Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Anche la Coppa Milano Sanremo rinviata a data da destinarsi.

La 12ª edizione della rievocazione storica Coppa Milano -Sanremo rinviata a data da destinarsi

Gli organizzatori della Rievocazione Storica Coppa Milano – Sanremo, nel rispetto di quanto disposto dal DPCM del 4 marzo 2020 (art. 1 lettera “c”) e successivo DPCM dell’8 marzo 2020 (art. 1 lettera “d”), nonché dalla comunicazione ACI Sport in data 5 marzo 2020 e dalla sua nota esplicativa, hanno deciso di posticipare la manifestazione a data da definirsi.

Seguendo l’evolversi dell’attuale situazione sanitaria, Equipe Grand Prix valuterà di concerto con le autorità locali, con l’ACI nazionale e le sue Federazioni provinciali, le nuove possibili date, affinché la Rievocazione Storica possa svolgersi al meglio, mantenendo intatta la sua tradizione unica.

E-mobility: nel 2032 un’auto su 2 sarà elettrica

E-mobility: nel 2032 un’auto su 2 sarà elettrica

Nel 2050 il 40% dell’energia verrà dall’elettricità

Entro il 2032, la metà delle autovetture vendute nel mondo sarà elettrica.

Nel 2050, il trasporto stradale vedrà il 75% di veicoli in più, ma consumerà nettamente meno rispetto ad oggi: sono soltanto alcune delle previsioni racchiuse nel nuovo Rapporto annuale Energy Transition Outlook (ETO 2019) dell’ente di certificazione internazionale DNV GL.

Una sempre più diffusa elettrificazione sarà responsabile nel lungo periodo di un cambiamento radicale della domanda energetica. Si tratta di un processo che sta già conquistando in maniera capillare il settore automobilistico: entro il 2027 metà delle nuove auto vendute in Europa sarà infatti alimentata ad elettricità, lo stesso traguardo verrà poi raggiunto 5 anni più tardi in Cina, India e Nord America, riducendo dal 27% al 20% la quota di domanda energetica legata al settore dei trasporti. Ai vantaggi di tipo ambientale legati alla e-mobility si uniranno anche quelli di tipo economico, con costi legati alla gestione ed alla manutenzione ridotti rispetto a quelli delle auto convenzionali, senza contare la previsione di una sensibile diminuzione dei costi delle batterie per i veicoli elettrici, prevista nel corso dei prossimi 5 anni. La capacità delle batterie delle auto elettriche, invece, tenderà a migliorare nel prossimo decennio fino a stabilizzarsi ad un livello di 150 kwh/veicolo in Nord America, 100 kWh/veicolo in Europa, 50 kWh/veicolo per le altre regioni. Il Rapporto DNV GL, inoltre, mostra che il costo totale di proprietà per veicoli di questo tipo resterà invariato per i prossimi 5 anni: solamente dopo il 2023 si assisterà ad un drastico calo dei costi, in particolare per i veicoli commerciali. A promuovere la mobilità elettrica, in particolare, nei prossimi 10 anni saranno soprattutto i Governi centrali, sebbene in misure diverse e con politiche differenti: detrazioni fiscali e vantaggi per la circolazione sono soltanto alcuni degli incentivi ad ora già messi in campo per indurre gli automobilisti a provare una tecnologia più pulita e innovativa. Stando al Rapporto, è soprattutto in Norvegia (oggi leader nella produzione di energia da fonti rinnovabili) e in Cina che si segnalano forti politiche di incentivi: una spinta analoga, secondo lo studio, si registrerà in Europa una volta entrato a pieno regime il piano UE per ridurre le emissioni di CO2 nel settore dei trasporti.

L’elettrificazione si affermerà come game changer non soltanto per la mobilità del futuro: il fenomeno sarà trasversale. Il processo sarà accompagnato dall’avvio di una significativa decarbonizzazione del sistema energetico, con la transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili: stando alle previsioni, nel 2050 il 40% dell’energia finale verrà dall’elettricità, praticamente il doppio del livello di oggi. Oltre il 60% di questa elettricità, nello specifico, proverrà dal solare fotovoltaico (33%) e dall’eolico (18%), mentre un ulteriore 14% sarà fornito da energia idroelettrica.

«Per accelerare la transizione energetica occorrono politiche a favore delle tecnologie sostenibili», ha sottolineato Stefano Crea, Director Market & Industries di DNV GL – Business Assurance. “Il rischio che si corre, altrimenti, è di non riuscire a essere in linea con le ambizioni dell’accordo di Parigi. Stando infatti alle nostre previsioni, le emissioni globali collegate al consumo di energia saranno ancora lontane dallo zero netto entro il 2050 e, dunque, per invertire rotta sarà necessaria un’azione politica straordinaria. Tutto concorre allo sviluppo di un futuro sostenibile, purché si agisca subito ed in comunione d’intenti».

 

Mercato auto: meno 8,8% a febbraio 2020

Con il tracollo della domanda da parte sia dei privati sia delle società per il mercato Italiano delle autovetture è sempre crisi.

Ad attutire un po’ la caduta del mercato totale è il noleggio che cresce, a doppia cifra, sia nel segmento a breve sia in quello a lungo termine.

Secondo i dati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, a Febbraio diminuiscono dell’8,8% le immatricolazioni di autovetture, con 162.793 unità rispetto alle 178.493 dello stesso mese dello scorso anno, quando il mercato si contrasse di oltre il 2%.

“In un contesto di grande incertezza, con un mercato delle autovetture già di per sé depresso – ha commentato Michele Crisci, Presidente UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere – si inserisce la crisi da coronavirus, la cui durata e impatto sono al momento ancora tutti da vedere. I dati dei primi due mesi dell’anno mostrano già il rischio di mettere in ginocchio un settore fondamentale per il PIL italiano, viste le potenziali gravi ripercussioni sulla filiera della distribuzione e dell’assistenza, che conta oltre 160.000 occupati nel nostro Paese”.

“Le aree interessate dal blocco delle attività nell’ultima settimana di febbraio sono ubicate nelle tre regioni che rappresentano oltre 1/3 del mercato auto. L’assenza di traffico nelle concessionarie – continua il Presidente – pur non impattando, se non in modo marginale, il risultato del mese scorso, lascia purtroppo presagire un crollo delle immatricolazioni nei prossimi mesi. Grave segnale si riscontra dal canale dei privati le cui vendite scendono addirittura del 19%, arrivando a pesare solo il 51% del mercato, un dato vicino al minimo storico.”

“Unico raggio di luce nel mercato – conclude Crisci – è l’aumento a tripla cifra della domanda di veicoli a ridotte emissioni, che beneficiano del contributo Ecobonus, misura promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico per migliorare la qualità dell’aria e dell’ambiente, che andrebbe assolutamente rafforzata.”

Analizzando la domanda di autovetture per utilizzatori, a Febbraio crollano le immatricolazioni sia di privati sia di società. Rispetto a Febbraio 2019, mentre i privati vedono scendere i propri volumi del 19%, le società registrano una caduta del 13% . All’interno delle immatricolazioni a società, si contraggono sia le auto immatricolazioni (-12%) sia le vendite ad altre società (-15%).

Sul fronte delle alimentazioni si registra un nuovo calo a doppia cifra (-29%) delle immatricolazioni di vetture diesel

In calo anche il benzina (-3,2%) che rappresenta la motorizzazione con la quota di mercato più alta.

Crescita del 91% nel mese per le ibride, con 18.000 unità immatricolate in rappresentanza dell’11% del mercato.

Ottimo il risultato delle vendite di auto elettriche che archiviano un incremento del 900% con 2.500 unità e una quota dell’1,5%. Aumentano dell’80% le vendite di metano a 3.600 unità mentre si contraggono (-12%) quelle di gpl a 9.100 unità.

A Febbraio tutti i segmenti auto archiviano una performance negativa, tranne il segmento A – Piccole (+1,9%) e la nicchia F – Alto di gamma (+7,8%).

Anche le gare automobilistiche si fermano per il COVID-19

Aci Sport Comunica che fino a domenica 8 marzo sono sospese e rinviate a data da destinarsi, tutte le manifestazioni all’interno della Zona Rossa indicate dal decreto dove vige “la sospensione di manifestazioni, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso”

La disposizione riguarda anche le  cosiddette Zone Gialle dove, tra le altre, è inserita anche la provincia di Savona

Nelle altre zone le Gare senza Titolazione nazionale potranno essere svolte secondo calendario, ma ad esse non dovranno partecipare piloti o team provenienti dalle zone Rosse e Gialle.

Gli organizzatori sono obbligati a controllare le zone di provenienza degli equipaggi.

Sempre fino al giorno 8 marzo sono sospese e rinviate a data da destinarsi tutte le gare di qualsiasi disciplina Valide per un Titolo Nazionale

All’incontro Italo Francese mostra auto d’epoca a Napoli

In occasione dell’incontro bilaterale Italo-Francese, che si è svolto a Napoli nella cornice di Palazzo Reale, l’ACI – Automobile Club d’Italia – in collaborazione con il MAUTO – Museo Nazionale dell’Automobile di Torino ha allestito una mostra di vetture storiche per raccontare i successi – sportivi, tecnologici e culturali – ottenuti dai due Paesi in campo automobilistico.

Undici le vetture presenti all’interno del cortile di Palazzo Reale. Cinque gli esemplari francesi: uno da competizione e quattro stradali.

Le auto da competizione selezionate raccontano i rombanti anni ‘80 della Formula Uno: la leggendaria Ferrari 312 T5 con le indimenticabili “minigonne”, portata in pista da Gilles Villeneuve e donata al MAUTO da Enzo Ferrari in persona, e la competitiva, anche se mai detentrice del massimo titolo, Ligier JS 11/15 del ’79, di Jacques Lafitte, in quegli anni miglior pilota europeo del Campionato, portata a Napoli dalla Fondazione Gino Macaluso per l’Auto storica.

Quattro per nazione sono, invece, gli esemplari che raccontano alcuni dei migliori modelli stradali prodotti nella Penisola e Oltralpe.

A rappresentare l’Italia la Lancia Aurelia B24 Convertibile del 1957; la Lancia Flaminia Touring GT del 1961; l’Alfa Romeo 1600 Giulia Spider del 1964 e la Fiat 135 A Spider Dino del 1967. Per la Francia, la Hurtu 3Hp del 1898, appartenuta al Conte Giuseppe di Caravita di Sirignano; la Citroen DS 21 Cabriolet Le Caddy; la Peugeot 504 Coupé Pininfarina del 1969 e l’immortale Alpine Renault A 110, trionfatrice assoluta nel campionato Rally del 1973.

A questi straordinari esemplari storici si è aggiunta, a incarnare lo spirito della contemporaneità, la Ferrari Roma, ultimo modello stradale presentato dalla Casa di Maranello.

Automobilismo: Coronavirus stop agli equipaggi italiani al Panda Raid 2020.

I portacolori della scuderia New Racing for Genova Roberto Macconi e Furio Rossano Masi che dovevano prendere il via al Panda Raid 2020, in programma in Marocco, dal 6 al 14 marzo, costretti a rinunciare.

“Già nei giorni scorsi – commenta laconicamente il genovese Roberto Macconi – ci avevano fatto capire di non essere desiderati, poi è arrivata una mail che, in pratica, confermava tutte le problematiche che avrebbe potuto comportare la nostra eventuale partecipazione e, ovviamente, quella di tutti gli equipaggi italiani”.

Trasferta annullata anche per gli altri quattro equipaggi del gruppo imperiese del West Liguria Team, ossia Marco Lanteri – Pino Fiore, Dirk e Mike Schram, Sergio Morabito – Tania Galvan e Valerio Fiore – Gabriele Gagliostro.

“Abbiamo già bloccato la nostra bisarca – aggiunge uno sconsolato Macconi – che avrebbe dovuto portare in Marocco undici vetture, le cinque Panda liguri più quelle degli equipaggi di Torino e Piacenza”.

Annullata anche la partecipazione del gruppo dei piloti romani che dovevano prendere parte alla manifestazione in Marocco.

La New Racing for Genova al Panda Raid in Marocco.

Al Panda Raid 2020, che si svolgerà in Marocco dal 6 al 14 marzo prossimi, ci sarà anche una vettura targata Genova.

Al Raduno amatoriale, con una Panda 4×4 con i colori della scuderia New Racing for Genova, ci saranno Roberto Macconi e Furio Rossano Masi.

“Nel 2019 abbiamo centrato l’obiettivo di arrivare in fondo – commenta il genovese Roberto Macconi – lo riproponiamo, sperando di fare un po’ meglio in graduatoria finale, visto che abbiamo già una partecipazione all’attivo. L’importante, ad ogni modo, sarà divertirsi, proprio com’è stato l’anno scorso, e continuare a fare esperienza in una gara che per noi si è rivelata entusiasmante”.

“La vettura – aggiunge il portacolori della New Racing for Genova – è la stessa dello scorso anno: abbiamo “rinfrescato” il motore, per avere qualche cavallo in più, e controllato avantreno e sospensioni.

Nel 2019, quando abbiamo tagliato il traguardo in 161^ posizione assoluta, abbiamo fatto conoscenza con i tre piloti imperiesi in lizza, Marco Lanteri, Dirk Schram e Sergio Morabito, con i rispettivi co-piloti, Pino Fiore, Mike Schram e Tania Galvan: loro quest’anno hanno costituito un gruppo, il West Liguria Team, di cui faremo parte anche noi, oltre a Valerio Fiore – Gabriele Gagliostro. Partiremo tutti e cinque uno dopo l’altro, sarà bello vedere un angolo di Liguria tra i 375 equipaggi in lizza”.

Info viabilità

A6 Savona Torino

Per lavori tra gli svincoli di Savona e Altare, la carreggiata Nord, verso Torino, sarà chiusa dalle ore 21 di questa sera venerdì 21 e le 05 di domani sabato 22 febbraio.

Il traffico sarà deviato sulla viabilità ordinaria e potrà riprendere il percorso autostradale al casello di Altare.

A12 Sestri Levante Livorno Tronco Ligure Toscano.

Per lavori in galleria, nel tratto Sestri Levante Deiva Marina, dal Km 52+750 al Km 56+356, la carreggiata Sud in direzione di Livorno è chiusa e si transita a doppio senso di marcia sulla direttrice opposta. Il cantiere resterà in atto sino alle ore 06 di lunedì 24 febbraio.

Per i veicoli e/o trasporti eccezionali di larghezza superiore a m 3,30, dalle ore 6 alle 24 è vietato il passaggio, in entrambe le direzioni di marcia.

A15 La Spezia Parma

In questo fine settimana, rimarranno in atto alcuni cantieri. In particolare per interventi in gallerie sono segnalati scambi di carreggiata:

Dal Km. 46+030 al Km. 48+900, tra il casello di Borgo Taro e il casello di Berceto dove resta chiusa al traffico la carreggiata Sud in direzione La Spezia.

Dal Km. 53+680 al Km. 52+900, tra il casello di Pontremoli e il casello di Berceto dove resta chiusa al traffico la carreggiata Nord in direzione Parma.

Dal Km. 66+010 al Km. 67+360, tra il casello di Berceto e il casello di Pontremoli dove resta chiusa al traffico la carreggiata Sud in direzione La Spezia.

In tutti questi tratti il traffico è deviato a doppio senso di marcia sulla carreggiata che non è interessata dai lavori.

A7 Genova Milano

Sull’ A7 Serravalle – Genova, per interventi all’interno della galleria “Giovi sud”, programmati in orario notturno, a ridotta circolazione di veicoli.
Il traffico che da Milano è diretto verso Genova defluisce attraverso una corsia in deviazione sulla carreggiata opposta.

Per rendere possibile tale provvedimento, rimane chiusa la stazione di Busalla, in entrata verso Serravalle/Milano, dalle ore 21 alle 06 nelle notti venerdì 21 e sabato 22 febbraio e dalle ore 22 di domenica 23 alle 06 di lunedì 24 febbraio.

Poi la chiusura si ripeterà nelle cinque notti consecutive di lunedì 24, martedì 25, mercoledì 26, giovedì 27 e venerdì 28 febbraio, con orario 21 – 06.

In alternativa, al casello di Busalla è consigliato il casello di Ronco Scrivia.

A26 Genova Voltri Gravellona Toce

Sull’A26 Genova Voltri – Gravellona Toce, per interventi alle barriere di sicurezza, previsti in orario notturno, a ridotta circolazione di veicoli, sarà chiusa l’uscita del casello di Masone, con le seguenti modalità:
-per chi proviene da Gravellona Toce/Alessandria, dalle ore 22 di domenica 23 alle 06 di lunedì 24 febbraio;
-per chi proviene da Genova, dalle ore 22 di martedì 25 alle 06:00 di mercoledì 26 febbraio,
In alternativa, si consiglia di utilizzare l’uscita del casello di Ovada o, sull’A10 Genova – Savona, l’uscita del casello di Genova Pra’.

ATP Trasporti pubblici extraurbani

ATP  di Genova segnala che domenica 23 febbraio per consentire lo svolgimento del Carnevale di Arenzano, dalle ore 15 alle ore 17 la via Aurelia resterà chiusa al transito.

Le corse dei bus delle 15 e 15:45 con partenza da Voltri per Arrestra, giunti al capolinea dell’1 (AMT) faranno l’inversione di marcia per transitare via autostrada e riprendere servizio regolare dalla Colletta.

Le corse di Arenzano sono limitate al capolinea provvisorio della Stazione FS, da dove riprenderanno servizio regolare.

 

Auto Storiche: Terre di Canossa

Restano pochi giorni per iscriversi al Terre di Canossa 2020 che si svolgerà dal 16 e il 19 del prossimo mese di aprile.

La decima edizione sarà un pellegrinaggio in diversi luoghi medievali che furono parte del regno di Matilde di Canossa nel XII Secolo.

La gara prenderà il via da Salsomaggiore Terme con la serata di gala nel Castello di Tabiano, costruito dalla famiglia Pallavicino nel X Secolo.

Venerdì  17 aprile i partecipanti attraverseranno gli Appennini per toccare la Liguria di levante con passaggi alle Cinque Terre, l’Arsenale Marittimo Militare di La Spezia e il meraviglioso borgo marinaro di Lerici. La giornata si concluderà, come di consuetudine a Forte dei Marmi.

Sabato 18 aprile la carovana si dirigerà verso il Circuito cittadino del Montenero, che ospitò la prima competizione il 25 settembre 1921 e il GranPremio d’Italia nel 1937.

Il percorso interesserà anche per uno dei tratti più spettacolari della Via Aurelia, reso famoso da Vittorio Gassman alla guida della sua Lancia Aurelia B24 nel film Il Sorpasso.

Domenica i partecipanti valicheranno nuovamente gli Appennini per tagliare il traguardo al cospetto della Rocca di Scandiano, nel cuore dell’antico regno di Matilde di Canossa.

Blog su WordPress.com.

Su ↑