Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Porsche: 70 anni ma non li dimostra

L’anno del 70° anniversario di Porsche sta giungendo al suo culmine: ieri, venerdì (8 giugno), il Museo Porsche, alla presenza di numerose autorità e di numerosi rappresentanti del mondo economico e sociale, è stata inaugurata la mostra speciale intitolata “70 anni di auto sportive Porsche”.

Nel 1948, proprio l’8 giugno, la Porsche 356 “Numero 1” Roadster ottenne il certificato di omologazione.

Da allora il marchio Porsche è diventato sinonimo di un’esperienza di guida e di un modo di pensare all’insegna della sportività, oltre che di innovazione, design e funzionalità in ambito automobilistico.

Attraverso questa mostra , Porsche presenta le numerose pietre miliari che hanno fatto sì che la Casa Automobilistica riuscisse a plasmare e indirizzare lo sviluppo delle automobili sportive dal 1948 fino ai giorni nostri.

L’obiettivo è quello di mettere in risalto gli eccezionali sviluppi realizzati da Porsche negli ultimi settant’anni.

Oltre 75 i modelli esposti – dalla leggendaria Porsche 356 “Numero 1” Roadster del 1948 alla Porsche Mission E esclusivamente elettrica.

“Scegliendo di organizzare questa mostra per festeggiare l’anniversario del nostro marchio abbiamo voluto aprire un nuovo capitolo”, ha sottolineato Achim Stejskal, Direttore del Museo Porsche. “Per la prima volta abbiamo inoltre ridisegnato completamente la nostra intera area espositiva, che occupa più di 5.600 metri quadrati”.

Nel corso di tutta la sua storia, fino ad oggi, Porsche ha sviluppato e collaudato le nuove tecnologie su vetture da corsa destinate a diventare leggende.

Questo principio è stato applicato anche al “futuro dell’auto sportiva” rappresentato dalla Mission E, la cui versione di serie verrà introdotta sul mercato nel 2019 come prima Porsche a propulsione esclusivamente elettrica, traendo vantaggio dalle esperienze fatte con la 919 Hybrid vincitrice di Le Mans.

Autopromotec Conference – Stati Generali 2018

Tutto è pronto per Autopromotec Conference – Stati Generali 2018, l’iniziativa che dal 13 al 14  giugno accenderà i riflettori sul futuro dell’aftermarket automobilistico.

A Casalecchio di Reno (BO), nell’Unipol Arena, autorevoli esperti del settore, provenienti da tutto il mondo, si susseguiranno in una serie di tavole rotonde utili a raccogliere spunti e informazioni, conoscere prodotti e soluzioni, in un ambiente di confronto e networking.

A tenere banco nei dibattiti saranno quattro macro argomenti che stanno rivoluzionando il settore della mobilità: digitalizzazione e connettività; elettrificazione; guida autonoma e shared mobility, in cui elemento centrale è il ruolo dell’uomo, fattore chiave del cambiamento, che non subisce le innovazioni tecnologiche, ma ne è l’artefice.

L’autoriparatore che opererà nei prossimi anni sarà, infatti, un tecnico in grado di interpretare le informazioni che arrivano dall’auto, dalle banche dati, dalle attrezzature. Sarà formato e informato per stare al passo con le esigenze tecniche e di sicurezza che le nuove tecnologie impongono.

Una sfida che affascina per il futuro delle aziende italiane e nel mondo.

Nel 2017 sono stati venduti nel mondo 1,3 milioni di veicoli elettrici (tra ibridi plug-in e completamente elettrici). Una cifra che rappresenta l’1% del mercato totale, ma che ha avuto una vera e propria spinta (+58%) rispetto al 2016. Secondo EV-Volumes, società d’analisi svedese, proseguendo all’attuale tasso di crescita, nel 2030 otto nuove auto su dieci saranno elettriche.

E in Italia? Secondo i dati UNRAE, sul fronte delle alimentazioni per il mese di maggio 2018 si è visto un forte calo delle immatricolazioni diesel che segnano un -10,1%, con una quota che scende di oltre quattro punti, fermandosi al 51,7% del mercato. Nel cumulato la flessione è del 4,2%, attestandosi su una rappresentatività del 54,1%. L’altra motorizzazione in calo è il Gpl (-3,5% nel mese e -3,7% in gennaio-maggio), che mantiene stabile la sua quota. In crescita la benzina (+3,1%), che sale al 35,2% in maggio, aumentano le ibride del 12,3% (al 3,9% di quota), raddoppiano i volumi, le vetture a metano (2,8% del totale) e crescono di quasi il 300%, le vetture elettriche: 594 unità rappresentano un risultato mai raggiunto fino ad ora, e seppur ancor considerato un mercato di nicchia, il trend conferma l’arrivo della rivoluzione silenziosa anche in Italia.

.

Il programma del convegno sul sito: http://www.autopromotec.com/conference

Salone Auto Torino: grande successo di pubblico per i 47 prototipi esposti

Torino, 7 giugno 2018: I prototipi esposti in questa quarta edizione di Parco Valentino Salone Auto Torino sono l’evento più amato dai visitatori della manifestazione. Tutti i veicoli, fino domenica 10 giugno, saranno esposti nel Cortile del Castello del Valentino. Tra gli altri veicoli si potranno ammirare modelli unici come Biga, Megagamma e Bizzarrini Manta, senza dimenticare i modelli di stile della Mostra Prototipi firmati da Scaglione, Pininfarina, Touring Superleggera, Spada, Studiotorino, Stola, Pagani, Zagato, Collezione ASI Bertone e GFG Style.

Il fine settimana torinese sarà all’insegna della mobilità sostenibile.

In piazza San Carlo sarà la location del Focus riguardante le auto elettriche, con l’attuale produzione delle Case automobilistiche. Il pubblico potrà vedere e conoscere da vicino le motorizzazioni del futuro. Auto elettriche, plug in e ibride saranno esposte sabato 9 e domenica 10 giugno dalle ore 10 alle 20.

Tra i vari modelli esposti tra le auto elettriche da segnalare le avveniristiche BMW i8 che daranno vita a un meeting internazionale.

Assicurare uno scooter 50 a Genova in media ci vogliono 778 euro.

Questo è il dato emerso da uno studio di Facile.it.

Giugno, con la fine dell’anno scolastico, è storicamente uno dei periodi di punta per la vendita di ciclomotori.

Facile.it, analizzando un campione di oltre 40.000 preventivi raccolti tramite il sito dall’1 aprile al 31 maggio 2018, ha scoperto come il premio medio per assicurare uno scooter di cilindrata 50cc variano notevolmente da regione a regione.

Sovente – fanno sapere da Facile.it – il cinquantino rappresenta il primo mezzo a motore con il quale i giovani si approcciano alla strada; si tratta quindi di profili che, non potendo contare su una storia assicurativa precedente, sono considerati a maggior rischio sinistrosità da parte delle compagnie assicurative.

Analizzando le differenze regionali dell’assicurazione RC scooter e limitando l’analisi ai soli veicoli con cilindrata pari a 50 cc, è la Campania a guadagnare la testa della classifica, il premio medio emerso dall’analisi dei preventivi raccolti è pari a 1.260 euro, in altre parole più del doppio rispetto alla media italiana.

Leggermente più fortunati gli scooteristi residenti in Puglia, secondi in graduatoria con un premio medio pari a 977 euro. Terzo posto per la Calabria, dove assicurare un cinquantino, richiede in media 880 euro mentre appena fuori dal podio si pone il Lazio, con un premio medio pari a 825 euro.

Analizzando la graduatoria in senso opposto, le regioni con i premi medi più bassi risultato essere il Trentino Alto Adige, dove assicurare un ciclomotore costa in media solo 369 euro, il Veneto (410 euro) e il Piemonte (427 euro).

Per le grandi città italiane sul podio ancora una volta c’è la città di Napoli, dove il premio medio per assicurare un cinquantino raggiunge addirittura i 1.463 euro, il 138% in più rispetto alla media italiana. Al secondo posto c’è Bari, con un valore medio di 1.244 euro, mentre al terzo si posiziona la città di Palermo con 1.018 euro. Di poco inferiore il premio medio per gli scooteristi di Roma, dove è pari a 921 euro, ovvero l’82% in più di quello pagato a Milano (505 euro).

Genova occupa il quinto posto, capoluogo di regione più costoso del nord dell’Italia, dove assicurare un scooter 50cc in media, richiede 778 euro.

Fra i residenti nei 20 capoluoghi di regione, i più fortunati sono quelli dell’Aquila, dove il premio medio per un ciclomotore è pari a 335 euro; a seguire Trento (378 euro) e Venezia (442 euro).Facile.it

Ogier e Ingrassia sono i primi leader del Rally Italia Sardegna

Alghero (SS), 7 giugno 2018 – L’Ittiri Arena show ha aperto ufficialmente il Rally Italia Sardegna 2018, scrivendo la prima classifica di questa edizione, destinata come di consueto a essere combattuta fino in fondo.
I due chilometri cronometrati hanno visto Sebastien Ogier e Julien Ingrassia, Ford Fiesta Wrc di M-Sport Ford World Rally Team, realizzare il miglior tempo. Il pilota francese ha preceduto di 1 decimo Andreas Mikkelsen, con Anders Jaeger sulla Hyundai I20 Coupè Wrc di Hyundai Motorsport. Al terzo posto ha chiuso, a 7 decimi, l’attuale capoclassifica del mondiale Thierry Neuville, in coppia con Nicolas Gilsoul, Hyundai I20 Coupè Wrc di Hyundai Motorsport.

A chiudere i primi cinque si sono quindi piazzati Elfyn Evans e Daniel Barrit, Ford Fiesta Wrc di M-Sport Ford World Rally Team, e Hayden Paddon con Sebastian Marshall, Hyundai I20 Coupè Wrc, Hyundai Motorsport.

La prova è stata accompagnata da una pioggia insistente che solamente a tratti si è interrotta, con il fondo viscido che ha creato qualche problema ai piloti in gara
Proprio il fondo  stradale viscido  ha messo un po’ in difficoltà Fabio Andolfi con Simone Scattolin, portacolori di ACI Team Italia su Skoda Fabia R5, che ha deciso di non rischiare niente, finendo decimo tra le Wrc 2.
Tra le prove dei piloti italiani da sottolineare quella di Tommaso Ciuffi, in coppia con Nicolò Gonnella, Peugeot 208 R2, equipaggio supportato da Aci Team Italia, che ha realizzato il miglior tempo della propria classe.
Domani sono in programma otto prove, quattro da ripetere.Partenza domani mattina alle 6.30 da Alghero con rientro sempre ad Alghero per l’ultimo riordino di giornata alle 19.00.

Unofficial top-10 after SS1: 1. Ogier-Ingrassia (Ford Fiesta WRC) in 2’02”7; 2. Mikkelsen-Jaeger (Hyundai i20 Coupe WRC) a 0”1; 3. Neuville-Gilsoul (Hyundai i20 Coupe) a 0”7; 4. Evans-Barrit (Ford Fiesta Wrc) a 0”9; 5. Paddon-Marshall (Hyundai i20 Coupe WRC) a 1”6; 6. Lappi-Ferm (Toyota Yaris WRC) a 1”7; 7. Suninen-Markkula (Ford Fiesta Wrc) a 1”8; 8. Latvala-Anttila (Toyota Yaris WRC) e Ostberg-Eriksen (Citroen C3 WRC) a 1”9; 10. Tanak-Jarveoja (Toyota Yaris WRC) a 2”5.

Inaugurato il Salone dell’Auto a Torino

Torino 06 giugno 2018: Nel Cortile del Castello del Valentino è stata inaugurata la quarta edizione del Salone dell’Auto.

Settanta gli stand  con l’aggiunta di numerosi eventi  legati al Salone in tanti luoghi della città piemontese.

Il presidente di Parco Valentino, Andrea Levy, ha porto il benvenuto a Danilo Toninelli, neo Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e ai vari rappresentanti delle Case Automobilistiche presenti alla manifestazione. All’inaugurazione erano presenti anche  Sergio Chiamparino, Presidente della regione Piemonte, il sindaco di Torino Chiara Appendino, Gianmarco Giorda direttore ANFIA e il presidente UNRAE Michele Crisci.

Il sindaco  Appendino nel suo intervento ha dichiarato. “Torino deve essere capitale per l’innovazione nei prossimi anni. È già città sperimentale per la guida autonoma e andiamo le eccellenze del Politecnico. Guardiamo alla mobilità sostenibile e alla diminuzione dell’inquinamento. È capitale perché affronta le sfide dei prossimi 10 -15 anni con forza e coraggio”.

“Cerchiamo – ha detto il neo ministro ministro Toninelli  – di accompagnare tutti gli operatori del settore nel passaggio da una mobilità inquinante a una mobilità sostenibile”.

Automobilismo: Susa – Moncenisio cresce l’attesa per il via

Tra sabato 9 e 10 giugno si correrà la Susa – Moncenisio, la classica competizione di slalom che , come gli anni passati, richiamerà nella città piemontese piloti e appassionati lungo i tornanti della statale 25 che salgono verso il Moncenisio.

La manifestazione, organizzata dalla Supergara di Alba, si disputerà su una parte dei 22 chilometri e mezzo che della versione originale, la prima edizione risale al 1902,  si correva tra l’Italia e la Francia.

Il primo  a scrivere il proprio nome nell’ “Albo d’Oro” della corsa,è stato Vincenzo Lancia su Fiat HP 24, mentre l’ultima edizione, quella del 2017, è andata ad Andrea Grammatico al volante di una monoposto Kalikart davanti a Davide Piotti su Osella PA8/9 che di firme nell’ albo d’oro, nel corso degli anni, ne ha messe ben cinque.

Il via della Susa – Moncenisio 2018 coinciderà, quest’anno, con l’accendersi del semaforo verde sul trofeo “Ancai Hill Climb Classic Slalom”. La serie, aperta alle auto storiche e patrocinata dall’Associazione Nazionale Corridori Automobilisti Italiani, promuove i valori di solidarietà tra piloti e ricorda la figura di Giorgio Pianta, uno degli ultimi signori dell’automobilismo che dell’Ancai è stato Presidente.

Lanterna Corse Rally Team: doppio impegno nel fine settimana

Due equipaggi della Scuderia Lanterna Corse Rally Team saranno impegnati in appuntamenti molto importanti della stagione agonistica 2018.
Gianluca Caserza ed Erika Badinelli proseguono la loro avventura nell’IRCup e sono pronti per affrontare il Rally del Taro, secondo appuntamento della serie nazionale. La giovane coppia genovese ha un credito nei confronti della sfortuna, che nel primo appuntamento stagionale si è accanita, compromettendo il risultato finale. Gianluca Caserza ed Erika Badinelli si presenteranno per cercare un buon risultato sulle nove prove cronometrate in programma intorno a Bedonia (PR) sabato 9 e domenica 10 giugno.

Lo stesso weekend vedrà un altro equipaggio di punta della scuderia genovese, quello formato da Alberto Verardo e Cristina Rinaldis, impegnato in una trasferta in terra toscana per il Rally di Reggello. La coppia genovese ha scelto la manifestazione fiorentina compresa nel calendario del Trofeo Renault Corri con Clio N3, per andare alla ricerca di punti preziosi, dopo una parentesi negativa al Rally Valli Cuneesi. Il Rally di Reggello, è valido per la Coppa Italia Terza Zona e prevede nove prove a tempo.

ACI: Segno più a maggio per il mercato auto dell’usato

Prosegue nel mese di maggio il trend positivo del mercato delle auto di seconda mano e torna in crescita anche il bilancio dell’usato nel settore delle due ruote.

I passaggi di proprietà delle quatto ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), a maggio hanno messo a segno un incremento mensile del 5,7%, che sale a +10,8% in termini di media giornaliera, considerato che il mese di maggio 2018 ha avuto una giornata lavorativa in meno rispetto all’analogo mese dell’anno precedente.

Per ogni 100 autovetture di nuova immatricolazione ne sono state vendute 128 usate nel mese di maggio e 144 nei primi cinque mesi dell’anno.

In aumento anche i passaggi di proprietà dei motocicli, che al netto delle minivolture hanno registrato una variazione mensile positiva del 6,3% (+11,4% in termini di media giornaliera).

Complessivamente nel periodo gennaio-maggio 2018 si evidenziano incrementi del 5,5% per le autovetture e del 3,7% per tutti i veicoli, a fronte di un calo dell’1,7% per i motocicli.

I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it

Bilancio con il segno più a maggio anche per le radiazioni. I dati mensili evidenziano una crescita delle radiazioni delle autovetture del 3% rispetto all’analogo mese del 2017 (+7,9% la media giornaliera). Il tasso unitario di sostituzione a maggio è stato pari a 0,65 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 65), attestandosi a 0,72 nei primi cinque mesi del 2018.

Incremento mensile anche per le radiazioni dei motocicli, che hanno chiuso il bilancio di maggio con una variazione positiva dell’1,8% (+6,6% la media giornaliera).

Nei primi cinque mesi del 2018 le radiazioni hanno fatto registrare incrementi complessivi del 7% per le autovetture, del 13,1% per i motocicli e del 7,6% per tutti i veicoli.

Blog su WordPress.com.

Su ↑