Cerca

Gino Bruni

Il mio blog

Tag

Fiat 500 Club Italia

Domenica 22 settembre: 6° Meeting Internazionale “Città di Torino”

Era il 1957 quando l’ingegnar Dante Giacosa disegnò la mitica 500, piccolissima utilitaria con un motore a due cilindri e dalla velocità massima di 85 chilometri orari. Si trattava di una vettura che avrebbe contribuito in modo rilevante alla rinascita dell’Italia nel periodo del Boom economico.

Dopo 62 anni la mitica Fiat 500 è ancora e sempre più sulla cresta dell’onda e la sua eterna giovinezza sarà degnamente festeggiata a Torino, sua città natale, domenica 22 settembre, in quello che promette di essere un evento memorabile: il 6° raduno Internazionale “Città di Torino” organizzato dal Fiat 500 Club Italia.

L’incontro avrà inizio sin dal mattino presto presso il parcheggio FCA di Corso Giovanni Agnelli, davanti alla palazzina che racchiude una parte importante della storia della beniamina su quattro ruote.

Alle 10 si terrà l’inaugurazione ufficiale dell’evento davanti alle autorità cittadine che daranno il benvenuto agli equipaggi, iscritti da molte regioni italiane.

Poiché la 500 è un’auto che ama fare del bene ed è sempre impegnata in progetti di solidarietà, anche quest’anno si è scelto di dedicare la manifestazione alla squadra di calcio 100%, composta da ragazze e ragazzi guariti da tumore pediatrico. La prima squadra frutto della collaborazione tra UGI, Torino FC e l’Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale Regina Margherita di Torino.

Alle 11, gli equipaggi iscritti potranno vivere l’emozione di entrare nello stabilimento FCA accompagnati da un esperto Driver e prendere parte alla parata sulla storica pista di collaudo Mirafiori.

Le 500 continueranno poi a rombare per le strade cittadine della capitale piemontese, prima di raggiungere il Mirafiori Motor Village all’interno del quale si terrà il pranzo.

Auto storiche – Albenga: Primo Raduno Fiat 500 #Plastic Free

Domenica 1° settembre ad Albenga, in provincia di Savona, è in programma la quinta edizione del raduno “Made in Italy, in 500 sotto le Torri”.

Si tratta un incontro con una connotazione particolare, essendo il primo raduno che strizza l’occhio all’ambiente.

La filosofia del Fiat 500 Club Italia è sempre stata quella di mettere le persone al centro dell’attenzione e in quest’ottica è di estremo interesse anche la salvaguarda dell’ambiente in cui le persone vivono. Per questo motivo l’impegno verso una sensibilità ecologica si sta facendo sempre più rilevante.

In quest’ottica il fiduciario del Coordinamento Riviera delle Palme, Alessandro Vinotti, ha deciso di organizzare il primo raduno #PlasticFree. Durante questa manifestazione sarà distribuito un gadget eco-friendly: una borraccia di alluminio in sostituzione delle comuni bottigliette di plastica.

I rappresentanti della ditta Culligan per il trattamento delle acque saranno presenti con il proprio stand per riempire le borracce all’occorrenza e dare informazioni sull’utilizzo dell’acqua domestica per il consumo delle famiglie, sottolineando il grande risparmio economico e la netta diminuzione dell’ingombro di rifiuti pro-capite rappresentato da bottiglie monouso.

«Ho sempre ritenuto la 500 un’auto immortale, evergreen, e ritengo personalmente che il mezzo che ci rappresenta, possa essere anche portavoce di un movimento positivo di sensibilizzazione che ci proietti in un futuro migliore, ricco di possibilità» afferma il presidente fondatore del Fiat 500 Club Italia, Domenico Romano.

Meeting Garlenda 2019

Si è conclusa con un altro successo la 36ª edizione del Meeting Internazionale Fiat 500 di Garlenda (SV), il più importante evento nel calendario del Fiat 500 Club Italia.

Ben 920 i partecipanti, in rappresentanza di undici nazioni (oltre all’Italia erano presenti equipaggi provenienti da Francia, Germania, Belgio, Olanda, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Spagna, Svizzera, Austria e Irlanda, quest’ultima ospite d’onore 2019).
Il Meeting si è svolto nell’arco di tre giornate (da venerdì 5 a domenica 7 luglio), preceduto da un lungo prologo battezzato “Aspettando il Meeting”, che sin da lunedì 1° luglio ha previsto gite, degustazioni e intrattenimenti vari per i cinquecentisti giunti in anticipo in zona per trasformare la partecipazione alla manifestazione in un’occasione di vacanza.

Le vetture hanno percorso centinaia di chilometri su e giù lungo le strade tra costa ed entroterra, toccando numerose località (Albenga, Arnasco, Ortovero, Andora, Laigueglia, Villanova d’Albenga, Leverone di Borghetto d’Arroscia) e scoprendo paesaggi e sapori della Liguria di ponente.
«La fortuna di un evento come questo – spiega il direttore del Meeting Alessandro Scarpa – e che è alla base del successo del Fiat 500 Club Italia va ricercata nella capacità di coinvolgere intere famiglie, uomini e donne, anziani e giovani, in una vera esperienza emozionale che supera l’ambito del motorismo storico.».

La Fiat 500 è molto più di un mezzo di trasporto: ha avuto un’importanza fondamentale nella società italiana degli anni ’60-’70 e oggi è riconosciuta come un’icona.

Ma ciò che sorprende è la forza aggregante di un’utilitaria assolutamente “trasversale”, che piace a più di una generazione e ha sempre il sapore della novità.

Il Meeting ancora una volta diventa così un’occasione speciale per vivere le proprie emozioni.

Sicurezza Stradale a Garlenda “Crescere Sicuri”

Il Fiat 500 Club Italia e il Museo Multimediale della 500 “Dante Giacosa”, in collaborazione con la Polizia Stradale e il Comune di Garlenda (SV), anche quest’anno dedicheranno alcune giornate alla Sicurezza Stradale. Dal 7 al 10 maggio 2019,infatti,  è in programma la decima edizione della manifestazione “Crescere sicuri”.

Sono attesi circa 300 bambini delle scuole dell’infanzia e primarie del comprensorio savonese, che svolgeranno un percorso ludico – didattico in più tappe.

Si partirà con la visita guidata al Museo stesso, alla scoperta delle tante curiosità legate alla storica bicilindrica, seguita da una lezione (modulata naturalmente secondo l’età degli alunni) tenuta dal personale della Polizia.

In seguito i bambini e insegnanti potranno poi fare la conoscenza dei mezzi della Stradale, a due e quattro ruote, con l’esame delle apparecchiature e dei dispositivi in dotazione, mentre un team dell’IRC (Italian Resuscitation Council) spiegherà le tecniche di rianimazione e mostrerà le attrezzature all’interno di un’ambulanza; infine, un formatore dell’Automobile Club  sensibilizzerà i partecipanti all’utilizzo delle cinture di sicurezza (grazie ad una piccola simulazione d’incidente stradale) e farà svolgere una prova di guida rispettosa della segnaletica a bordo di kart a pedali.

L’intero percorso potrà svolgersi anche in caso di pioggia, perché i mezzi saranno opportunamente spostati in spazi al coperto.

«Siamo lieti e orgogliosi che una piccola vettura del passato come la 500  – ha dichiarato Ugo Elio Giacobbe, conservatore del Museo “Dante Giacosa” –  sia diventata il mezzo ideale per parlare di argomenti così attuali e che devono essere trasmessi alle nuove generazioni per garantirne il futuro»”.

In questi dieci anni la manifestazione ha permesso a migliaia di bambini e ragazzi di apprendere in maniera piacevole e coinvolgente le corrette norme di comportamento che vanno sempre adottate quando ci si trova in strada, come pedoni, ciclisti, motociclisti e automobilisti, e la certezza degli organizzatori è che i messaggi trasmessi saranno anche riportati agli adulti di riferimento.

La Settimana della Sicurezza Stradale è legata anche al premio “Crescere sicuri” che, con cadenza biennale, premia personaggi o enti che si siano particolarmente distinti nel trasmettere i temi al centro dell’iniziativa.

Secondo giorno di Meeting per le Fiat 500

Garlenda 7 luglio 2018: Vigilia del gran finale per il 35° Meeting riservato alla Fiat 500.

A oggi sono circa ottocento le vecchie vetture della Casa torinese giunte a Garlenda (nel Savonese). Diciassette le nazioni  europee rappresentate, oltre ai numerosi partecipanti da ogni regione italiana.

Nella seconda giornata del Meeting molti partecipanti hanno preso parte al Tour turistico dell’entroterra che ha toccato Cosio d’Arroscia, Pieve di Teco e Mendatica.  Altri, invece, hanno preferito una visita al parco Acquatico di Ceriale.

A Garlenda è presente il pullman Azzurro della Polizia Stradale che è porta in giro un messaggio riguardante la Sicurezza Stradale.

Il Meeting si concluderà domani all’Ippodromo dei Fiori di Villanova d’Albenga con tutte le mille auto che s’incontreranno per il carosello delle Nazioni e delle Regioni.

Meeting Internazionale Fiat 500 Storiche si scaldano i motori!

Garlenda (Sv) 06/07/2018: Inaugurato ufficialmente questa mattina il 35° Meeting Internazionale di Garlenda.

Sono attese, provenienti un po’ da ogni Paese dell’Europa, Mille Fiat 500 storiche.

Il Direttore del Meeting, Alessandro Scarpa, ha illustrato il fitto programma di eventi culturali, tecnici, folcloristici e artistici.  All’inaugurazione sono, inoltre, intervenuti il Senatore Paolo Ripamonti, il Consigliere della Regione Liguria Angelo Vaccarezza e la Vice Presidente della Provincia di Savona Luana Isella.

Sempre questa mattina è stata anche inaugurata la mostra “Una Tavolozza di 500” e presentata al pubblico l’opera “Vacanze al Mare” del noto artista francese Stéphan Cipre: una 500 in alluminio lucidato del peso di 7 kg, figura pop molto amata dallo scultore che, tra le altre cose, ha anche prodotto la nota “GoToSky”, una 500, sempre in alluminio, a grandezza naturale, carica di colorati sci.

Tra coloro che hanno percorso più chilometri per arrivare all’appuntamento annuale, Roberto Ruzic e Fabrizio Burlini.  Domenica sera erano a Stavangen in Norvegia: hanno preso il traghetto a Kristiansand e sono giunti in Danimarca. Lunedì, per riuscire ad arrivare in tempo, hanno fatto una tappa 864 km per raggiungere Berlino. Poi hanno guidato fino a Praga, Vienna e Trieste. Stamattina, sono partiti da Trieste e finalmente sono giunti a Garlenda.

35° Meeting Internazionale Fiat 500 Club Italia: gli arrivi dall’estero

Alla vigilia del 35° Meeting Internazionale Fiat 500 Club Italia, a Garlenda, sono arrivati appassionati della piccola utilitaria dalla Germania, dall’Olanda, dal Belgio, dalla Francia, dall’Inghilterra, dalla Repubblica Ceca ed anche dall’Ungheria, che sarà l’ospite d’onore dell’edizione di quest’anno.

Istvàn Kozma, presidente del Fiat 500 Club Hungary e la moglie Zsuzsanna Ripcse sono giunti a Garlenda, avendo percorso ben 1.350 km con la loro giardiniera bianca.

Tra i presenti anche i cinquecentisti Lorena e Roberto Riccardi, giunti da Zurigo, fiduciario di Salerno Alfredo Galderisi con sua moglie, il fiduciario di Piacenza Lorenzo Achilli e il socio Luciano Zunino.

Grazie a Collettivo Culturale Zerovolume, Baseco Srl e al Gruppo Cartapestai Disperati, questa è l’opera che accoglierà all’ingresso di Garlenda: i cinquecentisti in arrivo da tutto il mondo per il Meeting. L’enorme scritta “500” troneggia davanti alle dune del “Pop Park” ed è stata realizzata esclusivamente con materiali di recupero.

4 luglio 2018: Buon 61° compleanno, Fiat 500

Era il 4 luglio 1957 quando la Fiat 500 si fece vedere per le vie di Torino. Quel giorno, di certo, non si poteva sapere che la sua missione sarebbe stata quella di motorizzare gli Italiani.

L’anno dopo, il 1958, nacque la Sport, riconosciuta con l’inconfondibile banda rossa sulla fiancata.

Dieci anni dopo, uscì la versione L, in altre parole “Lusso”, dagli interni più curati e dotati di accessori e i sedili ribaltabili.

Nessuno avrebbe mai pensato che nel 1984, in un paesino ligure, Garlenda nel savonese, sarebbe nata una manifestazione dedicata alla Fiat 500 e poi un Club, che oggi è il più grande sodalizio di modello al mondo.

Oggi, più di 400 mila esemplari sono in circolazione in tutto il mondo.

Secondo il Pubblico Registro Automobilistico (Il PRA) ci sono 388.691 Fiat 500 storiche ancora in circolazione (dato ufficiale di fine 2015). I numeri sono sostanzialmente invariati rispetto al 2010, fatto indicativo se si pensa a un’auto uscita di produzione nel 1977. Nessun mezzo su ruote può vantare una popolarità così longeva e comunque sempre in crescita, infatti, secondo il portale Autoscout la Fiat 500N del 1957 è stata l’auto più ricercata dagli utenti nel  corso del 2016.

Le 500 non si rottamano più, anzi, la tendenza è quella di recuperare anche gli esemplari nelle peggiori condizioni. “La conservazione e la valorizzazione della 500, oltre ad essere un fenomeno sociale e di costume, è una missione per molti appassionati” spiega Stelio Yannoulis, presidente del Fiat 500 Club Italia. “Siamo davanti ad un oggetto amatissimo – prosegue il Presidente – che rappresenta un importante periodo storico del nostro Paese e continua a essere scelto anche dai più giovani come auto per il divertimento, per i viaggi e per vivere momenti speciali.

Da venerdì 6 a domenica 8 luglio proprio a Garlenda sarà in programma l’annuale meeting internazionale dedicato alle 500 storiche.

Già da oggi numerosi appassionati hanno raggiunto il piccolo centro dell’entroterra Savonese per gustarsi le numerose iniziative cha fanno da contorno al meeting giunto alla trentacinquesima edizione.

Fiat 500 Club Italia: a Garlenda si avvicina il Meeting 2018

Dal 6 al 8 luglio si terrà a Garlenda (SV) la 35^ edizione del Meeting più atteso per ogni appassionato della mitica 500 Storica: tre giorni ricchi di incontri culturali, tecnici, escursioni e spettacoli per festeggiare l’auto più amata di sempre della quale il Fiat 500 Club Italia, organizzatore dell’evento, è riferimento a livello mondiale.

Il Fiat 500 Club Italia, ha sede in un piccolo paese dell’entroterra Ligure, Garlenda (SV), conta oltre 21.000 soci e sin dal 1984 si occupa a 360 gradi del mondo “cinquino”: dalla cura del veicolo, oggetto vintage mai sorpassato, al suo significato storico e culturale, rappresentante di un periodo, quello del boom economico, al quale gli italiani sono particolarmente legati. Ma anche e soprattutto alle sue connotazioni più recenti, quali auto simbolo del miglior Made in Italy e strumento di aggregazione tra persone di ogni età e luogo.

Tra gli oltre 250 eventi organizzati in tal senso ogni anno, il Meeting Internazionale di Garlenda è il più rappresentativo: sono attesi 1.000 equipaggi da tutto il pianeta che giungeranno a Garlenda per festeggiare assieme  dal 6 al 8 luglio l’auto più amata di sempre.

Il programma è stato studiato in modo da coinvolgere ampiamente le realtà territoriali tramite escursioni , visite guidate e passeggiate eno-gastronomiche alla scoperta di peculiarità, gusti, panorami e le bellezze dei Borghi più Belli d’Italia.  “La chiave vincente di questa manifestazione è la sinergia tra gli enti coinvolti e l’entusiasmo, indispensabili per creare un’accoglienza adeguata alle aspettative dei 5.000 turisti che il meeting richiama nella Val Lerrone durante il lungo Weekend” spiega il direttore del Meeting Alessandro Scarpa. Sono sempre più numerosi i turisti, molti stranieri, che organizzano le proprie vacanze in Liguria per partecipare alla kermess.

In quest’ottica, per la prima volta, l’organizzazione ha ampliato la manifestazione creando anche degli eventi “Aspettando il Meeting” a partire da lunedì 5 luglio, portando così l’evento ad una intera settimana.

Blog su WordPress.com.

Su ↑