Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Categoria

Viabilità

Ponte del 2 Giugno, gli italiani in viaggio lungo la rete di Autostrade per l’Italia

Previsti flussi superiori alla media pre-covid, in linea con i trend positivi delle ultime settimane

Si apre con il lungo ponte per il 76esimo anniversario della Repubblica la stagione delle vacanze estive degli italiani: 4 giorni di stop dal lavoro e, in alcune Regioni anche dalla scuola, determineranno un aumento degli spostamenti lungo la nostra penisola, favoriti anche dalle buoni condizioni meteo (da verificare). A partire dal pomeriggio di oggi e, per l’intero fine settimana, lungo la rete di Autostrade per l’Italia si prevedono pertanto flussi di traffico in aumento dai luoghi di residenza verso le località di mare e di montagna.

Un incremento dei flussi in linea con i dati registrati nel corso della seconda metà del mese di maggio, che ha evidenziato una netta ripresa del traffico, superando in alcuni momenti anche i numeri pre-Covid: arrivando nel corso del mese di maggio a +1,5% rispetto allo stesso periodo del 2019, con picchi fino al +20% nelle giornate di domenica.

Al fine di favorire gli spostamenti, Autostrade per l’Italia ha messo a punto un piano di gestione della viabilità che prevede, tra l’altro, la rimozione dei cantieri di ammodernamento attivi lungo i principali tratti autostradali – quali per esempio l’intera area ligure e la dorsale adriatica – affinché tutte le corsie risultino disponibili al traffico già nel corso della giornata di oggi. Resteranno operativi i soli cantieri in corrispondenza dei quali non si prevedono turbative alla circolazione, o necessari per consentire il completamento di importanti lavori prima dell’esodo estivo. In ogni caso, gli accorgimenti e i presidi adottati per tali situazioni garantiscono la disponibilità di due corsie nella direzione prevalente di traffico, limitando in modo significativo la formazione di possibili code.

Per l’intero ponte pertanto è previsto un incremento degli spostamenti: in particolare nell’area ligure lungo la costa e sulla A26; nell’area lombarda in uscita da Milano, lungo la A4 Milano-Brescia, sulla A8 dei laghi; lungo l’Autosole in particolare nel nodo bolognese e fiorentino, nonché da Roma verso Napoli e dalla Capitale in direzione Orte. Ancora traffico è previsto in Veneto, sulla A13 Bologna-Padova e sulla A27 Mestre-Belluno e flussi intensi di traffico anche lungo la dorsale adriatica che abbraccia per il suo intero percorso moltissime località balneari delle diverse Regioni, dalla Romagna alla Puglia. Sono stimati tempi di percorrenza superiori alla norma anche lungo i tracciati dell’area Toscana, per quanti sono diretti verso le località del mare ma anche in direzione delle aree rurali toscane e dell’Umbria. Traffico in aumento è atteso anche lungo il litorale tirrenico e flegreo.

Sono attesi, inoltre, brevi spostamenti domenica mattina, per le consuete gite fuori porta che vedranno i flussi convergere sulle tratte autostradali a ridosso delle principali aree metropolitane, in particolare in direzione delle località del mare.

Dal tardo pomeriggio alla serata di domenica 5 giugno è previsto il traffico di rientro dall’escursione giornaliera e dal lungo fine settimana, con itinerari principalmente di media percorrenza, in direzione delle principali aree metropolitane. Nella giornata di lunedì 6 giugno è previsto traffico di rientro dei turisti austriaci e svizzeri che hanno trascorso in Italia la festività della Pentecoste, lungo la A23 Udine-Tarvisio e la A9 Lainate-Como-Chiasso, in direzione del confine di Stato.

Si ricorda infine che è stato predisposto il divieto di circolazione per i mezzi con peso superiore alle 7,5 tonnellate dalle 7.00 alle 22.00 di giovedì 2 giugno e dalle 7.00 alle 22.00 di domenica 5 giugno.

Giovedì 19 maggio il Giro d’Italia torna a Genova

Tutte le modifiche alla circolazione stradale e della sosta veicolare sul territorio comunale, prima, durante e dopo il passaggio della corsa, saranno comunicate nei prossimi giorni

La 12esima tappa dell’edizione 2022 della Corsa Rosa, in programma giovedì 19 maggio con partenza da Parma, si concluderà sul traguardo genovese di via XX Settembre per arrivare in piazza De Ferrari.

L’organizzazione della corsa comporterà alcune modifiche alla viabilità nella zona di arrivo già a partire dal pomeriggio di mercoledì 18 maggio.

Qui di seguito l’elenco delle strade, nella zona di arrivo, che saranno soggette a restrizioni di sosta, fermata e circolazione, e la relativa destinazione:

Strada Sopraelevata (Passaggio della Corsa)

Via XX Settembre-Piazza De Ferrari (Allestimento Area di Arrivo)

 Tratto tra Piazza De Ferrari, Via Roma e Viale Emanuele Filiberto (Parcheggio Fornitori)

 Piazza De Ferrari, Via Petrarca, Piazza Dante e Via Dante nel tratto compreso tra Via Roccatagliata Ceccardi, Via Carducci e Via Morcento (Area TV Compound e Parcheggio Automezzi Broadcaster)

 Parcheggio motocicli e ciclomotori tra Via Dante e Via D’Annunzio (Parcheggio Organizzazione)

 Piazza Matteotti (Parcheggio Invitati e Quartier Tappa)

 Via Fieschi, entrambi i lati (Parcheggio Terze Ammiraglie)

 Via Brigata Liguria nel tratto compreso tra via XX Settembre e via Ippolito d’Aste (Parcheggio Bus Squadre)

 Piazza della Vittoria (Open Village, Parcheggio Sponsor, Parcheggio Fornitori, Parcheggio Carovana)

 Piazza Matteotti (Parcheggio Invitati e Quartier Tappa)

 Via Canevari nel tratto compreso tra intersezione con corso Monte Grappa e piazza Raggi (Capolinea sostitutivo dei mezzi AMT)

I Municipi attraversati dalla corsa saranno: I Centro Est, II Centro Ovest, III Bassa Valbisagno, V Valpolcevera, VI Medio Ponente, VIII Medio Levante.

Tutte le modifiche alla circolazione stradale e della sosta veicolare su tutto il territorio comunale con le relative fasce orarie (prima, durante e dopo lo svolgimento della corsa), le variazioni al servizio di trasporto pubblico gestito da AMT ed i percorsi alternativi consigliati alla cittadinanza saranno comunicati nei prossimi giorni.

Questo il percorso della 12esima tappa del Giro d’Italia

La Parma – Genova (204 km) sarà una tappa di media difficoltà. L’ingresso in Liguria avverrà dal Passo del Bocco, da dove i corridori raggiungeranno in discesa Carasco per entrare in Valfontanabuona. Leggera ascesa fino a Ferriere dove il gruppo imboccherà la salita della Colletta di Boasi. Discesa su Bargagli e Cavassolo, quindi l’ingresso nel territorio di Genova dalla Valbisagno con la breve ma impegnativa scalata al Valico di Trensasco. Dopo Bolzaneto la corsa percorrerà la sponda destra del Polcevera fino all’altezza di via Ferri. Da qui, attraverso via Borzoli, è previsto l’ingresso al casello dell’autostrada di Sestri Ponente-Aeroporto. Si percorrerà il ponte Genova San Giorgio per uscire a Genova Ovest e imboccare la sopraelevata Aldo Moro, che porterà i corridori fino agli ultimi 2 chilometri che si snoderanno tra viale Brigate Partigiane, viale Brigata Bisagno e via Cadorna. Arrivo in leggera salita in via XX settembre.

Autostrade nodo genovese: dal 9 maggio ripresa dei cantieri

Dopo lo stop per festività pasquali, il primo maggio ed Euroflora, che chiuderà i battenti domenica prossima a Genova, i lavori sulla rete autostradale Aspi
riprenderanno dalle  ore 12 di lunedì 9 maggio e proseguiranno fino al 27 maggio, quando è previsto un ulteriore pausa per il ponte del 2 giugno fino al 6 giugno.

Fino alla lunga pausa di agosto, verranno comunque salvaguardati sull’intera rete ligure tutti i fine settimana, con la rimozione dei cantieri dalle ore14 del venerdì alle 12 del lunedì successivo, con gli stessi orari garantiti da tutte le concessionarie in modo omogeneo.
Questo l’esito della riunione del tavolo di confronto tra Regione Liguria e le concessionarie autostradali che si è svolta nel pomeriggio.
“A partire da lunedì prossimo riprenderanno una serie di interventi di ammodernamento della rete autostradale ma – afferma l’assessore alle Infrastrutture della Regione Liguria – riteniamo che si tratterà di lavori meno impattanti rispetto a quanto abbiamo dovuto sopportare prima di Pasqua perché le concessionarie ci hanno rappresentato un quadro di cantierizzazioni meno impattanti rispetto ai mesi passati. Per il ponte del 2 giugno, poi, abbiamo ottenuto un nuova finestra di stop dei lavori molto significativa, dal 27 maggio a lunedì 6 giugno, con condizioni analoghe a quelle che stiamo vivendo in queste settimane legate alle festività pasquali, al 1° maggio e ad Euroflora. Inoltre tutte le concessionarie garantiranno la sospensione dei cantieri nei fine settimana con gli stessi orari, dal venerdì pomeriggio al lunedì mattina, per tutta la primavera e l’estate, fino alla lunga pausa che ci sarà ad agosto”.
In particolare sulla rete Aspi nei fine settimana verranno smontati tutti i cantieri ad eccezione di alcune riduzioni di carreggiata sull’autostrada A7 tra Bolzaneto e Isola del Cantone e del cantiere di Genova Ovest in area cittadina (rampa via Cantore) oltre che, in territorio piemontese, del cantiere inamovibile sulla A26 in direzione sud prima del casello di Ovada (con la garanzia di 2 corsie libere su tre).
Il tavolo tornerà a riunirsi a fine maggio per valutare i programmi delle concessionarie per i mesi di giugno e luglio fino a traguardare la lunga finestra di sospensione delle lavorazioni prevista nel mese di agosto fino ai primi di settembre.

I cantieri sulle strade di Genova.

Nell’ambito dei lavori per il riassetto del sistema di accesso alle aree operative del bacino portuale di Voltri -Pra’, fino al 30 settembre, in via Pra’, tra via Porrata e il civico 65, sono istituite le seguenti prescrizioni: limite velocità a 30 km\h; divieto di sorpasso; divieto di transito all’altezza del tratto di strada che porta al casello autostradale per i veicoli che provengono da ponente in direzione levante; divieto di transito per i veicoli in direzione mare-monti all’altezza del tratto di strada che porta al casello autostradale per i veicoli che percorrono via Sorgenti sulfuree; obbligo di andare dritto per i veicoli in direzione Ponente-Levante giunti all’altezza di via Sorgenti sulfuree; obbligo di andare dritto per i veicoli con direzione di marcia Ponente-Levante, giunti all’incrocio semaforico con lo svincolo autostradale.

In via della Superba, fino al 31 dicembre, per i lavori effettuati dall’impresa Pizzarotti & C. spa nell’ambito della nuova viabilità del bacino portuale di Sampierdarena, nel tratto a mare dell’intervento, compreso tra le intersezioni regolamentate a rotatoria Luigi Tenco e San Giovanni d’Acri, sono stabilite le seguenti prescrizioni:

senso unico di circolazione, con direzione di marcia ponente/levante;

limite massimo di velocità di 30 km/h;

divieto di circolazione ai motocicli, ciclomotori e velocipedi; divieto di circolazione pedonale.

Sempre, nell’ambito dei lavori di realizzazione, a cura dell’Impresa esecutrice Pizzarotti & C. spa, del nuovo impianto semaforico collegato alla demolizione del viadotto Aviatori Pionieri d’Italia (Programma straordinario degli interventi stradali prioritari in ambito portuale), dal 28 al 30 marzo, in via Enrico Albareto (entrambe le carreggiate, tratto compreso tra via Siffredi ed il ponte sul torrente Chiaravagna) sono introdotti: limite di velocità di 30 km/h; divieto di sorpasso; divieto di transito pedonale sul marciapiede lato monte nel tratto compreso tra il ramo levante ed il ramo ponente di via Buccari.

In via Buccari (rami di monte e di ponente): limite di velocità di 30 km/h; divieto di fermata sul lato monte e sul lato ponente della strada.

Il 31 marzo, in via Enrico Albareto (carreggiata mare, tratto compreso tra il ponte sul torrente Chiaravagna e la rampa di via Pionieri e Aviatori d’Italia): limite di velocità di 30 km/h; divieto di sorpasso; divieto di transito pedonale sul marciapiede lato monte nel tratto compreso tra il ramo levante ed il ramo ponente di via Buccari. In via Buccari (rami di monte e di ponente): limite di velocità di 30 km/h; divieto di fermata sul lato monte e sul lato ponente della strada.

In via Cornigliano, fino al 29 marzo, nel tratto compreso tra piazza Massena e via Brighenti: limite di velocità di 30 km/h; divieto di sorpasso; obbligo di proseguire diritti all’intersezione con via San Giovanni d’Acri per i veicoli che percorrono via Cornigliano in direzione ponente; divieto di fermata. In via San Giovanni d’Acri, tratto compreso tra via Nicotera e via Cornigliano: limite di velocità di 30 km/h e divieto di fermata. In via Vincenzo Bellini, tratto compreso tra via Nicotera e via Cornigliano: limite di velocità di 30 km/h; all’intersezione con via Cornigliano obbligo di svolta verso destra e divieto di fermata. Le modifiche temporanee alla circolazione sono introdotte per consentire le lavorazioni necessarie ai collegamenti con l’acquedotto da parte di Iren Acqua, nell’ambito della riqualificazione di via Cornigliano.

In via Beata Chiara, a Pontedecimo, fino al 28 marzo, per consentire lavori di ripristino e manutenzione della pavimentazione stradale, è istituito il divieto di circolazione veicolare a eccezione dei veicoli di cantiere, di quelli diretti alle proprietà laterali carrabili ed agli esercizi commerciali esistenti per brevi operazioni di carico e scarico merci. Presenza di movieri durante l’orario lavorativo, in corrispondenza dell’intersezione tra via Beata Chiara e via Poli e, nelle giornate ed ore di svolgimento del mercato rionale merci varie, anche all’intersezione tra la via Anfossi e la via Poli.

Sempre a Pontedecimo, fino al 30 marzo, nella fascia oraria compresa tra le 9 e le 16, per lavori di Site spa sono introdotte modifiche alla viabilità in via Pieve di Cadore, via Campo di Tiro e via Lungo Torrente Verde. In via Pieve di Cadore, tratto compreso tra il civ. 6 A e l’intersezione con via Lungo Torrente Verde: divieto di circolazione e di fermata veicolare su ambo i lati ad eccezione dei veicoli di cantiere. In via Campo di Tiro: divieto di circolazione e di fermata veicolare su ambo i lati ad eccezione dei veicoli afferenti al cantiere. In via Lungo Torrente Verde: tratto compreso tra l’intersezione a mare con via Pieve di Cadore e il civ. 4 A ripristino del doppio senso di circolazione veicolare in regime di senso unico alternato regolato da impianto semaforico; nel tratto compreso tra il civ. 4A e l’intersezione a monte con via Pieve di Cadore ripristino del doppio senso di circolazione e istituzione del divieto di fermata veicolare su ambo i lati; limite di velocità dei 30 Km/h.

In via San Quirico, fino al 31 luglio, per lavori di riqualificazione di marciapiedi e di un tratto di carreggiata stradale, viene istituito il limite di velocità di 30 km\h e divieto di sosta.

In piazza Adriatico, fino al 31 dicembre, per le lavorazioni per i “Lavori di adeguamento idraulico della tombinatura del torrente Rio Torre di Quezzi (detto Bisagnetto), si dispongono alcune modifiche di circolazione stradale (come da ordinanza Direzione Mobilità).

In via Lungomare Canepa, via Pietro Chiesa e via Fiamme Gialle, fino al 15 aprile, per lavori a cura di Ireti di collegamento sottoservizi propedeutici alla riqualificazione del Nodo di San Benigno, sono istituite le seguenti prescrizioni:

per i veicoli che transitano in direzione Ponente su via Pietro Chiesa obbligo di arresto e dare precedenza all’intersezione con via Fiamme Gialle;

ai veicoli che provengono dal “ponte elicoidale”, all’intersezione con via Fiamme Gialle, obbligo di proseguire dritto in direzione Ponente;

in via Fiamme Gialle, all’intersezione con lungomare Canepa, obbligo di svolta a destra;

limite massimo di velocità a 30 km\h e divieto di sorpasso: in lungomare Giuseppe Canepa, tratto compreso tra il “ponte elicoidale” e lo stipite ponente del civico 3, in via Pietro Chiesa, tratto compreso tra via Scarsellini e lungomare Canepa, in via Fiamme Gialle, tratto compreso tra via Chiesa e lungomare Canepa.

In via Borzoli, fino al 14 aprile, tra i civici 68 e 92, per l’esecuzione di lavorazioni per il miglioramento della circolazione e la realizzazione di un parcheggio a raso nell’ambito del piano infrastrutture viarie in via Borzoli (emergenza Ponte Morandi), sono introdotte le seguenti prescrizioni: limite velocità a 30 km\h, divieto di sorpasso senso unico alternato regolato da semaforo tra i civici 70 e 76, obbligo di svolta a destra regolato da semaforo per i veicoli in uscita dai passi carrabili all’altezza dei civici 107 e 109, divieto di fermata.

In via Chiaravagna, via Borzoli e via Pier Domenico Bissone, fino al 31 dicembre, temporanea modifica alla circolazione e alla sosta veicolare per l’esecuzione di lavori propedeutici alla sistemazione idraulica del torrente Chiaravagna.

In via Tabarca e in via del Tritone, fino al 15 aprile, per i lavori nell’ambito del progetto Africa Cable per la rete di telecomunicazioni a cura di Retelit digital service sono stabiliti il limite di velocità a 30 km\h e divieto fermata veicolare.

In largo Benzi, via Pastore, viale Benedetto XV, salita superiore della Noce e via De Toni, fino al 25 aprile, per la realizzazione del park interrato sono adottate alcune modifiche alla circolazione e alla sosta.

Per l’attivazione di un nuovo ponte provvisorio e i lavori di adeguamento idraulico di via Chiappeto, fino al 28 febbraio 2023, in via delle Casette, nel tratto compreso tra via dell’Arena e il ponte di nuova realizzazione, è istituito il limite massimo di velocità di 30 km/h; nel tratto compreso tra il ponte di nuova realizzazione e il termine a mare della strada, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale. In via Pontevecchio, in prossimità dell’intersezione con il ponte di nuova realizzazione che collega a via delle Casette sono istituiti: limite massimo di 30 km/h in entrambi i segmenti stradali, l’obbligo di arresto e dare precedenza ai veicoli provenienti dal ramo a mare.

Fino al 31 agosto in piazza Portello (nella foto) e nel tratto iniziale da monte di via Interiano sono istituiti la limitazione della velocità dei veicoli a 30 Km/ora e il divieto di fermata per i lavori di ampliamento e di trasformazione dei locali dell’ex sottopasso in un parcheggio interrato.

Aci Luceverde lancia la Action Google Home

Aci Luceverde lancia la Action Google Home

ACI Luceverde, il servizio di Infomobilità premiato dalle Nazioni Unite, raddoppia la sua offerta di assistenza vocale, lanciando la action Google Home, e rinnova la skill di Alexa ampliando i servizi disponibili. Con una semplice richiesta vocale, a casa o in auto, dallo smartphone o dallo smartspeaker, è ora possibile: accedere in real-time a notiziari sul traffico, locale e nazionale; cercare un benzinaio o un parcheggio coperto; richiedere l’assistenza stradale; ascoltare radio Luceverde eascoltare i podcast.

Creata da ACI Infomobility (società partecipata ACI che eroga servizi gratuiti di Infomobilità), Ipervox (società specializzata nello sviluppo di Skills per assistenti vocali) ed EY (leader mondiale in consulenza e in servizi professionali per le aziende), la skill “Luceverde” consente, più in dettaglio, di essere sempre dinamicamente aggiornati su mobilità locale, cittadina e nazionale e di avere accesso rapido a programmi radio e contenuti podcast. Permette di utilizzare la posizione del GPS del dispositivo per pianificare uno spostamento, chiedendo il notiziario relativo ad una posizione fissa impostata o modificabile, ad un percorso preferito o per un tratto a scelta.  È possibile ricercare punti d’interesse, come il benzinaio più conveniente o il parcheggio più vicino. Infine, il nuovo aggiornamento prevede la possibilità di richiedere il soccorso stradale, inoltrando la chiamata direttamente ad un operatore ACI.

“Il nostro impegno per una mobilità informata su tutto il territorio non si ferma – dichiara Geronimo La Russa, Presidente ACI Infomobility – e guarda ad un futuro sempre più digitale. I servizi di assistenza vocale sono oramai parte della vita quotidiana di una parte importante della popolazione italiana e mondiale; pertanto, abbiamo ritenuto fondamentale offrire i nostri servizi anche su questi nuovi canali digitali. Il recente premio delle Nazioni Unite per l’eccellenza del nostro servizio è stato per noi una gratifica rilevante e uno stimolo a tenere alto il livello della nostra offerta.”

Luceverde è il servizio di infomobilità dell’ACI, sviluppato in collaborazione con Enti Istituzionali e Polizie Locali. Il servizio – in continua espansione – è attualmente attivo a: Ancona, Bari, Bergamo, Bologna, Como, Genova, Lecce, Milano, Modena, Perugia, Pescara, Prato, Roma, Salerno, Trapani, Trieste, Verona e Vicenza.

Viabilità:  Tunnel delle Ferriere: ridotta a 40 giorni la previsione di chiusura totale

Si è tenuto l’incontro tra i rappresentanti della Città Metropolitana di Genova, Anci Liguria ed i sindaci dei territori interessati alle prossime opere di messa in sicurezza della galleria delle Ferriere, al fine di comunicare il risultato delle trattative svolte con Anas in merito alle modalità e ai tempi di svolgimento dei lavori.

Dalle iniziali previsioni di quattro mesi di chiusura totale del tunnel, grazie ad una attenta analisi delle necessità del, territorio che vedono tale galleria come fondamentale opera per la agevole mobilità nelle valli interne verso il capoluogo, si arrivati all’importante risultato della riduzione di tale chiusura a soli 40 giorni.

Le nuove tempistiche sono compatibili con le esigenze tecniche e di sicurezza connesse alla tipologia dei lavori da effettuare.

Poiché, inevitabilmente, la viabilità alternativa individuata nella SP 77 di Boasi, registrerà un aumento di traffico nel periodo di lavorazione, le interlocuzioni avvenute con ANAS hanno permesso di ottenere importanti opere compensative di pavimentazione e segnaletica orizzontale che, unitariamente agli interventi di Città Metropolitana già previsti, vedranno tale strada provinciale adeguata a sostenere l’aumento dei veicoli in transito.

Contestualmente ANAS ha messo a disposizione una area da attrezzare a spazio per Elisoccorso nel periodo di esecuzione dei lavori.

La chiusura della galleria è prevista dal giorno 21 febbraio 2022, con la riapertura a senso unico differenziato dal giorno 2 aprile 2022, per il restante periodo dei lavori è prevista la chiusura totale notturna nella fascia oraria dalle ore 20 alle ore ore 6.

Durante l’incontro i sindaci presenti hanno condiviso il nuovo cronoprogramma presentato, ed avanzato alcune richieste relativa a spazi di interscambio per il trasporto pubblico che verranno affrontate in appositi tavoli con il gestore del TPL ed ANAS.

Claudio Garbarino, consigliere delegato ai Trasporti della Città Metropolitana, interpellato in merito alle possibili variazioni dei transiti del trasporto pubblico locale si è così espresso: “In queste settimane abbiamo più volte incontrato i rappresentanti della Regione Liguria ed il gestore dei trasporti, e Città Metropolitana ha concordato con quest’ultimo un piano di adeguamento degli orari per salvaguardare al meglio le esigenze dei cittadini nel periodo previsto per i lavori.”

“Aver avviato un tavolo ristretto tecnico ha permesso di poter andare incontro alle esigenze di tutti i territori e garantire l’intervento necessario nel più breve tempo possibile – afferma il coordinatore della commissione Trasporti e viabilità di Anci Liguria Simone Franceschi, sindaco di Vobbia – Rimane da affrontare il tema del 118 e degli spazi messi a disposizione per le emergenze, su cui cercheremo di coinvolgere gli organi di Federsanità per affrontare dal punto di vista tecnico questi bisogni. Si tratta di un risultato che solo un mese fa non ci saremmo aspettati, ora ci sarà da coordinare al meglio tutte le attiviità e verificare che le misure e gli interventi messi in campo garantiscano il contenimento dei disagi dovuti a questo intervento, comunque necessario per la sicurezza di chi transita”.

“Sono soddisfatto dell’apprezzamento che i comuni hanno dimostrato per l’impegno dell’Ente Metropolitano e per i risultati raggiunti – ha dichiarato Franco Senarega, Consigliere delegato alla Viabilità – confido che i tempi siano rispettati e soprattutto ritengo importantissimi i lavori che potremo effettuare sulla SP77 di Boasi, opere ormai improcrastinabili su tale direttrice che potrà tornare ad essere agevolmente utilizzata come viabilità alternativa per raggiungere la Val Fontanabuona.”

ACI: riconoscimento dell’Onu per Luceverde

Il servizio di infomobilità dell’ACI Luceverde si è aggiudicato a Dubai il premio UNPSA (“United Nations Public Service Award”) 2021 – il più prestigioso riconoscimento internazionale di eccellenza nel servizio pubblico istituito dall’ONU – nella categoria “Migliorare l’efficacia delle istituzioni pubbliche per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Nella motivazione ufficiale del premio, consegnato durante la “Giornata internazionale dei servizi pubblici delle Nazioni Unite” si legge: “Il risultato eccezionale della vostra istituzione ha dimostrato l’eccellenza nel servire l’interesse comune e ha dato un contributo significativo al miglioramento della pubblica amministrazione nel vostro paese. Infatti, servirà da ispirazione e incoraggiamento per altri che lavorano per il servizio pubblico”. 

Lo United Nations Public Service Awards premia annualmente quelle Pubbliche amministrazioni che – attraverso soluzioni creative – siano in grado di rendere il proprio servizio ai cittadini maggiormente reattivo, utile e costruttivo. 

All’edizione di quest’anno del premio Unpsa, suddiviso in quattro sezioni – hanno partecipato complessivamente 180 progetti di amministrazioni di ogni parte del mondo: 63 di queste erano iscritte alla medesima categoria di Luceverde sono stati premiati progetti provenienti da Corea del Sud, Kenya, Messico e Romania.

La piattaforma di infomobilità Luceverde è presente oggi in 18 città italiane (tra cui anche Genova) e fornisce gratuitamente sette giorni su sette, per tutto l’arco delle 24 ore notizie sulla situazione delle strade sia ai cittadini che alle autorità competenti attraverso diversi canali informativi: radio, tv, mobile, social network, sito internet, oltre che con un avanzato contact center dedicato. 

Nel 2019 Luceverde si è già aggiudicata il “Best Practice Certificate” nell’ambito del prestigioso premio Epsa (European Public Sector Award) con riferimento al tema “nuove soluzioni a sfide complesse: un settore pubblico incentrato sui cittadini, sostenibile e pronto per il futuro”. 

“L’informazione svolge un ruolo primario nella vita di ognuno di noi – dichiara Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia – ed è elemento strategico per l’equilibrio e il funzionamento di una comunità. Lo vediamo quotidianamente anche sulla strada, dove l’infomobilità è il primo strumento per cittadini e istituzioni per l’efficientamento degli spostamenti, la mobilità sicura e la salvaguardia ambientale. Il premio assegnato dall’Onu ad ACI Infomobility per Luceverde – riconosce il valore di un progetto ideato pionieristicamente 15 anni fa dall’Automobile Club d’Italia, che dopo aver contribuito alla nascita e allo sviluppo dell’infomobilità in Italia ha lanciato una rete locale oggi attiva in 18 grandi centri urbani italiani”.

Per Gerardo Capozza, Segretario Generale di ACI, “la notizia del riconoscimento ONU a Luceverde  rappresenta una grande soddisfazione soprattutto per le donne e gli uomini che quotidianamente si impegnano, nelle strutture centrali dell’Ente come in quelle periferiche e nelle società collegate, per offrire servizi che siano effettivamente utili alla comunità e contribuiscano al benessere generale del Paese. Un impegno che per ACI va avanti da oltre 110 anni, anche  attraverso un dialogo paritario e fattivo con le altre pubbliche amministrazioni e oggi può crescere e migliorare grazie all’uso di strumenti tecnologici – come quelli messi in campo da Luceverde – all’avanguardia”.

“Il premio ONU a Luceverde – che fa seguito a quello dell’Epsa del 2019  – è il riconoscimento da un lato dell’impegno e della professionalità delle persone che lavorano al programma di infomobilità di ACI e dall’altro dei grandi risultati che abbiamo raggiunto e che sono confermati dai numeri, da quello delle stazioni radio associate, oltre 100, alle più di tre milioni di persone che ci hanno ascoltato. Tutto questo nell’ottica di fornire un servizio gratuito al Paese e alla comunità, nello spirito di servizio che contraddistingue ACI fin dalla sua nascita, oltre 110 anni fa”. Queste la parole del presidente di ACI Infomobility Geronimo La Russa.

Autostrade rete di Genova cantieri settimanali

Autostrade liguri: rimossi i cantieri nel fine settimana

Autostrade per l’Italia
A12 – dalle 14 di venerdì 7  a lunedì mattina10 maggio sarà smontato il cantiere tra i caselli di Recco e Genova Nervi; da sabato mattina a lunedì mattina stessa sorte al cantiere tra Sestri Levante e Lavagna.
A10 – dalla sera di giovedì 6 maggio a lunedì mattina10 maggio sarà smontato il cantiere tra i caselli di  Pegli e Prà
A26 – liberata completamente la tratta dai cantieri dalle 14 di venerdì a lunedì mattina
A 7 – saranno garantite le due corsie per senso di marcia per flussi prevalenti: in direzione sud due corsie libere dai cantieri dalle 14 di venerdì e in direzione nord due corsie percorribili domenica 9 maggio.

Autofiori
A10  tratto Savona Ventimiglia – dalle 14 di venerdì a lunedì mattina10 maggio saranno smontati tutti i cantieri tra Savona e Andora, con 4 corsie interamente percorribili. Resterà il cantiere a Pietra Ligure, con la possibilità, in funzione dei flussi di traffico, di sospendere la lavorazione.
A6  Savona Torino – rimozione da sabato mattina del cantiere sul viadotto Lodo in direzione Torino a seguito del collaudo programmato per venerdì notte. Domenica la tratta in direzione nord sarà libera sulle due corsie; rimane il cantiere nella galleria Bricco tra Savona e Altare in direzione nord.

Salt
A12 tratto Sestri Levante Livorno – Rimosso nei week end (fino a fine lavori) il cantiere con scambio di carreggiata fra Brugnato e La Spezia; saranno mantenuti gli altri cantieri lungo la tratta Sestri Levante-Sarzana, di cui è prevista la conclusione definitiva entro il 15 giugno, al netto delle rampe in fase di realizzazione a Ceparana. Sono stati concordati un monitoraggio costante dei flussi di traffico nel fine settimana e l’implementazione del servizio di rimozione per poter intervenire tempestivamente in caso di disagi o code.

Blog su WordPress.com.

Su ↑