. 6 Nel Regno Unito, si stima che il numero di cartelli stradali sia raddoppiato negli ultimi vent’anni, per un totale di circa 4,6 milioni, al punto che il Dipartimento dei Trasporti ha richiesto ai consigli comunali di rimuovere i cartelli inutili e antiestetici. 7 La riduzione del numero dei cartelli stradali contribuirebbe a rendere più ordinate le nostre città e consentirebbe a chi guida di non distrarsi a guardare i segnali.  

Il programma di prove, che durerà fino a marzo 2023, fa parte delle attività di sperimentazione avviate in Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Norvegia e Regno Unito, per testare i prototipi e gli esemplari di pre-produzione di E-Transit in diversi scenari operativi del mondo reale, come ad esempio i servizi postali, municipali e di pubblica utilità, il settore dell’ultimo miglio e quello della consegna di generi alimentari.  

Nel giorno del suo 112 Anniversario Alfa Romeo sveglia Milano con la F1.

Nel giorno in cui ricorrono i 112 anni dalla fondazione del marchio nel 1910, Alfa Romeo ha deciso di celebrare questa ricorrenza in un modo decisamente unico.

La monoposto F1 che abitualmente gareggia nei circuiti di tutto il mondo, oggi, 24 Giugno, ha percorso le vie del centro di Milano partendo da piazza Duomo e attraversando i luoghi più iconici. Tra questi, piazza San Babila, Porta Nuova, la maestosa stazione centrale, il quartiere City Life per terminare il suo tour cittadino proprio a Gattamelata, luogo dal forte significato storico. Qui nel 1910 sorgeva il Portello, primo sito produttivo Alfa Romeo che oggi è sede del nuovo Flagship store del marchio, primo showroom al mondo che introduce la nuova Brand Identity Alfa Romeo. Il legame con Milano d’altronde è viscerale, qui 112 anni fa, con il nome Anonima Lombarda Fabbrica Automobili il marchio veniva presentato al mondo intero dando il là ad una storia automobilistica straordinaria caratterizzata da un DNA di nobile sportività italiana che dal primo giorno si alimenta di passione, performance e Made in Italy.

Al volante della Monoposto il pilota Valtteri Bottas, il pilota finlandese che ha in pochi mesi conquistato tutti a suon di prestazioni entusiasmanti che gli hanno premesso di aggiudicarsi ad oggi un bottino di 46 punti, posizionandolo al 8° posto in classifica piloti.

Un modo straordinariamente originale di Alfa Romeo per risvegliare l’animo della città che sicuramente si sarà domandato cosa stesse succedendo tra le strade ancora silenti della capitale internazionale e multietnica, simbolo mondiale del Made in Italy.

2022 Honda Civic e:HEV. Il 28 giugno presentazione sul sito Facebook di Honda

Lanciata per la prima volta nel 1972, Honda ha sempre definito Civic come “ l’auto per le persone del mondo”. Oggi, con 50 anni di storia e oltre 27,5 milioni di unità vendute in 170 Paesi, la Civic di undicesima generazione si presenta in chiave moderna, racchiudendo in uno stile sportivo ed elegante, l’evoluzione della sua inconfondibile linea, seguendo il percorso stilistico riconoscibile nei più recenti modelli lanciati da Honda in Europa.

Gli ingegneri di sviluppo Honda hanno seguito il concetto di una “Civic esaltante” concentrandosi sulla sinergia tra esterni ed interni, al fine di creare un’esperienza più confortevole e originale possibile, capace di migliorare la vita di tutti i giorni. Con un approccio umano-centrico esclusivo che si riflette nella dinamica, nel design e nella praticità, Honda ha creato un abitacolo capace di offrire comfort, visibilità e spaziosità a livelli mai visti finora.

Ispirandosi al principio di sviluppo “Man-Maximum, Machine-Minimum” (M/M), basato sul concetto che design e tecnologia lavorano in sintonia per essere al servizio di guidatori e passeggeri, i progettisti hanno dato vita a un’esperienza di guida esaltante. La nuova Civic ispira fiducia grazie a punti di contatto tangibili, a una maneggevolezza e a una dinamica di guida coinvolgente, e a una trasmissione potente ma efficiente, adatta a tutte le esigenze di guida.

L’avanzata tecnologia e:HEV di Honda è di serie e porta a termine l’obiettivo della Casa di elettrificare tutti i suoi principali modelli europei entro la fine del 2022.  Il propulsore ibrido usa una batteria agli ioni di litio per alimentare due motori elettrici compatti, che lavorano in sinergia con un motore benzina da 2.0 litri a iniezione diretta. Le sue straordinarie prestazioni sono il risultato di una densità energetica, di un’efficienza termica e di una coppia impressionanti.

Perfettamente adattato alla nuova Civic, il sistema e:HEV si presenta più fluido, con una potenza più reattiva e un’accelerazione più lineare, offrendo un’efficienza in termini di consumi ed emissioni CO2 davvero sensazionale.

“Ogni nuova Civic porta con sé aspettative molto elevate, ma con quest’ultima generazione volevamo superarle”, commenta Tomoyuki Yamagami, Large Project Leader per la nuova Civic e:HEV. “I consumatori moderni cercano un’estetica capace di emozionare, dinamiche di guida coinvolgenti e una praticità eccezionale e noi abbiamo superato tutto questo, con il nostro concetto di sviluppo e le nostre ultime tecnologie. La tecnologia Honda e:HEV evolve di pari passo con la nostra comprensione di come i guidatori utilizzano le ibride. Inoltre, continuiamo a migliorare la nostra gamma di funzioni di sicurezza avanzate, per offrire un’esperienza di guida più facile e sicura senza andare ad intaccare la qualità”.

La nuova Civic è progettata per chi cerca un’opzione dinamica e prestazionale nel segmento. Il propulsore e:HEV, lo sterzo migliorato e la sospensione perfezionata si combinano per fornire livelli superiori di prestazioni, dinamicità e feedback, che sono da sempre l’essenza del fascino di Civic.

Il nuovo sistema Infotainment è progettato per migliorare i livelli di comfort, praticità e sicurezza, con Apple CarPlay e Android Auto di serie. In anteprima per Civic, l’allestimento Advance top di gamma sarà equipaggiato con un pannello strumenti da 10.2″ completamente digitale, che offre agli utenti una serie di personalizzazioni per avere sempre a portata di mano le informazioni che vogliono.

La nuova vettura vanta anche l’ampliata gamma di avanzate funzioni di sicurezza attiva e guida assistita Honda SENSING, appositamente migliorate per questo nuovo modello. L’introduzione di nuove tecnologie intelligenti, oltre al numero aumentato di airbag e ai nuovi componenti strutturali progettati per migliorare la protezione in caso di incidenti, garantiscono una sicurezza ottimale sia al guidatore che ai passeggeri.

Il 28 giugno alle 10:30 sulla pagina Facebook di Honda si potrà assistere in diretta alla  presentazione della nuova Honda Civic e:HEV Full Hybrid

Blog su WordPress.com.

Su ↑