Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Tag

Monza

Formula 1: a Monza il Gran Premio del cuore

Non mancherà l’affetto dei tifosi italiani nonostante, per la prima volta nella storia, il Gran Premio d’Italia verrà disputato a porte chiuse. L’assenza del pubblico si farà sicuramente sentire, ma lo spettacolo, nel ‘Tempio della velocità’, sarà garantito. La speranza di rivedere l’invasione di pista al termine del Gran Premio 2021 è il sentimento che ha accompagnato la conferenza stampa di presentazione della 91° edizione del Gran Premio d’Italia che si è svolta in Piazza Città di Lombardia a Milano, alla presenza del Presidente dell’Automobile Club d’Italia Angelo Sticchi Damiani, del Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano Giovanni Malagò, del Presidente di Automobile Club Milano Geronimo La Russa, del Presidente di Autodromo Nazionale Monza Giuseppe Redaelli, del Sindaco di Monza Dario Allevi e del presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

Sarà un evento storico e unico nella sua particolarità quello che prenderà il via alle ore 15.10 di domenica 6 settembre 2020 sulla griglia di partenza dell’Autodromo Nazionale Monza. Il simbolo del Gran Premio, quei tifosi conosciuti in tutto il mondo per la capacità di trasmettere calore fino all’interno dell’abitacolo, non potranno occupare i loro posti in tribuna, ma saranno comunque “virtualmente” presenti grazie alle numerose iniziative di Automobile Club d’Italia, Autodromo Nazionale Monza e Formula 1. Un Gran Premio non solo in pista, ma soprattutto nel cuore dei tifosi con una gara di solidarietà che accompagnerà tutto il weekend monzese.

“Un anno letteralmente ‘straordinario’ come questo, imponeva non solo un Gran Premio straordinario ma anche un impegno straordinario dell’ACI, sia dal punto di vista dell’organizzazione, che nel dire un grazie vero, sentito e non formale a tutte quelle donne e a quegli uomini – medici, infermieri, operatori del 118 e della Protezione Civile che, da mesi, combattono in prima linea, spesso a rischio della loro stessa vita, contro un mostro invisibile e letale come il Covid-19”.

È quanto ha dichiarato Angelo Sticchi Damiani, Presidente dell’Automobile Club d’Italia e Vice Presidente mondiale sport della FIA, la Federazione Internazionale dell’Automobile, questa mattina a Milano, in occasione della conferenza stampa di presentazione del GP d’Italia 2020, che si disputerà a Monza dal 4 al 6 settembre prossimo.

“Per questa ragione – ha aggiunto Sticchi Damiani – nonostante il Gran Premio si disputi a porte chiuse, l’ACI ha invitato 250 persone tra personale medico e dell’assistenza sanitaria e operanti della Protezione Civile ad assistere alla gara, in rappresentanza di tutti coloro che nel e col sistema sanitario italiano hanno lavorato e lavorano fino a sedici ore al giorno per tutelare la salute di tutti noi. Mi auguro che le più alte cariche istituzionali saranno al fianco di ACI, FIA, piloti, team, tifosi e appassionati di tutto il mondo, nel tributare a questi campioni di scienza, umanità e responsabilità l’applauso scrosciante che meritano”.

Monza il GP d’Italia resterà nel Calendario sino al 2024

Il Gran Premio d’Italia resterà nel calendario del Campionato Mondiale di Formula 1 almeno fino alla fine del 2024, e continuerà a disputarsi sul Monza ENI Circuit almeno per altre cinque stagioni.

È quanto stabilisce l’accordo tra Chase Carey – Chairman e Ceo di Formula 1® – e Angelo Sticchi Damiani – Presidente dell’Automobile Club d’Italia – annunciato, in Piazza Duomo a Milano, durante un evento pubblico, per celebrare la novantesima edizione del Gran Premio d’Italia e il novantesimo anniversario della Scuderia Ferrari.

“È come vincere un Gran Premio di Formula 1: un Gran Premio, difficilissimo e importantissimo, combattuto fino alla linea del traguardo, che vale non solo uno ma ben cinque titoli!”. È con questa efficace metafora sportiva che il Presidente dell’Automobile Club d’Italia, Angelo Sticchi Damiani, ha espresso “grandissima soddisfazione” per la conclusione, “più che positiva”, dell’accordo tra ACI e Formula 1®. “Un accordo – ha sottolineato il presidente dell’ACI – che garantisce l’inserimento, per i prossimi cinque anni, del Gran Premio d’Italia nel calendario del Campionato del Mondo di Formula 1, e che il GP si correrà nel ‘Tempio della velocità’: quel Monza Eni Circuit che è non solo il più antico ma anche il più veloce e più spettacolare circuito di tutto il motorsport”.

“Una grande, sudatissima, vittoria per ACI, per Monza, per la Regione Lombardia e lo sport italiano in generale – ha continuato Sticchi Damiani – che apre una prospettiva di cinque anni nella quale lavorare, tutti insieme, per costruire un futuro all’altezza del leggendario passato che ha fatto di Monza una capitale mondiale dello sport dell’auto. È stato un GP difficilissimo e molto sofferto, ma questa è una di quelle vittorie che fanno dimenticare ogni rischio, ogni fatica, ogni sofferenza, e lasciano dentro solo una grande gioia e una irrefrenabile voglia di festeggiare”.

“Siamo davvero lieti – ha dichiarato Chase Carey, Chairman e Ceo di Formula 1® – di aver raggiunto con l’ACI un accordo che assicura che il Gran Premio d’Italia rimarrà nel calendario del Campionato Mondiale di Formula 1 FIA, almeno fino al 2024”.

“Il GP d’Italia – ha spiegato Carey – è uno dei quattro Gran Premi che facevano parte del Campionato del 1950 e sono tutt’ora presenti nel calendario e, insieme al Gran Premio di Gran Bretagna, è l’unico che si è tenuto ogni anno da allora. Storia, velocità e passione sono parole che i fan del motorsport associano a Monza. La sensazione che si prova in questo Gran Premio è letteralmente unica, così come il podio che caratterizza questo circuito”.

“Vorrei ringraziare l’ACI – in particolare il suo Presidente, Angelo Sticchi Damiani – per i suoi sforzi – ha concluso il Chairman e Ceo di Formula 1® – perché la firma di questo accordo quinquennale significa che un’altra tessera del mosaico della Formula 1 del futuro è ora al suo posto. Il Campionato presenta molti luoghi storici come Monza e anche nuovi paesi nei quali, la già vasta base di fan del nostro sport, può crescere ancora. Per ora, non vediamo l’ora di partecipare a quella che si annuncia come un’altra grande gara questo fine settimana, mentre ci prepariamo per il GRAN PREMIO HEINEKEN D’ITALIA 2020 e per gli anni che verranno”.

Blog su WordPress.com.

Su ↑