Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Varie

National Geographic annuncia la sua nuova Produzione.

Il Ponte di Genova:  cronologia di un disastro

National Geographic (canale 403 di Sky) torna a quel giorno drammatico con il documentario IL PONTE DI GENOVA: CRONOLOGIA DI UN DISASTRO in onda il 16 maggio alle 20.55. Grazie a video amatoriali si potranno vedere gli istanti appena prima del crollo del ponte, mentre i racconti dei parenti delle vittime ci faranno vivere le storie di chi si trovava su quel tratto di strada durante quei momenti fatali. Le registrazioni audio delle chiamate ai servizi di emergenza, i messaggi su WhatsApp e gli sms, i post e i commenti su Facebook che in quelle ore i sopravvissuti si sono scambiati con familiari e amici ci riporteranno a quei momenti convulsi. Le testimonianze di chi si è salvato, quelle di chi ha lavorato giorno e notte nella speranza di trovare vita sotto le macerie e la voce dei maggiori esperti di statica e di ingegneria cercheranno di rispondere alle domande che l’Italia e il mondo intero si pongono: cos’è successo realmente quel giorno a Genova? Quali sono le cause tecniche del disastro? E cosa possiamo fare per evitare il ripetersi di simili incidenti in futuro?

Il documentario IL PONTE DI GENOVA: CRONOLOGIA DI UN DISASTRO sarà in onda su National Geographic (Sky, 403) il 16 maggio alle 20.55.

Lanterna Corse Rally Team: concluso il 19° corso navigatori rally

È arrivato al termine la diciannovesima edizione del Corso Navigatori rally organizzato dalla Lanterna Corse Rally Team.

La prova finale, che consisteva in una simulazione di una prova cronometrata di un rally, si è svolta a Campo Ligure.

Dopo aver appreso tutte le nozioni teoriche durante le lezioni tenute da Paolo Rocca e Marco Gallizia, le giovani promesse dell’automobilismo affiancati dai piloti Marco Cotugno, Fabio Ferrando e Alberto Verardo si sono alternati a leggere le note nella fase eliminatoria.

In seguito è toccato poi a Gianluca Caserza valutare gli allievi durante la semifinale a bordo di una Peugeot 208 R2B

Infine i finalisti si sono alternati al fianco di Andrea Mezzogori.

A prevalere è stato il giovane Alessandro Balletti di Bobbio, che ha preceduto Luca Formentera e Carola De Santis.

I tre si sono guadagnati l’elogio di Mezzogori che ha dichiarato: “I ragazzi sono stati bravissimi e mi ha stupito il loro livello, eravamo già al ritmo di una vera prova speciale e sono sicuro che tutti avranno un futuro da protagonisti nel mondo del rally”.

Ai primi tre classificati, sono andati i premi forniti dall’OMP Racing, rispettivamente una tuta, un completo sottotuta e un paio di scarpe da competizione; accessori che certamente serviranno per l’imminente inizio di nuove carriere nel mondo del motor sport.

Goodyear in partnership con Local Motors per lo sviluppo di shuttle a guida autonoma

Goodyear ha stretto una partnership con Local Motors, con sede in Arizona, per equipaggiare in esclusiva i veicoli Olli, un minibus senza autista per il trasporto di otto passeggeri. Quest’accordo permetterà a Goodyear di compiere dei test focalizzati sugli pneumatici destinati ai veicoli a guida autonoma.

“Il nostro lavoro sui progetti di veicoli a guida autonoma come Olli è uno dei pilastri del nostro programma di sviluppo di soluzioni al servizio della mobilità del futuro. Attraverso programmi pilota in partnership con le principali startup, raccogliamo importanti dati sui veicoli e sulle dinamiche di sharing e li utilizziamo per migliorare le performance operative di questi veicoli a vantaggio dei clienti,” dichiara Chris Helsel, Chief Technology Officer di Goodyear.

In aggiunta a questa partnership, in Lussemburgo dove ha sede uno dei suoi due centri di innovazione globale, Goodyear equipaggia tre shuttle a guida autonoma gestiti dalla società di autobus Sales-Lentz. Questi veicoli sono in grado di trasportare fino a quattordici passeggeri per volta ed effettuano corse lungo diverse tipologie di strade locali. Gli pneumatici Goodyear che equipaggiano queste tre navette sono dotati di sensori per raccogliere dati in condizioni di utilizzo reali, che gli ingegneri possono utilizzare per pianificare una manutenzione preventiva e migliorare le prestazioni.

Genova: Fiera di Primavera in GO-KART.

Alla Fiera Primavera  in programma a Genova dal 28 marzo al 7 aprile, i visitatori potranno cimentarsi su una pista di go-kart, progettato e gestita da PGK Design di Milano, che sarà posizionata sotto la tensostruttura della Marina, per essere fruibile in qualsiasi condizione meteo.

In tutta sicurezza – grazie anche ad alcuni accorgimenti tecnici – potranno mettersi alla guida bambini, adulti e persone a mobilità ridotta mentre alcuni campioni daranno spettacolo con kart professionali.

L’ingresso a Fiera Primavera è gratuito . Questi gli orari di apertura: da lunedì a venerdì dalle 15:30 alle 22, sabato e domenica dalle 11 alle 23, domenica 7 aprile chiusura alle 21.

Info: http://www.primavera-online.it

 

Autostoriche: 29^ edizione Gran Premio Nuvolari

Sono aperte le iscrizioni alla 29^ edizione moderna del Gran Premio Nuvolari, manifestazione internazionale di regolarità per auto storiche secondo le normative F.I.A., F.I.V.A. e A.C.I. Sport, in programma dal 19 al 22 settembre 2019. La formula della manifestazione, organizzata sin dalla prima edizione del 1991 dalla Scuderia Mantova Corse, darà ai partecipanti la possibilità di vivere l’evento dedicato al “Mantovano Volante”: affrontando prove cronometrate al centesimo di secondo, prove di media e turismo di altissimo livello, su strade e paesaggi mozzafiato toccando affascinanti e storiche piazze d’Italia.

Con la già confermata presenza di Eberhard & Co. e Red Bull quali Official Partners, sarà uno degli appuntamenti più attesi della stagione. Convergerà a Mantova il mondo dell’automobilismo storico per celebrare la figura di Tazio Nuvolari: lo sportivo che più di ogni altro ha segnato la storia del XX secolo.

Il percorso 2019

L’edizione 2019 prenderà il via alle ore 11 di venerdì 20 settembre da Mantova Piazza Sordello.

Il percorso propone il ritorno alla formula storica, che ha caratterizzato le prime edizioni del Gran Premi Nuvolari negli anni ’90: il passaggio dal Lago di Garda.

Sabato 21 settembre, la seconda tappa, la giornata più intensa del Gran Premio Nuvolari, vedrà gli equipaggi affrontare un percorso rinnovato: dopo la partenza da Bologna, i concorrenti percorreranno la Strada Statale 65, col transito dai celebrati passi appenninici della Raticosa e della Futa. Seguiranno poi per le campagne fiorentine e per le colline del Chianti, arrivando infine a Siena. La carovana proseguirà alla volta di Piazza Grande, nel cuore di Arezzo. Nel tardo pomeriggio gli equipaggi giungeranno al traguardo in Piazza Tre Martiri a Rimini.

La domenica mattina 22 settembre, gli equipaggi prenderanno la via del ritorno verso Mantova.

Termini d’iscrizione

Le richieste di registrazione, da effettuarsi esclusivamente sul sito www.gpnuvolari.it, rimarranno aperte fino al 31 luglio. Al Gran Premio Nuvolari sono ammesse unicamente vetture fabbricate dal 1919 al 1972 munite di passaporto F.I.V.A., o fiche F.I.A. Heritage, o omologazione A.S.I., o fiche ACI Sport /ACI Storico, o appartenenti a un Registro di Marca.

In Liguria: nel 2018 boom di auto usate, in calo vetture nuove ed elettronica di consumo

Secondo l’Osservatorio Findomestic, in regione le famiglie hanno speso in media 2.083 euro: Savona la piazza più dinamica (+0,9%), La Spezia l’unica in negativo (-0,7%)

Nel comparto ‘mobilità’ boom per le auto usate (+3,6%) e i motoveicoli (+3,4%) e netta flessione per le auto nuove (-3,5%).

Il quadro della spesa per i beni durevoli in Liguria nel 2018 viene tracciato dall’Osservatorio dei Consumi Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia. “Nell’anno appena concluso le famiglie liguri – commenta il responsabile dell’Osservatorio Findomestic Claudio Bardazzi – hanno speso in durevoli 1 miliardo e 610 milioni, ovvero lo 0,3% in più rispetto al 2017, con una crescita inferiore alla media italiana (0,8%)”.

L’analisi provinciale. Tra le province liguri, sottolinea Bardazzi. “Savona (0,9%) e Imperia (0,7%) hanno mostrato moderati incrementi di spesa per i durevoli, mentre un calo è stato rilevato a La Spezia (-0,7%) e una stabilizzazione a Genova (0,3%). La spesa media per famiglia in Liguria è stata di 2.083 euro, ovvero 273 euro in meno rispetto alla media nazionale e 591 in meno rispetto a quella del Nord-Ovest”.

Genova. Nel 2018 in provincia di Genova – secondo le rilevazioni dell’Osservatorio Findomestic – le auto usate hanno alimentato un mercato di 267 milioni, in aumento del 3,1%, mentre le vetture di nuova immatricolazione si sono fermate a 212 milioni, con un calo del 3,4%. Il segmento dei motoveicoli ha raggiunto i 63 milioni grazie ad un’impennata del 3,7%.

Imperia. Nel 2018 la provincia di Imperia ha contribuito al mercato dei beni durevoli con una spesa di 218 milioni di euro (pari a 2.083 a Imperia per famiglia) principalmente destinati all’acquisto di auto usate per 71 milioni (+4,7%), auto nuove per 51 milioni (-4,9%). E’ cresciuta la spesa per i motoveicoli (+2,3%),

La Spezia. Sensibile è la flessione rilevata dall’Osservatorio Findomestic per le auto nuove: -5,6% per 74 milioni di euro complessivi. Si sono acquistate più auto usate: il mercato spezzino ha toccato i 62 milioni, in aumento del 3,4%. La crescita più netta è quella fatta registrare dal segmento motoveicoli: +7,6%.

Savona. Nella provincia di Savona le rilevazioni dell’Osservatorio Findomestic dimostrano che la quota maggiore di spesa, 96 milioni, è stata destinata alle auto usate, per le quali si è registrato un incremento del 4,3%. Sono stati spesi, poi, 79 milioni per le auto nuove (con un calo dello 0,9%, il più contenuto in regione). In lieve crescita le vendite nel segmento motoveicoli: +0,7%.

Euro NCAP : HondaCR-V, Mercedes G-Class e SEAT Terraco il massimo dei voti per la sicurezza

Tutte e tre le auto ottengono un punteggio massimo di cinque stelle contro i severi requisiti del 2019 di Euro NCAP.

La nuova SEAT Tarraco condivide la piattaforma MQB di Volkswagen con la Škoda Kodiaq, valutata come cinque stelle da Euro NCAP nel 2017.

Contro i protocolli più rigorosi del 2019, la valutazione a cinque stelle di Tarraco è ancora più impressionante e il suo punteggio del 97 percento per la protezione degli occupanti è tra le migliori ottenute da un’auto in questa categoria.

La precedente generazione di Honda CR-V è stata testata come diesel nel 2013.

Questa ultima versione è stata testata in forma ibrida a benzina, anticipata per essere la variante più venduta. L’auto si comporta bene in tutte le aree e garantisce un alto livello di sicurezza.

La robusta Classe G di Mercedes-Benz offre anche una valutazione a cinque stelle con prestazioni impressionanti in ciascuna delle quattro aree di valutazione.

Michiel van Ratingen, segretario generale di Euro NCAP, ha dichiarato: “Qui abbiamo tre nuovi veicoli, che gareggiano nello stesso segmento e otteniamo i massimi livelli di sicurezza. Ciò è abbastanza impressionante, ma il fatto che tutti e tre i fuoristrada siano dotati di sistemi AEB per pedoni e ciclisti dimostra davvero il potere dei test dei consumatori non solo per incoraggiare prestazioni migliori, ma anche per promuovere nuove tecnologie come standard in tutta Europa “.

Parco Valentino: presentate le novità dell’edizione 2019.

La quinta edizione di Parco Valentino, che nel 2019 andrà in scena a Torino dal 19 al 23 giugno, si conferma tra gli eventi dell’automotive più importante in Italia.

Confermati i criteri vincenti del format che ha rivoluzionato il concetto di Salone dell’Auto: l’ingresso gratuito al pubblico, l’orario prolungato fino alle ventiquattro e l’esposizione all’aperto di novità e anteprime delle case automobilistiche, lungo i viali di quello che fu il circuito del Gran Premio del Valentino in cui corsero piloti come Ascari, Nuvolari, Villoresi e Fangio.

Un occhio particolare sarà poi destinato alle nuove tecnologie. Saranno presenti, oltre che all’interno degli stand delle case automobilistiche, anche nel nuovo Focus Auto Elettriche, che diventerà parte stessa dell’esposizione, trasferendosi dal centro città al parco: le auto elettriche e le ibride plug-in di attuale produzione delle case automobilistiche saranno visibili e a disposizione per test drive con il pubblico.

Altra grande novità sarà l’approfondimento sulla tecnologia al servizio del guidatore: i sistemi di guida assistita saranno al centro di un’area dell’esposizione nella quale i visitatori vedranno all’opera auto di diversi brand e il pubblico in versione dinamica, in un circuito sperimentale messo a punto dall’amministrazione, nel quale si sperimentano anche le auto a guida remota con tecnologia 5G.

Tra le parate, da non perdere quella del Motorsport con esemplari di Formula 1 che passeranno in mezzo al pubblico, seguite da esemplari protagoniste delle diverse discipline sportive motoristiche, per un momento di spettacolo organizzato anche in collaborazione con ACI e con la scuderia Minardi.

“Mancano meno di quattro mesi all’inaugurazione e abbiamo un calendario che cresce di giorno in giorno – ha dichiarato Andrea Levy, presidente di Parco Valentino – nel 2019 ci aspettiamo di superare i 600.000 visitatori dell’anno scorso, e di avere in esposizione i modelli di oltre 40 marchi automobilistici che presenteranno diverse anteprime nazionali. Il nostro è un pubblico eterogeneo, proveniente da tutte e 102 le province italiane, composto al 45% da under 35 e per il 33% da donne, un target molto interessante per le aziende. Quest’anno inoltre presentiamo la grande novità del Focus Auto Elettriche che si sposta all’interno del parco, e diversi momenti di approfondimento e dibattiti con i rappresentanti delle case automobilistiche, giornalisti ed esperti. Perché Parco Valentino vuole essere un contenitore, un punto d’incontro”.

Nel 2018 in Liguria spesi 66,4 milioni di euro per le revisioni auto.

Nel 2018 gli automobilisti della Liguria hanno speso 66,4 milioni di euro per eseguire le revisioni obbligatorie delle loro auto presso le officine private autorizzate.

La cifra comprende il pagamento della tariffa fissata per le revisioni per complessivi 21,2 milioni di euro ed il costo delle operazioni di manutenzione e riparazione necessarie per porre gli autoveicoli in grado di superare i controlli previsti, cioè la spesa per la cosiddetta attività di prerevisione, che ammonta a 45,2 milioni di euro.

A livello provinciale, è Genova la provincia della Liguria che, con 33,2 milioni di euro, registra la spesa più alta per le revisioni e le prerevisioni eseguite nel 2018. Dopo Genova, seguono più distanziate Savona (con 13,9 milioni di euro), Imperia (9,7 milioni) e La Spezia (9,5 milioni).

I dati citati emergono da uno studio della struttura di ricerca dell’Osservatorio Autopromotec.

Autopromotec è la più specializzata rassegna espositiva internazionale dedicata alle attrezzature e all’aftermarket automobilistico, la cui prossima edizione, la ventottesima, sarà in programma a Bologna dal 22 al 26 maggio di quest’anno.

A livello nazionale nel 2018 sono stati spesi 2,92 miliardi di euro per l’attività di revisione delle auto presso le officine private autorizzate. Si tratta di una cifra di estrema rilevanza, anche se di poco inferiore (-0,9%) rispetto ai 2,95 miliardi di euro realizzati nel 2017.

Nel dettaglio, la spesa per la pura operazione di revisione è diminuita dell’1,8% sul 2017.

Questo calo è dovuto essenzialmente alla diminuzione del numero di veicoli chiamati a revisione (nel 2018 sono stati revisionati 13.959.706 veicoli, e cioè l’1,8% in meno rispetto agli 14.217.864 veicoli revisionati nel 2017), anche perché non vi sono state variazioni né per ciò che riguarda la tariffa fissata per le revisioni né per gli oneri accessori (Iva, diritti per la Motorizzazione e bollettino postale). La spesa per le prerevisioni, invece, ha subìto un calo meno marcato (-0,5%) in quanto la diminuzione del numero dei veicoli chiamati a revisione è stata compensata dall’incremento dei costi delle operazioni di manutenzione e riparazione che risulta dagli indici Istat (+1,3%).
L’attività di revisione, sottolinea l’Osservatorio Autopromotec, oltre ad essere un controllo obbligatorio previsto dal Codice della Strada, è uno strumento importante per mantenere in condizioni di efficienza i veicoli.

La revisione ha, infatti, lo scopo di verificare le condizioni di sicurezza e il livello di emissioni inquinanti, così da attestarne l’idoneità a circolare su strada. È bene ricordare che, come previsto dal Codice della Strada, le revisioni vanno effettuate dopo quattro anni dall’immatricolazione e, successivamente, ogni due anni.

Blog su WordPress.com.

Su ↑