Funzionalità di ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Torna il Campionato Italiano Velocità Fuoristrada.

Quella che forse è la specialità agonistica FIF di maggiore tradizione è finalmente pronta a ripartire dopo un anno di stop dovuto alla pandemia.
Questa settimana i motori delle vetture iscritte al Campionato Italiano Velocità Fuoristrada ACI Sport by FIF torneranno a far sentire il loro rombo sul tracciato di Solignano, nei pressi di Parma, per la prima prova di un Campionato 2021 che, sempre a causa della pandemia, è stato ridotto a cinque appuntamenti rispetto ai sette preventivati originariamente.

Il nuovo tracciato di Solignano, che si snoda su un percorso naturale di 2.390 metri, appare particolarmente veloce ma anche tecnico ed è stato preparato nei minimi dettagli per accogliere le vetture del CIVF, divise quest’anno in quattro gruppi: Formula Classic, Preparati, UTV e Prototipi.

Nel totale gli iscritti a questa prima competizione sono 26, tra cui spicca ancora il nome di Alberto Gazzetta, Campione Italiano nel 2019. Gazzetta gareggerà affiancato da Denis Cortese, sempre al volante della fida Ford Fiesta di gruppo B Prototipi ma vale la pena sottolineare che in questo gruppo è presente anche quello Stefano Fioroni che, con la sua Suzuki, si piazzò secondo nel 2019.
Quello del 2019 fu infatti un Campionato estremamente combattuto, che vide la lotta tra Lagrotteria, Fioroni e Gazzetta risolversi a favore di quest’ultimo solo all’ultima giornata.

Fra le cinque gare in programma non mancano ovviamente quelle “storiche”, come quella a Ceriano Laghetto, o quella di Veglio in provincia di Biella, ma tutte le piste in calendario sulla carta paiono garantire grande spettacolarità.

Calendario CIVF 2021 – ACI Sport by FIF

 
10-11 aprile: Solignano (Parma)
8-9 maggio: Cingoli (Macerata)
12-13 giugno: Ceriano Laghetto (Monza Brianza)
3-4 luglio: Veglio (Biella)
11-12 settembre: Chiusdino (Siena)

E’ il momento dei rally a Sanremo

Saranno 354 gli equipaggi che fra venerdì e sabato si schiereranno al via delle cinque gare che si snoderanno sulle strade dell’entroterra del ponente ligure. Il Sanremo WRC vede al via cinque equipaggi provenienti Belgio, Estonia, Francia, Svizzera, oltre all’Italia. Tredici le nazioni rappresentate nel 68° Rallye Sanremo, dodici nel 36° Sanremo Rallye Storico e tre nel Rally delle Palme, per un totale di 22 bandiere presenti a garrire sui pennoni di piazzale Adolfo Rava a Sanremo.

Sanremo WRC ritorna il sapore dell’iride. Torna la sfida mondiale sulle strade del Rallye Sanremo. Appena cinque vetture quelle che si sfideranno domenica per il successo nella gara denominata Sanremo WRC. Ma che vetture! Tutte iscritte direttamente dalla squadra che partecipa per conto della Casa alle gare mondiali; si assisterà al confronto di quattro Hyundai che dovranno guardarsi dall’assalto della Ford Fiesta WRC. Con le Hyundai i20 Coupe WRC (stato dell’arte della Casa coreana) si sfideranno il campione del mondo 2019 e attualmente quinto nel mondiale , l’estone Ott Tänak affiancato dal connazionale Martin Järveoja che si confronterà innanzitutto con il cinque volte vicecampione del mondo il belga Thierry Neuville con a fianco Martin Wydaeghe. Sempre con le vetture della Casa coreana saranno della partita il “poulain” figlio d’arte francese Pierre Louise Loubet con Vincent Landais alle note, mentre la quarta Hyundai i20 WRC è affidata al gentleman driver italiano “Pedro” che sarà accompagnato in gara come sempre da Emanuele Baldaccini. La Ford schiera come equipaggio lo svizzero “Il Valli” con Stefano Cirillo al quaderno delle note.

68° Rallye Sanremo, CIR atto secondo. È già tempo di riscatto per i frequentatori del Campionato Italiano Rally-Sparco dopo la gara di apertura del Ciocco. Stefano Albertini con Danilo Fappani si gode la leadership in campionato (e anche quella del Campionato Italiano Rally Asfalto) con la sua Škoda Fabia, e dovrà vedersela dagli assalti di un campione di lungo corso come Giandomenico Basso affiancato da Lorenzo Granai, che cercherà di riprendere il comando delle operazioni a Sanremo, gara che affronta per la quindicesima volta, avendola vinta nel 2012 e 2013. Chi ha bisogno di risalire la china è il campione italiano in carica, Andrea Crugnola, navigato da Pietro Elia Ometto, solo settimo fra gli italiani al Ciocco, ma determinato a far valere la sua classe su queste strade con la Hyundai i 20. Da seguire la gara degli irlandesi Craig Breen-Paul Nagle, capaci nell’edizione del 2019 di un colpo di reni finale che ribaltò a loro favore il risultato facendoli arrampicare sul gradino più alto del podio. Ma non saranno questi i soli a puntare a un risultato di prestigio. A cominciare da Fabio Andolfi-Stefano Savoia, in gran forma al Ciocco con la loro Škoda Fabia R5, il velocissimo gentleman driver toscano Rudy Michelini, affiancato da Michele Perna, reduce da un’ottima prestazione in Garfagnana, oltre ai giovani emergenti Tommaso Ciuffi-Nicolò Gonella (Škoda Fabia R5 Evo), Luca Bottarelli-Walter Pasini (Ford Fiesta R5), Damiano De Tommaso-Massimo Bizzocchi (Citroën C3) in odore di podio tricolore al Ciocco prima di fermarsi; e ancora il toscano Thomas Paperini con Simone Fuini sul sedile di destra della Škoda Fabia R5, il siciliano Marco Pollara con Daniele Mangiarotti sulla Citroën C3 R5, desideroso di cancellare l’uscita di strada toscana e il corregionale di Pollara, Alessio Profeta, affiancato da Sergio Raccuia ottimo decimo fra gli iscritti al Campionato Asfalto al Ciocco.

68° Rallye Sanremo. Sono dodici le nazioni oltre all’Italia rappresentate al via del 68° Rallye Sanremo con presenze che spaziano su tre continenti avendo concorrenti provenienti dall’America Latina (il ventenne boliviano Marco Bulacia Wilkinson affiancato dall’argentino Marcelo der Ohannesian) e dall’Asia grazie al giapponese Hiroki Arai che disputerà la gara in classe R5 affiancato dall’austriaco Jürgen Heigl. La possibilità di un successo straniero è concreta, non solo per la presenza di Breen-Nagle, conosciuti anche dai tifosi italiani, ma anche del diciannovenne svedese Oliver Solberg, proveniente da una famiglia in cui tutti corrono o hanno corso a cominciare dal padre Peter, alla madre Pernilla Walfridsson, al nonno, zii e cugini. Il giovane pilota della Hyundai i20, settimo nel recente Artic iridato, si è iscritto al Campionato Italiano Rally, come Breen, quindi in caso di risultato positivo entrerà nella classifica del tricolore.

68° Rallye Sanremo si gareggia anche per coppe e trofei. Non sarà solo battaglia per le classi maggiori, ma anche per i vari trofei che renderanno appassionante la gara del Ponente Ligure. Sono ventuno gli equipaggi iscritti al Campionato Italiano Rally, sedici dei quali concorrono anche alla speciale classifica del Campionato Italiano Rally Asfalto. L’elenco degli iscritti al Campionato Italiano Due Ruote Motrici comprende quattordici iscritti che daranno la caccia al primato tenuto al momento dai fratelli siciliani Andrea e Giuseppe Nucata su Peugeot 208 Rally4. Con il Sanremo prende il via il Campionato Italiano Junior con undici giovanissimi piloti pronti a sfidarsi ad armi pari con le loro Ford Fiesta Rally4. Il Trofeo Peugeot vivrà una sfida fra due equipaggi a bordo delle Peugeot 208 Rally4, mentre il trofeo Suzuki, che vede al comando i valdostani Simone Goldoni-Eric Macori, metterà a confronto ben 21 equipaggi a bordo delle Suzuki Swift .

Rally delle Colline Metallifere: BB Competition un altro podio

La scuderia spezzina, impegnata sulle prove del Rally delle Colline Metallifere – svoltosi nella provincia di Livorno – ha visto Claudio Arzà, al volante della Citroën C3 R5 e affiancato da David Castiglioni, salire sul terzo gradino del podio.

Il pilota ligure si è visto costretto a una condotta conservativa nei primi due giri di prove, legata a una condizione di setup non soddisfacente. Una situazione che ha portato Claudio Arzà ad affrontare le restanti cronometrate cercando di sperimentare nuove soluzioni in vista del Rallye Elba, appuntamento valido per il Campionato Italiano WRC e la Coppa Rally di Zona.

Le due prove conclusive hanno, infatti, confermato la bontà delle scelte adottate.

“Peccato aver gettato al vento quattro prove – il commento di Claudio Arzà – visto che nell’ultimo giro di speciali abbiamo dimostrato di aver trovato la quadra, stravolgendo quelle che erano le nostre concezioni iniziali di setup. Tutto questo tornerà però utile in vista del Rallye Elba, ne sono certo. Sono contentissimo e soddisfatto dell’ottima prestazione del nostro equipaggio Betti – Fasulo, (nella foto) che ha regalato alla scuderia la vittoria di classe R2. Tengo a ringraziare in primis Daniele Pellegrineschi e tutto il team PRT per l’ottimo lavoro svolto, Michelin e tutti i nostri partner”.

La Coppa Milano – Sanremo a maggio toccherà anche Genova.

Si disputerà dal 6 all’8 maggio la dodicesima Rievocazione Storica della Coppa Milano – Sanremo. La competizione per la prima volta nella sua storia, aprirà il Campionato Italiano Grandi Eventi 2021 di ACI Sport che, riservato alle gare di regolarità classica, comprende anche la Coppa d’Oro delle Dolomiti, il Gran Premio Nuvolari e il Targa Florio Classica.

La manifestazione, per la prima volta nella sua storia, aprirà il Campionato Italiano Grandi Eventi 2021 di ACI Sport che, riservato alle gare di regolarità classica.

Numerose le novità previste, prima tra tutte il percorso che, per oltre 700 km lungo la direttrice Milano Rapallo Sanremo, offrirà ai “bolidi di ieri” la scoperta di paesaggi, attraversando i territori di Lombardia, Piemonte e Liguria.

Gli equipaggi potranno sfidarsi sulle oltre novanta prove di precisione (di cui sei di media), metà delle quali differenti rispetto a quelle proposte durante la passata edizione, per rendere l’intera gara ancora più coinvolgente e accattivante dal punto di vista sportivo.

La manifestazione prenderà il via giovedì 6 maggio con il ritrovo degli equipaggi presso l’Autodromo di Monza, dove si disputeranno le verifiche tecniche, sportive e i giri liberi in pista. Nel pomeriggio le auto si trasferiranno alla volta di Milano per l’esclusiva parata inaugurale nel cuore della città con partenza dalla sede dell’Automobile Club Milano, passando per le vie del quadrilatero della moda fino ad arrivare all’ombra della Madonnina, non prima di aver fatto visita al celebre Castello Sforzesco.

La mattina di venerdì 7 maggio è prevista la partenza ufficiale della gara con gli equipaggi che potranno così affrontare i primi chilometri di gara. A fare sfondo alla prima tappa il suggestivo scenario delle Langhe, dove, durante il break intermedio a Priocca d’Alba, gli equipaggi avranno la singolare opportunità di vivere un’esperienza attraverso la visita a “Mondo del vino Wine Experience”, il museo interattivo dedicato alla cultura del vino, unico in Italia. Come da tradizione, nella serata è previsto l’arrivo a Rapallo. Tra le novità di quest’anno sarà l’esclusiva sfilata, riservata alle auto partecipanti nella piazzetta di Portofino, organizzato grazie alla collaborazione con la municipalità del Comune di Portofino.

Sabato 8 maggio è il giorno decisivo dove gli equipaggi affronteranno le ultime prove speciali: con partenza da Rapallo, passeranno nel centro di Genova sino in Piazza De Ferraris. I partecipanti sosteranno poi presso lo Yacht Club Marina di Loano, per terminare le prove cronometrate all’interno del Circuito di Ospedaletti, luogo simbolico del motorsport che nel corso della sua storia ha visto avvicendarsi campioni leggendari come Varzi, Nuvolari e Fangio. La gara terminerà a Sanremo con la tradizionale sfilata in Corso Matteotti, a seguire, la cena di gala e le premiazioni che si svolgeranno presso il Casinò di Sanremo.

All’interno della dodicesima Rievocazione Storica si terrà, come da tradizione, la prestigiosa “Coppa delle Dame”, concepita per la prima volta agli inizi del secolo scorso, grazie alla cospicua partecipazione di equipaggi femminili e all’intuito degli organizzatori della Coppa Milano – Sanremo.

Alla Coppa Milano – Sanremo saranno ammesse le vetture costruite dal 1906 al 1990, munite o di passaporto F.I.V.A, o di fiche F.I.A. Heritage, o di omologazione A.S.I., o fiche A.C.I. Sport, o appartenenti ad un registro di marca.

Info: www.milano-sanremo.it

BB Competition e Claudio Arza’ al Rally delle Colline Metallifere

Sarà il Rally delle Colline Metallifere a caratterizzare il prossimo impegno per la scuderia BB Competition. Il sodalizio spezzino, chiamato a recitare un ruolo di primo piano nel confronto in programma – nel fine settimana – sulle strade della provincia di Livorno, affiderà ambizioni da alta classifica al suo presidente Claudio Arzà, atteso al volante della Citroën C3 R5 “gommata” Michelin.

Reduce dalla terza posizione assoluta conquistata al Rally Il Ciocco, il pilota “di punta” della squadra ligure cercherà di alimentare le sensazioni positive riscontrate al rientro agonistico dopo cinque mesi di inattività. Al suo fianco tornerà, nel ruolo di copilota, David Castiglioni.

Un impegno, quello che interesserà l’equipaggio, imbastito in previsione del Rallye Elba, appuntamento valido per il Campionato Italiano WRC e la Coppa Rally di Zona, contesti che Claudio Arzà ha posto come obiettivi primari di una stagione agonistica di ampio respiro, rivolta anche all’ Rally  Italian Trophy ed al confronto “griffato” Michelin, sia a livello nazionale che di zona.

Il Rally delle Colline Metallifere vedrà BB Competition rappresentata anche nel confronto riservato alle due ruote motrici, con Giuseppe Iacomini e Simone Marchi attesi sui sedili della Peugeot 206 S1600. Saranno invece affidate alla Peugeot 208 R2B le prerogative di Marco Betti e Leonardo Fasulo, al primo impegno della stagione. L’occasione, quella offerta dall’appuntamento toscano, per ritagliarsi un ruolo di vertice nel confronto di classe e nel ben più allargato scenario dedicato alle vetture “tutto avanti”.

Il Rally della Colline Metallifere vedrà la partenza della gara prevista alle ore 8 di sabato 3 aprile da Marina di Salivoli, a Piombino. Cornice che vedrà gli equipaggi all’arrivo nella serata, dopo aver affrontato le due prove speciali “Monteverdi” e “Sassetta”, ripetute fino a coprire un totale di sessantadue chilometri.

Mazzocchi ed Andolfi preparano il 68° Rallye Sanremo sul Colle del Melogno

Giornate di test per i due ragazzi di ACI Team Italia seguiti da M33 in vista del secondo round del Campionato Italiano Rally Sparco

L’avvicinamento di M33 verso il 68° Rallye Sanremo è passato dal Colle del Melogno, storica località ligure legata all’evento sportivo, dove Andrea Mazzocchi e Fabio Andolfi hanno affrontato una importante sessione di test al volante delle Škoda Fabia R5 in preparazione al secondo impegno nel Campionato Italiano Rally Sparco in programma dal 9 all’11 aprile prossimi.

La scelta della location per le sessioni di preparazione dei due equipaggi ACI Team Italia è caduta sul Colle del Melogno proprio per la grande affinità di queste strade con quelle che i piloti affronteranno la prossima settimana per l’iconica gara in riviera, celebre per il suo elevatissimo livello tecnico, per le speciali strette e sinuose, per il sottobosco che anche in questo periodo porta spesso umidità, fango e foglie a rendere più difficile l’interpretazione del rally.

Seconda uscita in assoluto al volante della Škoda Fabia R5 gommata Pirelli per Andrea Mazzocchi e Silvia Gallotti che al Ciocco hanno iniziato il loro apprendistato in gara in questa nuova opportunità targata ACI Team Italia. “È stato un test decisamente impegnativo – ha commentato Mazzocchi – ma non per questo meno efficace dato che abbiamo trovato condizioni umide al mattino e un po’ di pioggia al pomeriggio. Pirelli ci permette di avere molte scelte, quindi abbiamo lavorato per trovare quella più adatta anche su questo fondo. Ringrazio il team che mi ha fatto provare molte soluzioni, sono soddisfatto. In questo momento per noi è importante fare chilometri e stare in macchina per accrescere la nostra fiducia anche su strade difficili come queste. Siamo positivi, aspettiamo Sanremo”.

Fabio Andolfi, che affronta per la prima volta un programma completo nella massima serie tricolore, reduce dal terzo posto del Rally del Ciocco e Valle del Serchio, affronterà quella che può considerarsi la sua gara di casa affiancato da Stefano Savoia. “Il test sul Colle del Melogno è stato positivo – ha commentato a caldo – per me è davvero importante in questa fase continuare la conoscenza con i nuovi pneumatici Michelin. Il feeling con la vettura è molto buono e siamo davvero contentissimi di tornare a correre in Liguria. Dopo l’annullamento sfortunato dello scorso anno sarà sicuramente un bel momento: non vediamo l’ora di partire al Rallye Sanremo”.

15, 16 e 17 ottobre Fiera Internazionale Fuoristrada in Versilia

La manifestazione avrà luogo a metà ottobre in Versilia e punta a diventare riferimento europeo per il 4×4. Gli organizzatori stanno approntando un programma ricchissimo mentre sin d’ora è confermato che l’ingresso sarà totalmente gratuito

Il progetto, che nasce per volontà della Federazione Italiana Fuoristrada e ha trovato partner entusiasti nei due Comuni toscani Massarosa e Viareggio, punta a diventare evento di riferimento europeo sia per gli appassionati del mondo off-road, sia per coloro che fuoristradisti non sono (ma possiedono magari un SUV), sia infine per chi alle auto fuoristrada non ha ancora pensato, ma ama la natura e tutte le attività cosiddette “outdooor”, in cui immergersi con tutta la
famiglia.
“L’idea della Fiera Internazionale – sottolinea il Presidente della Federazione Marco Pacini – sorge dalla convinzione che i tempi fossero ormai maturi per offrire a tutto il mondo del fuoristradismo europeo un evento unico nel suo genere,
coniugando la grande esperienza nel settore di Federazione Italiana Fuoristrada con un territorio capace di offrire incredibili valori naturalistici assieme ad opportunità davvero esclusive. Il veicolo fuoristrada sarà presentato al grande pubblico e agli appassionati in ogni sua forma e declinazione e desidero ringraziare le Amministrazioni che ci ospiteranno per la lungimiranza e la sensibilità dimostrate”.

La Fiera offrirà un ventaglio di proposte e opportunità di altissimo valore, sia scenografico che commerciale, e sarà in grado di offrire ai visitatori e agli espositori due aree denominate Experience ed Expo.
L’area Expo sarà interamente a Viareggio, in Viale Europa. Qui verranno allestiti gli stand di molti e prestigiosi espositori legati al mondo off road, in un contesto paesaggistico di grande rilievo “Viareggio sta progettando l’estate e i grandi eventi che da sempre la contraddistinguono, – commenta l’assessore al Turismo del Comune di Viareggio Alessandro Meciani – dagli appuntamenti con la cultura al Carnevale, quest’anno eccezionalmente a fine settembre, la
stagione si allungherà spontaneamente oltre i mesi estivi. La Fiera Internazionale Fuoristrada, per la prima volta nella nostra città, era l’evento che mancava. A metà ottobre accoglieremo lungo il viale della Darsena un’area espositiva, di oltre 11 mila metri quadrati, ad ingresso completamente gratuito. Un appuntamento che offre un richiamo
importante in termini di appassionati ma anche di semplici curiosi che vorranno avvicinarsi al mondo del fuoristrada.

Ringrazio gli organizzatori, ai quali abbiamo chiesto, e ci hanno assicurato, standard organizzativi e qualitativi altissimi e rispetto estremo per l’ambiente. Ma ringrazio anche il Comune di Massarosa che con noi ha collaborato, così come l’Ente Parco, per gli spazi necessari alla sezione dell’evento. Collaborazione fra territori e respiro internazionale per immaginare Viareggio, e la Versilia, post pandemia”.
Dal canto suo nel comune di Massarosa l’area Experience (a pochi minuti di distanza dall’area Expo) rappresenterà l’aspetto dinamico della manifestazione, permettendo ai visitatori di provare i veicoli fuoristrada in un’area appositamente dedicata e di poter affrontare due percorsi di differente difficoltà e indipendenti tra loro, studiati per qualsiasi veicolo 4×4.
“Siamo orgogliosi di ospitare questo evento che farà di Massarosa la capitale dell’off road – commenta il Sindaco Alberto Coluccini – si tratta di una manifestazione di respiro internazionale che porterà un grande flusso di turisti ed appassionati e noi siamo pronti ad accoglierli con le nostre eccellenze culturali e naturalistiche, tra lago, colline e borghi”.

Per parte sua Michela Dell’Innocenti, Assessore al Turismo, ha aggiunto: “Lavoriamo da mesi a questo evento e siamo soddisfatti di portare a casa un risultato importante soprattutto per il comparto turistico, messo a dura prova in questo periodo. Vorrei ringraziare la Federazione Italiana Fuoristrada per aver scelto il nostro Comune ma in particolare modo l’associazione Versilia Verdelago, con la quale stiamo lavorando a stretto contatto per curare nei minimi dettagli la promozione e l’offerta turistica legata a questo appuntamento.

Le colline senesi hanno ospitato il 12° Rally della Val d’Orcia.

Il Rally della Val d’Orcia, terzo appuntamento stagionale del Challenge Raceday Rally Terra, è stato caratterizzato da cambiamenti continui nelle posizioni di testa.

Una prima prova, con nebbia e molta ghiaia sul tracciato, è stata vinta da Campedelli con distacchi veramente minimi su Giacomo Costenaro, navigato da Bardini e i francesi Quilchini – Gordon (Skoda Fabia R5) che fanno parte del Challenge Raceday. Nella seconda prova il tempo è migliorato e anche il tracciato, in questo caso hanno vinto i francesi Youness – Francois ((Skoda Fabia R5), ritirati poi nella penultima prova. I rimanenti quattro passaggi sono stati vinti da Alberto Battistolli navigato da Scattolin, che se non si fosse girato nel primo passaggio avrebbe anche potuto aspirare alla vittoria assoluta.

Nel gruppo di testa si era all’inizio inserito il giovane boliviano Bruno Bulacia Wilkinson (Skoda Fabia R5), che si era portato al terzo posto, ma nell’ultimo passaggio si è girato e ha battuto il posteriore sinistro perdendo 19 secondi e concludendo la gara quarto.

Quinto ha concluso il veneto Nicolò Marchioro (Skoda Fabia Evo R5) navigato da Marchetti che si è classificato primo tra i piloti Raceday, mettendo una grossa ipoteca sulla vittoria assoluta del Challenge ad una gara dalla fine. Marchioro ha tentato di inserirsi nel gruppo di testa, ma il set-up della sua vettura non era al meglio e neanche i cambiamenti apportati hanno migliorato le cose, per cui ha deciso di fare una gara più tranquilla, concentrandosi sulla classifica Raceday. Sesti assoluti e secondi tra i piloti Raceday, Quilchini, seguiti da Gianmarco Donetto, che dopo un inizio un po’ difficoltoso ha raggiunto un feeling con la vettura.

Nel Peugeot Competition Raceday ha vinto Jacopo Trevisani navigato da Marchesini (Peugeot 208 R2C).

 Quindi il 12° Rally della Val d’Orcia ha dato punti importanti a tutti i principali protagonisti del Challenge Raceday Rally Terra che si concluderà ad inizio agosto con il Rally Città di Arezzo Crete Senesi e Valtiberina, che chiuderà la tredicesima stagione quella 2020-2021.

L’unico pilota genovese in gara era Alessandro Multari affiancato da Martina Balducchi su Peugeot 208. Ha concluso con un ottima terza piazza nella classe R2B.

L’International Rally Cup entra nel vivo.

IRC Sport, promoter di International rally Cup, ha ufficialmente aperto le iscrizioni alla sua ventesima edizione, contraddistinta da cinque appuntamenti di alto contenuto e da un montepremi di 240.000 euro, da suddividere tra i protagonisti della classifica assoluta e dei raggruppamenti previsti dal regolamento. Una procedura già resa disponibile attraverso il sito ufficiale della serie “griffata” Pirelli, all’indirizzo www.ircup.it e che, fino all’intera giornata di domenica 25 aprile, darà modo a conduttori e team di poter formalizzare la propria adesione ai fini dell’assegnazione dei punteggi relativi al rally Piancavallo, appuntamento inaugurale in programma nei giorni 1-2 maggio.

Un progetto, l’International rally Cup 2021, pronto a far leva sulle peculiarità che ne hanno contraddistinto il percorso nelle sue diciannove, precedenti, edizioni: elevato livello in termini di competitività, un montepremi dalle linee “extra large” e una cornice di ampio respiro, caratterizzata dalle diverse caratteristiche dei cinque appuntamenti in programma.

“L’apertura delle iscrizioni ci proietta già mentalmente sulle strade del rally Piancavallo, dove vedremo prendere forma le nostre ambizioni – il commento di Loriano Norcini, coordinatore di IRC – le sensazioni legate a questa edizione sono incoraggianti, a fronte dell’impegno profuso da parte di IRC Sport, di Pirelli e di tutti i partner che ci stanno accompagnando in questo interessante percorso”. 

Saranno le prove speciali del rally Piancavallo – in programma nei giorni 1-2 maggio – a garantire ai protagonisti i primi punteggi della ventesima edizione di International rally cup, appuntamento al quale seguirà, nell’ultimo fine settimana del mese, il rally Internazionale del Taro. L’estate, poi, sarà ideale cornice per la fase centrale della programmazione, sui chilometri del rally Internazionale Casentino, appuntamento in programma nei giorni 2-3 luglio che chiamerà la serie al “giro di boa”, con i suoi interpreti intenti a catalizzare energie mentali e fisiche verso il rush finale, contraddistinto dalle particolarità offerte dal rally Appennino Reggiano, nei giorni 27-28 agosto e dal rally Città di Bassano, appuntamento che – il 22 e 23 ottobre – manderà in archivio l’edizione che celebrerà il Ventennale.

Blog su WordPress.com.

Su ↑