Ricerca

Gino Bruni

Il mio blog

Tag

Rally Sanremo

Si avvicina il Rallye di Sanremo

Chiuse le iscrizioni venerdì scorso, il 69° Rallye Sanremo si avvia rapidamente alla partenza di venerdì 8 aprile con qualche piacevole sorpresa per i tifosi. Innanzi tutto è da oggi ufficiale che sarà possibile per gli appassionati accedere al parco assistenza della Vecchia Stazione purché muniti di Green Pass base indossando la mascherina, potendo così incontrare da vicino i loro beniamini e osservare i meccanici al lavoro.

Torna Breen a caccia della tripletta. Quattro partecipazioni al Sanremo, due con una macchina al top e due vittorie. Non c’è che dire; c’è feeling fra la gara ligure e l’irlandese Craig Breen che tutte le volte che ha avuto per le mani una vettura da assoluto (Škoda Fabia R5 nel 2019 e Hyundai i20 nel 2021) ha fatto centro salendo sul gradino più alto del podio. Il pilota ufficiale di M Ford WRT torna nel Ponente Ligure dopo un significativo terzo posto al Monte-Carlo e un non soddisfacente Svezia iridato, in preparazione della prossima gara mondiale in Croazia. Per l’occasione lascerà in garage la Ford Puma Rally1 (categoria non ammessa nelle gare di campionato italiano) e salirà sulla Ford Fiesta R5 affiancato per la prima volta dal connazionale John Rowan, in temporanea sostituzione di Paul Nagle, che riprenderà il suo posto a Zagabria. Breen-Rowan, però, non saranno i soli frequentatori del mondiale a partecipare al 69° Rallye Sanremo. Al via con una seconda Fiesta avremo anche il norvegese Mads Ostberg, affiancato dallo svedese Patrik Bart con il quale ha vinto la settimana scorsa in Ungheria il Salgò Rally 2022.

Gli italiani non staranno a guardare. Ovviamente la pattuglia tricolore è per nulla intenzionata a concedere ospitalità e strada ai due stranieri della Ford. A cominciare da Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto, grandi mattatori della prima gara del Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco con la Citroën C3 Rally2 e per pochi minuti vincitore della gara sanremese dello scorso anno, prima che l’annullamento della penalizzazione, erroneamente inflitta Breen, fosse annullata f-facendolo scendere sul secondo gradino del podio. Il varesino è un veterano del Sanremo, essendo alla sua nona partecipazione, avendo sempre ottenuto risultati significativi oltre al secondo posto dell’annata scorsa, come la vittoria nella Suzuki Cup del 2009 e il primato fra gli Junior nel 2013. Il Sanremo deve essere la gara del riscatto per Giandomenico Basso e Lorenzo Granai, non ancora del tutto a loro agio con la Hyundai i20N all’esordio del Ciocco, gara nella quale hanno terminato al terzo posto. Il veneto, campione italiano in carica e patriarca dei rallisti nostrani in attività, vanta ben quindici partecipazioni al Sanremo coronate da tre vittorie assolute (2007, 2012, 2013) e il primato nella lunga Ronde di 59,99 km nella notte del 2007, risultato di cui conserva la targa commemorativa nella sua pizzeria di Cavaso del Tomba (e ci tiene a precisare che anche nel 2012 siglò il miglior tempo nella Ronde notturna).  Della partita sarà sicuramente Damiano de Tommaso (quest’anno non più Under 25) affiancato da Giorgia Ascalone, che proprio qui a Sanremo nella scorsa stagione iniziò la caccia al titolo fra i giovanissimi. L’obiettivo del 2022 del pilota varesino, secondo al Ciocco, è quello di contendere a Crugnola e Basso il titolo assoluto e di conquistare il titolo Promozione, classifica di cui attualmente è leader dopo la vittoria toscana.

Diciannove vetture da assoluto per 19 piloti che puntano in alto. Sono diciannove gli equipaggi alla guida di vetture della Classe Rally2, fra i quali è lecito presumere uscirà il vincitore di questa 69esima edizione del Rallye Sanremo. Oltre a Crugnola, De Tommaso, Basso, Breen e Ostberg, saranno da osservare gli altri protagonisti della categoria maggiore. A cominciare da Stefano Albertini-Danilo Fappani, Škoda Fabia Rally EVO, quarti al Ciocco e quarti lo scorso anno nella gara ligure, di cui sono profondi conoscitori avendola il pilota bresciano disputata undici volte. Grandi cose ci si aspetta Fabio Andolfi con Manuel Fenoli, bandiera di PrimoCanale Motori, partner mediatico del Sanremo Rallye. Il Sanremo è la gara del pilota savonese, settimo assoluto al Ciocco con la sua Škoda Fabia Rally2 evo, che vanta una buona tradizione di risultati nel Ponente Ligure, rally che concluse sul terzo gradino del podio nella scorsa stagione. Da seguire inoltre le prestazioni di un nutrito gruppo di piloti pretendenti alle zone nobili della classifica partendo dal toscano Rudy Michelini con Michele Perna sul sedile di destra, alle Škoda Fabia di Giacomo Scattolon-Giovanni Bernacchini. Ci si attende ottime cose dalla coppia di giovani promesse toscane Tommaso Ciuffi, affiancato da Nicolò Gonella, e Christopher Lucchesi jr che avrà sul sedile di destra l’esperta mamma Titti Ghilardi; dal veloce comasco figlio d’arte Simone Miele con Eleonora Mori, dalla promessa siciliana Alessio Profeta con Silvia Croce. Nonché dai gentlemen drivers Antonio Rusce che dividerà la Hyundai i20N con Giulia Paganoni e il pilota “storico” migrato nelle moderne “Pedro” che affiderà le note al savonese Fulvio Florean per portare in alto la sua Volkswagen Polo. Non mancherà la quota rosa con due pilotesse al volante nel 69° Rallye Sanremo e quattro nel 14° Sanremo Leggenda. La prima ragazza-volante a lasciare venerdì pomeriggio la pedana di fronte al Casinò sarà Rachele Somaschini sulla Citroën C3 Rally2 che divide con Nicola Arena, alla sua quarta partecipazione al Sanremo.

 “Sono soddisfatto dei numeri raggiunti da questa edizione del Rallye Sanremo con 80 equipaggi nella gara valevole per il Campionato Italiano Assoluto Rallye-Sparco e 58 nel Sanremo Leggenda” commenta  Sergio Maiga l’organizzatore della gara. “La soddisfazione arriva anche dall’avere al via piloti del calibro di Craig Breen e Mads Ostberg, abituali protagonisti del mondiale, che daranno certamente filo da torcere ai nostri piloti che vorranno riportare dopo quattro anni in Italia la coppa della vittoria. Non ci sarà battaglia e spettacolo solo per la classifica assoluta. Sarà da seguire anche la sfida fra i dieci protagonisti del CIRAS Junior, la serie dedicata ai futuri campioni, che prende il via da Sanremo. E le coppe dei trofei monomarca come Peugeot e Suzuki. Insomma un Sanremo tutto da gustare dalle verifiche negli spazi della Vecchia Stazione di giovedì pomeriggio 7 aprile fino alla passerella di arrivo di fronte al Casino di sabato sera 9 aprile”.

La 69esima edizione del Rallye Sanremo, è gara valida per il Campionato Italiano Assoluto Rally-Sparco, Campionato Italiano Rally Promozione, Campionato Italiano Rally Due Ruote Motrici (serie di cui è il secondo appuntamento), oltre che essere la prima prova del Campionato Italiano Junior, dedicato alle giovani promesse del rallismo nostrano.  Il 69° Rallye Sanremo è anche valido come prova di apertura della serie FIA dell’Alps European Rally Trophy oltre che secondo appuntamento per le coppe Suzuki Rally Cup, Peugeot 208 Rally Cup Top, challenge monomarca che renderanno ancora più interessante la sfida tricolore.

Il Sanremo Leggenda, giunto alla 14esima edizione, è valido per la Coppa Rally di Zona 2 (di cui è il secondo evento), per la Michelin Zone Rally Cup e per l’R Italian Trophy.

Lo scorso anno andò così:

68° Rallye Sanremo: 1° Breen – Nagle (Hyundai i20 R5); 2° Crugnola – Ometto (Hyundai i20 R5); 3° Andolfi – Savoia (Škoda Fabia R5).

13° Sanremo Leggenda-22° Rally delle Palme: 1° Ferrarotti – Grimaldi (Škoda Fabia R5; 2° Cortese – Verbicara (Škoda Fabia R5; 3° Porro – Cargnelutti (Škoda Fabia Rally2 evo

Automobilismo: il Sanremo dei team genovesi

Lanterna Corse Rally Team

Gara appagante per la Lanterna Corse Rally Team.  Entrambi gli equipaggi schierati dal team genovese, che hanno preso parte alla Rallye Sanremo Leggenda, valido per la Coppa Italia di zona e disputatosi su parte del percorso della gara valida per il Campionato Italiano, hanno raggiunto il traguardo.
Soddisfazione per Alberto Verardo e Cristina Rinaldis, che ha condotto un’ottima gara, terminando al secondo posto in classe N3 a bordo di una Renault Clio Rs. Seconda posizione conquistata anche tra gli equipaggi del Trofeo Renault “Corri con Clio”, principale obiettivo stagionale del pilota ligure. “Siamo sicuramente soddisfatti di questo bel risultato, – ha dichiarato Verardo – la vettura ha funzionato bene e non abbiamo avuto problemi. Oggi le condizioni erano difficili, abbiamo trovato anche la nebbia, mantenere la concentrazione è stato fondamentale. Forse nella prima parte di gara siamo stati un po’ troppo abbottonati e avremmo potuto fare meglio, comunque la nostra gara è stata positiva ed ora possiamo guardare avanti con ottimismo”.

Giornata positiva anche per Riccardo Gallo, che per la prima volta ha calcato le prove speciali sanremesi, affiancato da Marco Gallizia su una Renault Clio Rs N3. Dopo una gara regolare ad attenta, caratterizzata da una prima parte con buone condizioni meteo ed una seconda frazione sicuramente più complicata, Gallo, ha ottenuto il quinto posto di classe N3, segnando però ottimi tempi parziali nelle prime tre prove cronometrate. “Dopo il primo giro eravamo abbastanza euforici per il distacco contenuto dai migliori della classe, poi le condizioni sono peggiorate. Tra umido e nebbia abbiamo preferito ridurre i rischi ed accumulare chilometri di esperienza, è stata comunque una giornata da ricordare perché il primo Sanremo è sempre emozionante” – ha commentato Gallo a fine gara.

 

Racing for Genova Team

Per “sbancare” Sanremo c’è voluta la Scuderia Racing for Genova.

Il successo assoluto la Sanremo Leggenda, il secondo della stagione dopo quello conseguito alla Ronde Val Merula – dei giovani Michele Guastavino e Laura Bottini, in gara con la Ford Fiesta R5

Netta e mai in discussione la loro vittoria, costruita sin dalla prima prova speciale e sofferta nella fase finale, il giovane pilota savonese ha osservato – “siamo ripartiti dall’assistenza di Sanremo, dove le condizioni atmosferiche erano buone, con le gomme più dure: poco prima di uscire dal parco abbiamo saputo che sulle prove stava piovendo ma, essendo il nostro spazio distante dall’uscita, non era possibile tornare indietro e cambiarle, cosa che invece hanno potuto fare gli equipaggi che erano più vicini al tavolino del Controllo. Siamo molto contenti per la nostra vittoria e, soprattutto, per il modo in cui Laura ed io abbiamo interpretato sia la gara sia la vettura, molto performante”.

Il “Sanremo Leggenda” ha fornito positive indicazioni anche agli altri equipaggi della Racing for Genova Team in lizza. Una conferma per Maurizio Rossi e Marta De Paoli, che hanno portato la loro Skoda Fabia al sesto posto in classe R5 mentre, con una gara tutta sostanza, i savonesi Francesco Zicari e Marino Mondino (Peugeot 208) hanno conquistato la prima piazza d’onore nella R2B.

In classe N3, significativo terzo posto per i regolari Manuel Sartori e Enrico Bracchi (Renault Clio Rs). In N1, la sfida in famiglia è risolta col successo di classe della Peugeot 106 dei veterani Enrico Pagano – Giorgio Antichi proprio a spese di quella di Nicolò Franca – Mirella Siri.

Sorte avversa, infine, per i coniugi chiavaresi Lorenzo Mottola e Romina Mazzino, la cui Clio Rs è andata ko per il bloccaggio di una pinza posteriore dei freni, e per la Clio Williams di Alessandro Schena e Monica Briano, subito fermi per una panne elettrica.

Sempre per la Racing for Genova Team, nel 66° Rallye Sanremo, secondo atto del Campionato italiano rally, maiuscola prestazione dai locali Danilo Ameglio e Massimo Marinotto che, hanno portato la loro piccola Peugeot 106 1600 al quindicesimo posto assoluto finale ed al primato in gruppo A.

Solo quarantottesimi, invece Luca Fidale e Franco Revelli, in sofferenza per i problemi di gioventù evidenziati dalla loro nuova Renault Clio Rs di classe N3.

Rallye Sanremo si accendono i motori.

SANREMO (IM), venerdì 13 aprile – C’è il sole. Dopo le nuvole grigie di ieri, giovedì 12 aprile, che ha accompagnato le verifiche tecniche e sportive, il bel sole della Città dei Fiori ha salutato i sessanta concorrenti (fra partecipanti alla gara valida per il Campionato Italiano Rally e quelli iscritti al 10° Rally Leggenda, in programma domani, sabato 14 aprile) che hanno preso parte allo Shake Down a San Romolo.

Giusto il tempo di tornare in Parco Assistenza in Lungomare Italo Calvino presso la Vecchia Stazione per le ultime regolazioni ed ecco che alle 15.36 il 65° Rallye Sanremo diventa realtà. Pochi minuti ed ecco che la classifica inizia a prendere forma con la Prova Spettacolo di Portosole su un percorso di 635 metri da effettuare quattro volte.

Terminata la Prova Spettacolo, le vetture si dirigeranno verso Piazza Borea D’Olmo (davanti al Teatro Ariston) per un riordino che durerà circa due ore. Dopo il Parco Assistenza e il transito sulla pedana davanti al Casinò di Sanremo a partire dalle ore 18,47 la corsa inizierà a farsi importante con la Peugeot 208 T16 di Paolo Andreucci e Anna Andreussi a fare da apripista sulle prime tre prove speciali di Vignai (km 14.31, il passaggio è previsto per le ore 19,26), Bignone (km 10,62, ore 19.55) e San Romolo (km 14,24, ore 20.54) per ritornare a Sanremo alle ore 21.15 per il breve riordino davanti al Forte di Santa Tecla, rientrare nel Parco Assistenza prima delle due prove in notturna ovvero la Mini Ronde (km 29,12, ore 23.08) che in pratica unisce Vignai e Bignone e la ripetizione della San Romolo alle ore 0.22 di sabato mattina.

Rientro a Sanremo all’1.17 per mezzora di lavoro dei meccanici e ingresso al Palafiori alle ore 1.52 per il riposo notturno.

Mentre i protagonisti del Campionato Italiano Rally si preparano alla loro gara, gli iscritti al 33° Sanremo Rally Storico saliranno alle 12.40 sulla pedana davanti al Casinò di Sanremo per prendere ufficialmente il via della gara seguiti a pochi minuti di distanza dai protagonisti della 32^ Coppa dei Fiori gara di regolarità a media riservata alle vetture storiche costruite entro il 31 dicembre 1990. Come faranno alcune ore dopo gli equipaggi del moderno, gli storici affronteranno le tre prove speciali di Vignai (km 14.31, ore 13.19), Bignone (km 10,62, ore 13.48) e San Romolo (km 14,24, ore 14.52). Il ritorno a Sanremo è previsto alle ore 16.40 per il riordino di 40’ davanti al Forte di Santa Tecla, sosta di mezzora nel Parco Assistenza e si riprende la via dei monti per ripetere le tre prove speciali di Vignai (km 14.31, ore 18.03), Bignone (km 10,62, ore 18.32) e San Romolo (km 14,24, ore 19.46), quindi rientro a Sanremo alle 21.11 con l’ingresso in Piazza Borea D’Olmo per il riordino notturno. Da non perdere le vetture del 3° Eco Rallye Sanremo con le Tesla e una Renault Zoe a fare da protagoniste.

Tutti presenti i big sia del 65° Rally Sanremo, e del 33° Rally Sanremo Storico. Una sola defezione fra i sessanta iscritti alla gara valida per il Campionato Italiano Rally una sola defezione: si tratta della toscana Corinne Federighi, che avrebbe dovuto gareggiare con una Renault Clio RS affiancata dall’elvetico Marco Menchini. Tre soli gli assenti nella gara del Campionato Italiano Rally Autostoriche (49 iscritti): Simone Romagna-Dino Lamonato (Lancia Delta 16V), Andrea Botti-Ruggero Tedeschi (Lancia Beta Montecarlo) e Carlo Celentano-Silvia Clerici (Alfa Romeo GT Junior).

Rally Sanremo: la sfida della Ford

Reduci dal podio conquistato in prima battuta sulle strade della Garfagnana, FORD Racing Italia si prepara per un’altra importante sfida schierando sul campo di gara l’equipaggio formato da Andrea Crugnola  affiancato alle note da Danilo Fappani.

Dopo l’esordio al Ciocco, il driver varesino torna sui tracciati sanremesi con grande determinazione, uniti al supporto del team FORD.

L’uscita di strada nella prima gara del CIR, costringe l’equipaggio di Giuseppe Testa Official e Massimo Bizzocchi all’impossibilità di partecipare a questo secondo appuntamento del Campionato Italiano, per l’equipaggio si tratta soltanto di un rientro posticipato in gara e presto la Ford Fiesta R5 del driver molisano tornerà a correre forte del supporto di tutta la squadra FORD Racing.

Non mancheranno, al Rallye Sanremo, momenti di grande spettacolo e adrenalina, la cornice di apertura con la prova spettacolo di Porto Sole, darà il seguito ai passaggi sulle prove speciali di Vignai, Bignone, San Romolo e “Mini Ronde” fino a chiudere la prima giornata con la ripetizione di San Romolo appena dopo la mezzanotte.

La gara proseguirà poi il giorno seguente con le prove di Testico, San Bartolomeo e Colle d’Oggia fino all’ arrivo e al momento conclusivo in Piazza Colombo.

Blog su WordPress.com.

Su ↑