Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Varie

Osservatorio di Autoscout24 sul mercato delle auto usate 2022 e previsioni usato 2023.

Nonostante nel 2022 siano aumentati sensibilmente i prezzi delle  auto usate in vendita (+20%). 

L auto usata si conferma la scelta preferita dagli italiani per l’acquisto di un’auto. 

Previsioni 2023:

il Caro carburanti non influisce nella scelta dell’alimentazione, con il diesel che si conferma come prima scelta per l’usato. 

Rinnovo parco circolante: tanti pronti a sostituire vetture che hanno in media 12 anni con una usata più “giovane” di 6.

Cosa cercano gli italiani?

L’auto usata più cercata nei prossimi mesi è un SUV diesel o benzina, ha un costo medio di €19.000, deve aver percorso in media 80mila km (per tre su dieci meno di 50mila) e avere un alto livello di comfort e di protezione. 

Nel 2022 la Golf è il modello più richiesto in assoluto, mentre tra le ibride spicca la Toyota Yaris e tra le elettriche la Tesla Model 3.

Pur confermandosi come canale preferito dagli italiani, il mercato delle auto usate nel 2022 segna un’inversione di tendenza, registrando un calo del -10,2% dei passaggi di proprietà netti (2.725.019) rispetto al 2021 (Fonte ACI).

Nell’usato il diesel continua a mantenere il primato tra le alimentazioni, mentre le ibride ed elettriche, seppur lentamente, iniziano a dare i primi segnali positivi anche nel segmento delle vetture di seconda mano. Crescono sensibilmente i prezzi delle  auto usate in vendita, con un aumento, a fine 2022, del +20% rispetto a un anno fa e del +51% al 2019.

Ma che cosa accadrà nel 2023 nel mercato delle auto usate? 

Il caro carburanti, le limitazioni alle auto “tradizionali” in alcune aree del Paese, l’aumento dei costi delle auto usate, che impatto avranno sul settore e sulle scelte degli italiani?

Una risposta arriva dall’analisi di AutoScout24, il più grande marketplace  automotive online pan-europeo, che ha coinvolto la propria community per delineare i principali trend del mercato dell’usato per i prossimi mesi.

Partiamo dall’aumento del costo dei carburanti, tema di stretta attualità. Se da un lato inizia ad avere un impatto sulle abitudini di utilizzo dell’auto (per il 42% del campione), soprattutto in ottica di risparmio, nell’usato per quasi tre quarti degli italiani non sembra influire nella scelta dell’alimentazione, confermando l’interesse verso i modelli termici.

Tra chi ha intenzione di acquistare un’auto nei prossimi mesi, infatti, il diesel continua a mantenere la quota principale (45%), seguita dalle vetture a benzina (36%). Allo stesso tempo cresce l’interesse sia per le auto GPL / Metano (9%) sia per le ibride e le elettriche (10%), che iniziano così a ritagliarsi uno spazio anche nell’usato. Un dato confermato anche dai dati interni di AutoScout24, che vede nel 2022 l’incremento del +53% di vetture ibride ed elettriche disponibili sulla piattaforma rispetto all’anno precedente.

Se si considera solo l’elettrico “puro”, che rappresenta una quota ancora minoritaria, a frenare la sua ascesa anche nell’usato gli utenti segnalano principalmente il costo elevato (per il 47% del campione) e la scarsa autonomia delle batterie (23%).

L’usato per spingere il rinnovo del parco circolante.

Dalla ricerca di AutoScout24 è emersa anche l’importanza del mercato dell’usato per promuovere il rinnovo del parco circolante ora datato: chi è alla  ricerca di un’auto di seconda mano, infatti, sostituirebbe l’attuale vettura, che ha in media circa dodici anni (il 37% ha quindici anni o più), con una di sei anni. E su questo il mercato digitale può aiutare grazie alla vasta offerta di vetture di nuova generazione. Su AutoScout24, infatti, ben il 54% delle vetture usate presenti è Euro 6, la metà ha 5 anni o meno.

Quanti chilometri deve aver percorso la vettura ideale? In media 80mila chilometri. Entrando nello specifico, per oltre otto intervistati su dieci, deve avere meno di 100mila chilometri, per tre su dieci, invece, non deve superare i 50mila e solo per il 10% può superare i 150mila.

Qual è il modello preferito? I SUV, crossover e fuoristrada restano le carrozzerie più ambite, indicate dal 46% del campione, ma rispetto allo scorso anno sembra che stia crescendo l’interesse per le berline (23%). Il 10% ha invece indicato le station wagon, il 7% le monovolume e il 6% le city car.

Qual è il budget di spesa? Chi acquisterà un’auto usata nel 2022 prevede di spendere in media €19.000, ma con differenze a livello generazionale: i neopatentati (18-21 anni), a cui spesso contribuiscono i genitori, hanno un budget di €13.670, mentre i 35-44enni di oltre €21.000.

Cosa non può mancare nell’auto cercata? Su questi gli utenti non hanno dubbi e mettono al primo posto tra le funzionalità o gli accessori considerati fondamentali i dispositivi di sicurezza attiva, indicati da ben il 76% del campione (lo scorso anno era del 70%). Seguono il sistema di infotainment (navigatore, sistema audio, ecc.) segnalato dal 48% del campione e il cambio automatico dal 42%.

“La possibilità di fruire rapidamente di un veicolo, a fronte della carenza di risorse per il nuovo, nel 2022 ha portato le  auto usate a risultare più del doppio rispetto a quelle nuove acquistate. Secondo gli ultimi dati di  AutoScout24 il 2023 è iniziato con fiducia: i prezzi sono stabili, la domanda è robusta e le evidenze emerse dal sondaggio supportano un atteggiamento di fiducia per il mercato delle  auto usate di quest’anno. I motori diesel e benzina continueranno a costituire la tipologia di alimentazione prevalente, alla quale si affiancherà una quota sempre maggiore di vetture ibride, soprattutto nella declinazione mild hybrid. Si conferma l’interesse per l’usato elettrico, un modo ideale per familiarizzare con i veicoli a batteria” – dichiara Sergio Lanfranchi del Centro Studi di AutoScout24.

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati ACI, nel 2022 rispetto al 2021, i passaggi di proprietà di  auto usate sono calati del -10,2%, pari a 2.725.019 atti, con la Campania (-13,3%), la Basilicata (-12,9%) e la Puglia (-12,5%) tra le regioni cha hanno avuto il calo maggiore.

Tra le regioni si confermano ai primi posti per numerosità la Lombardia (419.135 passaggi), Lazio (282.955) e Campania (244.657).

Tra le alimentazioni più richieste, secondo i dati dell’ACI, quasi la metà dei passaggi di proprietà nel 2022 (47,3%) riguardano vetture diesel, in leggero calo rispetto alla media del 2021 (49,4%). Seguono le  auto a benzina con il 37,8%, mentre le  auto ibride rappresentano solo il 4% delle richieste totali e l’elettrico “puro” lo 0,5%.

Tra i modelli più richiesti su Autoscout24 vince in assoluto la Volkswagen Golf, al secondo posto troviamo l’Audi A3 e al terzo la Fiat Panda, ma se si prendono in considerazione solo le vetture ibride ed elettriche troviamo tra le ibride la Toyota Yaris e tra le elettriche la Tesla Model 3.

Qual è l’età media delle vetture proposte? Sull’età media, rispetto allo scorso anno la situazione è rimasta sostanzialmente invariata (7,9 anni), ma con valori che variano dai 6,9 anni del Veneto e della Campania ai 10,2 anni della Valle d’Aosta.

ACI: la nuova Lista di Salvaguardia Auto Storiche

ACI Storico ha segnalato una nuova Lista di Salvaguardia in cui sono riportati modelli di autovetture con anzianità tra i venti e i ventinove anni che hanno caratteristiche di reale valore storico.

L’elenco è stato stilato in collaborazione con il Registro Italiano Alfa Romeo – RIAR, Stellantis Heritage, Associazione Amatori Veicoli Storici – AAVS e dal mensile specializzato “Ruoteclassiche”.

In presenza di una notevole quantità di veicoli ultra ventennali ancora circolanti, rappresenta uno strumento prezioso e costantemente aggiornato per circoscrivere il perimetro della storicità.  
I modelli di auto sono inseriti nella Lista sul presupposto dell’età e della quantità di esemplari esistenti. A contribuire sono anche le loro caratteristiche tecniche, di fabbricazione, il rilievo tecnologico, industriale, sociale, estetico o altri aspetti che consentono effettivamente di conferirgli interesse e valore storico.
 La Lista di Salvaguardia è messa a disposizione degli appassionati e dei collezionisti, ai quali sono così suggeriti modelli e versioni che nel tempo potranno vantare una specifica rilevanza storica. In occasione degli aggiornamenti che avvengono ogni 12 mesi, sono aggiunti i modelli che raggiungono i 20 anni ed eliminati invece quelli che spengono 30 candeline.

Ecco alcune tra le novità presenti nella Lista aggiornata: Alfa Romeo GT (la coupé derivata dalla 147), Alfa Romeo GTV/Spider (serie 916) II serie, Audi A4 cabrio (II serie), BMW Serie 6 (E63/64), BMW Z4, Citroen C3 Pluriel, Fiat Multipla II serie, Jaguar XJ (serie X350), Mazda RX-8, MG TF, Porsche Cayenne, Smart Roadster-Coupé, Toyota Yaris T-Sport e la Volkswagen New Beetle Cabrio.
 I veicoli con più di 30 anni di età non sono contemplati, perché le norme vigenti li considerano storici indipendentemente dall’iscrizione in un Registro, e pertanto destinatari di benefici fiscali come l’esenzione totale dal pagamento della tassa automobilistica. 

Lista veicoli storici tra i 20 e 29 anni

Elenco vetture storiche tra i 30 e 39 anni

Peugeot a Retromobile 2023 

Il marchio Peugeot presenta a Retromobile 2023 una retrospettiva della sua “serie 4”, dalla Peugeot 401 alla nuovissima Peugeot 408.

Nel 2022, Peugeot ha fatto scalpore togliendo il velo a Nuova 408. Un modello inedito e unico sul mercato, ispirato alla grande tradizione del design automobilistico.

Fascino e innovazione sono un must da quasi 90 anni per tutti i modelli della Casa francese nati con il numero “4”. Nuova Peugeot 408, l’ultima nata della serie 4, ne è un esempio. Con questo modello, Peugeot dimostra l’inventiva delle sue equipe, proponendo, al vertice del segmento C, una silhouette ispirata al mondo delle fastback, unica nel mercato automobilistico attuale. Questa Peugeot di nuova concezione offre, oltre al suo aspetto felino e seducente, l’eccellenza di una raffinata ingegneria incentrata sull’efficienza, con un’elettrificazione intelligente ed un focus sul piacere di guida.

I designer e gli ingegneri che hanno progettato Nuova Peugeot 408 hanno brillantemente raccolto il testimone portato dall’inizio del XX secolo dai loro predecessori che, attraverso sette generazioni di Peugeot “serie 4”, non hanno mai smesso di innovare.

A Retromobile, la Casa esporrà, oltre a Nuova Peugeot 408, sei modelli emblematici delle Peugeot “serie 4”.

Primo modello della “serie 4”, la Peugeot 401 berlina (1934 – 1935) innova con le sue ruote anteriori indipendenti, mentre la Peugeot 401 Eclipse (1935), prima coupé-cabriolet di serie al mondo, traccia una nuova strada nella storia dell’automobile.

La Peugeot 402 (1938 – 1942) è ricordata per una sua innovazione: raggruppa i fari dietro la griglia della calandra per snellire il design e a vantaggio dell’aerodinamica, che è ai suoi albori.

Resa famosa nella sua versione cabriolet dall’ispettore Colombo, la Peugeot 403 Cabriolet (1956 – 1961) è solo una delle numerose varianti della famiglia 403 (berlina, SW, furgoncino e pick-up), un grande successo commerciale.

Il design della Peugeot 404 Coupé (1962 – 1968) è firmato da Pininfarina, la cui collaborazione ha raggiunto i massimi livelli.

La Peugeot 405 Mi16 Le Mans (1993) è una serie speciale della mitica 405 Mi16 per celebrare la vittoria di Peugeot alla 24 Ore di Le Mans del 1993. E dotata del motore 2 litri 16 valvole da 160 CV della Mi16 standard e si contraddistingue per i rivestimenti in pelle e Alcantara, i cerchi in lega da 15 pollici e tanto altro.

Nel 2023, Peugeot 205 festeggia il suo 40° compleanno!

Per tutto il 2023, la Casa organizzerà numerose celebrazioni per festeggiare la ormai leggendaria Peugeot 205, lanciata commercialmente il 24 febbraio 1983. I festeggiamenti cominceranno a Retromobile con l’esposizione di una rara 205 GTI Griffe del 1991, una serie speciale dotata del motore 1,9 litri da 130 cavalli e caratterizzata da una specifica colorazione verde fluorite con i caratteristici cerchi in lega da 15” bicolore.

Peugeot è da sempre un fornitore di mobilità globale, sia su 2 che su 4 ruote. Il brand del Leone presenta sul suo stand a Retromobile una moto PEUGEOT P 515 “Record del mondo” del 1934. È una moto che ha battuto 9 record mondiali di velocità.

L’esposizione Retromobile 2023 si terrà da mercoledì 1° a domenica 5 febbraio presso il quartiere fieristico Parc des Expositions – Porte de Versailles a Parigi, dalle ore 10.00 alle 19.00 (aperture prolungate fino alle h. 22.00 il 1° e il 3 febbraio). L’Aventure Peugeot si trova al Padiglione 1, stand F035.

Mobilità elettrica, ANCMA: mercato 2022 chiude a + 59%

Un mercato giovane, ma forte. Lo dimostra il solido +59% con cui ha chiuso il 2022. Le immatricolazioni di ciclomotori, scooter, moto e quadricicli a impatto zero in Italia continuano infatti a crescere e le due ruote elettriche si fanno strada nella mobilità urbana. Basta guardare al 2018, quando complessivamente il sell out faceva segnare poco più di 4.200 veicoli, per leggere nelle oltre 23.300 immatricolazioni dell’anno

appena terminato il cammino di crescita di questo ambito della mobilità individuale. È quanto emerge dallo

studio sull’andamento 2022 del mercato dei quadricicli e dei veicoli elettrici a due ruote presentato stamane a Milano da Confindustria ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori).  

Senza dimenticare la spinta favorevole degli incentivi all’acquisto e dell’avanzata delle opportunità di sharing, il 2022 registra un segno positivo in tutti i segmenti e conferma anche la predilezione dei privati all’utilizzo dei veicoli elettrici in città. Crescono infatti i ciclomotori (+53,3% con 5.904 mezzi messi su strada) e gli scooter (+56,9% e 9.896 veicoli immatricolati). Più contenuto, invece, l’incremento del segmento moto, che immatricola 540 pezzi e chiude a +7,5%. Infine, con 7.043 veicoli e una crescita del 74,1%, i quadricicli elettrici si rendono protagonisti di un vero e proprio exploit, confermandosi come una delle tendenze più nuove e interessanti dell’anno. 

Per quanto riguarda invece la distribuzione sul territorio, Roma, Milano e Trento risultano rispettivamente le tre città con la più alta densità di veicoli elettrici, mentre sono Catania e Palermo le province dove il mercato è cresciuto maggiormente in termini percentuali negli ultimi due anni. Sud Italia che si conferma protagonista anche nell’incremento – sempre tra il 2020 e il 2022 – del mercato dei quadricicli con Palermo, Catania e Napoli, che salgono sul podio dei territori con le migliori performance. Torino è invece la città dove si è assisto alla maggiore crescita percentuale nel mercato moto, seguita da Firenze e Palermo, mentre Catania, Bergamo e Trento si prendono le prime tre posizioni per il segmento dei ciclomotori. 

“Il nostro è il settore che cresce di più nell’ambito della mobilità elettrica, siamo di fronte a numeri significativi, che – ha commentato il presidente di ANCMA Paolo Magri – dicono molto anche della capacità delle aziende  che rappresentiamo di produrre veicoli sempre più innovativi e fruibili. E che confermano l’importanza di continuare a sostenere questo ambito per fargli raggiungere quella maturità che merita non solo in termini percentuali. È un momento molto interessante per le due ruote: oggi l’elettrico è arrivato a rappresentare poco più dell’8% dell’intero mercato e affianca un’offerta termica complessiva sostenibile ed avanzata, che fa del nostro Paese il leader nella vendita e nella produzione in Europa”. 

Pambuffetti PJ-01, l’hypercar italiana presente a MIMO 2023

Pambuffetti PJ-01, la nuova hypercar ideata in Umbria e realizzata in soli 25 esemplari, conferma la sua presenza all’Autodromo Nazionale Monza durante il MIMO Milano Monza Motor Show, in programma dal 16 al 18 giugno di quest’anno.

L’hypercar da 1,5 milioni di euro porta su strada i concetti di una monoposto racing, grazie a un motore aspirato V10 di 5.2 litri e 820 cavalli, che muovono una scocca di alluminio e carbonio che contiene il peso a soli 1.100 Kg, e un rapporto peso-potenza di 1,3 Kg/cv che conferisce immediata reattività alla vettura.

L’autovettura con le due anime, quella racing e quella stradale.

Tuttavia non è stato sacrificato il comfort dell’abitacolo, dove il telaio si evolve per regalare al guidatore un’esperienza di guida unica nel suo genere, grazie a brillanti intuizioni come la posizione di guida con la pedaliera più alta del bacino, accorgimento che consente di liberare completamente l’anteriore e il fondo lasciando spazio ai flussi aerodinamici.

I sedili con scocca in carbonio e le cinture a quattro punti rimarcano l’animo racing del progetto, e tutto l’abitacolo è un trionfo di alcantara e carbonio, con inserimenti di pelle pregiata.

Il MIMO 2023 oltre a ospitare l’esposizione delle case auto e moto 2, i test drive di tutte le motorizzazioni, porterà per la prima volta in Europa, l’Indy Autonomous Challenge, la gara tra monoposto a guida autonoma gestite da università e istituti di ricerca di tutto il mondo.

Alla Toyota Gazoo Racing la prima vittoria del 2023 al Montecarlo

Toyota Gazoo Racing World Rally Team ha iniziato il FIA World Rally Championship 2023 con una doppietta al Rallye MonteCarlo, con Sébastien Ogier che ha conquistato una nona vittoria da record al leggendario evento davanti al compagno di squadra Kalle Rovanperä.

Il clima prevalentemente asciutto ha reso il rally di quest’anno più un test di prestazioni assolute del solito, e Ogier ha dettato il ritmo fin dall’inizio con cinque vittorie di tappa consecutive aprendo un vantaggio di mezzo minuto all’ora di pranzo di venerdì.

La GR Yaris Rally1 Hybrid è stata la più veloce nelle prime 11 tappe della stagione, la sua striscia si è conclusa solo sabato pomeriggio, quando Ogier era concentrato sulla gestione del suo vantaggio. Ha portato un vantaggio di 16 secondi su Rovanperä nell’ultimo giorno, quando ha continuato a rivendicare le sue vittorie di ottava e nona tappa del fine settimana e ha concluso con un margine vincente di 18,8 secondi.

La cinquantaseiesima vittoria di Ogier nel WRC è anche la prima per il suo co-pilota Vincent Landais, nel secondo evento da quando ha iniziato a lavorare con il navigatore francese emergente alla fine della scorsa stagione. È anche la quinta vittoria a Montecarlo di Toyota con un quinto modello diverso: la GR Yaris Rally1 Hybrid ha tutte le tappe del fine settimana tranne due.

Con Ogier che ancora una volta parteciperà ad una selezione di eventi in questa stagione, il secondo posto e la vittoria nella Power Stage rappresentano un inizio ideale per Rovanperä e il copilota Jonne Halttunen per la difesa dei loro primi titoli di campionato. Rovanperä è cresciuto in fiducia e velocità durante il rally, conquistando sei vittorie di tappa in totale sulla strada per un primo podio al Rallye Monte-Carlo.

Elfyn Evans ha mostrato un ritmo altrettanto forte rispetto ai suoi compagni di squadra per tutto il fine settimana ed è stato secondo dietro Ogier prima di perdere circa 40 secondi con una gomma danneggiata nella SS5 venerdì mattina. Lui e il co-pilota Scott Martin hanno combattuto per finire quarti, a 27,8 secondi dal podio nonostante un breve testacoda domenica mattina. È stato anche terzo nella Power Stage per rivendicare tre punti bonus aggiuntivi.

Il forte inizio di stagione per TGR è stato completato da Takamoto Katsuta nel suo WRC Challenge Program. Ha prodotto la sua migliore prestazione al Rallye Montecarlo fino ad oggi insieme al copilota Aaron Johnston, unendosi spesso ai suoi compagni di squadra nei primi quattro tempi di tappa e finendo sesto assoluto.


Queste le dichiarazioni di fine gara:

Akio Toyoda (Presidente TGR-WRT)

“Congratulazioni per la nona vittoria di Seb e la prima vittoria di Vincent a Montecarlo! È stato l’inizio della seconda stagione per la nostra GR YARIS Rally1 HYBRID. Il team ha iniziato la preparazione per questa stagione subito dopo il Rally del Giappone dello scorso anno, ha apportato molti aggiornamenti alla vettura in un breve periodo di tempo e l’ha resa pronta per questo primo round. Apprezzo molto tutti i membri del team che lavorano sempre così duramente senza avere molto tempo libero anche durante le festività natalizie. In risposta ai loro sforzi, Seb e Vincent hanno vinto il rally e gli altri equipaggi hanno completato tutte le prove speciali. È stato un grande inizio di stagione come squadra. Grazie mille a tutti!

C’è stato un altro grande cambiamento nella off-season: il team è diventato una nuova società, “Toyota Gazoo Racing World Rally Team”. Con la nuova società, non punteremo solo alla vittoria nel WRC, ma affronteremo anche varie sfide, tra cui lo sviluppo del prodotto per rendere lo sport del rally più ampio e sostenibile. Jari-Matti, Chief Rally Sporting Officer (CRSO), Tom Fowler, Chief Technical Officer (CTO), e tutti i dipendenti qui amano i rally e le auto. Continueremo le nostre sfide insieme per portare più sorrisi sui volti delle persone attraverso rally e auto.


Jari-Matti Latvala (Team Principal)

“Siamo molto contenti di questo risultato, è un modo fantastico di iniziare la stagione. Ci aspettavamo una competizione dura quest’anno e non eravamo sicuri di come sarebbe andato questo rally, ma tutto il lavoro che tutti nel team hanno fatto ha davvero pagato. Venendo qui a Montecarlo sapevo che Sébastien era molto motivato dopo essere arrivato così vicino alla vittoria l’anno scorso. Si poteva vedere quella fame nei suoi occhi fin dall’inizio giovedì sera e dopo ha guidato in maniera perfetta. Allo stesso tempo sono anche molto felice di vedere il grande ritmo di Kalle, di Elfyn e di Takamoto. Kalle è migliorato passo dopo passo per il suo primo podio a Monte e sono sicuro che l’anno prossimo sarà pronto per vincere qui. Possiamo vedere che la macchina si sta comportando molto bene, ma sappiamo che dobbiamo continuare a lavorare”.

Kalle Rovanperä (Pilota vettura 69)

“Devo dire che siamo davvero contenti di questo fine settimana. C’era un po’ più di pulizia della strada da fare all’inizio del rally di quanto mi aspettassi, quindi abbiamo perso molto tempo lì, ma dopo il ritmo era davvero buono. Quando avevamo una strada pulita avevamo lo stesso ritmo di tutti gli altri, stavamo lottando per i migliori tempi e finalmente potevamo anche prendere punti pieni sul Power Stage, quindi abbiamo davvero buoni punti per iniziare la nostra stagione. Il team ha fatto un ottimo lavoro con la vettura; Penso che tutti noi fossimo veloci e abbastanza fiduciosi in macchina. Congratulazioni a Seb: è il padrone di Montecarlo”.

Elfyn Evans (Pilota vettura 33)

“Nel complesso il weekend è stato positivo per noi. È stato abbastanza buono in termini di ritmo e probabilmente avevamo il potenziale per ottenere un po ‘di più. Un po’ di frustrazione venerdì ci ha messo fuori dalla contesa per il podio, ma questo è il rally e il modo in cui va a volte. Dopo di che, il quarto posto è stato probabilmente il massimo che avremmo potuto ottenere e il distacco dal terzo era un po’ troppo grande. Sono comunque ottimi punti per iniziare la stagione e una prestazione decente. La macchina funzionava davvero bene; La squadra ha lavorato sodo e questo si vede nel risultato complessivo qui”.  

Sébastien Ogier (Pilota vettura 17)

“È stato un weekend perfetto. Questo rally significa molto per me e vincerlo è sempre qualcosa di molto speciale, quindi mi divertirò molto. Penso di poter essere orgoglioso di me stesso e orgoglioso della mia squadra. È stato un weekend abbastanza dominante per la squadra. Toyota ancora una volta ci ha fornito strumenti fantastici, quindi grazie a loro. È un modo fantastico per iniziare la stagione con una doppietta ed è stata una grande prestazione anche da parte di Kalle. Ieri è stata dura per i miei nervi; Sapevo di poter andare più veloce, ma non volevo correre rischi. Oggi sapevo che si trattava più di guida pura e potevo godermi la fine del rally. Sono così felice anche per Vincent. È la sua prima vittoria nel WRC e se la merita tanto; Ha fatto un lavoro perfetto sul mio lato destro solo nel nostro secondo rally insieme”.  

Classifica Finale, Rallye Montecarlo

1 Sébastien Ogier/Vincent Landais (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) 3h12h02m.0s

2 Kalle Rovanperä/Jonne Halttunen (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +18.8s

3 Thierry Neuville/Martijn Wydaeghe (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +44.6s

4 Elfyn Evans/Scott Martin (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +1m12.4s

5 Ott Tänak/Martin Järveoja (Ford Puma Rally1 HYBRID) +2m34.9s

6 Takamoto Katsuta/Aaron Johnston (Toyota GR YARIS Rally1 HYBRID) +3m32.6s

7 Dani Sordo/Cándido Carrera (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +3m47.5s

8 Esapekka Lappi/Janne Ferm (Hyundai i20 N Rally1 HYBRID) +3m51.3s

9 Nikolay Gryazin/Konstantin Aleksandrov (Škoda Fabia RS Rally2) +10m03.4s

10 Yohan Rossel/Arnaud Dunand (Citroën C3 Rally2) +10m07.9s

Il prossimo appuntamento è con il  Rally di Svezia (9-12 febbraio), l’unico evento invernale della stagione che si svolge su neve e ghiaccio. 

Nasce Toyota For All: Veicoli  dedicati a persone con mobilità ridotta

La visione di Toyota di mobilità del futuro è centrata sulle persone, per dare vita, attraverso lo sviluppo tecnologico, i suoi prodotti e servizi, ad una società sostenibile e inclusiva nella quale ogni individuo possa muoversi ed esprimere liberamente le proprie potenzialità.

L’obiettivo è quello di fornire soluzioni di mobilità innovative, sicure, sostenibili e studiate su misura sulle necessità delle persone, anche con ridotta autonomia motoria, che consentono di spostarsi più liberamente e facilitano la vita quotidiana, senza lasciare indietro nessuno.

L’impegno di Toyota è concreto: oggi è un operatore di mobilità a 360 gradi che offre soluzioni di trasporto e tecnologie avanzate in grado di rispondere alle esigenze in continua evoluzione della società passando di fatto da casa automobilistica a mobility company.

Proprio nel rispetto di questo impegno, ovvero assicurare a tutti la massima libertà di movimento, Toyota amplia oggi la sua gamma di prodotti con alcuni modelli pensati per le esigenze dei passeggeri con mobilità ridotta.

Toyota Proace Verso e Proace City Verso, in versione accessibile, sono studiati per accogliere al meglio anche persone in carrozzina e offrono le stesse condizioni di sicurezza, qualità e comfort dei modelli di serie.

Toyota Proace City Verso è disponibile in allestimento con pianale ribassato e rampa d’accesso.

L’ingresso e l’uscita dal veicolo sono facilitati dalla rampa manuale – dal peso contenuto, quindi manovrabile con facilità -, mentre il ribassamento del pianale crea lo spazio in altezza utile per ospitare la persona in carrozzina seduta accanto ai passeggeri della seconda fila.

Toyota Proace City Verso può ospitare 1 persona in carrozzina e altri 4 passeggeri, nella versione L1, o 5 passeggeri nella versione L2.

Toyota Proace Verso

Disponibile nelle versioni L1 e L2, con pianale ribassato consente di trasportare 1 persona in carrozzina e fino a un massimo di altri 7 passeggeri, conservando tutti i sedili originali. Nell’ultima fila si possono installare due ulteriori sedili, girevoli e richiudibili a parete.

Questi, insieme alla rampa in versione Genius, permettono di ricavare 2 ulteriori posti viaggio se la persona in carrozzina non è presente.

Toyota Proace Verso può inoltre essere equipaggiato con il sollevatore monobraccio ad azionamento elettrico, il che permette di trasportare fino a due persone in carrozzina.

Per garantire una mobilità accessibile a tutti e su misura di ogni singolo cliente, Toyota ha reso disponibile i prodotti Mobility For All sull’intera gamma di motorizzazioni di Proace e Proace City, tra cui troviamo propulsori benzina, diesel o 100% elettrici.

Ribaltina Turbo Slide

Oltre alle nuove soluzioni sulla gamma Proace Verso, per gli altri modelli di casa Toyota, da oggi è disponibile Turbo Slide, la ribaltina pensata per facilitare l’accesso al sedile del passeggero anteriore della vettura, disponibile su Yaris, Yaris Cross Corolla e C-HR.

Di semplice installazione, sia su vetture nuove che usate, la ribaltina può essere comodamente richiusa quando non utilizzata grazie al suo speciale meccanismo di rotazione.

Gli allestimenti dei veicoli sono stati sviluppati in collaborazione con Focaccia Group, azienda di riferimento nella progettazione e produzione di soluzioni per il trasporto delle persone con disabilità.

Tutti i componenti utilizzati testati e certificati secondo gli standard europei e i veicoli allestiti hanno ottenuto l’omologazione europea.

Palazzo Ducale: “Salendo dal mare”- mostra fotografica sull’alpinista genovese Gianni Calcagno

Gianni Calcagno, genovese, è stata una figura importante dell’alpinismo italiano e internazionale dagli anni Sessanta fino al 1992, anno in cui perse la vita in Alaska sul Monte Denali – allora chiamato Mc. Kinley – con Roberto Piombo mentre scalavano lo Sperone Cassin.

Palazzo Ducale gli dedica una mostra fotografica che – organizzata con il patrocinio del Comune di Genova e in collaborazione con il Cai sezione ligure Genova – inaugura venerdì 20 gennaio alle ore 17.30.

L’esposizione sarà aperta al pubblico dal 21 gennaio e sarà ospitata fino al 19 febbraio nella Sala Liguria, lo stesso luogo che ha accolto proprio un anno fa la mostra con le foto di Guido Rossa, anche lui – tra l’altro – alpinista e genovese d’adozione, tragicamente scomparso sotto i colpi delle Brigate Rosse.

Una tradizione – quella genovese e ligure – di alpinisti e di assidui “frequentatori” della montagna, in stretta simbiosi con l’altro grande elemento caratterizzante il territorio regionale, che il titolo della mostra – “Salendo dal mare” – certifica in modo inequivocabile.

La selezione di fotografie scelte tra un archivio di oltre 17mila, rappresentano innanzitutto la documentazione di un’esistenza dedicata alla montagna e all’esplorazione. Immagini di cime che “toccano” il cielo, di scalate, di pareti vertiginose, di ghiaccio e di neve, ma non solo. In mostra anche una sintesi del mondo legato alle spedizioni effettuate: opere d’arte, civiltà, bambini, uomini e donne dei paesi visitati.

Calcagno non fu soltanto un grande alpinista – scalò cinque dei 14 ottomila in poco meno di 4 anni (il Broad Peak nel 1984, i due Gasherbrum a distanza di 15 giorni nel 1985, il K2 nell’86 e il Nanga Parbat l’anno successivo) – ma anche un esploratore, uno studioso, uno scrittore e un poeta. Con la sua passione ha contribuito infatti a sviluppare il concetto di avventura legato alle salite alpinistiche. Dalle Alpi Marittime la sua attività ha raggiunto le pareti del mondo e toccato i più alti gradi di difficoltà del tempo.

L’esposizione – curata dalla figlia Camilla Calcagno – ripercorre tutta la vita di Gianni Calcagno: Genova sua città natale, le prime salite negli anni Sessanta, le pionieristiche arrampicate a Finale Ligure, le montagne italiane (Marittime, Monte Bianco, Dolomiti, Apuane) e inoltre le varie spedizioni (Scozia, Perù, Colombia, Cina, Africa, India, Pakistan), compresi i cinque ottomila scalati.

Non può mancare la natura con i suoi imponenti scenari, ma – come detto – la vita e le culture dei popoli. Tutti aspetti che testimoniano un ricco cammino sentimentale che accompagna i visitatori attraverso un percorso stimolante ed emozionante.

Viene proposto anche un breve filmato – appena restaurato – riguardante la spedizione al Broad Peak nel 1984.

Ingresso libero, tutti i giorni, dalle ore 10 alle 19

FIAT Ducato eletto “Miglior base camper 2023” da Promobil

FIAT Professional Ducato è stato premiato, per la quindicesima volta consecutiva,  “Miglior base camper 2023” dai lettori di Promobil, rivista tedesca specializzata nel settore del settore.

Il premio conferma il modello come leader del segmento e l’importanza del settore dei veicoli ricreazionali per FIAT Professional.

Proseguendo la sua serie di vittorie, FIAT Professional Ducato si aggiudica il prestigioso premio “Miglior base camper 2023”, davanti a competitor agguerriti. Per la quindicesima volta consecutiva, i lettori della rivista specializzata tedesca “Promobil” hanno premiato nuovamente il modello di successo di FIAT Professional.
La scelta annuale dei lettori della rivista tedesca rappresenta da oltre un quarto di secolo un importante punto di riferimento e un significativo parametro per le tendenze nel settore dei veicoli ricreazionali, a conferma dell’importanza di questo premio.

Questo prestigioso riconoscimento è una conferma ulteriore della fiducia che i clienti accordano a FIAT ProfessionalDucato come base ideale del veicolo per il proprio tempo libero. Le numerose varianti di FIAT Professional Ducato che fungono da base per i camper sono state progettate e sviluppate insieme ai maggiori produttori europei del settore.

Il settore dei veicoli ricreazionali è un business duraturo e strategico sia per FIAT Professional che per il suo modello Ducato. Punto di forza del suo successo risiede nella strategia di progettare il veicolo, fin dalla fase di sviluppo, come una piattaforma per i componenti aggiuntivi. Il Ducato ha sempre offerto modularità, guidabilità simile a quella di un’auto e versatilità, caratteristiche che ne hanno decretato i successi insieme alle continue innovazioni.

Oggi la comunità dei camperisti Ducato è cresciuta fino a contare oltre 700.000 membri che viaggiano in tutta Europa. Per permettere ai clienti di FIAT Professional Ducato di godersi le vacanze in tutta tranquillità, il marchio offre da anni un servizio di assistenza telefonica gratuita in 51 Paesi e 15 lingue, esclusivamente per i camperisti, pronto ad assisterli in caso di guasti ma anche per ogni altro tipo di informazione.

Il Ducato ha sempre ottenuto grande successo perché da veicolo da lavoro si trasforma in un veicolo di lusso, potenzialmente il più premium dell’intera gamma FIAT Professional quando si trasforma in camper. È razionale e professionale quando il suo uso è lavorativo, flessibile ed eclettico per il tempo libero.

Dalla presentazione del primo modello nel 1981, il Ducato è stato continuamente migliorato. Il versatile furgone si è trasformato in un modello di tendenza, oggi venduto in più di 80 Paesi nel mondo. Tutto questo fa di FIAT Professional Ducato un modello davvero globale e un punto di riferimento nel suo segmento. FIAT Professional Ducato viene prodotto nello stabilimento Stellantis di Atessa (CH) da oltre 40 anni.

Blog su WordPress.com.

Su ↑